SGI si vende per un tozzo di pane

Una delle aziende storiche dell'IT entra in regime di bancarotta controllata. E vende i propri asset (e i debiti a seguito) a un concorrente non proprio in ottima forma

Roma – È stata una delle protagonista del computing ad alte prestazioni delle decadi scorse, ma ora che alla crisi aziendale profonda degli anni passati si è aggiunta quella altrettanto imponente delle economie mondiali, a Silicon Graphics non resta che arrendersi agli eventi e vendersi a Rackable Systems , concludendo per un prezzo a dir poco modesto la lunga storia di una società che ha venduto supercomputer a tutti, dal governo USA alle major di Hollywood.

L’annuncio dell’accordo con Rackable arriva in seguito alla notizia della richiesta di entrare in regime di bancarotta controllata, uno strumento di riassetto societario già utilizzato da SGI solo pochi anni fa ma che non è stato evidentemente sufficiente a risolvere le magagne di un’impresa che sembra non essere stata capace di stare ai passi con la sua storia.

A Rackable, produttrice di server e sistemi storage per data center, vanno dunque le tecnologie proprietarie di SGI, il cui valore attuale stimato è di 390,5 milioni di dollari ma che vengono (s)vendute al prezzo reale di 25 milioni . L’accordo prevede inoltre che la nuova proprietà si faccia carico di una parte dell’enorme debito che pendeva sulle spalle di SGI, 526,5 milioni di dollari, e che ha in sostanza portato l’azienda di nuovo sull’orlo della bancarotta.

Protagonista fissa nella famigerata lista di supercomputer più potenti Top 500 , al quinto posto come produttore nella suddetta lista giusto dietro HP, IBM, Cray e Dell, SGI era un tempo una multinazionale con decine di migliaia di impiegati per tutto il globo, attiva nello sviluppo di tecnologie ad alte performance nel mercato professionale e nome noto per le “magie” hollywoodiane più memorabili degli anni novanta quali quelle di Terminator 2, Jurassic Park e altri.

L’entrata nel mercato delle workstation grafiche (prima) ed enterprise (dopo) di soggetti in grado di offrire prodotti concorrenziali a prezzi ridotti, basati su tecnologie “standard” come i processori x86 di Intel invece che su quelle proprietarie (e più costose) sviluppate in casa hanno progressivamente ma inesorabilmente ridotto il margine di manovra di SGI , che con una serie successiva di licenziamenti di massa è passata dagli 11mila dipendenti del 1997 ai 1.200 del primo marzo scorso.

La stella in declino di SGI appare ora sulla via del tramonto definitivo, dopo quasi tre decadi passate a innovare l’industria (i primi processori RISC a 64 bit, le API grafiche OpenGL e parecchio altro), mentre Rackable dice di voler impiegare le tecnologie acquisite con l’accordo per competere nella “fossa dei leoni” di cloud computing, cluster x86 per computing ad alte performance e i data center sempre più affamati di potenza, parallelismo e gestione efficiente dei carichi di lavoro.

Ma se queste sono le intenzioni, la realtà è che nemmeno Rackable se la passa poi benissimo : la società ha riportato un quarto finanziario in perdita per la quinta volta consecutiva, e il CEO Mark Barrenechea sta spendendo come può quel 10 per cento di liquidità pronto da investire per rafforzare ed espandere l’offerta di prodotti sul mercato. Tutto starà ora a verificare se l’acquisto dello storico marchio SGI porterà i vantaggi sperati, al netto dei debiti da coprire.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Flavia Marzano scrive:
    mamma mia
    Chiedo scusa a tutti i lettori... ho risposto a questa intervista mentre ero in treno e dopo due giornate di viaggio spaventoso...Non avvertita del fatto che l'intervista sarebbe stata pubblicata senza "revisione"... mi vergogno del risultato... di solito uso un italiano migliore.Sorry... spero che almeno i concetti siano chiari, altrimenti sono a disposizione :-)Flavia Marzano
  • gabriella giudici scrive:
    Memoria corta
    pare ci sia molta confusione su vizi e virtù di centro destra e centro sinistra.In realtà, come scrive Nibiru:
    Una cosa è certa: il centrodestra per la rete è
    un danno.
    Ha fatto danni in passato e ne farà in futuro con
    le assurde proposte stile cinese che tutti
    abbiamo letto in questi giorni.Poi leggo:
    Una sola perplessità: come mai queste idee così
    illuminanti vengono al PD solo quando sta
    all'opposizione?...Newbie, inespertoMa vi pare illuminante aprire alle peggiori regolamentazioni, tanto per evitare il peggio? E nessuno si ricorda più delle leggi "editoriali" (centro-sinistra) per tappare la bocca ai blog?In realtà si tratta di strategie differenti che rispondono allo stesso blocco di poteri, cambia la confezione perché two is megl che uan, e come si farebbe sennò a giocare alla democrazia?
  • santo subito scrive:
    il vero potere l' abbiamo noi!!!!
    obama ha vinto le elezioni grazie ad internetquesto non vi dice niente......?esistono a mio avviso tre categorie di utenti della retela prima sono gli utonti che meschinamente pensano di essere piu' furbidegli altri perche' si scaricano i film aggratisi secondi sono quelli che ne fanno un business (legale o meno)i terzi sono quelli che, come credo sia la maggior parte di quelli che si bruciano le ditaper postare nei forum, hanno fame di conoscenza, cercano informazioni non censuratee multipensiero......se passano leggi per togliere la net neutrality i primi (che sono il pacchetto piu' consistente dei clienti dei provider) tornano ad una vita senza internet...tanto c' e'il marocchino che i dvd li vende a 5 euri o tornano a noleggiarli e a masterizzarli per gli amici......i secondi invece da queste leggi liberticide non avranno sostanzialmente grossi danni perche' si auspica un mercato globalizzato per cui ok no vendo in italia ma vuoi mettere cina e india?....la terza categoria della quale ritengo fare parte invece trovera' (se non ha gia' trovato)canali diversi per divulgare o informarsi sia sulla rete che altrove......in sostanza per i comuni cittadini non sarebbe un problema terribile...per la classe governante invece sarebbe devastante....il prossimo potrebbe non essere piu' il G20 ma il convegno delle nazioni del terzo mondo....che tra parentesi non vedo neanche come una cosa cosi' negativa!!!!!!!!!sicuramente ho sparato XXXXXXX ma visto che sono un animale sociale e di XXXXXXX in questo thread ne ho lette moltissime volevo solo uniformarmi ahahahabye bye
  • trieste scrive:
    piu' che una legge
    piu' che una legge ci vorrebbe un po' di ordine nelle leggi e qualcuno che le faccia rispettare...quindi CHIAREZZA e MANO FERMA...
  • pippo75 scrive:
    sta già smentendo tutto?
    "Noi siamo all'opposizione - spiega il senatore Vimercati - La nostra è una iniziativa volta a formulare una proposta complessiva del PD su questi temiVero sono all'opposizione a livello di stato, ma a livello regionale no.In Piemonte la Mercedes è del PD, possono cominciare da li a togliere i formati chiusi, a dare programmi open alla PA, a dare le direttive su come gestirsi.
    • Io3 scrive:
      Re: sta già smentendo tutto?
      Beh, Toscana, Emilia Romagna, Umbria sono al centrosx (mi pare) e mi sembra che si muovano nel verso da te auspicato.Io sono un veneto, e anche se ho votato centrosinistra sono contento delle decisioni che sta prendendo la regione a riguardo.
    • Ubunto scrive:
      Re: sta già smentendo tutto?
      - Scritto da: pippo75
      "Noi siamo all'opposizione - spiega il senatore
      Vimercati - La nostra è una iniziativa volta a
      formulare una proposta complessiva del PD su
      questi
      temi

      Vero sono all'opposizione a livello di stato, ma
      a livello regionale
      no.
      In Piemonte la Mercedes è del PD, possono
      cominciare da li a togliere i formati chiusi, a
      dare programmi open alla PA, a dare le direttive
      su come
      gestirsi.Certo, e tutte le regioni di centrodestra potrebbero realmente occuparsi di avere siti istituzionali accessibili come la legge Stanca prevede dal 2003... A no, ma sono già ora accessibili vero?
      • pippo75 scrive:
        Re: sta già smentendo tutto?


