Si torna a parlare di Googlenet

Indiscrezioni scoppiettanti pubblicate dalla stampa britannica parlano di un ambizioso progetto del gigante di Mountain View, nientemeno che una googlerete


Mountain View (USA) – Colonizzare il mercato dell’ informatica domestica , dominare la ricerca delle informazioni online e creare un’ Internet parallela : ecco svelato il grande piano di Google . Naturalmente, si tratta solo di rumors : guai a chi dice il contrario, specialmente riguardo al progetto battezzato “Googlenet”.

Tuttavia, l’autorevole London Times ha ottenuto rivelazioni piccantissime da parte di un anonimo editore online: “Google è pronto a lanciare la propria rete privata, completamente gestita da server proprietari”. Secondo il Times, questo partner strategico di Google ha già avviato le trattative per “la fornitura di contenuti originali alla Internet alternativa fornita dal motore di ricerca”.

Qualche osservatore parla addirittura di Googlenet come il “piano per la conquista mondiale” ideato dal motore di ricerca.

La “rete alternativa”, stando alle indiscrezioni pubblicate dal quotidiano, sboccerà grazie alla diffusione capillare dei Google Cube , i PC a basso costo dell’azienda di Mountain View, equipaggiati con tutto il necessario per le telecomunicazioni digitali.

Facendo leva sul fascino di un PC completo a poco meno di 100 dollari, Google spera forse di conquistare nuovi terminali per la propria rete al ritmo di ogni macchina venduta. I portavoce dell’impero fondato da Brin e Page hanno prontamente smentito tutto: “Non siamo autorizzati a parlare di progetti non ancora lanciati”, dichiara BigG.

Resta il fatto che Google, ormai da tempo, continua imperterrito ad acquistare chilometri d’infrastrutture comunicative in fibra ottica. Un groviglio di cavi che si sviluppa da New York, e che Om Malik , editorialista di Forbes , descrive “in rapidissima espansione globale”.

Cosa si nasconde dietro questo ultimo, ambiziosissimo progetto di BigG? Un nuovo paradigma per la diffusione delle informazioni? Una nuova piattaforma digitale, invasiva e totalmente privata, per proporre prodotti e contenuti miratissimi?

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    IL FUTURO È NETSUKUKU
    IL FUTURO È NETSUKUKU... ;) ;) ;) http://punto-informatico.it/p.asp?i=55421&p=2&r=PI
    • Anonimo scrive:
      Re: IL FUTURO È NETSUKUKU
      Netsukuku a parte, che non e' ancora completamente funzionante, non avranno successo semplicemente perche' c'e' ancora un digital divide ENORME, perche' la gente non e' disposta a pagare SEMPRE e soprattutto, perche' l'anarchia regna sovrana in internet.E se alla fine per miracolo dovessero azzerarsi tutte e tre i punti prima esposti, c'e' sempre NETSUKUKU forever.Anzi quasi, quasi, corro a scaricarmi l'ultimo sorgente nel caso decidessero di far piazza pulita :-)
  • Anonimo scrive:
    Magari!!!
    Sarebbe la fine dei pinguinazzi opensorci comunistoidi!!!Finalmente avremmo una rete libera da virus, trojan, spyware.E resterebbero solo i VERI ESPERTI del computer e di quel magnifico SO che è Windows.Altro che scroccare gratis!!!! A lavorare!!!!Andrea win (win)(win)(win)
    • Anonimo scrive:
      Re: Magari!!!
      E' vero, pensa che ho una copia di Vista sin da quando Microsoft me l'ha inviata come versione alfa e girava gia' meglio di linuz
  • Anonimo scrive:
    soldi soldi soldi soldi soldi
    e basta.. cazzo ! tutti che vogliono i soldi... ma accontentatevi della passera! FREE INTERNET
    • Anonimo scrive:
      Re: soldi soldi soldi soldi soldi
      Ma più soldi hai e più passera ottieni. E' un binomio diabolico che non si riesce a scindere! E sarà pure la nostra rovina ... e dei nostri figli ... e dei figli dei nostri figli ... finchè giungeremo all'autodistruzione in un'orgia di SSS: sangue, soldi, sesso (il teorema delle famose tre esse).
  • Anonimo scrive:
    Fanno i conti "senza l'oste"
    Sara anche che vogliono far pagare tutto... ma poi bisogna vedere quanto vorra comprare la gente.Altrimenti si troveranno una vagonata di banda che non vorra nessuno. Se aumenta la banda ma non l'utilizzo non ci guadagnano niente... ed i soldi che la gente puo/vuole spendere in contenuti non sono destinati ad aumentare.Semmai il problema è a livello di libertà di espressione e diritti del cittadino...
  • JackVentura scrive:
    ... e se spegnessimo il computer?
    Non scherzo, ovviamente. Io con la Rete ci vivo, in un certo senso, perche' dalla Rete prendo i contenuti che mi servono per arricchire il mio know-how e vendere altri contenuti professionalmente per la carta stampata.Sarei, quindi, disposto anche a pagare se si dovesse, ma mi chiedo se non potrebbe essere il caso, di fronte a una Internet 'privatizzata' e 'monetizzata', di staccare il cavo telefonico e leggersi magari un buon libro.Se devo pagare, pago per dei contenuti 'solidi', a questo punto, almeno sono sicuro che i soldi (seppure in parte) andranno all'autore, oltre che all'editore.
    • alex.tg scrive:
      Re: ... e se spegnessimo il computer?
      Tse`, si fa presto a dire... a me piace programmare, e un libro non lo programmo. Proprio piacere artistico, intendo.
      • Anonimo scrive:
        Re: ... e se spegnessimo il computer?
        Quello che mi fa incacchiare è che internet poteva essere l'occasione per un qualcosa di "straordinariamente rivoluzionario". Andando avanti di questo passo lo ridurranno ad un volgare elettrodomestico dove, come per la tv, avrai solo l'impressione di buttare via il tuo tempo (e i tuoi soldi). Ma spero che salti fuori ancora una volta la variabile imprevista che rompa le uova nel paniere a questi bastardi.
  • Enzo4510 scrive:
    Re: internet = fatta con soldi pubblici
    - Scritto da: Anonimo
    Siamo alle solite. Un'infrastruttura fatta con
    soldi pubblici, che deriva la sua progettazione
    dai centri di ricerca e dalle università, i cui
    protocolli sono stati implementati in modo aperto
    da organizzazioni non a scopo di lucro,
    finanziate spesso da qualche stato, viene
    ceduta in usufrutto a gratis alle aziendone,
    che poi diranno, "internet l'abbiamo fatta noi"

