Sony BMG dovrà disinstallare i rootkit

Accordo tra la multinazionale e la FTC statunitense: previsto un rimborso di un centinaio di dollari per i consumatori e la fornitura di strumenti per la rimozione del malware diffuso nei CD

New York – Dopo quella con la California , anche la causa pendente tra la Federal Trade Commission e Sony BMG sembra volgere al termine: la multinazionale ha raggiunto un accordo con la commissione, per rispettare il quale dovrà adoperarsi per eliminare il rootkit diffuso dalla vituperata protezione XCP dei CD-Audio e rimborsare gli utenti colpiti dall’agente software invisibile .

Come già successo in precedenza, Sony BMG non ha ammesso di avere sbagliato con la commercializzazione dei CD protetti dal rootkit: l’accordo prevede solo la realizzazione di strumenti software per la disinstallazione del malware, e 150 dollari di rimborso per gli utenti infettati. Sony dovrà inoltre mantenere notizia della causa sul proprio sito web per due anni.

Deborah Platt Majoras, presidente della FTC, si è espressa duramente riguardo la faccenda: “Le installazioni di software segreto che crea rischi di sicurezza sono intrusive e illecite. Le società devono comunicare adeguatamente eventuali limitazioni sull’utilizzo dei prodotti da parte dei consumatori, in modo che questi possano prendere decisioni consapevoli riguardo l’opportunità di acquistare e installare quel prodotto”.

Secondo FTC, il software di Sony “esponeva i consumatori a rischi di sicurezza significativi ed era irragionevolmente difficile da disinstallare”. Il rootkit veniva usato per monitorare le abitudini di ascolto degli utenti e impediva la copia illimitata del disco. Oltre al rimborso, i consumatori colpiti potranno scegliere di farsi sostituire il CD infetto con uno privo di software nocivo, almeno fino al 31 giugno del 2007.

L’accordo è stato votato all’unanimità dalla FTC (5 voti su 5), e verrà ora esposto al giudizio del pubblico per 30 giorni. Alla fine di questo periodo la commissione prenderà la decisione finale sulla causa.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Molto bello....
    Io sono di questa zona, ho, fastweb, tiscali, libero in ULL... Ora sono connesso con tiscali 12 Mbit / 1 Mbit di upload... (linea perfetta) pago 29.90 al mese... Cara NGI, come sempre offri soluzioni all'avanguardia, e qualità nei tuoi prodotti... C'è sempre il solito problema, che costano un occhio della testa? Che serve coprire con wimax una zona d'italia che bulula di ISP? per poi offrire una connettività a quel prezzo?
    • Anonimo scrive:
      Re: Molto bello....
      Casa mia forse finalmente è coperta.... sono più o meno sul limite!!!Finalmente!!! Grazie NGI
    • Granzotto scrive:
      Re: Molto bello....
      - Scritto da:
      Io sono di questa zona, ho, fastweb, tiscali,
      libero in ULL... Ora sono connesso con tiscali 12
      Mbit / 1 Mbit di upload... (linea perfetta) pago
      29.90 al mese... Cara NGI, come sempre offri
      soluzioni all'avanguardia, e qualità nei tuoi
      prodotti... C'è sempre il solito problema, che
      costano un occhio della testa? Che serve coprire
      con wimax una zona d'italia che bulula di ISP?
      per poi offrire una connettività a quel
      prezzo?Lo scopo Eolo non è quello di competere con le ADSL di tutti gli altri operatori, ma è in primis quello di coprire le zone scoperte.
    • Anonimo scrive:
      Re: Molto bello....
      Il prezzo forse non è tutto per chi abita in zone marginali (sponda lombarda del Lago Maggiore ma anche paesi del Vergante piemontese) dove non c'è speranza di avere un ADSL, e ci si accontenta di PSTN o ISDN.Non vedo tutto questo pullulare di ISP
Chiudi i commenti