        Certo, e tutte le regioni di centrodestra
        potrebbero realmente occuparsi di avere siti
        istituzionali accessibili come la legge Stanca
        prevede dal 2003... A no, ma sono già ora
        accessibili
        vero?quando verrà un candidato del centro destra si mazzuolerà anche lui, per il momento si parla del PD che quando è al governo ( statale o regionale ) non fa, quando è all'opposizione promette mari e monti.
  • Sathack scrive:
    Nessuno ha notato...
    Nessuno ha invece notato come sul corriere della sera ogni volta che si parla di blog parlano di 'testate giornalistiche blog' e quando parlano degli utenti ci si riferiscono con le parole 'giornalisti che scrivono sui blog'? L'ho notato l'altro ieri in quell'articolo che parlava di Google, in cui dipingevano google come il demone che ti spia perchè ti mette le pubblicità in relazione alle ricerche che fai...molto meglio invece le intercettazioni abusive dei nostri politici eh! Vabbè a parte questo, il tutto era solo per dire che una legge 'per internet' dovrebbe anche tutelare le azioni diffamatorie che qualcuno fa pasticciando con i nomi delle cose, un po come è sucXXXXX con Internet Explrer che è stato associato dagli utonti ad internet stessa.Penso che si dovrebbe riflettere unpo su sta cosa.
    • pippo75 scrive:
      Re: Nessuno ha notato...
      - Scritto da: Sathack
      Nessuno ha invece notato come sul corriere della
      sera ogni volta che si parla di blog parlano di
      'testate giornalistiche blog'il fatto che più notizie leggi da internet e meno ne leggi dai giornali cosa ti dice?Pensa se fra 5 anni dovessero esserci molte testate online ( anche a pagamento ), secondo te i giornali ( cosi come sono intesi oggi ).......
    • unerrore scrive:
      Re: Nessuno ha notato...
      vabbé ma google E' un demone che spia!!Cioé lo sanno tutti che oltre alla pubblicità, anche con chrome o con la semplice toolbar raccoglie una quantità di informazioni incredibile
  • El Duro scrive:
    Ve l'avevo già detto SI o NO?
    Ve l'avevo già detto tempo addietro che ci sarebbe un belbocconcino di soldi da spellare agli internauti? Io sperodi no, ma da come operano in italia (con la i minuscola)i nostri vecchioni affamati di grana, c'è da farsi dei dubbi:SI o NO?
  • bbbbb scrive:
    Vaderetro !!!!
    Che i plitici stiano lontani dalla rete, fanno gia' abbastanza dannio nel mondo reale senza che mettano le mani su quello virtuale.Sono talmente distanti da quella che e' la realta' della vita che figuramoci cosa capiscono della rete. Statevene nelle vostre gabbie d'oro e non rompeteci il XXXXX almeno in rete
    • Io3 scrive:
      Re: Vaderetro !!!!
      Dai, non essere superficiale e qualunquista.Sai cosa è la neutralità della rete?Che se le compagnie telefoniche lo volessero (e già in parte lo fanno) potrebbero rallentare la navigazione "comune" a favore dei servizi a pagamento (es. se vedi i film dai loro portali).La politica può stabilire delle regole per impedirglielo.Mi sa che quelli i politici di cui parla l'articolo ne sanno più di te! (Tu sai almeno chi è Lessig?)
  • pippo75 scrive:
    le leggi del PD
    http://punto-informatico.it/216222/PI/Commenti/editoria-quando-obbligatorio-registrarsi.aspxhttp://punto-informatico.it/2094791/PI/Commenti/internet-tax-commenti.aspxhttp://punto-informatico.it/2036754/PI/News/italiait-governo-nasconde-carte.aspx
  • www scrive:
    politici non servite alla rete!!
    La rete fa volentieri a meno dei politici! questi ridicoli tentativi di inserire leggi (e quindi di conseguenza giustificare la presenza ed il costo di politici "dedicati alla rete") sono inutili. Non riuscirete mai a magiare/rubare anche sulle spalle della rete!! Ripassatevi questa:http://www.antiarte.it/antiarte/indipendenza_cyberspazio.htm(in lingua originale http://homes.eff.org/~barlow/Declaration-Final.html )Con questo non voglio dire che sulla rete si possa infrangere la legge, dico semplicemente che gli illeciti si possono già combattere con le leggi vigenti e valide per il "mondo reale"
  • Blisset scrive:
    Non serve proprio nessuna legge
    Internet viaggia benissimo così, ed è, tra le altre cose, uno specchio fedelissimo della situazione attuale per le strade. Finchè non fai increspare la superficie puoi viaggiare indisturbato, anche in apnea.Non esiste e mai esisterà un sistema che ha il controllo assoluto sull'interazione delle persone, e a parer mio non è nemmeno desiderabile.Rete libera, informazione verificabile, opinioni (anche la mia) impugnabili e oggetto di dibattito, non assunzione passiva di nozioni.L'unica giustificazione di una legge sulla "regolamentezione della rete" risiede nel desiderio di rimuovere gli effetti collaterali per alcune specifiche categorie (politici in primis, vampiri del diritto d'autore subito dopo, ma la lista prosegue...).
    • Muti scrive:
      Re: Non serve proprio nessuna legge
      - Scritto da: Blisset
      Internet viaggia benissimo così, ed è, tra le
      altre cose, uno specchio fedelissimo della
      situazione attuale per le strade. Ceeerto come no, escluse dogane, pattuglie di polizia, semafori, segnaletica verticale e orrizzontale, caselli autostradali, vigili, carabinieri, revisione veicoli, motorizzazine civile ecc. ecc. Ci riempi un condominio con le leggi e leggine che regolano la circolazione stradale.
      Non esiste e mai esisterà un sistema che ha il
      controllo assoluto sull'interazione delle
      persone,Esiste e si chiama tecnologia e visto che si puo' fare lo vogliono fare, tutto loggato, tutto registrato, tutto controllato. Dalle telecamere sempre piu' presenti a log di tutti i traffici, filtraggio di tutti i traffici. Mi sa che non hai capito cosa e' Internet e cosa sono i computer.
      e a parer mio non è nemmeno
      desiderabile.D'accordissimo, infatti questa proposta vorrebbe proprio enunciare il principio di neutralita' della rete (no censure), se poi ci attacchiamo no log generalizzati come se lo sono garantiti berlusconi e soci per il cellulare direi che proprio ci siamo.
      L'unica giustificazione di una legge sulla
      "regolamentezione della rete" risiede nel
      desiderio di rimuovere gli effetti collateraliL'unica giustificazione e' che sti' furbi non ne facciano una peggio che dice controllo assoluto!!!!
      • Blisset scrive:
        Re: Non serve proprio nessuna legge
        Per situazione delle strade intendevo dire in modo generalizzato il quotidiano, non il CdS.La mia osservazione verteva sul fatto che malgrado la normativa vigente non c'è un'applicazione rigida e molti comportamenti sono comunque tollerati. La risultante è che salvo crimini veri e propri, si vive in una situazione di libertà (legata anche ad un senso di incertezza, da un certo punto di vista, innegabile) in cui l'intervento e la presenza delle forze dell'ordine non è ancora percepito come soffocante. La rete rispetta esattamente la stessa situazione.Il sistema che tu descrivi non è infallibile come credi. Si possono intercettare le informazioni, in ogni forma, non è possibile risalire con certezza a tutte le fonti, dal momento che, fortunatamente, la tecnologia si muove tanto sul fronte del tracciamento quanto quello dell'eversione (a che scopo vengono usate queste tecnologie è la vera differenza).
  • bappe scrive:
    Domanda?
    Per quale motivo internet non pò rimanere "anarchico"?
    • Luca Vincenti scrive:
      Re: Domanda?
      Anarchia = NON democrazia.Semplicissimo.Il tuo diritto di fare quello che ti pare finisce quando ledi il diritto di altre persone a non essere disturbate dalle tua azioni.Cio sta alla base di ogni democrazia (se è questa che veramente vuoi), le regole servono proprio a questo, ad ogni livello.
      • krane scrive:
        Re: Domanda?
        - Scritto da: Luca Vincenti
        Anarchia = NON democrazia.
        Semplicissimo.
        Il tuo diritto di fare quello che ti pare finisce
        quando ledi il diritto di altre persone a non
        essere disturbate dalle tua
        azioni.
        Cio sta alla base di ogni democrazia (se è questa
        che veramente vuoi), le regole servono proprio a
        questo, ad ogni livello.Proprio perche' la regola vale ad ogni livello perche' si vuole farne di speciali per un livello particolare ?Le regole ci sono gia' e non devono riguardare il mezzo attraverso cui il reato viene commesso ma il reato stesso.Altrimenti si arresteranno i fabbricanti di auto per complicita' alla fuga in rapina.
      • bappe scrive:
        Re: Domanda?
        Tu pensi di vivere in una democrazia?a me non pare!!!
      • imnotlibera l scrive:
        Re: Domanda?
        - Scritto da: Luca Vincenti
        Anarchia = NON democrazia.Evvai!! il wikipedia della politica da bar sport!!!
        Semplicissimo.Peccato che è falso.
        Il tuo diritto di fare quello che ti pare finisce
        quando ledi il diritto di altre persone a non
        essere disturbate dalle tua
        azioni.Anche questo è discutibile."Disturbare" qualcuno non è un fatto ogettivo.A me potrebbe disturbare il fatto che tu mangi la carne, cio' nonostante il tuo mangiare carne è esercizio di libertà e io non posso limitarlo.
        Cio sta alla base di ogni democraziaMa dove? Là al bar sport
      • CCC scrive:
        Re: Domanda?
        - Scritto da: Luca Vincenti
        Anarchia = NON democrazia.e quindi? cosa dovrebbe significare?è più o meno come dire:pere = NON meleil solo fatto di istituire una tale equazione dimostra che chi lo ha fatto non sa bene né cosa si l'anarchia né la democrazia...
        Semplicissimo.no... concettualmente sbagliatissimo...
        Il tuo diritto di fare quello che ti pare finisce
        quando ledi il diritto di altre persone a non
        essere disturbate dalle tua
        azioni.benissimo... bella cosa...ma è un altro discorso, che si appiccicca ad anarchia tanto quanto a democrazia
        Cio sta alla base di ogni democrazia (se è questa
        che veramente vuoi), le regole servono proprio a
        questo, ad ogni
        livello.giusto per informazione... anarchia non vuol dire assenza di regole, almeno non più di quanto non lo voglia dire con la democrazia...e poi basta guardare i fatti: la nostra e tante altre "democrazie" sono strapiene di regole... basta forse questo a garantire la libertà? basta forse questo a far sì che la tua libertà finisca dove inizia quella degli altri?a me pare di no... tu che dici?
    • Muti scrive:
      Re: Domanda?
      - Scritto da: bappe
      Per quale motivo internet non pò rimanere
      "anarchico"?Perche' qualcuno non vuole e sta mettendo le mani avanti perche' ci siano leggi che ne fanno una dittatura (vedi per esempio proposta Carlucci). Quindi se si e' furbi meglio fare una legge che ne fa una democrazia e mette i pali tra le ruote a chi ne vuole fare qualcosa d'altro, un grande fratello centralizzato con surplus di censura.Ma visti i miei concittadini italioti la fanno di sicuro una legge-dittatura. Curioso che per quelli che comandano oggi il modello sia un Internet alla Cinese ... A forza di parlare di comunisti qua e la lo sono diventati.
    • pippo75 scrive:
      Re: Domanda?
      - Scritto da: bappe
      Per quale motivo internet non pò rimanere
      "anarchico"?perchè economicamente se tassata qualche soldino rende.Una volta era economico il metano, quando la massa lo ha adottato lo hanno tassato.
    • Io3 scrive:
      Re: Domanda?
      Perché nell'anarchia se arriva il prepotente* di turno gli altri si attaccano!(*le compagnie telefoniche che vogliono far navigare più velocemente chi paga i film visti dal loro portale a scapito di tutti gli altri) Soluzione? Stabilire per legge la net neutrality.Salvaguardare il bene comune è un dovere della Politica ed è una cosa nobile. Anche se molti politici sono cialtroni non bisogna buttarla sul qualunquismo.
  • Uto Uti scrive:
    Ci pensa lui
    Adesso ci pensa Berlusconi a sistemare la rete, lui che l'ha capita così a fondo e ne è un utente entusiasta, e che ha capito che il futuro dell'economia non è nel solito mattone ma nello sviluppo di energie rinnovabili e internet.
    • Luca scrive:
      Re: Ci pensa lui
      Attento, c'è chi potrebbe pensare che fai sul serio... meglio aggiungere qualche faccina che si scomXXXXXX dal ridere, vista l'assurdità... ;)
    • oba_mah scrive:
      Re: Ci pensa lui
      Intanto sono proprio i soggetti della sinistra che vogliono proporre questa cosuccia...Tra l'altro non è la prima volta che la sinistra predica bene e razzola male: hanno accusato Berlusconi di voler modificare la Costituzione..intanto l'ULIVO ha modificato nel 2001 l'intero TITOLO V della Carta Fondamentale creando un guazzabuglio confusionario di competenze tra Regioni e autonomie locali. Ma quando lo fa la sinistra lo fa per il bene del paese vero???????
      • Ubunto scrive:
        Re: Ci pensa lui
        - Scritto da: oba_mah
        Intanto sono proprio i soggetti della sinistra
        che vogliono proporre questa
        cosuccia...
        Tra l'altro non è la prima volta che la sinistra
        predica bene e razzola male: hanno accusato
        Berlusconi di voler modificare la
        Costituzione..intanto l'ULIVO ha modificato nel
        2001 l'intero TITOLO V della Carta Fondamentale
        creando un guazzabuglio confusionario di
        competenze tra Regioni e autonomie locali. Ma
        quando lo fa la sinistra lo fa per il bene del
        paese
        vero???????Invece la modifica di Berlusconi, che è "Comando io" è un bene per il paese vero?
        • oba_mah scrive:
          Re: Ci pensa lui
          - Scritto da: Ubunto
          Invece la modifica di Berlusconi, che è "Comando
          io" è un bene per il paese
          vero?Ti potrei dare ragione se la sinistra avesse avuto un comportmento diverso...ma forse non sai che la modifica del TITOLO V è stata fatta a colpi di MAGGIORANZA dalla SINISTRA (="COMANDO IO").
          • Ubunto scrive:
            Re: Ci pensa lui
            - Scritto da: oba_mah
            - Scritto da: Ubunto


            Invece la modifica di Berlusconi, che è "Comando

            io" è un bene per il paese

            vero?

            Ti potrei dare ragione se la sinistra avesse
            avuto un comportmento diverso...ma forse non sai
            che la modifica del TITOLO V è stata fatta a
            colpi di MAGGIORANZA dalla SINISTRA (="COMANDO
            IO").E chi se ne frega della sinistra?Ma che discorsi fai? Tanto peggio tanto meglio?Il "comando io", poi non è riferito al fatto di cambiare la costituzione a colpi di maggioranza, ma di cambiare il significato stesso della costituzione incentrando i poteri decisionali sul premier piuttosto che sul parlamento.Il ducetto non si accontenta di farlo per il suo partito e nelle sue proprietà. Lo vuol fare anche per chi non lo ha votato, perché considera una sua proprietà anche ciò che non lo è.
          • oba_mah scrive:
            Re: Ci pensa lui
            - Scritto da: Ubunto

            E chi se ne frega della sinistra?Io di sicuro no...
            Ma che discorsi fai? Tanto peggio tanto meglio?No, ma non venirmi a parlare di superiorità morale della sinistra.
            Il "comando io", poi non è riferito al fatto di
            cambiare la costituzione a colpi di maggioranza,
            ma di cambiare il significato stesso della
            costituzione incentrando i poteri decisionali sul
            premier piuttosto che sul
            parlamento.Quello che tu descrivi in maniera così acre altro non è che un sistema presidenziale...sai quanti paesi lo hanno? Gli USA ne sono un esempio...non mi pare che li ci siano i dittatori...
    • pabloski scrive:
      Re: Ci pensa lui
      verissimo, è che gli italiani e l'opposizione non capiscono nullala recente legge edilizia che permette l'ampliamento delle abitazioni del 20% è stata fatta esclusivamente per permettere la creazione di stanze in cui mettere gli home server e i router collegati in fibra alla rete a 2 Gbit/s che tra poco Telecom porterà in tutte le case :D
      • Ubunto scrive:
        Re: Ci pensa lui
        - Scritto da: pabloski
        verissimo, è che gli italiani e l'opposizione non
        capiscono
        nulla

        la recente legge edilizia che permette
        l'ampliamento delle abitazioni del 20% è stata
        fatta esclusivamente per permettere la creazione
        di stanze in cui mettere gli home server e i
        router collegati in fibra alla rete a 2 Gbit/s
        che tra poco Telecom porterà in tutte le case
        :DE dire che l'ha copiata dalla Vodafone. (rotfl)
  • nomecognome scrive:
    Cosa hanno fatto quando erano al governo
    Chissa' perche' il PD queste cose le ricorda quando e' all'opposizione.QUando erano al governo, invece, hanno fatto accordi con la Microsoft...http://www.miur.it/DefaultDesktop.aspx?doc=419
    • Ubunto scrive:
      Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
      E invece cosa fanno Berlusconi con i suoi sgherri?
      • nomecognome scrive:
        Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
        - Scritto da: Ubunto
        E invece cosa fanno Berlusconi con i suoi sgherri?Dire che quelli di oggi sono peggio (o uguali a loro) non cambia il fatto che quando il PD (allora Ulivo o come si chiamava) ha avuto una possibilita', non la ha sfruttata.Comodo, stare all'opposizione, nevvero?
        • Ubunto scrive:
          Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
          - Scritto da: nomecognome
          - Scritto da: Ubunto

          E invece cosa fanno Berlusconi con i suoi
          sgherri?
          Dire che quelli di oggi sono peggio (o uguali a
          loro) non cambia il fatto che quando il PD
          (allora Ulivo o come si chiamava) ha avuto una
          possibilita', non la ha
          sfruttata.
          Comodo, stare all'opposizione, nevvero?Certo, ma cosa fa il governo oggi?Perché guarda che ora decide Silvio, non il PD.Viene fatta una proposta di legge che in qualche (rozzo) modo cerca di dichiarare dei principi di libertà e democrazia, mentre l'attuale governo prende provvedimenti di segno ben opposto.E che attinenza, quale rilevanza ha, rispetto a ciò che avviene ora, dire: "eh, ma quando c'era la sinistra...".Hai uno che te la vuol mettere nel... e anziché cercare di parartelo pensi a quando c'era la sinistra. Complimenti.
          • Manuel88 scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
            - Scritto da: Ubunto

            Hai uno che te la vuol mettere nel... e anziché
            cercare di parartelo pensi a quando c'era la
            sinistra.
            Complimenti.premesso ke ha me la politica italiana fa skifo, quello OT sei tu,lui ha parlato del PD xkè se ne parla nell'articolo.
          • Ubunto scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
            - Scritto da: Manuel88
            - Scritto da: Ubunto



            Hai uno che te la vuol mettere nel... e anziché

            cercare di parartelo pensi a quando c'era la

            sinistra.

