Sony Exmor RS, 4 colori per gli smartphone

Portato a termine lo sviluppo del sensore fotografico per cellulari. Quale sarà il primo modello a montarne uno? Magari il nuovo iPhone

Roma – Foto migliori e soprattutto video migliori anche in condizioni di luce scarsa, sensori più compatti e lenti migliorate: Sony vuole dire la sua nel sempre più popolato mondo dei cellulari con doti fotografiche da compatta, e mette sul piatto una nuova tecnologia ( anticipata a gennaio ) che trova la strada della produzione di massa: sensori CMOS straficati con schema RGBW .

Sono due le principali novità dei nuovi Exmor RS: alla già sperimentata tecnologia dei sensori CMOS retroilluminati viene abbinata una nuova tecnica per inglobare i circuiti di elaborazione del segnale in uno strato posto direttamente sotto il sensore, e l’aggiunta di un “quarto pixel” oltre ai consueti tre (rosso, verde, blu e ora anche bianco). Le due novità hanno scopi diversi: la prima consente un guadagno tecnico interessante, permettendo la costruzione di chip meno ingombranti e più efficienti sul piano energetico, la seconda migliora la resa fotografica in condizioni di luce complesse .

Il vantaggio dei CMOS stratificati è evidente: con il progressivo appiattimento e la crescente complessita degli smartphone in commercio, le dimensioni sono un fattore non trascurabile nella progettazione. Un sistema di ripresa più compatto equivale a un chip più semplice da inserire in un layout, senza contare che Sony fornisce ai suoi clienti un sistema completo di lenti (f/2,2) e autofocus in grado di costituire un pacchetto chiavi in mano per dotare di fotocamera uno smartphone. Iphone 4S di Apple monta la generazione precedente del prodotto (Exmor R), così come altri modelli di altre case: facile immaginare che anche il prossimo iPhone, atteso a breve, farà altrettanto con questo nuovo RS.

Per quanto riguarda la presenza di quattro pixel nello schema di ripresa dei sensori, che Sony indica con la sigla RGBW (red, green, blue, white), il classico schema Bayer viene modificato per includere un canale in più, il bianco, utile per migliorare i dati acquisiti sulla luminosità del soggetto ripreso. In questo modo le foto risultanti possono risultare migliori sotto il profilo della esposizione, della gamma dinamica e stando a Sony tutto senza che questo vada a scapito del rapporto segnale/rumore e della qualità complessiva. Inoltre, la tecnologia RGBW permette anche la funzione “HDR movie”: ovvero, autentico tallone d’Achille dei cellulari, una modalità di ripresa video capace di rendere molto meglio in condizione di forte contrasto o luce scarsa.