    E' sempre cosi: le cose vengono fatte con enormi
    investimenti pubblici, poi cedute per un pezzo di
    pane ai pescecani di turno, che le fanno pagare
    carissime al pubblico (noi)Non capisco di cosa ci si lamenta....Hai voluto lo stato? Queste sono le conseguenze....O pensi che sia possibile che uno stato gestisca tutto per sempre?Aboliamo lo stato e nessuno ti verra a prendere con la forza del denaro (le tasse) con cui si fanno investimenti che poi vengono regalati alle multinazionali (cattive, ovvio, per definizione....)
  • Anonimo scrive:
    comunismo capitalistico
    Se tutti comprano un pezzo di una società sono soci."o lo ammazzi, o lo compri" (Il mio nome è nessuno)Non è esattamente come l'elezione di un governo. In linea puramente teorica qualcosa di più si può fare. Pensiamo un attimo se tutti fossimo azionisti di qualche ISP... Ecco, è solo un pensierino così, al volo, che mi è venuto.
  • Anonimo scrive:
    Ennesima conferma dei filtri di Libero?
    Rendere il filesharing p2p talmente lento da essere inutilizzabile.........Gli utenti di Libero ADSL ne sanno qualcosa.......... :'( Speriamo che il mercato, quello vero, sbatta fuori tutti questi truffatori.... :@
    • Anonimo scrive:
      Re: Ennesima conferma dei filtri di Libe
      Si possono ingannare questi filtri... per esempio BitComet è un client BitTorrent immune al filtro (cripta i pacchetti) e per il mulo non penso ci voglia molto prima che si adegui...La rete si adatta, assimila i cambiamenti... :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ennesima conferma dei filtri di Libe
      - Scritto da: Anonimo
      Gli utenti di Libero ADSL ne sanno
      qualcosa.......... :'( E perché continui ad usare Libero?Io dai loro "servizi" mi sono tolto un sacco di tempo fa.Ti stanno truffando, agisci.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ennesima conferma dei filtri di Libe
        Perche libero ha un contratto capestro che a meno di disdire 60 gg prima del rinnovo annuale ti salassa.Poi magari perchè hai insieme il contratto TuttoIncluso che copre anche la fonia e per varie discutibili ragioni non lo vuoi togliere....Pero si può sempre rispondere tecnologicamente con bitcomet o pretendere *legalmente* che il p2p funzioni, dato che in se il p2p nn e illegale
  • Anonimo scrive:
    [OT] Allarmismo
    E' una mia impressione o ultimamente PI sta diventando un pò troppo allarmista?
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] Allarmismo
      - Scritto da: Anonimo
      E' una mia impressione o ultimamente PI sta
      diventando un pò troppo allarmista?Non sarà che è il mondo ad essere sempre più allarmante?[OT ma non troppo]Guarda le ambasciate date alle fiamme per qualche vignetta (di cattivo gusto, forse, ma sempre vignetta!)[/OT]
      • sandcreek scrive:
        Re: [OT] Allarmismo
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        E' una mia impressione o ultimamente PI sta

        diventando un pò troppo allarmista?

        Non sarà che è il mondo ad essere sempre più
        allarmante?Secondo me sarebbe bene cacciare la testa sotto la sabbia
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] Allarmismo
          - Scritto da: sandcreek

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          E' una mia impressione o ultimamente PI sta


          diventando un pò troppo allarmista?



          Non sarà che è il mondo ad essere sempre più

          allarmante?

          Secondo me sarebbe bene cacciare la testa sotto
          la sabbiaNon impedisce al cacciatore di spararti nel c....
  • Anonimo scrive:
    Presto pagheremo pure l'aria
    Se andiamo avanti di questo passo va a finire che dovremo pure pagare per l'aria che respiriamo .Già sto pensando alle tariffe e a quanto potrebbero mettercela a metro cubo. Con l'acqua ci stanno provando già da un po, con i soliti noti che vorrebbero mettere le mani sugli acquedotti privatizzandoli.Beh, dopo che avranno privatizzato l'acqua passseranno all'aria.Del resto il passo è breve.
    • Anonimo scrive:
      Re: Presto pagheremo pure l'aria
      - Scritto da: Anonimo
      Se andiamo avanti di questo passo va a finire
      che dovremo pure pagare per l'aria che respiriamo
      .
      Già sto pensando alle tariffe e a quanto
      potrebbero mettercela a metro cubo. Con l'acqua
      ci stanno provando già da un po, con i soliti
      noti che vorrebbero mettere le mani sugli
      acquedotti privatizzandoli.
      Beh, dopo che avranno privatizzato l'acqua
      passseranno all'aria.
      Del resto il passo è breve.

      Hillarie BellocLa società servileLiberilibriScritto negli anni 30! E ho detto tutto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Presto pagheremo pure l'aria

        Hillarie Belloc
        La società servile
        Liberilibri

        Scritto negli anni 30! E ho detto tutto.Degli anni 30? Allora è scaduto il copyright! Fai una bella cosa: passalo allo scanner e fanne un pdf, perchè l'unica cosa che ottieni nei risultati di Google per la voce "La società servile", sono i tuoi interventi qua su PI! (rotfl)
    • soulista scrive:
      Re: Presto pagheremo pure l'aria
      - Scritto da: Anonimo
      Se andiamo avanti di questo passo va a finire
      che dovremo pure pagare per l'aria che respiriamo
      .
      Già sto pensando alle tariffe e a quanto
      potrebbero mettercela a metro cubo. Con l'acqua
      ci stanno provando già da un po, con i soliti
      noti che vorrebbero mettere le mani sugli
      acquedotti privatizzandoli.
      Beh, dopo che avranno privatizzato l'acqua
      passseranno all'aria.
      Del resto il passo è breve.

      E una tassa SIAE su ogni cervello in quanto supporto di archiviazione per possibili dati protetti da copyright...(sempre che non ci sia già)
    • Anonimo scrive:
      Re: Presto pagheremo pure l'aria
      - Scritto da: Anonimo
      Se andiamo avanti di questo passo va a finire
      che dovremo pure pagare per l'aria che respiriamo
      .
      Già sto pensando alle tariffe e a quanto
      potrebbero mettercela a metro cubo. Con l'acqua
      ci stanno provando già da un po, con i soliti
      noti che vorrebbero mettere le mani sugli
      acquedotti privatizzandoli.
      Beh, dopo che avranno privatizzato l'acqua
      passseranno all'aria.
      Del resto il passo è breve.

      E così dovresti andare a lavorare, invece che star qui a trollare su PI.La zappa, se vuoi, te la pago io.
      • Anonimo scrive:
        Re: Presto pagheremo pure l'aria
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Se andiamo avanti di questo passo va a finire

        che dovremo pure pagare per l'aria che
        respiriamo

        .

        Già sto pensando alle tariffe e a quanto

        potrebbero mettercela a metro cubo. Con l'acqua

        ci stanno provando già da un po, con i soliti

        noti che vorrebbero mettere le mani sugli

        acquedotti privatizzandoli.

        Beh, dopo che avranno privatizzato l'acqua

        passseranno all'aria.

        Del resto il passo è breve.