            Complimenti.
            premesso ke ha me la politica italiana fa skifo,
            quello OT sei tu,lui ha parlato del PD xkè se ne
            parla
            nell'articolo.L'argomento dell'articolo è la proposta di legge, non quello che ha o non ha fatto una parte politica 2, 5 o 10 anni fa.Poi permettimi e perdonami, ma dire "la politica fa skifo" è un po' da sciocchini. Perché ti può anche fare "skifo", ma le leggi le fanno loro e tu alla fine devi adeguarti.Fare lo struzzo, dico in generale, non è in ogni caso tuo interesse.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 aprile 2009 10.45-----------------------------------------------------------
          • Manuel88 scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
            - Scritto da: Ubunto
            - Scritto da: Manuel88

            - Scritto da: Ubunto





            Hai uno che te la vuol mettere nel... e
            anziché


            cercare di parartelo pensi a quando c'era la


            sinistra.


            Complimenti.

            premesso ke ha me la politica italiana fa skifo,

            quello OT sei tu,lui ha parlato del PD xkè se ne

            parla

            nell'articolo.

            L'argomento dell'articolo è la proposta di legge,
            non quello che ha o non ha fatto una parte
            politica 2, 5 o 10 anni
            fa.
            si ma la proposta di legge del PD,quindi in qualche modi centra... parlare della controparte solo per fare come i bambini all'asilo invece non mi sembra centrasse qualcosa.
            Poi permettimi e perdonami, ma dire "la politica
            fa skifo" è un po' da sciocchini.
            si è vero infatti ho detto "ha me la politica italiana fa skifo", che ha tutto un altro senso.
            Perché ti può anche fare "skifo", ma le leggi le
            fanno loro e tu alla fine devi
            adeguarti.
            infatti mi adeguo,e aspetto il giorno che arrivi la vera democrazia (sempre se verrà),perchè è l'unica cosa che possa fare visto che QUALSIASI cosa voti porta all'elezione della più bassa espressione della razza umana (destra o sinistra che sia): quella che vuole il potere e che lo sfrutta per se stesso,ma d'altronde come biasimarli? esiste la possibilità (lo yin yang insegna) che tutti noi ci comporteremmo nella stessa maniera posti nelle loro stesse situazioni.
            Fare lo struzzo, dico in generale, non è in ogni
            caso tuo
            interesse.che è lo struzzo? no sul serio nn ho capito xD
          • Muti scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo

            infatti mi adeguo,e aspetto il giorno che arrivi
            la vera democrazia Bravo tu aspetta che arrivi, non fare niente nel frattempo mi raccomando, nessuna iniziativa, nessuna presa di posizione, nessuna protesta, non andare a votare, non pensare di fare qualcosa perche' le cose cambino. Vedrai che arriva.F.toUn dittatore qualunque.
          • Manuel88 scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
            - Scritto da: Muti

            infatti mi adeguo,e aspetto il giorno che arrivi

            la vera democrazia

            Bravo tu aspetta che arrivi, non fare niente nel
            frattempo mi raccomando, nessuna iniziativa,
            nessuna presa di posizione, nessuna protesta, non
            andare a votare, non pensare di fare qualcosa
            perche' le cose cambino. Vedrai che
            arriva.

            F.to

            Un dittatore qualunque.e tu ke fai invece?iniziativa? intendi assoldare un assassino?presa di posizione??????ma xkè dovrei prenderla se non mi sento rappresentato da nessuna della parti?O.ovotare? xkè cambia qualcosa? e poi io votoahh beh pensare di fare qualcoisa... e cosa? sentiamo...questi commenti ipocriti mi danno il voltastomaco bleah-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 aprile 2009 12.28-----------------------------------------------------------
          • Ubunto scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
            - Scritto da: Manuel88
            - Scritto da: Muti


            infatti mi adeguo,e aspetto il giorno che
            arrivi


            la vera democrazia



            Bravo tu aspetta che arrivi, non fare niente nel

            frattempo mi raccomando, nessuna iniziativa,

            nessuna presa di posizione, nessuna protesta,
            non

            andare a votare, non pensare di fare qualcosa

            perche' le cose cambino. Vedrai che

            arriva.



            F.to



            Un dittatore qualunque.
            e tu ke fai invece?
            iniziativa? intendi assoldare un assassino?
            presa di posizione??????ma xkè dovrei prenderla
            se non mi sento rappresentato da nessuna della
            parti?O.o
            votare? xkè cambia qualcosa? e poi io voto
            ahh beh pensare di fare qualcoisa... e cosa?
            sentiamo...
            questi commenti ipocriti mi danno il voltastomaco
            bleahSì, ma tu cosa pensi delle leggi su internet?Non l'hai ancora detto...Lo struzzo è l'animale che - in pericolo - anziché scappare o difendersi, mette la testa sotto la sabbia, convinto che se lui non vede gli altri gli altri non vedano lui.
          • Manuel88 scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
            - Scritto da: Ubunto

            Sì, ma tu cosa pensi delle leggi su internet?
            Non l'hai ancora detto...
            Beh dico che internet va bene così ed ogni tentativo di regolamentazione non sia altro che un bisogno "di non perdere potere" in quanto molti lo stanno perdendo proprio grazie,dico io,ad esso.
            Lo struzzo è l'animale che - in pericolo -
            anziché scappare o difendersi, mette la testa
            sotto la sabbia, convinto che se lui non vede gli
            altri gli altri non vedano
            lui.ah ok ora ho capito grazie
          • Ubunto scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
            - Scritto da: Manuel88
            - Scritto da: Ubunto



            Sì, ma tu cosa pensi delle leggi su internet?

            Non l'hai ancora detto...


            Beh dico che internet va bene così ed ogni
            tentativo di regolamentazione non sia altro che
            un bisogno "di non perdere potere" in quanto
            molti lo stanno perdendo proprio grazie,dico
            io,ad esso.Ecco, quello però che ti sfugge, è che coloro che "perdono potere", anche se tu non ti senti rappresentato, internet lo stanno cambiando eccome per fare i loro porci comodi.
          • Manuel88 scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
            - Scritto da: Ubunto
            - Scritto da: Manuel88

            - Scritto da: Ubunto





            Sì, ma tu cosa pensi delle leggi su internet?


            Non l'hai ancora detto...




            Beh dico che internet va bene così ed ogni

            tentativo di regolamentazione non sia altro che

            un bisogno "di non perdere potere" in quanto

            molti lo stanno perdendo proprio grazie,dico

            io,ad esso.

            Ecco, quello però che ti sfugge, è che coloro che
            "perdono potere", anche se tu non ti senti
            rappresentato, internet lo stanno cambiando
            eccome per fare i loro porci
            comodi.a cosa ti riferisci?
          • Io3 scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
            Ad esempio alla net neutrality (ma commentate un articolo senza sapere di cosa parla??).Le compagnie telefoniche vorrebbero (e in alcuni casi già lo fanno es.p2p) limitare le connessioni di chi non paga i loro servizi (es. vedi un film dal mio portale e ti garantisco la banda, usi il p2p==
            ti castro.)
          • Manuel88 scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
            - Scritto da: Io3
            Ad esempio alla net neutrality (ma commentate un
            articolo senza sapere di cosa
            parla??).

            Le compagnie telefoniche vorrebbero (e in alcuni
            casi già lo fanno es.p2p) limitare le connessioni
            di chi non paga i loro servizi (es. vedi un film
            dal mio portale e ti garantisco la banda, usi il
            p2p==
            ti
            castro.)a parte che noi parlavamo di leggi...questa secondo te è una limitazione? per me è un interessante compromesso,almeno li ti danno una scelta,in italia molti provider lo bloccano e basta
          • Antimonopol io scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo

            e tu ke fai invece?Io intanto che tu aspetti che ci sia la democrazia che ti piace faccio quel che mi pare. Tu aspetta sempre eh mi raccomando, non fare niente, vedrai che di mia spontanea volonta' rinuncio a fare quel che mi pare perche' tu abbia qualche possibilita' e diritto in piu'. Presto o tardi si intende. Non avere fretta, l'importante e' che tu non faccia niente e aspetti e ti adegui. Va benissimo adeguarsi a quello che dico io.F.toUn dittatore qualunque.
          • Manuel88 scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
            - Scritto da: Antimonopol io

            e tu ke fai invece?

            Io intanto che tu aspetti che ci sia la
            democrazia che ti piace faccio quel che mi pare.ma guarda un po anke io!!
            Tu aspetta sempre eh mi raccomando, non fare
            niente, vedrai che di mia spontanea volonta'
            rinuncio a fare quel che mi pare perche' tu abbia
            qualche possibilita' e diritto in piu'. Presto o
            tardi si intende. Non avere fretta, l'importante
            e' che tu non faccia niente e aspetti e ti
            adegui. Va benissimo adeguarsi a quello che dico
            io.

            F.to

            Un dittatore qualunque.cavollo sei davvero simile ha un politico hai scritto 8 righe e non hai detto nulla! ti candidi per le prossime elezioni?uhh hai anke kambiato nick wow-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 aprile 2009 13.16-----------------------------------------------------------
          • krane scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
            - Scritto da: Manuel88
            - Scritto da: Antimonopol io


            e tu ke fai invece?



            Io intanto che tu aspetti che ci sia la

            democrazia che ti piace faccio quel che mi pare.
            ma guarda un po anke io!!


            Tu aspetta sempre eh mi raccomando, non fare

            niente, vedrai che di mia spontanea volonta'

            rinuncio a fare quel che mi pare perche' tu
            abbia

            qualche possibilita' e diritto in piu'. Presto o

            tardi si intende. Non avere fretta, l'importante

            e' che tu non faccia niente e aspetti e ti

            adegui. Va benissimo adeguarsi a quello che dico

            io.

            F.to

            Un dittatore qualunque.
            cavollo sei davvero simile ha un politico hai
            scritto 8 righe e non hai detto nulla! ti candidi
            per le prossime elezioni?
            uhh hai anke kambiato nick wowCon tutta la gente orgogliona del proprio disinteresse per la politica cambiare nick e' sufficiente, tanto chi vuoi che se ne accorga ?
          • Io3 scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
            Invece la sua è una grande risposta.Mi spiace per te se non ci arrivi (è anche facile...).Rileggila e riflettici sopra, te e tutto il gregge.
          • Manuel88 scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
            - Scritto da: Io3
            Invece la sua è una grande risposta.
            Mi spiace per te se non ci arrivi (è anche
            facile...).

            Rileggila e riflettici sopra, te e tutto il
            gregge.wow abbiamo già un votante! Antimonopol io/Multi for president!
          • nomecognome scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo

            Viene fatta una proposta di legge che in qualche
            (rozzo) modo cerca di dichiarare dei principi di
            libertà e democrazia, mentre l'attuale governo
            prende provvedimenti di segno ben
            opposto.I principi di liberta' e democrazia sono nella Costituzione. Cio' premesso, considera che i parlamentari hanno capito che presentare disegni di legge (specie se poi non verranno mai discussi) e' un modo di farsi pubblicita' e accalappiare voti.Il problema serio e' che costoro pensano di convincere le persone non con i fatti, ma con promesse che sanno gia' di non poter mantenere.
            E che attinenza, quale rilevanza ha, rispetto a
            ciò che avviene ora, dire: "eh, ma quando c'era
            la
            sinistra...".Ha una rilevanza molto concreta: per votare qualcuno devi sapere cosa e' capace di fare. E avendo visto, almeno nel settore specifico, cosa e' stata in grado di fare la sinistra, la conclusione mi pare inevitabile.
          • Ubunto scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
            - Scritto da: nomecognome

            Viene fatta una proposta di legge che in qualche

            (rozzo) modo cerca di dichiarare dei principi di

            libertà e democrazia, mentre l'attuale governo

            prende provvedimenti di segno ben

            opposto.

            I principi di liberta' e democrazia sono nella
            Costituzione. Cio' premesso, considera che i
            parlamentari hanno capito che presentare disegni
            di legge (specie se poi non verranno mai
            discussi) e' un modo di farsi pubblicita' e
            accalappiare
            voti.
            Il problema serio e' che costoro pensano di
            convincere le persone non con i fatti, ma con
            promesse che sanno gia' di non poter
            mantenere.Infatti "qualcuno" la Costituzione vorrebbe cambiarla a manbassa.Poi, scusa, ma sta pure nei fumetti l'immagine del politico che in campagna elettorale dispensa sorrisi ammalianti alle neo-mamme con la carrozzina. Non è mica una novità che la politica vive di promesse.