In totale sono tre i modelli della linea Exmor RS : due, da 13 e 8 megapixel , sono dotati di tutte le novità elencate, il terzo da 8 megapixel è invece un prodotto più tradizionale privo di RGBW e HDR Movie. Il prezzo dei sample annunciato non è proprio popolare (circa 80 euro per il prodotto di punta nella versione completa di lente, 50 euro per la versione 8 megapixel), ma di sicuro questi sensori verranno montati nei prodotti di fascia alta: come detto, il primo possibile candidato è proprio il nuovo iPhone che dovrebbe essere presentato nel mese di settembre.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Allibito scrive:
    Come mai spariscono solo alcuni post?
    Mi piacerebbe sapere chi cancella i post e quale sia il criterio usato, alla faccia della libertà e della democrazia.
    • Nello scrive:
      Re: Come mai spariscono solo alcuni post?
      - Scritto da: Allibito
      Mi piacerebbe sapere chi cancella i post e quale
      sia il criterio usato, alla faccia della libertà
      e della
      democrazia.Gaia, sei stata tu? :)
  • CHKDSK scrive:
    Rapidshare=venditori di dischi/calessi
    Chiunque utilizzasse Rapidshare per usi personali (pagando mensilmente) si sarà accorto che oramai esistono soluzioni GRATUITE quali Google Drive, Dropbox, Skydrive che garantiscono un adeguato spazio per gestire e archiviare i propri file "online".La vera questione è che oramai Rapidshare rantola.
  • Nello scrive:
    ...
    Il file sharing non e' il nemico principale del mercato legale. Lo dice la stessa RIAA:http://www.repubblica.it/tecnologia/2012/08/23/news/musica_lo_scambio_online_solo_il_15_la_pirateria_viaggia_sulle_chiavi_usb-40022395/?ref=HRERO-1
  • bARABBAN3_o ff scrive:
    Sputare sul piatto dove si pangia
    Come oggetto.
  • Allibito scrive:
    Fa quello che fanno tutti.
    Per non finire dietro le sbarre come Kim, molti siti si sono autocensurati, ripuliti o addirittura hanno spento i server. La battaglia sembra serrata, dopo la chiusura di MU nessuno dorme più sonni tranquilli e l'orientamento sembra quello di mettersi in regola o diminuire al massimo i pericoli. I soldi in ballo sono tanti e questi signori, tutt'altro che paladini della libertà, cercano di mettere la schiena contro il muro, fregandosene del resto del mondo.
    • krane scrive:
      Re: Fa quello che fanno tutti.
      - Scritto da: Allibito
      Per non finire dietro le sbarre come Kim, molti
      siti si sono autocensurati, ripuliti o
      addirittura hanno spento i server. La battaglia
      sembra serrata, dopo la chiusura di MU nessuno
      dorme più sonni tranquilli e l'orientamento
      sembra quello di mettersi in regola o diminuire
      al massimo i pericoli. I soldi in ballo sono
      tanti e questi signori, tutt'altro che paladini
      della libertà, cercano di mettere la schiena
      contro il muro, fregandosene del resto del
      mondo.Tanto c'e' il mulo, alla fine il valore aggiunto che questi offrivano era maggiore facilita' e rapidita' della ricerca e minori tempi di dowload.
  • Nome e Cognome scrive:
    Velocità da schifo
    Come da oggetto
  • 4shared scrive:
    Si danno la zappa sui piedi
    Si danno la zappa sui piedi. Se chiudono i siti di link, il loro servizio diventa praticamente inusabile.
    • Guybrush scrive:
      Re: Si danno la zappa sui piedi
      - Scritto da: 4shared
      Si danno la zappa sui piedi.
      Se chiudono i siti di link, il loro servizio
      diventa praticamente
      inusabile.Tranquillo che se stanno facendo questo hanno già trovato il modo.GT
  • Leguleio scrive:
    Una moderna forma di delazione?
    "Sì, signor commissario, io ho rubato il portafogli sul tram alla signora...! Ma se mi lascia andare, le faccio il nome del ricettatore e le dico dove tiene la roba...".Il precedente era un caso di delazione tradizionale.Rapidshare sta inaugurando quella tecnologica e transnazionale? Chissà. 8)Perlomeno ha avuto il buon gusto di non fare nessun nome, né di puntare il dito contro certi tipi di sito in particolare.
    • JackRackham scrive:
      Re: Una moderna forma di delazione?
      - Scritto da: Leguleio
      Perlomeno ha avuto il buon gusto di non fare
      nessun nome, né di puntare il dito contro certi
      tipi di sito in particolare.Ammazza che bavosi, fino ad almeno un anno fa (o cmq fino a quando non hanno cambiato la policy) la maggior parte degli account a pagamento di Rapidshare veniva utilizzata sui siti di DDL di tutto il mondo...Ci hanno fatto i soldi sguazzando nella melma, e ora hanno il coraggio di fare le soffiate e di voler diventare i paladini dell'antipirateria?--JackRackham
      • EType scrive:
        Re: Una moderna forma di delazione?
        JackRackhamBeh deve recitare ....ora fa la paladina della giustizia...io mi ricordo che prima dello scandalo di Megaupload si trovavano file protetti da copyright a vagonate sul loro sito.Rimuoveva solo quando qualche major le faceva causa,difficilmente lo faceva prima.
    • Guybrush scrive:
      Re: Una moderna forma di delazione?
      - Scritto da: Leguleio
      "Sì, signor commissario, io ho rubato il
      portafogli sul tram alla signora...!Ma poi ho lasciato l'originale del portafogli al suo posto e con me ho solo una copia.
      Il precedente era un caso di delazione
      tradizionale.
      Rapidshare sta inaugurando quella tecnologica e
      transnazionale? Chissà.
      8)Sta tentando (rotfl) di far fuori la concorrenza tirandogli contro il cane delle major.GT
      • luisromano scrive:
        Re: Una moderna forma di delazione?
        Tecnicamente è l'esatto contrario: il cane delle major è già addosso a tutti loro, concorrenza inclusa. L'intenzione di RS semmai è quella di rendere più difficile il lavoro ad eventuali novellino che entrano nel could storage fregandosene altamente dei cani delle major.Meno siti che indicizzano, meno servizi di could storage che vengono indicizzati.In effetti finché c'è il cane che gira questo è l'unico modo per mettere in equità tutti senza star a sperare in attività intensive di tribunale contro di loro e concorrenti.
        • prova123 scrive:
          Re: Una moderna forma di delazione?
          La mancata indicizzazione è l'equivalente di nascondera la testa nella sabbia, i siti illegali di materiale coperto da copyright si ingrandiranno sempre più solo che google non se ne accorgerà, questo significa favorire la pirateria non combatterla.Forse il vero obiettivo è tirarsene fuori in maniera pulita. :D
Chiudi i commenti