        E così dovresti andare a lavorare, invece che
        star qui a trollare su PI.
        La zappa, se vuoi, te la pago io.Mi sa che il troll sei proprio tu, in quanto al lavoro credo che ti farebbe bene. Ma non la zappa , il piccone da miniera ti sarebbe più adatto così almeno non troveresti il tempo per venire quì a rompere i marroni e a far perdere tempo per rispondere alle tue vuote provocazioni.
  • Anonimo scrive:
    Re: Potreste controllare la colazione di
    Sono daccordo che l'implementazione di tutto richiederebbe diverso tempo, pero` ragionando in termini di spiccioli:Io per esempio Colt che devo sostituire tutti i miei host in giro per il mondo per aggiornarmi a IPV6 devo spendere una bella cifra. E come mi rientra l'investimento? non lo so.Mentre se aggiorno i miei sistemi su determinati segmenti di rete per poter allestire un sistema che fa pagare anche il singolo bit, il rientro dell'investimento lo posso calcolare e magare se la cosa e` allettante, darmi anche una svegliata per implementare il sistema alla svelta.
    • alex.tg scrive:
      Re: Potreste controllare la colazione di
      Non nego che l'ipotesi nel piccolo regge, "gia` che dobbiamo aggiornare i routers", ma... possibile che in tutto il mondo la penserebbero allo stesso modo? Non che sia impossibile, e io personalmente posso essere molto paranoide, ma a questo davvero non avevo mai pensato. Mah, va be', diciamo che preferisco continuare a non pensarci, per ora, e bollare la notizia come inutile allarmismo, specie con quel titolo poi...
  • Anonimo scrive:
    Gli Stati Uniti sono alla frutta !
    La fine della rete o la Fine degli Stati Uniti ?
  • Anonimo scrive:
    2 modi per combattere :
    1. Acquistiamo banda per non lasciagliela tutta (come si fa non lo so ancora, ma è un'idea)2. Diamogli fuoco =¦o)3. Ci troviamo fuori al bar per una birretta.... e che vadanvialcü.
    • Anonimo scrive:
      Re: 2 modi per combattere :

      3. Ci troviamo fuori al bar per una birretta....
      e che vadanvialcü.Problema è che anche al bar c'è lo squaletto di quartiere con la sua piccola congrega mafiosa. Anche al bar c'è lo "stronzetto" che vuole comandare su tre metri quadri di mattonelle. E' questa gente che fa il mondo ed è da questa gente che non riusciamo proprio a liberarci. Come riesci a crearti una zona franca senza sti' rompicaXXi, stai tranquillo che appena se ne accorgono ci vogliono mettere le mani loro! Dobbiamo arrivare a violente e ripetute mazzate nei denti, perchè questi capiscono solo questa forma di comunicazione!
  • Anonimo scrive:
    E' possibile che sia la fine della rete
    La rete e cresciuta in questi anni per la quantità di contenuti gratuiti che ci sono al interno di essa. Se domani questi verranno a mancare semplicemente sarà il crollo della stessa. Il grande salto che fatto la rete e dovuto al abbattimento dei costi di connessione (tariffe flat) che ha permesso alla gente di connettersi ad internet ad un costo fisso e tutto sommato economico, se domani il costo aumenta in modo sproporzionato quanti saranno quelli disposti ad usarla . Se un determinato prodotto costa di più di quello che me posso e/o voglio permettere semplicemente non lo compro, è una semplice regola della economica.Il voip per esempio perché viene usato, per risparmiare se vi costa tanto o di più che il telefono normale lo useresti?E vero che la tentazione di tassare internet e grande ma che il rischio che alla fine non rimanga niente su che fare affari.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' possibile che sia la fine della r
      - Scritto da: Anonimo
      La rete e cresciuta in questi anni per la
      quantità di contenuti gratuiti che ci sono al
      interno di essa. Se domani questi verranno a
      mancare semplicemente sarà il crollo della
      stessa.

      Il grande salto che fatto la rete e dovuto al
      abbattimento dei costi di connessione (tariffe
      flat) che ha permesso alla gente di connettersi
      ad internet ad un costo fisso e tutto sommato
      economico, se domani il costo aumenta in modo
      sproporzionato quanti saranno quelli disposti ad
      usarla . Se un determinato prodotto costa di più
      di quello che me posso e/o voglio permettere
      semplicemente non lo compro, è una semplice
      regola della economica.Leggi bene. Non vogliono aumentare il costo a te. Vogliono privilegiare chi voglion, in modo da azzerare i contenuti fuori dal controllo delle major dei media.

      Il voip per esempio perché viene usato, per
      risparmiare se vi costa tanto o di più che il
      telefono normale lo useresti?Si. Mi permette di criptare le mie comunicazioni ed essere certo che qualche "analista" della NSA non passa il tempo a ridere dei miei problemi con la morosa (magari puntando il satellite sulle sue finestre per vedere se ne vale la pena). E no, non sono paranoico, ho solo coscienza dei progressi tecnologici e della natura umana.

      E vero che la tentazione di tassare internet e
      grande ma che il rischio che alla fine non
      rimanga niente su che fare affari.Il che, per chi non vuole alternative all'informazione televisiva ("infotainment"), è un risultato altrettanto valido.
  • Anonimo scrive:
    Re: Tra il dire e il fare...............

    Io non so com'è ma non riesco ad essere
    preoccupato ,perchè ho sempre avuto molta fiducia
    nelle capacità dei geni della rete, i quali
    hanno dato battaglia già in passato e lo stanno
    facendo tuttora e lo faranno anche in futuro
    qualora tali nefaste intenzioni dovessero
    tramutarsi in realtà.I "geni della rete"...
    I furbi(si fa per dire) prima ci hanno dato la
    rete gratis in modo da creare il bisogno ed ora
    che il bisogno c'è vorrebbero fartelo pagare
    Io già pago per essere connessoE allora perche' dici
    I furbi(si fa per dire) prima ci hanno dato la
    rete gratis.Non e' mai stata gratis.I costi li hai sempre sostenuti, se non tu, un altro, ma ci son sempre stati.
    e mai accetterò
    di pagare due volte.Nessuno ti obbliga. Non vuoi un servizio a pagamento, non lo sottoscrivi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tra il dire e il fare...............
      - Scritto da: Anonimo


      Io non so com'è ma non riesco ad essere

      preoccupato ,perchè ho sempre avuto molta
      fiducia

      nelle capacità dei geni della rete, i quali

      hanno dato battaglia già in passato e lo stanno

      facendo tuttora e lo faranno anche in futuro

      qualora tali nefaste intenzioni dovessero

      tramutarsi in realtà.

      I "geni della rete"...A giudicare dalle tue risposte non so se potresti far parte di tale categoria.


      I furbi(si fa per dire) prima ci hanno dato la

      rete gratis in modo da creare il bisogno ed ora

      che il bisogno c'è vorrebbero fartelo pagare


      Io già pago per essere connesso

      E allora perche' diciNon far finta di non capire .


      I furbi(si fa per dire) prima ci hanno dato la

      rete gratis. Gratis è sempre stata la navigazione , ma per entrare in rete io pago, il mio provider.Questi invece vorrebbero farti pagare anche dopo che sei entrato. Se a te sta bene , a me no.
      Non e' mai stata gratis.
      I costi li hai sempre sostenuti, se non tu, un
      altro, ma ci son sempre stati.Ah si?? E i soldi che pago tutti i mesi per la mia adsl a chi vanno? Ai frati cappuccuni?

      e mai accetterò

      di pagare due volte.