            E che attinenza, quale rilevanza ha, rispetto a

            ciò che avviene ora, dire: "eh, ma quando c'era

            la

            sinistra...".

            Ha una rilevanza molto concreta: per votare
            qualcuno devi sapere cosa e' capace di fare. E
            avendo visto, almeno nel settore specifico, cosa
            e' stata in grado di fare la sinistra, la
            conclusione mi pare
            inevitabile.E quindi la conclusione sarebbe? Di non votare?A differenza di quanto pensi tu, io credo che siano le persone a determinare cosa si fa e cosa non si fa. Non dei concetti astratti come "la sinistra" o "la destra".In questo caso, delle persone - dei firmatari con un nome e un cognome - stanno proponendo una legge che ha dei principi positivi, a differenza delle tante altre che in questi mesi sono state messe in evidenza da PI.In questo senso mi sento di appoggiare la legge e la considero come una cosa buona.Credo anche, qualora un'idea non sia condivisa, che se la "critica" diventa "ignavia" è un male.In questo senso dico che un atteggiamento di fatalismo e rifiuto a priori, alla "Beppe Grillo", non serve a nulla, è dannoso ed è l'autostrada che porta ai totalitarismi.Il miglior favore a chi "vuol fare quello che gli pare" è - a mio parere - dire "tanto sono uno peggio dell'altro" e non prendere una posizione.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 aprile 2009 11.39-----------------------------------------------------------
          • oba_mah scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
            - Scritto da: Ubunto
            Certo, ma cosa fa il governo oggi?
            Perché guarda che ora decide Silvio, non il PD.
            Almeno le intenzioni di Berlusconi sono chiare a tutti: se voti Berlusconi sai qual'è la sua liena di Governo. Se voti a Sinistra è un terno al Lotto (perchè loro stessi non hanno bene le idee chiare di ciò che vogliono).
          • Ubunto scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
            - Scritto da: oba_mah
            - Scritto da: Ubunto


            Certo, ma cosa fa il governo oggi?

            Perché guarda che ora decide Silvio, non il PD.


            Almeno le intenzioni di Berlusconi sono chiare a
            tutti: se voti Berlusconi sai qual'è la sua liena
            di Governo. Se voti a Sinistra è un terno al
            Lotto (perchè loro stessi non hanno bene le idee
            chiare di ciò che
            vogliono).Può essere un terno al lotto, ma almeno so cosa NON voto.Nello specifico non voto per le leggi d'Alia, Carlucci, Lorenzin e Barbareschi, più in generale non voto per le leggi ecclesiastiche (staminali, testamento biologico) non voto per gli sfruttatori ma per i lavoratori, non voto per chi demolisce il poco di buono che c'è nel sistema pubblico per favorire il privato (il proprio in modo particolare), non voto chi PERMETTE l'acquisto di compagnie aeree pagandole con soldi MIEI, per farle rivendere a pezzetti.Non voto per gente che nega il disastro dei suoi modelli economici e del danno che hanno arrecato al mondo, e lo fa con una bella faccia da XXXX anche se tutto va a rotoli.Non voto per populisti che tirano avanti con lo spauracchio del giorno per nascondere la feccia che hanno dentro.Una volta sono i comunisti, una sono i malati in coma, una le mamme omicide, una i dipendenti pubblici, una la storia fra Belen e un perfetto idiota, un'altra quello che ha o non ha fatto il centrosinistra.IO ho un'idea della società che voglio, e sebbene non possa coincidere (e mai potrà per tutti) perfettamente con un partito, non mi rassegno al non voto: che è il nulla.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 aprile 2009 13.12-----------------------------------------------------------
          • Ubunto scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
            - Scritto da: oba_mah
            - Scritto da: Ubunto


            Certo, ma cosa fa il governo oggi?

            Perché guarda che ora decide Silvio, non il PD.


            Almeno le intenzioni di Berlusconi sono chiare a
            tutti: se voti Berlusconi sai qual'è la sua liena
            di Governo. Se voti a Sinistra è un terno al
            Lotto (perchè loro stessi non hanno bene le idee
            chiare di ciò che
            vogliono).So benissimo perché NON votare Berlusconi.Le leggi fasciste su internet sono uno dei motivi.
          • oba_mah scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
            - Scritto da: Ubunto

            So benissimo perché NON votare Berlusconi.
            Le leggi fasciste su internet sono uno dei motivi.Ed io so benissimo perchè NON votare a sinistra. Le leggi comuniste sono uno dei motivi.
      • samu scrive:
        Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
        - Scritto da: Ubunto
        E invece cosa fanno Berlusconi con i suoi sgherri?non fanno nulla, o appena possono propongono leggi liberticide, pero' con la differenza pero' che quando erano all'opposizione non si prodigavano in prese per il cu** dicendo che se fossero stati loro al governo avrebbero abolito digital divide ecc. ecc.non so chi sia il male minore: tra un gruppo di persone che perseguita coerentemente i propri interessi e un altro gruppo completamente incoerente e bugiardo, capace solo di fare opposizione e pronto a farsi propaganda ad ogni pie' sospinto, salvo poi dimenticare tutto una volta nella stanza dei bottoni.
      • pippo75 scrive:
        Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
        - Scritto da: Ubunto
        E invece cosa fanno Berlusconi con i suoi sgherri?Nulla, ma almeno in questo caso non sono qui a fare i finti moralisti.
        • imnotlibera l scrive:
          Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
          - Scritto da: pippo75
          - Scritto da: Ubunto

          E invece cosa fanno Berlusconi con i suoi
          sgherri?

          Nulla, ma almeno in questo caso non sono qui a
          fare i finti
          moralisti.Quindi meglio liberticidi e arroganti che ipocriti e inconcludenti?MAh...perplessità.
        • Ubunto scrive:
          Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo
          - Scritto da: pippo75
          - Scritto da: Ubunto

          E invece cosa fanno Berlusconi con i suoi
          sgherri?

          Nulla, ma almeno in questo caso non sono qui a
          fare i finti
          moralisti.Informati meglio perché fanno ben altro che "nulla".
          • pippo75 scrive:
            Re: Cosa hanno fatto quando erano al governo


            Nulla, ma almeno in questo caso non sono qui a

            fare i finti

            moralisti.

            Informati meglio perché fanno ben altro che
            "nulla".volevo dire "nulla di valido".E dire che ho sentito che nei paesi del sol levante ( non ricordo bene quale ) il governo era interessato alla robotica e simili.Qui ( quando va bene ) al limite al digitale terrestre e ai diritti degli editori.
  • babelzeta scrive:
    bravi
    quando uno dice cose sensate e che mi sento di sottoscrivere al 100% le sottoscrivo!per fortuna c'è ancora gente che ragione bene nel parlamento. speriamo che altri si accodino a queste proposte e le discussioni abbiano come argomento questi temi e non i temi stile carlucci...
    • lol scrive:
      Re: bravi

      quando uno dice cose sensate e che mi sento di
      sottoscrivere al 100% le
      sottoscrivo!Straquoto! in + è meglio spendere 50 per la formazione del dipendente che altrettanto per un software inutile, meglio investire nel personale che in una qualsiasi corp!
  • Marcello Romani scrive:
    Qualcosa si muove...
    Nella desolazione delle dichiarazioni quotidiane di questo o quel politico, proposte come queste rappresentano un barlume di speranza: qualcosa si muove nella direzione giusta.
    • Carlo scrive:
      Re: Qualcosa si muove...
      - Scritto da: Marcello Romani
      Nella desolazione delle dichiarazioni quotidiane
      di questo o quel politico, proposte come queste
      rappresentano un barlume di speranza: qualcosa si
      muove nella direzione
      giusta.Diciamo che se non altro questi due parlano di leggi *per* la rete e non *contro* la rete. Ma l'apprezzamento (mio) finisce qui. L'unica "legge" che potrebbe servire è qualcosa che sancisca la neutralità della rete stessa. Punto. Ogni altra legge, paradossalmente anche "a favore", sarebbe dannosa. Internet si autoregolamenta benissimo da sola. Chi dubita di questo principio (facilmente dimostrabile) non conosce la rete. Quello che invece servirebbe davvero sarebbe l'adeguare ai tempi le leggi su brevetti e copyright, e questo si che potrebbe aiutare davvero la rete, il software libero, la pubblica amministrazione, l'economia e l'umanità intera.
  • fra Martino scrive:
    ci vuole una legge per internet?
    ma chi lo dice? e poi, perchè dovremmo adeguarci al pensiero massificante? internet è ne(u)tralità. non servono leggi. quelle sono solo per controllarci, cosa che non deve avvenire. specifica pleonastica, ma esiste in giro qualche XXXXXXXXX che pensa il contrario, perfino fra i futuri controllati.
    • Luca Vincenti scrive:
      Re: ci vuole una legge per internet?
      Io sono un XXXXXXXXX che condivide una legge che regolamenti internet...o forse l'XXXXXXXXX sei te che non ti rendi conto che senza regole il mondo non va avanti o meglio va avanti con tantissimi problemi in più!
      • Eretico scrive:
        Re: ci vuole una legge per internet?
        Chissà come mai internet è andata avanti fino ad ora benissimo senza leggine, leggette e leggione. Perciò a che servirebbe ?Italiana per di più. Complicazione affari semplici. Ma per favore...
        • pippo scrive:
          Re: ci vuole una legge per internet?

          Chissà come mai internet è andata avanti fino ad
          ora benissimo senza leggine, leggette e leggione.

