Shopping, Microsoft non ha mai speso così tanto

Con 6 miliardi di dollari per aQuantive insegue Google nella pubblicità online. Luci ed ombre su un investimento faraonico che non convince del tutto gli addetti ai lavori

Roma – Con una mossa a sorpresa, venerdì scorso Microsoft ha annunciato di essere in procinto di acquisire aQuantive , azienda americana con sede a Seattle, proprietaria di alcuni importanti marchi per l’advertisement online come Avenue A – Razorfish e Atlas e con un portfolio di clienti importanti come McDonald’s e Nike .

BigM sborserà 66.5 dollari per azione, quasi il doppio del valore di mercato nella borsa statunitense, in un affare il cui valore complessivo supera i sei miliardi di dollari : il doppio di quanto sborsato da Google per DoubleClick lo scorso mese. Si tratta del più grande investimento mai sostenuto da Microsoft nella sua storia.

Microsoft pagherà le azioni aQuantive in contanti: nessun problema per l’azienda di Redmond, le cui casse dispongono di oltre 30 miliardi di dollari di liquidità . In passato Microsoft si è sempre mostrata poco incline a grossi investimenti: gli esperti sottolineano quindi l’importanza che questo notevole esborso deve rappresentare nelle strategie dell’azienda fondata da Bill Gates.

Soddisfazione è stata espressa da Microsoft attraverso le parole di uno dei suoi dirigenti, Kevin Johnson: “Questo accordo porta il nostro advertising business ad un nuovo livello”, ha detto il manager: “Ci consente di prendere una fetta più grande di una torta da 40 miliardi di dollari che sta ancora crescendo “. L’azienda ha inoltre smentito qualsiasi rischio di incorrere in azioni antitrust, possibilità invece ribadita per il caso Google-DoubleClick .

La mossa di Microsoft suona agli addetti ai lavori proprio come la risposta a quell’operazione di Google: il mercato pubblicitario online appare oggi come uno dei più vivi e movimentati del panorama economico (e gli studi sembrano confermare l’importanza di banner e compagnia bella). Lo dimostrerebbero anche le recenti mosse di Yahoo e WPP .

Eppure questa mossa di BigM non convince tutti . Sulle pagine di Forbes.com , Rachel Rosmarin e Brian Caulfield illustrano la loro analisi sull’affare appena annunciato: non solo aQuantive non garantirà a Microsoft i guadagni stellari che Google ha già annunciato per il primo trimestre dell’anno, ma non garantirebbe alcun vantaggio strategico neppure nel settore che oggi più di tutti appare come remunerativo e promettente, quello del search marketing .

Microsoft a loro dire non avrebbe compiuto una scelta lungimirante: AdWords di Google ha fatto la fortuna dell’azienda di Mountain View, e scegliere di non competere in questo campo potrebbe costituire un serio limite alle prospettive di crescita di BigM nel settore.

Altre acquisizioni potrebbero giovare: tuttavia un eventuale accordo con Yahoo, che rilancerebbe le prospettive nella competizione sui motori di ricerca, appare oggi più distante che mai, mentre il valore delle altre aziende specializzate nella pubblicità online continua a crescere come nel caso di ValueClick .

Opinione condivisa da Jonathan Dingman su Google Inside , che sottolinea come l’acquisizione di DoubleClick da parte di BigG sia stata una mossa strategica per mantenere il proprio vantaggio sulla concorrenza in tutto il settore, mentre la scelta di BigM invece appaia come un tentativo di rimediare ad una situazione stagnante per Microsoft adCenter .

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    "LOL" i militari congestionati...
    una bella scusa dato che con echelon la banda per ASCOLTARE (oltre che ANALIZZARE E STOCCARE) il mondo intero in real time ce l'hanno...
  • Anonimo scrive:
    Traduzione del sottotitolo
    Traduco (in lingua italiana) la prima frase del sottotitolo:"Dovrà ricredersi chi pensava che solo una manciata di paesi e governi facessero ricorso alle censure". :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Traduzione del sottotitolo
      - Scritto da:
      Traduco (in lingua italiana) la prima frase del
      sottotitolo:
      "Dovrà ricredersi chi pensava che solo una
      manciata di paesi e governi facessero ricorso
      alle
      censure".Guarda che e' corretta anche com'e'... l'analfabeta sei tu e non te ne rendi conto.
  • Anonimo scrive:
    Censura militare
    Mi sembra perfettamente lecito che un Esercito in guerra controlli quali contenuti sono pubblicati... forse molti dimenticano che propaganda e intelligence giocano un ruolo cruciale in qualsiasi guerra.Con ciò non voglio dire che sia lecito nascondere qualsiasi porcheria, ma neanche spararsi nei piedi lasciando uscire di tutto mi sembra una strategia vincente...
  • Anonimo scrive:
    Fanno bene
    Internet è una fogna. Era ora di ripulirla.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fanno bene
      tanto é l'Italia l'unico sbocco di quei condotti, perchè tanto é sempre marcia (troll4) @^
    • Anonimo scrive:
      Re: Fanno bene
      - Scritto da:
      Internet è una fogna. Era ora di ripulirla.Giusto, inizia ad andartene tu che e' gia' un bel passo avanti.
  • Anonimo scrive:
    Sul blocco di Youtube &Co
    le notizie che ho letto nei giorni scorsi (specie su Digg) dicevano che la spiegazione portata dai militari al blocco di tali siti era dovuta all'eccessiva fuga di informazioni specie dai soldati sparsi in giro per il mondo che li usano per uploadare il materiale raccolto durante il loro lavoro, molto del materiale che io ho visto e' ottimo e proviene da Iraq e Afghanistan ovviamente (ci sono moltissime foto in alta risoluzione in giro).Il blocco comunque e' applicato solo su quella parte di rete che e' in gestione alla difesa, connessioni tramite abbonamenti privati o altre vie non subiscono alcuna limitazione.
Chiudi i commenti