      Nessuno ti obbliga. Non vuoi un servizio a
      pagamento, non lo sottoscrivi.Infatti non lo sottoscriverei mai , ma ciò non significa che non navigherei ugualmente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Tra il dire e il fare...............
        Quotissimo tutto, il problema è: come possiamo reagire se questo schifo diventa la prassi?Parlo per esperienza personale: qua in UK ho dovuto passare giorni nei forum per decidere con che provider mettermi, dato che la magior parte ha politiche di "prioritizzazione del traffco", e dopo pochi mesi il provider che ho scelto, che nn faceva ste porcate, è stato comprato da un altro e mi son trovato costretto a cambiare.Sacrosanto il dire che bisogna votare col portafogli in questi casi, ma il problema è che tra un po'nn avremo alternative.
  • Anonimo scrive:
    L'avevo letto
    Se veramente faranno pagare questo, sara' un problema per noi ma anche per le aziende come Googlehttp://voipnews.it/2006/01/24/internet-a-due-velocita
  • Anonimo scrive:
    Modello fallimentare
    Secondo me si tratterebbe di un modello destinato al fallimento per chi lo adotterebbe. Chi lo propone non ha ancora capito che su Internet la risorsa che ha valore è la reciproca collaborazione fatta di capitale umano, conoscenza, software e hardware. Posso disporre di 100 aerei, ma se non ho chi me li pilota, che me ne faccio degli aerei? Resto a terra.Posso disporre di 100 piloti, ma se non ho gli aerei, che me ne faccio dei piloti? Resto a terra.
  • Anonimo scrive:
    e' l'informazione ha rischio
    Il far pagare un tot a byte è il fumo che buttano negli occhi agli utenti. In realtà ciò a cui mirano è controllare l'informazione, sempre più persone capiscono che l'informazione va cercata e non bevuta dai girnali e tg lottizati e corrotti. E questo fa paura ai grandi....
    • Anonimo scrive:
      Re: e' l'informazione ha rischio
      - Scritto da: Anonimo
      Il far pagare un tot a byte è il fumo che buttano
      negli occhi agli utenti.Pero' e' un fumo che renderebbe molto. Con cui farebbero tante cose, controllo migliore, altri piani sociopoliticoeconomico, insomma tutto sarebbe piu' facile. Quindi non e' solo fumo. Anche perche' sarebbe un fumo assai caro.
      • Anonimo scrive:
        Re: e' l'informazione ha rischio
        concordo, non è solo fumo è anche denaro. Ma la gente si arrabbierà del denaro senza rendersi condo che perderà qualcosa di più importante
  • Anonimo scrive:
    Tra il dire e il fare................
    Io non so ancora in che modo (tecnicamente parlando) riusciranno a far pagare per raggoingere determinati obiettivi in rete.Però come si suol dire "tra il dire e il fare ci sta il mare."E il mare siamo noi utenti, l'immenso popolo della rete che non ci sta , e che mai accetterà che la rete faccia una simile ed ingloriosa fine.Io non so com'è ma non riesco ad essere preoccupato ,perchè ho sempre avuto molta fiducia nelle capacità dei geni della rete, i quali hanno dato battaglia già in passato e lo stanno facendo tuttora e lo faranno anche in futuro qualora tali nefaste intenzioni dovessero tramutarsi in realtà.I furbi(si fa per dire) prima ci hanno dato la rete gratis in modo da creare il bisogno ed ora che il bisogno c'è vorrebbero fartelo pagare. Un po come hanno sempre fatto i venditori di droga, prima ti danno la roba gratis e dopo quando non puoi farne a meno ti strozzano.Beh; resta tutto da vedere se lo stesso giochetto riuscirà anche agli imbrigliatori della rete.Io già pago per essere connesso e mai accetterò di pagare due volte. Quindi siete avvisati.
  • alex.tg scrive:
    Potreste controllare la colazione di...
    ...Jeff Chester per qualsiasi sostanza fuori dall'ordinario?Una cosa del genere e` infinitamente meno verosimile del passaggio a IPv6, che gia` di per se e` difficile; figuriamoci se con tutti i problemi veri che ci sono ci si deve anche preoccupare di allarmismi del genere. Ma fare i profeti di sventure su elucubrazioni d'infinita improbabilita`, rende?
  • Anonimo scrive:
    Re: internet = fatta con soldi pubblici
    (..)
    E' sempre cosi: le cose vengono fatte con enormi
    investimenti pubblici, poi cedute per un pezzo di
    pane ai pescecani di turno, che le fanno pagare
    carissime al pubblico (noi)anche se la cosa e' (ovviamente) piu complessa... cmq parole sante!in italia poi si e' visto alla grande... sto giochino... specie durante la gestione dell'IRI da parte di Mortadella
    • Anonimo scrive:
      Re: internet = fatta con soldi pubblici

      cmq parole sante!ma va la'.
      in italia poi si e' visto alla grande... sto
      giochino... specie durante la gestione dell'IRI
      da parte di Mortadellasi vede solo quel che si vuol vedere, molti chiudono un occhio, moltissimi tutti e due, i piu' sono ciechi che non vogliono ammetere di non poter vedere.
      • Anonimo scrive:
        Re: internet = fatta con soldi pubblici

        si vede solo quel che si vuol vedere, molti
        chiudono un occhio, moltissimi tutti e due, i
        piu' sono ciechi che non vogliono ammetere di non
        poter vedere.infatti, se non avese ricordato che si trattava di "er mortazza", tutti avrebbero detto "è colpa di berlusconi"...giusto per amore di verità
        • Anonimo scrive:
          Re: internet = fatta con soldi pubblici

          infatti, se non avese ricordato che si trattava
          di "er mortazza", tutti avrebbero detto "è colpa
          di berlusconi"

          ...giusto per amore di veritàLascia perdere che sono mesi che penso a chi dare il voto, ma fra i due candidati non so proprio decidere quale sia meglio!http://www.avp-movie.com/italian/avpvote/votenow.html
          • Anonimo scrive:
            Re: internet = fatta con soldi pubblici
            - Scritto da: Anonimo


            infatti, se non avese ricordato che si trattava

            di "er mortazza", tutti avrebbero detto "è colpa

            di berlusconi"



            ...giusto per amore di verità

            Lascia perdere che sono mesi che penso a chi dare
            il voto, ma fra i due candidati non so proprio
            decidere quale sia meglio!