          Perciò a che servirebbe ?
          Italiana per di più. Complicazione affari
          semplici.
          Sarà un avvocato, sta pensando al suo fatturato... :D
      • aPenguin scrive:
        Re: ci vuole una legge per internet?
        e io sono un'XXXXXXXXX che crede che la rete dovrebbe restare libera, senza regolamentazioni fatte a c==8, come le ultime ddl di questi mesi, ma so che è inevitabile che la politica voglia metterci lo zampino perchè a loro interessa solo il controllo dell'informazione perchè così si assicurano che le masse non comincino a pensare troppo con la propria testa.Ma, dato che c'è un'enorme conflitto di interesse tra il governo in carica e i media a disposizione, il bisogno di controllo e repressione è ancora più forte. Vedi per esempio la causa di mediaset contro youtube. Inoltre se troppi contenuti sfuggono ai controlli ne risulta anche un mancato (presunto) guadagno dalla parte dei media ecco perchè continuano a rompere le scatole coi diritti d'autore.I più grossi broadcaster stanno violentando il parlamento europeo con il pacchetto telecom:http://www.scambioetico.eu/index.php?PHPSESSID=v6dslm2emc7hj81po5f7kl45m2&topic=673.msg3680#msg3680Tutto questo serve solo per far diventare la rete come una TV V2.0 dove vedi -solo- quello che qualcun'altro ti permette di vedere.
    • Ubunto scrive:
      Re: ci vuole una legge per internet?
      Anche io penso che non "servano" leggi. Il problema è che qualcuno le vuole fare: per controllare, bloccare, commercializzare, censurare.Meglio proporne qualcuna che affermi il contrario e enunci dei principi, di fatto esistenti (con tutte le eccezioni del caso), piuttosto che stare a subire le proposte dittatoriali di certi altri politici.
    • pietro scrive:
      Re: ci vuole una legge per internet?
      finora in internet valeva una sola regola, se è gratis ha sucXXXXX se devi pagare fallirà.Le enormi potenzialità della rete fanno gola a molti, ma con queste regole non c'è business.Ci vogliono nuove regole
  • Marco scrive:
    a caccia di voti...
    Come da topic.....nulla di piu che la solita caccia di votiStoria vista e rivista in mille salseAgli illusi che ancora credono che esista un politico che cerca di fare il proprio mestiere e di andare incontro alle necessità dei propri elettori, auguro solamente di non farsi troppo male nella successiva caduta :D
  • picard12 scrive:
    legge levi-prodi
    ora che sono all'opposizione fanno i santi i buoni e i protettori degli oppressi. Però ci si dimentica della legge levi-prodi..Guarda caso ogni volta che la prendono nel sedere si ricordano della gente normale, quella che non arriva alla fine del mese, poi una volta saliti si rifanno i fatti loro.Parlano di neutralità della legge, della banda larga.. ebbene dove era quel genio di Bersani quando reintroducevano il canone per la telecom per le linee dati?acXXXXX universale... ma andate a ....e!!!
  • whitemagic scrive:
    Che ci azzecca open source e PA
    se l'equazione è:"Neutralità della rete = Free software nella PA" la cosa si spiega da sola ed essendo assurda sarà una legge inutile come tante.la libertà ha tante facce alcune sono oscure ma vanno conosciute e rispettate.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 aprile 2009 07.56-----------------------------------------------------------
    • Ubunto scrive:
      Re: Che ci azzecca open source e PA
      Modificato dall' autore il 02 aprile 2009 07.56
      --------------------------------------------------Come cosa ci azzecca?Per leggere o compilare un documento in .ODT, come cittadino non devi pagare nulla a nessuno. Scarichi openoffice e fai quello che ti serve.Per leggere o scrivere su un documento .doc devi avere la suite microsoft.La PA deve fornire servizio a tutti, non solo a quelli che comprano MS office o lo piratano.
    • krane scrive:
      Re: Che ci azzecca open source e PA
      - Scritto da: whitemagic
      se l'equazione è:
      "Neutralità della rete = Free software nella PA"Piu' che altro spiega molto sulle tue capacita' di comprensione...
    • gianni furlani scrive:
      Re: Che ci azzecca open source e PA
      - Scritto da: whitemagic
      se l'equazione è:
      "Neutralità della rete = Free software nella PA"non centra la rete, quella che non è neutrale è la PA"Neutralità della PA = Free software nella PA"1. noi cittadini non dovremmo pagare maggiori tasse affinché la PA possa comperare software proprietario (chiuso) di cui, oltetutto, non si possono conoscere tutti gli effetti "collaterali".2. noi cittadini potremmo colloquiare con la PA senza spendere soldi per comperare software proprietario.
    • pippo75 scrive:
      Re: Che ci azzecca open source e PA
      - Scritto da: whitemagic
      se l'equazione è:
      "Neutralità della rete = Free software nella PA"
      la cosa si spiega da sola ed essendo assurda sarà
      una legge inutile come
      tante.mai sentito la storia del piffaraio magico?
  • Nilok scrive:
    ORA SI' CHE SIAMO ""PANATI" !!!
    Augh.Ora che hanno deciso chi sarà il nuovo presidente della RAI siamo davvero...in buone mani!!!La vedo mooolto mooolto male per la libertà della rete, sopratutto in Italia....Prepariamoci per una Legge brutta brutta brutta!Ho parlato.Nilok
    • echoes scrive:
      Re: ORA SI' CHE SIAMO ""PANATI" !!!
      Hai ancora molte armi dalla tua parte: non ti arrendere così.Non fare che siano gli altri a decidere per te!Pensaci, la rete sotto questo aspetto offre molte soluzioni.
      • Wolf01 scrive:
        Re: ORA SI' CHE SIAMO ""PANATI" !!!
        ti sei dimenticato che lui non può pensare con la sua testa, va contro la sua religione
  • dfsfd scrive:
    E l'economia ci guadagna...
    Già molti sono "migrati" su server stranieri per prevenire l'arrivo di 1 decreto legge che tacitamente passato a distanza blocca il tuo lavoro di mesi...Questa è gente che non si rende conto che ogni parola di troppo o troppo poco affossa un di altro pochino il paese, o meglio se ne accorgono ma son pronti a giocare il piano "Craxi" o il piano "Salò".
  • Jiinx scrive:
    Come sempre ??????!!!
    E ti pareva che in previsione delle elezioni europee, qualcuno cerca di farsi votare con la scusa della rete........Non ci vogliono leggi per la rete, la sua bellezza è proprio nella sua anarchia. Con tutti i problemi che ci sono in Italia, cari politici perchè non cercate di portare avanti disegni di leggi per aiutare in tempo di crisi economica le famiglie e le aziende, contro la mafia che si insinua sempre più nel potere politico. Per la deriva culturale ed etica di un paese dove ormai conta di più il grande fratello che il bene comune.Siete persone poco credibili, la rete sta bene così, l'Italia no, che bello sarebbe vedervi zappare nei campi con uno stipendio di 300 euro al mese..............................
    • Ubunto scrive:
      Re: Come sempre ??????!!!
      - Scritto da: Jiinx
      E ti pareva che in previsione delle elezioni
      europee, qualcuno cerca di farsi votare con la
      scusa della rete........Non ci vogliono leggi per
      la rete, la sua bellezza è proprio nella sua
      anarchia. Con tutti i problemi che ci sono in
      Italia, cari politici perchè non cercate di
      portare avanti disegni di leggi per aiutare in
      tempo di crisi economica le famiglie e le
      aziende, contro la mafia che si insinua sempre
      più nel potere politico. Per la deriva culturale
      ed etica di un paese dove ormai conta di più il
      grande fratello che il bene
      comune.
      Siete persone poco credibili, la rete sta bene
      così, l'Italia no, che bello sarebbe vedervi
      zappare nei campi con uno stipendio di 300 euro
      al
      mese..............................Sono d'accordo con te: la rete funziona bene da sola, senza schifezze di leggi.In ogni caso, per quanto riguarda la crisi, ti rammento che l'attuale governo ha già preso tutte le contromisure.Ovvio che il PD non faccia proposte: ha già fatto tutto Silvio, quindi non ci sono più problemi in Italia.
    • jiinx scrive:
      Re: Come sempre ??????!!!
      - Scritto da: Jiinx
      E ti pareva che in previsione delle elezioni
      europee, qualcuno cerca di farsi votare con la
      scusa della rete........Non ci vogliono leggi per
      la rete, la sua bellezza è proprio nella sua
      anarchia. Con tutti i problemi che ci sono in
      Italia, cari politici perchè non cercate di
      portare avanti disegni di leggi per aiutare in
      tempo di crisi economica le famiglie e le
      aziende, contro la mafia che si insinua sempre
      più nel potere politico. Per la deriva culturale
      ed etica di un paese dove ormai conta di più il
      grande fratello che il bene
      comune.
      Siete persone poco credibili, la rete sta bene
      così, l'Italia no, che bello sarebbe vedervi
      zappare nei campi con uno stipendio di 300 euro
      al
      mese..............................Concordo con te in Italia non ci sono più problemi, il mio messaggio è stato frainteso dal portavoce (io) di mè medesimo (cioè io) e quindi espresso male, sicuramente dev'essere stata la stampa comunista, vatti a fidare di certa stampa..........
      • santo subito scrive:
        Re: Come sempre ??????!!!
        cittadini!!!!compagni!!!!chissa' perche' ho l' impressione che il 70% delle persone che scrivono su questo trhread e su punto informatico in generale abbiano gia' le conoscenze informatiche per bypassare la rete qualunque siano le decisioni in merito di questo o quel governo....per me qui si cazzeggia e basta e dopo una giornata di .....hemmm..... duro lavoroe' lo sfogo perfetto ehehehehesempre meglio che corcare di botte moglie e figli ahahahahaahahsu con la vita figlioli.... tanto basta un enciclica del papa e mette d' accordo tuttio siete ancora convinti che il padrone dell' italia sia il governo?se si la cosa e' preoccupante eheeheheheandate in pace e XXXXXXXX di piu'....ma senza preservativo che senno' lassu' si inc****nocome delle biscie bye
  • Nibiru scrive:
    Il PD ha ragione
    Una cosa è certa: il centrodestra per la rete è un danno.Ha fatto danni in passato e ne farà in futuro con le assurde proposte stile cinese che tutti abbiamo letto in questi giorni. :@Una sola perplessità: come mai queste idee così illuminanti vengono al PD solo quando sta all'opposizione?...(newbie)
    • 01234 scrive:
      Re: Il PD ha ragione
      mi ripeto: pdl dannoso, ma pd bene non fase l'avessi, sentendo parlare di regolamentazione della rete, metterei mano alla gatling di "predator"http://www.brookhursthobbies.com/dragon/images/GatlingF.JPG:-D
      • bontakun scrive:
        Re: Il PD ha ragione
        il centro destra no, il centro sinistra no...A che santo ci dobbiamo affidare allora?? :(newbie)
        • 01234 scrive:
          Re: Il PD ha ragione
          santi non ce n'è, da quelle partie se esistono "in cielo" mi pare si facciano i ricchi ***** lorola verità è che sulla rete vorrebbero legiferare persone incompetenti, a dx come a sx, e il risultato è palese; le leggi importanti già ci sono mi pare, contro i reati più gravi come pedoXXXXXgrafia, violazione di corrispondenza etc poi vabbeh c'è anche la legge sul DDA...ma ogni nuova legge sembra stringere gli spazi dell'espressione, più che difendere i deboli...e allora meglio quello che c'è o ancora meglio un po' meno...
    • Eretico scrive:
      Re: Il PD ha ragione
      Il PD ha torto come il PDL. Ne più. ne meno.
    • Emilie Rollandin scrive:
      Re: Il PD ha ragione
      tanti rendono meglio mentre non sono ai vertici... è psicologico, da meno tensione- Scritto da: Nibiru
      Una cosa è certa: il centrodestra per la rete è
      un
      danno.
      Ha fatto danni in passato e ne farà in futuro con
      le assurde proposte stile cinese che tutti
      abbiamo letto in questi giorni.
      :@
      Una sola perplessità: come mai queste idee così
      illuminanti vengono al PD solo quando sta
      all'opposizione?...(newbie)
  • io sono scrive:
    Il testo dovè?
    Ma il testo originale dov'è? Insomma senza testo è come parlare di aria fritta
    • Nemo_bis scrive:
      Re: Il testo dovè?
      - Scritto da: io sono
      Ma il testo originale dov'è? Insomma senza testo
      è come parlare di aria
      frittaHai provato a cercarlo nel sito indicato nell'articolo? http://www.luigivimercati.it/uploads/2009/03/ddl_reti.pdf
  • Giuseppe89 scrive:
    Io del PD non mi fido
    Bravi quelli del PD, il partito degli ex(?) comunisti.Che come sempre vorranno fare quello che fanno i loro predeXXXXXri: che lo Stato controlli tutto e tutti, come accadeva col governo Prodi e il precedente d'Alema, basta vedere le leggi di GENTILONI e RUTELLI.Ma dei nipotini dell'URSS ne abbiamo piene le scatole, e gli italiani l'hanno dimostrato col voto precedent.Proposte su internet che vengono dal PD(s)? No, grazie!Lasciate libera almeno la Rete, per favore!!
    • aPenguin scrive:
      Re: Io del PD non mi fido
      Caro Giuseppe89, di solito evito discorsi politici.. ma proprio perche' spari un sacco di pupu' sul PD (io non ho votato PD e meno che meno PDL) mi permetto di ricordarti che appunto il partito politico al governo in questo momento appunto il PDL ha presentato un sacco di proposte di legge una peggio dell'altra:1-ddl d'Alia sui blog..2-ddl Siae (conosciuta anche come ddl barbareschi)3-ddl univideo (conosciuta anche come ddl carlucci)4-ddl lorenzin (se ricordo bene) x chiudere 300mila siti che parlano di anoressia abulimia. Se cerch con google la parola anoressia ti risponde con 309mila siti totali.Mi pare che l'ignoranza di internet sia un requisito minimo x entrare in politica, sopratutto nel pdl.. ma anche nel pd non e' che brillino molto, lo ammetto.. comunque da quella parte non sono arrivate tutte le stupidaggini dai punti 1-5 nel giro di pochi mesi.
      • Number 6 scrive:
        Re: Io del PD non mi fido
        Scegliere tra PDL e PD è come scegliere se usare un Bic o uno Zippo per incendiarsi le palle.
        • Antonio Macchi scrive:
          Re: Io del PD non mi fido
          - Scritto da: Number 6
          Scegliere tra PDL e PD è come scegliere se usare
          un Bic o uno Zippo per incendiarsi le
          palle.quoto
        • Antimonopol io scrive:
          Re: Io del PD non mi fido
          - Scritto da: Number 6
          Scegliere tra PDL e PD è come scegliere se usare
          un Bic o uno Zippo per incendiarsi le
          palle.Esagerato, se PDL = lanciafiamme, PD = cerino. La differenza distruttiva tra i due c'e' e come.Facciamo un semplicissimo ragionamento. Chi ti frega di piu'? Quello che ha nelle tasche piu' soldi, matematico, scientifico, incontestabile. Chi in Italia ha nelle tasche piu' soldi ed e' in politica?Datti la risposta da solo.Io tra farmi XXXXXXX anche le mutande e solo mezzo portafoglio preferisco restare vestito con mezzo portafoglio. Fregato ma con ancora qualcosa.Bye.
          • oba_mah scrive:
            Re: Io del PD non mi fido
            - Scritto da: Antimonopol io
            Facciamo un semplicissimo ragionamento. Chi ti
            frega di piu'? Quello che ha nelle tasche piu'
            soldi, matematico, scientifico, incontestabile.
            Chi in Italia ha nelle tasche piu' soldi ed e' in
            politica?
            Secondo te a sinistra sono tutti poveri????????? ehm....
          • Antimonopol io scrive:
            Re: Io del PD non mi fido
            - Scritto da: oba_mah
            - Scritto da: Antimonopol io


            Facciamo un semplicissimo ragionamento. Chi ti

            frega di piu'? Quello che ha nelle tasche piu'

            soldi, matematico, scientifico, incontestabile.

            Chi in Italia ha nelle tasche piu' soldi ed e'
            in

            politica?



            Secondo te a sinistra sono tutti poveri?????????
            ehm....Secondo me, come ho detto, chi ha le tasche piu' piene se le e' riempite di piu'. Ora vedi tu chi ha le tasche piu' piene e risolvi la questione che mi hai posto da solo. e' questo che e' matematico, chi le ha piu' piene frega di piu'. Non ci sono discussioni possibili su un fatto di puri semplici numeri.
          • Pletrox scrive:
            Re: Io del PD non mi fido
            certo fatele fare alla carlucci le leggi su internetservi!
        • Ubunto scrive:
          Re: Io del PD non mi fido
          - Scritto da: Number 6
          Scegliere tra PDL e PD è come scegliere se usare
          un Bic o uno Zippo per incendiarsi le
          palle.Non scegliere invece a cosa corrisponde?Se le cose vanno male è perché chi dovrebbe essere presente non partecipa, non propone, non protesta. Fa la sua vita da AMEBA inutile e lascia correre. Che paese di...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 aprile 2009 11.58-----------------------------------------------------------
        • Marco scrive:
          Re: Io del PD non mi fido
          - Scritto da: Number 6
          Scegliere tra PDL e PD è come scegliere se usare
          un Bic o uno Zippo per incendiarsi le
          palle.Me la metto in firma :D
    • 01234 scrive:
      Re: Io del PD non mi fido
      penguin ha ragione, mi sa che se il pd non fa bene alla rete, il pdl è addirittura dannoso...un conto è diffidare, e dirlo, un conto è guardare solo da una parte...
    • Gustavo Lafogna scrive:
      Re: Io del PD non mi fido

      Ma dei nipotini dell'URSS ne abbiamo piene le
      scatoleMa allora anche dei nipotini dell'Italia fascista, se la mettiamo così; con la differenza che i fascisti, diversamente dai comunisti, in Italia un regime totalitario l'hanno potuto instaure davvero. Se agitiamo gli spauracchi della storia, allora in Italia ci sarebbe più da preoccuparsi della sua storica debolezza alle sirene del fascismo. E i nipotini di Mussolini siedono proprio fra i nostri onorevoli, i nipoti veri, mica quelli in senso figurato! (rotfl)Se la parentela di Alessandra col nonno Benito non vuol dire che voglia reinstallare il vecchio regime, allora figuriamoci cosa vuol dire l'ex URSS per i citati Prodi (ex DC) e Rutelli (che viene dai Radicali).Mi sa che la propaganda berlusconiana, che vede comunisti da tutte le parti, ha mietuto un'altra vittima. E' facile usare una retorica simile di demonizzazione dell'avversario: "almeno questa volta non si parla più di creare un nuovo Impero Romano, ma solo di un nuovo miracolo italiano e al posto di farsi fotografare col trattore fra i contadini, al giorno d'oggi ci si fa fotografare col cappello da capostazione." ;)Intanto però chi fa ricordare la Cina o qualche regime più o meno totalitario con gli ultimi DDL elencati dal pinguino, sono loro. DDL che permetterebbero di controllare la rete e limitare le libertà dei naviganti, avanzati sempre sbandierando altri spauracchi. Io non mi fido...
      • Gustavo Lafogna scrive:
        Re: Io del PD non mi fido
        Dimenticavo: non che nel PD siano tutti santi e non sparino mai contro la rete, ma anche in questo concordo con aPenguin.
        • Gustavo lafogna scrive:
          Re: Io del PD non mi fido
          - Scritto da: Gustavo Lafogna
          Dimenticavo: non che nel PD siano tutti santi e
          non sparino mai contro la rete, ma anche in
          questo concordo con
          aPenguin.Dimenticavo: ho detto un sacco di razzate
          • Gustavo Lafogna scrive:
            Re: Io del PD non mi fido
            - Scritto da: Gustavo lafogna
            Dimenticavo: ho detto un sacco di razzateConcordo in pieno! Coi tuoi problemi d'identità di razzate ne dici un sacco! (rotfl)
      • Ubunto scrive:
        Re: Io del PD non mi fido
        Sì, ma quando non hanno nulla da dire, la colpa è dei comunisti filosovietici, dell'impero austro-ungarico e della discesa dei lanzichenecchi.Ma lavatevi la bocca... e pure altre parti.
    • echoes scrive:
      Re: Io del PD non mi fido
      Ecco qui il "suonato" di turno...Ma sei rimasto ancora a questi stereotipi?Allora se così fosse vogliamo discutere dei cugini di craxy e di mussolini?Dai, per favore, sii serio.Cosa ti frega da dove viene la proposta se è buona?
    • Antimonopol io scrive:
      Re: Io del PD non mi fido

      Proposte su internet che vengono dal PD(s)? No,
      grazie!

      Lasciate libera almeno la Rete, per favore!!Io non mi fido nemmeno della mia mamma, ma a confronto della proposta di quelle "brave" persone che stanno dall'altra parte vedi Carlucci e anche Barbareschi questa proposta qui e' uno spettacolo!!!Dai, da bravo, vai su google e cercati Carlucci proposta di legge e Barbareschi proposta di legge, leggi un po' e poi vedi di chi di sicuro non bisogna fidarsi.
    • Uto Uti scrive:
      Re: Io del PD non mi fido
      Ma XXXXXXXXXX
      • dubbioso scrive:
        Re: Io del PD non mi fido
        - Scritto da: Uto Uti
        Ma XXXXXXXXXXahahahahahahaCommento denso di significati come il "Mattino" di Ungaretti.:D
      • Muti scrive:
        Re: Io del PD non mi fido
        - Scritto da: Uto Uti
        Ma XXXXXXXXXXMagari e' pure contento, stai attento a usare questi epiteti.Forse e' piu' efficace, ma vai in una biblioteca e apri un libro una volta in vita tua, credo che gli faccia molta piu' paura e ribrezzo.
      • Expired scrive:
        Re: Io del PD non mi fido
        Perfetto, non occorre dire altro.
    • Shu scrive:
      Re: Io del PD non mi fido
      - Scritto da: Giuseppe89
      Bravi quelli del PD, il partito degli ex(?)
      comunisti.
      ...
      Che come sempre vorranno fare quello che fanno i
      loro predeXXXXXri: che lo Stato controlli tutto e
      tutti, come accadeva col governo Prodi e il
      precedente d'Alema, basta vedere le leggi di
      GENTILONI e
      RUTELLI.Ti diro`, io ho praticamente sempre votato a destra (ma non FI o PDL), principalmente perche` non condivido le politiche economiche di sinistra, ma con la serie di ca*ate liberticide che hanno fatto e stanno facendo, se il PD riesce a mandare a zappare D'Alema, Rutelli e gli altri della loro risma, e finalmente il PD diventa piu` simile ai democratici americani che ai comunisti russi/cinesi/cubani, io alle prossime elezioni voto loro.Bye.
      • Wolf01 scrive:
        Re: Io del PD non mi fido
        io disegno cazzetti sulle schede elettorali, ogni tanto anche qualche poesia...Tanto appena trovo un altro po' di gente che mi segue fonderemo il "partito del XXXXX", destra, sinistra, tutti accetti, basta mandar via quelli che sono al governo ora
        • Matx scrive:
          Re: Io del PD non mi fido
          - Scritto da: Wolf01
          basta mandar via quelli
          che sono al governo
          oraBeh sai, se vuoi mandare via quelli che sono adesso al governo disegnare i cazzetti sulla scheda è una delle cose più cretine che si possano fare...Annullando la scheda è come dare un voto sia da una parte che da un'altra, cioè è come aver favorito l'entrata al potere dell'attuale governoPiuttosto votate qualche altro partito preso a caso al di fuori di pd e pdl (mi viene stranamente in mente idv ma votate chi vi pare ;) )
          • AllYourBase AreBelongT oUs scrive:
            Re: Io del PD non mi fido
            No, se annulli la scheda, annulli la scheda e non dai il voto a nessuno. Significa "non mi sta bene nessuno".Le schede bianche finiscono a chi vince e significa "mi va bene chiunque".Non andare a votare, invece, vuol dire "sono contrario all'attuale sistema (politico, elettorale eccetera).Ogni comportamento alle urne ha un significato e, come libero cittadino, hai il ***dovere*** di comunicare ciò che preferisci.Quindi, ben vengano i cazzetti (l'annullamento della scheda) se il significato è "non mi sta bene nessuno".Il problema è che il sistema a liste chiuse non è un'elezione, ma una nomina. I voti vanno al partito che decide, secondo graduatorie interne, a chi distribuire i voti. E così la democrazia si trasforma in un'oligarchia.Ma finirà, eh... State certi che finirà e questi signori cadranno con un tonfo fragoroso. Parola di veggente! :-)
          • Ubunto scrive:
            Re: Io del PD non mi fido

            Non andare a votare, invece, vuol dire "sono
            contrario all'attuale sistema (politico,
            elettorale
            eccetera).Votare cazzetti o non andare a votare significa che del tuo "non voto" non fregherà mai nulla a nessuno. Se non voti non hai alcuna rappresentanza. Il non voto non ha un valore.E oltretutto, prova a domandarti, non sentendoti rappresentato, se la colpa non sia tua e degli altri che come te non si sentono rappresentati e non fanno nulla per esserlo.
            Il problema è che il sistema a liste chiuse non è
            un'elezione, ma una nomina. I voti vanno al
            partito che decide, secondo graduatorie interne,
            a chi distribuire i voti. E così la democrazia si
            trasforma in
            un'oligarchia.Vero, ma le cose si cambiano impegnandosi per averle. Non evitando di votare.
            Ma finirà, eh... State certi che finirà e questi
            signori cadranno con un tonfo fragoroso. Parola
            di veggente!E come dovrebbe finire? Col colpo di mano di qualche XXXXXXXXX a guida di un esercito magari?La non partecipazione, il non voto, il rifiuto del confronto portano a queste conclusioni.Io voto da tutt'altra parte, ma preferisco 100 volte un berlusconiano a un "non votante".Votare significa accettare le regole del confronto e le sue conseguenze: accettare che ad un'elezione, si vinca o si perda, l'avversario è leggitimato nelle sue azioni dal popolo.Non votare per principio cosa significa?
          • AllYourBase AreBelongT oUs scrive:
            Re: Io del PD non mi fido
            - Scritto da: Ubunto

            Non andare a votare, invece, vuol dire "sono

            contrario all'attuale sistema (politico,

            elettorale

            eccetera).

            Votare cazzetti o non andare a votare significa
            che del tuo "non voto" non fregherà mai nulla a
            nessuno. Se non voti non hai alcuna
            rappresentanza. Il non voto non ha un
            valore.Votare cazzetti, come ho detto è diverso da non andare a votare. Partiamo dl presupposto che esista una classe politica consapevole (che anche se non corrisponde al 100% alla realtà, è l'unico punto di partenza possibile per affrontare questo discorso). I non votanti lanciano un messaggio di disaccordo verso qualcosa di relativo al voto, ma al metalivello (cioè non di disaccordo verso un partito, ma verso il/un sistema tout court). I politici lo raccolgono e, poniamo, scoprono che una parte non trascurabile degli elettori è in disaccordo con il sistema elettorale (p.e. il sistema maggioritario). Se sei in disaccordo, che cosa puoi fare come elettore per comunicare alla classe politica il tuo disaccordo? Non andare a votare è, in questo caso, la cosa giusta se il tuo messaggio è quello. Sta poi ai politici intervenire o no sul sistema elettorale. Ma senza quel messaggio non lo sapranno mai. E tu hai il dovere di mandarlo.L'elettore non deve necessariamente esprimere una preferenza (quello, semmai, è il ruolo dei rappresentatnti, ma non degli elettori). Il suo ruolo è utilizzare le elezioni come un veicolo per comunicare. Questo è quello che dovrebbe accadere in una democrazia "avanzata".Se voti i cazzetti, annulli la scheda e comunichi che non ti identifichi in alcun partito. Starà alla classe politica, allora, raccogliere il tuo messaggio e liberare, o occupare, una nicchia nel tentativo di contentare, con un nuovo partito, una nuova corrente o un nuovo programma, gli elettori scontenti. Senza queli cazzetti, il politico potrebbe non saperlo mai.Se questo, nei fatti, non avviene (e non è nemmeno sempre vero, spesso invece avviene) è perché i politici se ne fregano, ma se non ci provi, avrai la certezza matematica che nessuno cambierà mai nulla. È la famosa "profezia che si autoavvera": per saltare il tredicesimo gradino, scivoli e ti rompi la gamba, il che ti darà la certezza che il 13 porta sfiga. Ma non è il 13 che ti ha rotto la gamba, è la tua superstizione. Il che è un po' paradossale, non trovi?
            E oltretutto, prova a domandarti, non sentendoti
            rappresentato, se la colpa non sia tua e degli
            altri che come te non si sentono rappresentati e
            non fanno nulla per
            esserlo.E se nessun partito mi rappresenta? Questo è il punto.

            Il problema è che il sistema a liste chiuse non
            è

            un'elezione, ma una nomina. I voti vanno al

            partito che decide, secondo graduatorie interne,

            a chi distribuire i voti. E così la democrazia
            si

            trasforma in

            un'oligarchia.

            Vero, ma le cose si cambiano impegnandosi per
            averle. Non evitando di
            votare.Beh, io ho fondato un partitino e sono stato coinvolto, nelle ultime elezioni, da un altro partitino che mi ha candidato alla Camera dei Deputati nel collegio di Milano1. Ho preso la pioggia, ho percorso chilometri a piedi per le strade, nei negozi, nelle case, nelle università, mi sono ammalato, ho dormito niente per volantinare e attacchinare, mi sono fatto un XXXX così, ho parlato (e parlo) con le persone, ho partecipato a confronti televisivi su piccole reti, Odeon a parte, (figurati che a casa non ho neppure la tv) e ho rischiato sanzioni del garante per l'invio di mail "indiscriminate" (tre milioni, ma una sola mail a ogni indirizzo, nel modo più civile possibile), perché non è stata rispettata la par condicio e, in fondo, ci siamo difesi come abbiamo potuto. Non mi infastidiscono i tuoi "j'accuse", intendiamoci, ma tu che predichi tanto bene, puoi dire di avere fatto altrettanto?