            http://www.avp-movie.com/italian/avpvote/votenow.hGrande. E' da tanto che la penso nello stesso modo.L'alternanza degli uguali.... (e intanto ci hanno tolto anche la possibilità di scegliere qualche nome meno compromesso, grazie alla legge elettorale che cancella le preferenze e consegna l'elezione nelle mani del segretario di partito. E il cosiddetto garante della Costituzione ha firmato! )
  • EveryMan scrive:
    Re: Analogia: il telefono
    Non dare suggerimenti!
    • Anonimo scrive:
      Re: Analogia: il telefono
      - Scritto da: EveryMan
      Non dare suggerimenti!Come se servissero! Hanno inventato da decenni la la tariffa urbana a tempo, mica sono dilettanti.
  • Anonimo scrive:
    internet = fatta con soldi pubblici
    Siamo alle solite. Un'infrastruttura fatta con soldi pubblici, che deriva la sua progettazione dai centri di ricerca e dalle università, i cui protocolli sono stati implementati in modo aperto da organizzazioni non a scopo di lucro,finanziate spesso da qualche stato, vieneceduta in usufrutto a gratis alle aziendone,che poi diranno, "internet l'abbiamo fatta noi"E' sempre cosi: le cose vengono fatte con enormi investimenti pubblici, poi cedute per un pezzo di pane ai pescecani di turno, che le fanno pagare carissime al pubblico (noi)
  • Anonimo scrive:
    Analogia: il telefono
    Telecom che chiede un tot a parola.
    • The_GEZ scrive:
      Re: Analogia: il telefono
      Ciao Anonimo !
      Telecom che chiede un tot a parola. Non vorrei distruggerti un mito ma ... funziona già così !Prendi il telefono, telefona a qualcuno, diglia "CIAO !" e riattacca ... e controlla la spesa.Ripeti quanto sopta ma al posto di "CIAO !" recita il primo canto dell' inferno di Dante, riaggancia e controlla la spesa.Sorpreso ?Ah ! telecom fa anche di più per evitare che troppa gente usi il telefono solo per salutarsi usa lo scatto alla risposta e per evitare che al telefono la gente indugi in pause di riflessione paghi anche se stai zitto.
  • Anonimo scrive:
    La morte di internet
    Nulla di più, nulla di meno.
  • Anonimo scrive:
    Il MAGNA-MAGNA gobale
    Le Multinazionali dell' Impero del male si apprestano a spartirsi il bottino di Internet.
  • Anonimo scrive:
    non è un problema..
    Se accade una cosa del genere smetto di usare Internet, tanto ormai ho perso interesse per molte cose che mi interessavano.Il computer serve a tantissime altre cose, non solo per navigare in internet! Ma ce lo siamo dimenticati? Anzi probabilmente al contrario di quello che si dice, Internet ha ucciso la creatività, quando un decennio fa ero costretto a pagare cifre assurde per collegarmi con un modem 33,6.. preferivo stare ore ed ore su programmi di grafica 3D, fotoritocco ecc.. per non parlare dell'entusiasmo che avevo nell'imparare la programmazione, sperando un giorno di diventare uno sviluppatore di videogame. Quando uscirono le flat, iniziai a passare il tempo in chat e su siti di dating, perdendo tempo dietro ad oche obese che se la tiravano in modo pazzesco. Ora sono un fotografo, la compagnia femminile decisamente non mi manca e man mano sono tornato ad utilizzare il computer per scopi realmente creativi!
    • Anonimo scrive:
      Re: non è un problema..
      Io direi che non è un problema ...... perchè tanto i granai so' pieni !Ciao,Piwi
    • Anonimo scrive:
      Re: non è un problema..

      preferivo stare ore ed ore su programmi di grafica 3D, fotoritocco ecc.. per non parlare dell'entusiasmo che avevo nell'imparare la programmazione, ...Concordo in pieno, purtroppo oggi: PC=Internet .Il PC è usato spesso solo come una "consolle" per navigare (una specie di televisore modificato).La colpa non è mia ...Installo molti computer, cerco di far usare Gimp (o CorelDraw craccato), programmi per musica, cerco di dare i rudimenti per creare una pagina html ...Ma alla fine devo arrendermi a spiegare come si fanno le ricerche migliori su google, quali siti ti danno porno senza pagare, vedere dove/cosa realmente puntano i link, come si invia una mail con allegato e l'ultima moda/internet del momento ... Quel che mi fa spesso rabbia è che sono PC "ultimo modello" il doppio/triplo più performanti del mio e ne sfruttano solo il culo.Ahh ... che bello disegnare un fiore con LightWave ...(anche se ci vuole una settimana)Alessandro.
  • Anonimo scrive:
    quando una cosa diventa interessante
    Quando una cosa diventa interessante commercialmente è l'inizio della sua fine.Finchè non ci sono grossi interessi economici in ballo tutto gira bene e c'è creatività, appena si intravede un business tutto inizia ad andare in mano a poche multinazionali che lo gestiscono in oligopolio e iniziano limitazioni e via dicendo.Che internet abbia a questo punto fatto il suo tempo e si debba creare qualcosa di nuovo ?Lascio a voi la risposta, non mi piacerebbe che internet si trasformasse in un grosso centro commerciale.
    • Anonimo scrive:
      Re: quando una cosa diventa interessante
      Credo che tu non abbia tutti i torti. Forse bisogna cominciare a pensare qualcosa di nuovo. E' sotto gli occhi di tutti il fatto che, rispetto al '96, Internet sia diventata Wcnet.
      • Anonimo scrive:
        Re: quando una cosa diventa interessante
        - Scritto da: Anonimo
        Credo che tu non abbia tutti i torti.Uno gli e' sfuggito.
        Forse
        bisogna cominciare a pensare qualcosa di nuovo.Sentiamo l'intelligente proposta.
        E' sotto gli occhi di tutti il fatto che,
        rispetto al '96, Internet sia diventata Wcnet.Eh si... l'Internet dei bei tempi, dei pionieri, delle terre fertili, "qui una volta era tutta campagna, c'era un boschetto di modem e pedalavo con la mia pentiumcicletta per le belle valli di Netscape".Internet e' diventata Wcnet?Cessa di usarla.
        • soulista scrive:
          Re: quando una cosa diventa interessante
          - Scritto da: Anonimo
          Eh si... l'Internet dei bei tempi, dei pionieri,
          delle terre fertili, "qui una volta era tutta
          campagna, c'era un boschetto di modem e pedalavo
          con la mia pentiumcicletta per le belle valli di
          Netscape"."Il vecchio Peebody... era il solo proprietario, qui, e gli venne la folle idea di piantare alberi di pino..."
    • Anonimo scrive:
      Re: quando una cosa diventa interessante
      - Scritto da: Anonimo
      Quando una cosa diventa interessante
      commercialmente è l'inizio della sua fine.La musica e' commercialmente interessante, ma e' floridissima, il panorama artistico e creativo mondiale e senza limiti.L'insegnamento delle lingue e' commercialmente interessante, eppure ci sono centinaia di ottime scuole private.
      Finchè
      non ci sono grossi interessi economici in ballo
      tutto gira bene e c'è creatività, appena si
      intravede un business tutto inizia ad andare in
      mano a poche multinazionali che lo gestiscono in
      oligopolio e iniziano limitazioni e via dicendo.Abbiamo appena visto che questa non e' una regola.
      Che internet abbia a questo punto fatto il suo
      tempo e si debba creare qualcosa di nuovo ?Si Internet ha completamente fallito. Allora potremmo iniziare a fare il telefono senza fili, io ti bisbiglio una cosa nell'orecchio, e tu fai lo stesso a tua volta con un altro.
      Lascio a voi la risposta, non mi piacerebbe che
      internet si trasformasse in un grosso centro
      commerciale.Eccone un altro che non ha mai visto ebay.
      • Anonimo scrive:
        Re: quando una cosa diventa interessante
        La musica infatti è in crisi a causa delle politiche commerciali di un oligopolio di major produttrici. Ma dove hai vissuto finora? In un libro sulla Reaganomics?E-bay esiste ed è florida, ma non sono costretto ad utilizzarla (e infatti non lo faccio), diverso sarebbe se fossi costretto a pagare per fruire di contenuti che oggi visiono gratutitamente. E' questo il punto dell'articolo. Rileggilo, te lo consiglio.
      • Anonimo scrive:
        Re: quando una cosa diventa interessante