            Ma finirà, eh... State certi che finirà e questi

            signori cadranno con un tonfo fragoroso. Parola

            di veggente!

            E come dovrebbe finire? Col colpo di mano di
            qualche XXXXXXXXX a guida di un esercito
            magari?Beh, questa è l'ipotesi peggiore. No, finirà quando la globalizzazione dal basso e la comunicazione interpersonale su scala planetaria con la circolazione di idee e soluzioni, soppianterà lo strapotere delle multinazionali che si sono insinuate nel potere politico, governando il mondo attraverso fantocci nominati e non eletti. Questa crisi è l'inizio della fine di quel mondo e l'inizio di un'epoca in cui ci sarà maggiore equilibrio tra i grandi e i piccoli, tra i buoni e i cattivi, tra la base e il vertice. Ok? Siamo a un passo... Soffiamo tutti sulle vele, che all'orizzonte c'è terra in vista!
            La non partecipazione, il non voto, il rifiuto
            del confronto portano a queste
            conclusioni.Ok, allora fai finta di avere due partiti: uno vuole dichiarare guerra all'Inghilterra, l'altro alla Germania. Oppure, uno vuole instaurare la monarchia, l'altro la dittatura. Chi voti? Io, semplicemente, non voto, perché sono liberal-democratico e pacifista.
            Io voto da tutt'altra parte, ma preferisco 100
            volte un berlusconiano a un "non
            votante".
            Votare significa accettare le regole del
            confronto e le sue conseguenze: accettare che ad
            un'elezione, si vinca o si perda, l'avversario è
            leggitimato nelle sue azioni dal
            popolo.

            Non votare per principio cosa significa?Non votare per "principio" non significa nulla. Non votare per un "fine" significa molto.Gli attuali schieramenti, così come somno, possono non accontentare una certa parte di elettorato. Se ti identifichi in uno di essi, sei fortunato e hai uno sbocco elettorale. Ma non puoi pensare che siano tutti come te. Esiste anche chi questo sbocco non ce l'ha o pensa di non averlo. Rispettare il comportamento elettorale è alla base del concetto stesso di democrazia. Tu, in questo momento, non lo stai facendo. E voti a sinistra? Strano, avrei detto che uno con simili opinioni votasse l'estrema destra... Come dicevo l'Italia è il paese del contrario e del "contrario del contrario"! Non ti offendere, io ti rispetto, ma rifletti. E magari apri un manuale di scienza della politica e prova a leggere qualche pagina. Male non ti farà di sicuro.
          • AllYourBase AreBelongT oUs scrive:
            Re: Io del PD non mi fido

            Ok, allora fai finta di avere due partiti: uno
            vuole dichiarare guerra all'Inghilterra, l'altro
            alla Germania. Oppure, uno vuole instaurare la
            monarchia, l'altro la dittatura. Chi voti? Io,
            semplicemente, non voto, ... pardon, volevo dire "non voto nessuno", cioè annullo la scheda.
            perché sono liberal-democratico e pacifista.
          • AllYourBase AreBelongT oUs scrive:
            Re: Io del PD non mi fido
            E aggiungo anche che il voto dovrebbe esprimere il tuo essere d'accordo con un partito, non il tuo essere contro l'altro.In altre parole, vota il partito x se sei convinto del partito x. Non votare tappandoti il naso, solo per andare contro il partito y, avversario di x, che pure non ti convince, ma che reputi "un po' meglio" di x.Il partito che voti ti deve andare "bene", non "meglio". Facendo diversamente, rischi brutti conflitti interiori, soprattutto se hai il senso civico, dello Stato, una coscienza etica e sei un cittadino consapevole.Guarda, a suo tempo, io votai per il Goveno Prodi, solo per andare contro il centrodestra. Poi - sorpresa! - mi sono trovato Mastella ministro di Grazia e Giustizia e, peggio del peggio, Tommaso Padoa Schioppa, fino a quel momento uomo Bce, al ministero dell'Economia e delle Finanze (non dico che sia stato, mentre era ministro, nel libro paga di qualche banchiere privato, ma dico che dopo una vita trascorsa ragionando in un certo modo, rischi di avere il cervello "impantanato" su certi paradigmi, magari anche "troppo" impantanato per fare il ministro. E infatti...).Risultato: un indulto (Mastella) e sgravi (padoa Schioppa) alle sang... ooops! ... alle sempre più ricche banche (ce l'ho con i grossi istituti, non tanto con le bcc, le bp ecc.) per 43 ***miliardi*** di euro, tutto questo, mentre per tutti noi il livello della XXXXX saliva, saliva, saliva.Dico... 43 miliardi di euro, fanno 716 euro a testa... Tutti, non solo i lavoratori: da mia figlia di 16 mesi a mia nonna di 90 anni. Oltre a i soldi che già ci succhiano dai nostri cc, al credito erogato sistematicamente sul filo dell'usura (prova provata che fanno cartello... Antitruuuust, se ci sei batti un colpo!), come i moduli con importanti dati personali ***precompilati*** (Garante Privacyyyy, batti pure tu 'sto colpo!) e tante altre porcherie, ma davvero tante.E ha pure avuto il coraggio di chiamare i trentenni "bamboccioni". Io gliel'ho giurata. Ma come si permette? Arriveranno, Tommaso, i tuoi bamboccioni... Stanno già arrivando, ma l'età ti ha reso troppo miope e ancora non li vedi... E quando li vedrai, sarà forse troppo tardi per spostare altrove le tue ossa ormai stanche!Ecco, un bel voto, ho dato... Per esercitare il mio diritto a tutti i costi, 'sti costi si sono rivelati molto, molto alti. Meglio se quel giorno fossi andato a fare una bella gita fuori porta, almeno non mi sarei sentito responsabile e non mi sarei fatto schifo da solo. E, per come, sono fatto, beccarmi del XXXXX da me stesso è il giudizio peggiore che posso ricevere, perché è il giudizio più autorevole che conosco in questa materia.Così mi sono detto: "Mai più un voto contro".
    • AllYourBase AreBelongT oUs scrive:
      Re: Io del PD non mi fido
      ... Ma quali comunisti? Nel Paese del contrario e del "contrario del contrario", è più di sinistra la destra della sinistra. Dietro al centro sinistra ci sono le lobby, le multinazionali e i potentati economici, dietro il centro destra, invece, c'è la piccola e media impresa e le grandi aziende che fanno capo a famiglie o persone fisiche, non a manager senza etica.Vale a dire che le multinazionali che stanno distruggendo, affamando, avvelenando e impoverendo il pianeta sostengono la sinistra. Banche, case farmaceutiche, agenzie petrolifere, multinazionali dell'agroalimentare (come Unilever e Monsanto) e i loro manager sono dalla parte di Prodi, Veltroni e compagnia bella.Non è certo un caso che Tommaso Padoa Schioppa, ministro dell'economia e delle finanze del Governo Prodi, governo di ***centrosinistra*** ha applicato, nel corso del mandato, sgravi fiscali alle banche per 43 miliardi di euro. Lo sapevate? No, eh? Quando fanno 'ste XXXXXte, le fanno bene, in silenzio, di nascosto. Dico: 43 miliardi!!! Come due manovre finanziarie belle grosse. È sinistra, questa? Mentre le aziende cominciavano ad arrancare, mentre la classe media stava scomparendo, mentre le persone si impoverivano, Padoa Schioppa ha pensato bene di premiare le banche, che facevano palate di soldi con gli strumenti che pochi anni dopo (oggi) avrebbero messo il mondo in ginocchio, sfilando i soldi di tasca a tutti noi. Centrosinistra? Ma fatemi il piacere...Il centrodestra, con Giulio Tremonti, ha parlato di tassare i redditi di banche e petrolieri, per "redistribuire il reddito", che è un'espressione vetero-marxista.Chi è di sinistra e chi di destra?Non dico che gli uni siano squali e gli altri agnellini, sostengo semplicemente che se nel 1994 potevo pensare di votare a sinistra, oggi, nel 2009, con il mondo saldamente in mano alle multinazionali e ai loro manager senza scrupoli, mi sento più tranquillo a dare il voto al centrodestra. Alle ultime politiche ho votato me stesso, a dire il vero, ma se non fossi stato candidato avrei votato Berlusconi senza indugio.Il mondo è cambiato, i nemici sono cambiati. Aggiornate i cervelli e aprite gli occhi!!! E il conflitto di interessi è ora su scala planetaria e tocca la nostra salute, la nostra ricchezza, il nostro futuro e quello dei nostri figli. Altro che il conflitto di interessi raditelevisivo, per difendersi dal quale basta un dito: click, tv spenta, fine del conflitto.E non venitemi a parlare di capitalismo. Il capitalismo è finito, ora c'è il "managerismo": il capitalista, oggi, è stato soppiantato dai manager, che guardano il mondo attraverso grafici, diagrammi e istogrammi e, pur di aumentare gli utili, sono disposti a tutto, anche a distruggere l'azienda licenziando e svendendo gli asset (sono capace anch'io, così, di aumentare gli utili). Un capitalista, invece, per quanto squalo, ha maggiore coscienza sociale, ama la propria azienda, tiene alla sua reputazione e ha più senso etico, civico e sociale.Vergogna, manager! Avete distrutto il mondo! W il ritorno del capitalismo. W i Crespi, W gli Olivetti, W i Ferrero!!!
      • gabriella giudici scrive:
        Re: Io del PD non mi fido
        Caro AllYourBaseAreBelongToUs, premesso che non ti risponde un'elettrice del centro-sinistra, ma mi spieghi come fai a scrivere queste tirate in cui salverei solo la rabbia?Come è possibile che io trovi scritto: "Dietro al centro sinistra ci sono le lobby, le multinazionali e i potentati economici, dietro il centro destra, invece, c'è la piccola e media impresa e le grandi aziende che fanno capo a famiglie o persone fisiche, non a manager senza etica".Ma, dico, Mediaset ti sembra una piccolamediaimpresa? i conti offshore All Iberian ti sembrano una marachella? La corruzione di Mills un peccato veniale?Dietro al centro sinistra NONCHE'al centro destra c'è di tutto, tranne la gente come me (e te, presumibilmente).Come ti sentiresti di fronte alla tua coscienza dopo aver votato per uno che NON è un manager, ma è proprio un caro vecchio PROPRIETARIO di quelli che dici non esistano più? E che non solo possiede editoria, circuito pubblicitario, entertainement, ma l'azionariato di mezzo mondo?Invece di rendere lo stipendio di un'insegnante qualcosa di meno ridicolo di quanto sia attualmente e far salire quello di un usciere al di sopra della soglia di povertà (potrei continuare per ore), il nostro toglie da scuole e ospedali i 400 milioni al giorno che paghiamo di sanzione per non far trasmettere Europa 7.Io ci penserei un po' su.
        • All Your Base Are Belong To Us scrive:
          Re: Io del PD non mi fido
          - Scritto da: gabriella giudici
          Caro AllYourBaseAreBelongToUs,

          premesso che non ti risponde un'elettrice del
          centro-sinistra, ma mi spieghi come fai a
          scrivere queste tirate in cui salverei solo la
          rabbia?Facendo trottare le falangette sulla tastiera.
          Come è possibile che io trovi scritto: "Dietro al
          centro sinistra ci sono le lobby, le
          multinazionali e i potentati economici, dietro il
          centro destra, invece, c'è la piccola e media
          impresa e le grandi aziende che fanno capo a
          famiglie o persone fisiche, non a manager senza
          etica".Se guardi alle politiche degli uni e degli altri e ti informi bene, scoprirai che è proprio così.
          Ma, dico, Mediaset ti sembra una
          piccolamediaimpresa? In confronto alla Bayer, alla Sandoz, alla Nestlè, alla Royal Dutch Shell, alla Monsanto, all'Unilever o, guardando in casa nostra, alla Unicredit e all'Eni è una impresucola di assai modeste dimensioni. E, come dicevo, fa capo a persone fisiche con nomi e cognomi, non a manager seminascosti che tramano nell'ombra. I responsabili delle XXXXXte li (ri)conosciamo, quando sono capitalisti-persone-fisiche. Quando sono manager, lo scopriamo sempre dopo, a disastro già avvenuto... Se lo scopriamo.
          i conti offshore All Iberian
          ti sembrano una marachella? La corruzione di
          Mills un peccato
          veniale?No di certo, sono vere e proprie schifezze. Ma ti chiedo:1. SALUTE1: Berlusconi avvelena l'aria e l'acqua, o sono piuttosto le multinazionali del petrolio e del petrolchimico?2. SALUTE2: Berlusconi pilota l'informazione medico/scientifica o sono le Case Farmaceutiche che piazzano i loro uomini nei posti-chiave delle riviste di divulgazione?3. SALUTE3: è Berlusconi che ha ridotto i tempi di trial dei farmaci da 12 a 3-4 anni (nessuno sa le conseguenze dei nuovi farmaci sulla nostra salute, e infatti il tasso di ritiri dal commercio dei nuovi farmaci è salito vertiginosamente) o è stata la pressione politica delle multinazionali dei farmaci?4. SALUTE5: è Berlusconi protagonista del conflitto di interessi che deriva dalla stretta commistione tra il settore pharma e l'agroalimentare, col risultato di avere decine di sostanze chimiche diverse nei biscotti che intingiamo nel tè al mattino?5. SALUTE6: è colpa di berlusconi se è da 100 anni che ci muoviamo col motore a scoppio o è l'ennesima commistione tra le agenzie petrolifere e le case automobilistiche?6. BENESSERE1: è colpa di Berlusconi se le banche hanno ridotto il mondo così com'è ora o è il conflitto di interesse tra la finanza mondiale e la politica?7. RAPINE LEGALIZZATE: è Berlusconi che ci sfila i soldi dal nostro conto corrente o sono le banche che fanno cartello e tirano a fregarci, sul filo della legalità (e a volte anche oltre: ho un foglio di Excel che calcola il reale tasso di interesse per il credito al consumo, se vuoi te lo sparo... ma poi mi prometti che se scopri qualcosa di storto, parti con la causa contro la tua banca... Ti indirizzo anche dall'avvocato giusto, se vuoi).Guarda, ne ho a tonnellate di questi ***fatti***. Gabriella, non so se ti rendi conto che SIAMO IN PERICOLO. Ma è un pericolo vero: vita, salute e futuro non sono nelle mani di Berlusconi, ma di altri soggetti che giocano a distrarci convincendoci che il nemico è un altro. Le fonti alternative di informazioni esistono, e il conflitto radiotelevisivo non incide sulla nostra salute e sulla nostra ricchezza (o incide pochissimo).Tra 15 anni Berlusconi è bell'e sepolto nel suo mausoleo faraonico e noialtri abbiamo risolto *quel* problema, ma tutti gli altri soggetti saranno sempre lì a mettere a rischio la nostra stessa vita. Per farti un paragone, se i conflitti di interesse globali, mondiali sono Ebola, quello radiotelevisivo del Berlusca è una dermatite pruriginosa. E tu, mentre rischi il contagio di Ebola, ti preoccupi di reperire il talco mentolato? Liberissima, ma sii almeno consapevole di ciò che accade e di ciò che fai...Sono anni che vado predicando... Dovrei essere stufo, ma evangelicamente ti dirò che ogni pecorella che apre gli occhi e torna all'ovile mi dà una tale soddisfazione che andrei avanti finché campo a ripetere a filastrocca questa barbosa e lamentosa litania.[segue...]
        • All Your Base Are Belong To Us scrive:
          Re: Io del PD non mi fido

          Dietro al centro sinistra NONCHE'al centro destra
          c'è di tutto, tranne la gente come me (e te,
          presumibilmente).Eh, questo è vero. Ma, come ti dicevo, le politiche degli uni e degli altri, rivelano chi gli uni e gli altri hanno alle spalle. Dietro a Berlusconi c'è Berlusconi e poco altro. E non mi venire a dire che c'è la mafia, che non ci sono mai stati tanti arresti come sotto questo governo, anche se - scandalosamente - corriere e repubblica hanno per lo più taciuto la cosa. Chissà perché, eh? E sì che fa notizia, e la notizia fa vendere. Quale editore (che sia un vero editore) rinuncerebbe a pubblicare una notizia che tira le vendite? Nessuno. E allora perché tacciono? Perché, sotto sotto, non sono editori... Sono politici. Informati e vedrai che "hypotheses non fingo".
          Come ti sentiresti di fronte alla tua coscienza
          dopo aver votato per uno che NON è un manager, ma
          è proprio un caro vecchio PROPRIETARIO di quelli
          che dici non esistano più?Io ho votato me stesso, non il centrodestra. Un partitino che correva da solo, in tutto il territorio nazionale, e che ha spuntato 119.419 voti. Trentamila euro di budget per tutta l'Italia e oscuramento quasi totale da parte dei mezzi radiotelevisivi, nonostante la legge sulla par condicio. Vuol dire poco, forse, visto che il politico più presente sui media è stato Bertinotti (lo avresti mai detto? Fonte: Osservatorio Radiotelevisivo, vai al sito e fruga un po'...), ma un po' più di attenzione al nostro programma politico forse avrebbe aperto gli occhi a qualche elettore in più...Quindi, se permetti, davanti alla mia coscienza sono cristallino.
          E che non solo
          possiede editoria, circuito pubblicitario,
          entertainement, ma l'azionariato di mezzo
          mondo?Ma va' là... Fatti un giro su Forbes e scopri che non è così come dici tu.Il centrosinistra ha avuto 15 anni per tirare fuori dal cassetto le leggi per raddrizzare queste piccole (al confronto di quelle che ti ho elencato sono piccole e assai meno pericolose) storture nazionali. Ti sei chiesta perché non l'hanno mai fatto? Ti sei chiesta perché tirino fuori la questione solo quando stanno all'opposizione? Non è che anche a loro, in qualche modo e per qualche oscura ragione, va bene così. Che cosa possiamo fare noi, per risolvere il conflitto di interessi radiotelevisivo che tanto ci fa grattare? È facilissimo, Gabriella: buttare via il televisore. Io l'ho fatto. Dopo un "Porta a Porta" ho chiamato l'Amsa e l'ho abbandonato, funzionante, davanti a casa, con tanto di telecomando. Se lo facciamo tutti abbiamo risolto il problema. Altrimenti aspettiamo che si avveri la profezia dell'IBM:http://www-935.ibm.com/services/us/imc/pdf/ge510-6248-end-of-tv-full.pdfin particolare il paragrafetto a pagina 8.Anche di automobili non voglio più sentire parlare finché non saranno elettriche, a idrogeno, solari o altro... Ah, nell'elenco più sopra, ho dimenticato questo punto:8. ENERGIA: è colpa di Berluscono se è stata insabbiata in tutto il mondo la "fusione fredda", nonostante invece funzioni benissimo, con una riproducibilità del 100%, come stanno verificando ora (all'ENEA di Frascati avevano già verificato tutto da anni), o sono le multinazionali dell'energia che hanno distrutto il lavoro di due onesti ricercatori - e ritardato lo sviluppo di almeno 20 anni - solo per far quadrare i loro immeritati bilanci?Posso andare avanti a elencare per giorni e giorni, senza sosta... E dico sul serio, di cose così ne conosco a centinaia. A centinaia davvero.
          Invece di rendere lo stipendio di un'insegnante
          qualcosa di meno ridicolo di quanto sia
          attualmente e far salire quello di un usciere al
          di sopra della soglia di povertà (potrei
          continuare per ore), il nostro toglie da scuole e
          ospedali i 400 milioni al giorno che paghiamo di
          sanzione per non far trasmettere Europa
          7.Vero, verissimo, ma il centrosinistra che cos'ha mai fatto per Europa7? E con che coraggio chiedono a Berlusconi di tirarsi da solo la zappa sui piedi? Potevano farlo loro, perché Rete4 non è mai stata toccata quando al Governo c'era il centrosinistra?Sulla scuola, invece, io alle elementari avevo in classe 28 compagni di classe (c'ho ancora la foto, li ho appena contati), la mia maestra era una bravissima insegnante e si faceva un mazzo tanto. Questi si lamentano perché hanno qualche ora in più alla settimana e tre mesi di vacanza all'anno, altro che istruzione... Non sarà che vogliono guadagnare di più lavorando ancora meno? 28 ore a settimana e tre mesi di ferie pagate... Tu quanto lavori, Gabriella? Quanto guadagni? Ecco, giudica tu.E hai voglia a dire che le ore di un insegnante non si esauriscono in classe. Vero, come è vero che a tutti piacerebbe svolgere una parte del lavoro anche a casa, dopo 4 ore trascorse in ufficio o in fabbrica, ma quanti possono farlo? Ripeto: aspettiamo di vedere che cosa accade.Nell'attesa, dai un'occhiata al rapporto OCSE-PISA in merito al divario sulla preparazione degli studenti a nord, centro e sud e forse ti farai un'idea della preparazione e dell'impegno del corpo insegnanti. In miniera, altro che insegnare ai bambini e ai ragazzi! Così capirai anche perché in un ufficio pubblico dell'Alto Adige trovi gente che non si sa esprimere in Italiano e ha uno spiccato accento del sud... Siccome una preparazione da 5 al nord si vale un 6 al centro e un 7 al sud, e le graduatorie nei concorsi pubblici dipendono anche dai voti a scuola, la pubblica amministrazione è una colonia del centro-sud, in barba al merito e ai principii di equità.Non è una polemica nord-sud, solo una denuncia di un meccanismo anti-etico che costa al contribuente un patrimonio, tra tasse e tempo perso da uno sportello a un altro davanti a funzionari spesso strafottenti e nullafacenti. E i pochi che si danno da fare subiscono pure il mobbing in una lingua incomprensibile.Ma forse, come dicevo, al di là della mia verve polemica, sulla scuola dell'obbligo hai ragione tu. Aspettiamo di vedere le conseguenze e poi giudichiamo.Quanto all'università, ogni iniziativa che sostituisca il sistema del baronato con l'avanzamento su base meritocratica sarà sempre ben accetto. Che gli Esimi Professori lascino il giudizio di un esame agli assistenti (che spesso ne sanno meno degli esaminandi) o che firmino libri scritti dagli assistenti e poi costringano gli studenti ad acquistarli per (im)prepararli ai loro corsi stravecchi, francamente è cosa scandalosa. Serviva un'entrata "a gamba tesa" e fortunatamente è arrivata. Ora, la parola all'ortopedico.[segue...]
        • All Your Base Are Belong To Us scrive:
          Re: Io del PD non mi fido

          Io ci penserei un po' su.Già fatto, e ci penso ancora. Cerco anche di informarmi bene. Fallo anche tu.Io vado avanti con il mio partitino e cercherò, appena posso, di dare il massimo per tutti noi, anche per te. Questa è una promessa.Coraggio, aspetto la domanda: "Allora che cosa proponi, tu che tenti di impegnarti in politica?"... Preparati a una risposta lunga quanto l'Enciclopedia Britannica... Perché di idee, noi "bamboccioni" trentenni, ne abbiamo quante ne vuoi.[fine]
    • uffio scrive:
      Re: Io del PD non mi fido
      Ignorante, ma l'hai letta la proposta? E' atta a fare il contrario di quello che dici tu, contro le leggi proposte dal tuo caro PDL. Non sono di nessuna delle due fazioni, però questa proposta è oggettivamente buona.
      • All Your Base Are Belong To Us scrive:
        Re: Io del PD non mi fido
        - Scritto da: uffio
        Ignorante, ma l'hai letta la proposta? E' atta a
        fare il contrario di quello che dici tu, contro
        le leggi proposte dal tuo caro PDL. Non sono di
        nessuna delle due fazioni, però questa proposta è
        oggettivamente
        buona.La proposta dell'articolo sarebbe un bel passo avanti su diversi fronti. Anche Fiorello Cortiana, parlamentare di sinistra, a suo tempo fu un convinto sostenitore delle libertà digitali. Proporre leggi e votarle è il ruolo del Parlamento. Deputati e Senatori sono pagati per legiferare e, possibilmente, per proporre... Che le buone idee vengano dall'una o dall'altra parte, non mi importa: basta che arrivino! Sta di fatto che né gli uni né gli altri hanno mai affrontato in modo organico la questione IT. Per tanti motivi: perché è un argomento estremamente complesso e ha tantissime implicazioni in molti campi diversi, poi perché trasversale e rischiano di scottarsi, poi perché le leggi nazionali possono essere annullate da disposizioni europee o da norme o princìpi internazionali, e infine perché la tecnologia è fuori dalla loro portata, data l'età media di Camera e Senato, e di Internet non capiscono un tubo. Così, purtroppo, è attualmente difficile fare breccia in Parlamento con proposte di legge legate all'IT, perché chi non capisce niente tende ad astenersi o a votare per il mantenimento dello status quo, per quanto brutto sia. "Volete libero Gesù o Barabba" è una metafora di questa cosa. Barabba è un ladro, ma tutti sanno dove può arrivare; Gesù è un pezzo di pane ma nessuno sa che cosa potrà combinare... Meglio tenersi il Barabba! Una delle tante tare della cultura indoeuropea...Quando l'Europarlamento votò quasi all'unanimità contro i brevetti "all'americana" (grazie a un ministro polacco, Marcinski, che volò due volte a Bruxelles per spiegare agli europarlamentari le conseguenze disastrose della nosrmativa), Rifondazione si astenne! 648 voti contro la proposta della Commissione, 14 favorevoli (che saranno stati gli amichetti della Commissione) e 18 astenuti, tra cui gli europarlamentari di Rifondazione. Praticamente gli unici che non hanno capito...La proposta più bella per tutti noi (salvo poi infrangersi davanti a normative sovranazionali), però, la fece anni fa proprio la Carlucci: "Bisogna aggiungere al nome dell'mp3 che il contenuto è protetto dalla SIAE". Come dire: Italia, una nazione, un mondo!!! La proposta, assolutamente demenziale, fu ovviamente impallinata da ambo le parti e venne ritirata, ma se fosse stata accolta e votata... Sai che bello? L'Italia sarebbe l'isola felice dei pirati! Nei post precedenti il discorso era un po' più generale e soprtattutto OT. Sorry.
Chiudi i commenti