        Eccone un altro che non ha mai visto ebay.Ma cosa vuol dire. L'articolo mette in luce il fatto che internet rischia di diventare "solo" ebay, quindi non comprendo dove vuoi arrivare col tuo sarcasmo.E ovvio che per molti squali (che frequentano anche PI) questa è un'altra opportunità. Magari sei uno di quelli!
  • Anonimo scrive:
    staccarsi dai modelli americani
    come da titolo!
    • Anonimo scrive:
      Re: staccarsi dai modelli americani
      - Scritto da: Anonimo
      come da titolo!Un po' pochino.Attendiamo anche il progetto di fattibilita'.
  • Anonimo scrive:
    Violazione di copyright
    Se qualche provider si fa pagare in modo specifico per del contenuto scaricato dal mio sito lo denuncio per violazione di copyright.Anche se si fa pagare per la banda o il traffico utilizzato, è come se io vendessi un film pirata dicendo che mi faccio pagare solo per il supporto (DVD).Se vuoi vendere appositamente la banda utilizzata contenente il materiale del mio sito, devi avere un accordo con me e dividere il guadagno, sempre che poi io non voglia invece renderlo gratuito.
    • Anonimo scrive:
      Re: Violazione di copyright
      - Scritto da: Anonimo
      Se qualche provider si fa pagare in modo
      specifico per del contenuto scaricato dal mio
      sito lo denuncio per violazione di copyright.Materialmente come fai a sostenere cause legali in giro per il mondo, in paesi dove magari sia legale fare quello che fanno?Ti sembra onestamente fattibile?
      • Anonimo scrive:
        Re: Violazione di copyright

        Materialmente come fai a sostenere cause legali
        in giro per il mondo, in paesi dove magari sia
        legale fare quello che fanno?
        Ti sembra onestamente fattibile?e' sufficiente che vada a segno una sola singola causa per stabilire un precedente che comunque nel mondo anglosassone ha praticamente valore di legge.
    • Anonimo scrive:
      Re: Violazione di copyright
      Il punto non è questo: semplicemente al tuo sito non ci arriverà più nessuno, dato che gli utenti ORO difficilmente ci andranno egli utenti Argento non ne sapranno nulla dato che il tuo sito non verrà mandato nei contenuti pacchettizzati. Inoltre se pure dovesse finirci su qualcuno, sarà lentissimo e con accesso di banda non garantito e bassa priorità. Questo è il vero rischio.
  • Anonimo scrive:
    E che male c'è?
    E' un modo per dare maggiore valore economico alla rete. Ben vengano queste cose!
    • Anonimo scrive:
      Re: E che male c'è?
      La rete ha bisogno di maggior valore informativo, tutt'al più culturale.Il "maggiore valore economico" che dici tu serve soltanto alle grandi aziende e ai soliti noti per spillare soldi alla gente.
    • Anonimo scrive:
      Re: E che male c'è?
      - Scritto da: Anonimo
      E' un modo per dare maggiore valore economico
      alla rete. Ben vengano queste cose!Voi avete un concetto di economia piuttosto bizzarro.Innanzitutto, il costo della struttura non è che non venga pagato: mi risulta che il signor Soru intaschi da me ogni mese 30 eurozzi.Se vuoi fare dei servizi in più, allora crei un mercato di contenuti a pagamento, se li voglio te li pago.Ma farmi pagare di più su contenuti che non sono i tuoi è un arricchimento non giustificato.Per te che mi fornisci banda, il costo è quanto banda consumo, non che cosa scarico. Se sto scaricando le barzellette di bastardidentro o il trattato sulla relativita', questo per te non fa nessuna differenza.E sinceramente, non te ne deve fregare: io pago e scarico quello che voglio (nella legalita', ovviamente)Economia non significa "mi porto a casa più soldi possibili inculando il prossimo".
      • Anonimo scrive:
        Re: E che male c'è?
        - Scritto da: Anonimo
        Economia non significa "mi porto a casa più soldi
        possibili inculando il prossimo".Ne sei sicuro? Per me se metti questa definizione su Wikipedia te la danno buona.
    • Anonimo scrive:
      Re: E che male c'è?
      - Scritto da: Anonimo
      E' un modo per dare maggiore valore economico
      alla rete. Ben vengano queste cose!PPPPpppppppprrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr!!!!!!!!!!!!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      TROLL WARNING !!!!
      E voi rispondete anche?!!
    • Anonimo scrive:
      Re: E che male c'è?
      - Scritto da: Anonimo
      E' un modo per dare maggiore valore economico
      alla rete. Ben vengano queste cose!Ma tu ringrazia che esiste internet! Fossimo in piazza ti saresti già preso una compilation di calci nel sedere!Trova il modo di fare l'imprenditore senza rompere le palle agli altri che è meglio!
    • Anonimo scrive:
      Re: E che male c'è?
      - Scritto da: Anonimo
      E' un modo per dare maggiore valore economico
      alla rete. Ben vengano queste cose!Il lombroso, leggento il tuo post, avrebbe ipotizzato una omosessualità latente, sei stato abituato a prenderlo ner chiulo da sempre.
  • Anonimo scrive:
    se succede davvero
    torno alle bbs
    • Anonimo scrive:
      Re: se succede davvero
      che sono le bbs?
      • CoreDump scrive:
        Re: se succede davvero
        - Scritto da: Anonimo
        che sono le bbs?http://it.wikipedia.org/wiki/BBS
        • beka scrive:
          Re: se succede davvero
          - Scritto da: CoreDump

          - Scritto da: Anonimo

          che sono le bbs?

          http://it.wikipedia.org/wiki/BBSSniff sniff....malinconia! :'( :'( :'(
    • Anonimo scrive:
      Re: se succede davvero
      - Scritto da: Anonimo
      torno alle bbsMa prima o poi un router della Cisco a monte te lo becchi.
      • Anonimo scrive:
        Re: se succede davvero
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        torno alle bbs

        Ma prima o poi un router della Cisco a monte te
        lo becchi.Guarda che si parla di una realta' locale, non collegata a Internet.
        • Anonimo scrive:
          Re: se succede davvero
          Cmq fanno i conti senza pensare che il tutto è "sponsorizzato" da noi. Se internet non sarà più alla portata di tutti ci inventeremo qualcos'altro e i loro interessi svaniranno...
  • Anonimo scrive:
    A casa mia si chiama darsi ....
    A casa mia si chiama darsi le martellate sui coxioni ! 8)
  • EverythingYouKn scrive:
    Passiamo al wi-fi oppure radioamatori!!!
    In caso passiamo tutti al wi-fi O MEGLIO diventiamo radioamatori!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Passiamo al wi-fi oppure radioamator
      E bravo.Dove pensi che vada a finire il traffico wi-fi?
      • EverythingYouKn scrive:
        Passiamo al wi-fi oppure radioamatori!!!
        - Scritto da: Anonimo
        E bravo.
        Dove pensi che vada a finire il traffico wi-fi?il wi-fi sono reti locali senza fili (http://it.wikipedia.org/wiki/Wi-fi) così come senza fili è tutta l'attività dei cb, radioamatori ecc. ecc.....Quanto sopraddetto oltre ad essere più economico è anche molto più difficile da controllare!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Passiamo al wi-fi oppure radioamator
          - Scritto da: EverythingYouKn
          - Scritto da: Anonimo

          E bravo.

          Dove pensi che vada a finire il traffico wi-fi?
          il wi-fi sono reti locali senza fili
          (http://it.wikipedia.org/wiki/Wi-fi) così come
          senza fili è tutta l'attività dei cb,
          radioamatori ecc. ecc.....
          Quanto sopraddetto oltre ad essere più economico
          è anche molto più difficile da controllare!!!Beata fantasia. E il router Wi-fi te lo costruisci in casa?Lo compri, e se un produttore decide di controllare la gestione dei pacchetti sui suoi apparati alla maniera descritto nell'articolo, cambia nulla.
          • Anonimo scrive:
            Re: Passiamo al wi-fi oppure radioamator
            - Scritto da: Anonimo

            Quanto sopraddetto oltre ad essere più economico

            è anche molto più difficile da controllare!!!

            Beata fantasia. E il router Wi-fi te lo
            costruisci in casa?Esatto. Non che ci voglia molto, in effetti...
            Lo compri, e se un produttore decide di
            controllare la gestione dei pacchetti sui suoi
            apparati alla maniera descritto nell'articolo,
            cambia nulla.Modifichi il firmware?
          • Anonimo scrive:
            Re: Passiamo al wi-fi oppure radioamator
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            Quanto sopraddetto oltre ad essere più
            economico


            è anche molto più difficile da controllare!!!



            Beata fantasia. E il router Wi-fi te lo

            costruisci in casa?

            Esatto. Non che ci voglia molto, in effetti...


            Lo compri, e se un produttore decide di

            controllare la gestione dei pacchetti sui suoi

            apparati alla maniera descritto nell'articolo,

            cambia nulla.

            Modifichi il firmware?Nessuno sel lo ricorda il packet radio? :D .http://www.google.it/search?hl=it&q=packet+radio&btnG=Cerca+con+Google&meta=
          • Anonimo scrive:
            Re: Passiamo al wi-fi oppure radioamator
            Per trasmettere ad una velocita` decente devi utilizzare frequenze alte, Ghz per avere una discreta ampiezza di banda per far transitare i dati. A queste frequenze devi trasmettere/ricevere con un apparecchio a non molta distanza da te inquanto l'onda e` molto corta e parte per la tangente del nostro mondo. Questo vuol dire che per fare qualcosa di decente devi creare una bella rete di ricetramettitori. Devi anche mantenere attiva la trasmissione per un po` affinche i dati transitino.Tutto cio` permette di identificare una trasmittente con notevole semplicita`. Basta un ricevitore e un'antenna direttiva e ti arrivano a casa.
          • Anonimo scrive:
            Re: Passiamo al wi-fi oppure radioamator
            ma infatti l'idea e': una trasmittente per ogni pc, ogni pc diventa un nodo
          • Anonimo scrive:
            Re: Passiamo al wi-fi oppure radioamator
            - Scritto da: Anonimo
            Questo vuol dire che per fare qualcosa di decente
            devi creare una bella rete di ricetramettitori.Ovvio.
            Devi anche mantenere attiva la trasmissione per
            un po` affinche i dati transitino.Ovvio.
            Tutto cio` permette di identificare una
            trasmittente con notevole semplicita`.Se ogni nodo fa da router non c'e' una sola trasmittente.
            Basta un
            ricevitore e un'antenna direttiva e ti arrivano a
            casa.Quando bussano (o vedi movimenti, o il vicino fischia, o...), interrompi la trasmissione.Se ci sono tanti nodi, non e' facile dimostrare che eri proprio tu.Adesso forse sembra fantascienza, ma se continuano cosi' penso che le 'retine illegali di quartiere' avranno un certo sviluppo...
          • Anonimo scrive:
            Re: Passiamo al wi-fi oppure radioamator


            Basta un

            ricevitore e un'antenna direttiva e ti arrivano
            a

            casa.

            Quando bussano (o vedi movimenti, o il vicino
            fischia, o...), interrompi la trasmissione.
            Se ci sono tanti nodi, non e' facile dimostrare
            che eri proprio tu.Ok, ma diventa un sacrificio e un rischio. Magari non molti sono disposti ad accettare il compromesso. Non fraintendermi, non voglio dire che io non sono disposto ad accettarlo ;)
            Adesso forse sembra fantascienza, ma se
            continuano cosi' penso che le 'retine illegali di
            quartiere' avranno un certo sviluppo...Te lo pensi, io lo spero. L'informazione deve essere libera e internet e` uno dei rari mezzi che ancora permette di operare una certa scelta di fonti di informazione.Sono anche dell'idea che quanto hanno proposto trovera` sicuramente l'appoggio degli operatori di telecomunicazioni ma difficilmente l'apprezzamento della maggior parte del pubblico. E poi... alla fine... sempre di 1 e 0 si tratta. Bastera` riordinarli nel verso giusto! :)))))
          • EverythingYouKn scrive:
            Passiamo al wi-fi oppure radioamatori!!!
            http://www.speedblog.net/archives/2006/02/05/fon-ottiene-lappoggio-di-skype-e-di-googleIL RIVOLUZIONARIO SISTEMA DI CONDIVISIONE GLOBALE DI CONNESSIONE A LARGA BANDA ATTRAVERSO WI-FI= FON, lanciato in Spagna meno di tre mesi fa, sta ottenendo lusinghieri risultati, non ultimo l?appoggio finanziario di Skype e di Google.Martin Varsavsky, fondatore di Fon, ha oggi reso noto sul suo blog personale di aver raggiunto un accordo per ottenere un finanziamento di 18 milioni di euro da parte dei due colossi del web, insieme a due altre società di venture capital.Il progetto marcia a tappe forzate, con oltre 3000 hot spot già attivi sparsi per il mondo: il 10% dell?obiettivo previsto per la fine del 2006. Per diventare un fonero - già ne esistono alcuni anche in Italia - è sufficiente avere un router Linksys WRT54G e installare il software Fon.A seconda della formula di associazione scelta si potrà offrire gratis fino al 50% della propria banda casalinga in modalità wi-fi agli altri utenti registrati con Fon e navigare gratis in tutti gli hot spot sparsi per il mondo oppure si potrà guadagnare il 50% del traffico sviluppato condividendo la propria connessione senza avere connettività gratuita. Chi decide di registrarsi con Fon può acquistare la connessione a consumo a prezzi molto concorrenziali rispetto alle tariffe degli attuali provider internazionali.


            Un progetto rivoluzionario che vedrà il lancio nelle prossime settimane anche in Italia. Il router con Fon preinstallato viene offerto in promozione per i primi 1000 navigatori a 25 euro.!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    E Freenet divenne illegale
    E si perché, o la rendono illegale o diventerà la nuova internet.
    • Anonimo scrive:
      Re: E Freenet divenne illegale
      - Scritto da: Anonimo
      E si perché, o la rendono illegale o diventerà la
      nuova internet.Giusto !
    • Anonimo scrive:
      Re: E Freenet divenne illegale
      - Scritto da: Anonimo
      E si perché, o la rendono illegale o diventerà la
      nuova internet.What is freenet?
      • Anonimo scrive:
        Re: E Freenet divenne illegale
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        E si perché, o la rendono illegale o diventerà
        la

        nuova internet.

        What is freenet?Try with google ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: E Freenet divenne illegale
        - Scritto da: Anonimo
        What is freenet?Una roba inutilizzabile, senza un motore di ricerca, con tempi di attesa dell'ordine di qualche minuto per vedere un home page (senza immagini).E' utile per chi vuole condividere idee estremamente controverse sotto forma di testi.Mi immagino proprio a giocare online a doom7 su freenet con ping di 20 secondi....
        • Anonimo scrive:
          Re: E Freenet divenne illegale
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo
          Mi immagino proprio a giocare online a doom7 su
          freenet con ping di 20 secondi.......ma anche per gli scacchi ha una latenza inadeguata :)
        • Anonimo scrive:
          Re: E Freenet divenne illegale
          - Scritto da: Anonimo
          Mi immagino proprio a giocare online a doom7 su
          freenet con ping di 20 secondi....I patetici sfigati per cui la rete e' solo il giochino scemo fanno bene a pagare, e salato.
          • Anonimo scrive:
            Re: E Freenet divenne illegale
            Ehi, senza Unreal Tournament cosa pretendi che faccia?Che mi metta a sparare alla gente sul serio?Lo sai quanto ca##o costano le pallottole?
          • Anonimo scrive:
            Re: E Freenet divenne illegale
            - Scritto da: Anonimo
            Ehi, senza Unreal Tournament cosa pretendi che
            faccia?

            Che mi metta a sparare alla gente sul serio?

            Lo sai quanto ca##o costano le pallottole?Usa l'impact hammer che non ha proiettili e rula di brutto.
          • Anonimo scrive:
            Re: E Freenet divenne illegale


            Lo sai quanto ca##o costano le pallottole?

            Usa l'impact hammer che non ha proiettili e rula
            di brutto.Orca trota, è vero. E poi ti fa fare dei salti micidiali.Dovevo dirlo a mio cugino, che s'é fatto 2 settimane di rigore perché a militare voleva fare il rocket jump con il Carl Gustav.
          • Anonimo scrive:
            Re: E Freenet divenne illegale
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Mi immagino proprio a giocare online a doom7 su

            freenet con ping di 20 secondi....

            I patetici sfigati per cui la rete e' solo il
            giochino scemo fanno bene a pagare, e salato.1) sfigati sei tu2) "solo" l'hai scritto tu3) tempi di latenza di freenet impediscono *qualunque servizio*
          • Anonimo scrive:
            9 --
          • Anonimo scrive:
            9 --
          • Anonimo scrive:
            Re: E Freenet divenne illegale
            - Scritto da: Anonimo
            I patetici sfigati per cui la rete e' solo il
            giochino scemo fanno bene a pagare, e salato.Il punto è che non hai capito un cazzo (e ovviamente offendi).1) Dato di fatto: Freenet è inutilizzabile per il 99,99% dei servizi. 2) Si parlava di freenet come di alternativa alla rete,quindi... 3) ...il minimo che ci si aspetta e che possa sostituirla nel 99% dei servizi. ma...4) dal punto uno si evince che non lo può fare, perciò...5) Freenet non è un'alternativa realistica alla rete.6) Punto.Hai capito o hai bisogno che ti faccia anche il disegnino????
          • Anonimo scrive:
            Re: E Freenet divenne illegale
            - Scritto da: Anonimo

            I patetici sfigati per cui la rete e' solo il

            giochino scemo fanno bene a pagare, e salato.

            Il punto è che non hai capito un cazzo (e
            ovviamente offendi).Se ti sei offeso per quanto scritto sopra, hai grossi problemi.
            1) Dato di fatto: Freenet è inutilizzabile per il
            99,99% dei servizi. Stupidaggine. E' lenta ma funziona.
            2) Si parlava di freenet come di alternativa alla
            rete,
            quindi...

            3) ...il minimo che ci si aspetta e che possa
            sostituirla nel 99% dei servizi. ma...In buona parte e' in grado di farlo.Certo se tu sei il tipo che clicca come un forsennato e se dopo due secondi la pagina non e' caricata sbuffa e clicca altre dieci volte imprecando... be' tu hai grossi problemi.
            Hai capito o hai bisogno che ti faccia anche il
            disegnino????Fallo vedere allo psicologo...
          • Anonimo scrive:
            Re: E Freenet divenne illegale

            Se ti sei offeso per quanto scritto sopra, hai
            grossi problemi.Se tu hai scritto "patetici sfigati" e credi sia un complimento, hai grossi problemi.

            1) Dato di fatto: Freenet è inutilizzabile per
            il

            99,99% dei servizi.

            Stupidaggine. E' lenta ma funziona.E' lentaE' lentissimaE' immobileDi fatto non puoi farci il 99% delle cose.-Internet è velocissima-freenet è immobileNon sono paragonabiliPUNTO
            Certo se tu sei il tipo che clicca come un
            forsennato e se dopo due secondi la pagina non
            e' caricata sbuffa e clicca altre dieci volte
            imprecando... be' tu hai grossi problemi.Hai grossi problemi a capire che è normale che una pagina ci metta due secondi.
            Fallo vedere allo psicologo...Mi mandi la tua lista?Ma mandamela con il piccione viaggiatore 'che se usi freenet faccio prima a crepare di vecchiaia....
    • Enzo4510 scrive:
      Re: E Freenet divenne illegale
      - Scritto da: Anonimo
      E si perché, o la rendono illegale o diventerà la
      nuova internet.Il p2p sarà la nuova internet ;-)Non so se freenet usa p2p, ma se non lo usa presto o tardi lo userà....è inevitabile.
    • TrollSpammer scrive:
      Re: E Freenet divenne illegale
      a proposito, ma è ancora lenta da morire? e va su mac?
    • Anonimo scrive:
      Re: E Freenet divenne illegale
      - Scritto da: Anonimo
      E si perché, o la rendono illegale o diventerà la
      nuova internet.Esiste anche i2p (http://www.i2p.net/).
  • Anonimo scrive:
    ma sono pazzi?
    mi vien voglia di ridere
    • EverythingYouKn scrive:
      Ma sono pazzi? Per niente!!!!!!!!!!!!!!!
      E' anzi un'ottima idea per combattere tutta questa libertà di idee e di parola......In caso passiamo tutti al wi-fi oppure diventiamo radioamatori!!!
Chiudi i commenti