Spagna, streaming e download incornati

Annunciata l'imminente applicazione della contestata Ley Sinde. L'industria dei contenuti potrà ottenere la rimozione dei siti illeciti entro 10 giorni. Si scatenano gli attivisti mascherati da Guy Fawkes
Annunciata l'imminente applicazione della contestata Ley Sinde. L'industria dei contenuti potrà ottenere la rimozione dei siti illeciti entro 10 giorni. Si scatenano gli attivisti mascherati da Guy Fawkes

C’è chi ha sottolineato come la Spagna sia rimasta a lungo un rigoglioso paradiso per tutti gli scariconi della Rete. Con diversi tribunali nazionali che hanno salvato a più riprese siti di indexing come Rojadirecta, giudicati non responsabili in maniera diretta delle trasmissioni illecite in streaming dei contenuti protetti dal diritto d’autore.

I vertici al governo del Partido Popular hanno ora annunciato l’imminente applicazione delle nuove misure anti-pirateria previste dalla famigerata Legge Sinde – o dell’Economia Sostenibile – che inasprirà l’agguerrita battaglia alla condivisione selvaggia delle opere online.

Un ritorno atteso dai rappresentanti dell’industria, dopo la prima approvazione del testo di legge in Parlamento nello scorso febbraio. La Legge Sinde si era però arenata in mancanza di un contesto regolamentare ben definito. Un portavoce del governo di Madrid ha ora fatto notare come la Spagna si adeguerà agli standard internazionali dell’anti-pirateria .

In sostanza , i legittimi titolari dei diritti potranno segnalare i vari siti ad una commissione votata alla tutela della proprietà intellettuale. In un massimo di 10 giorni, le richieste di blocco dei domini dovranno passare all’attenzione di un giudice e dunque dei vari provider .

Vibranti proteste da parte degli attivisti spagnoli – che si sono presentati alla cerimonia dei Premi Goya con le ormai immancabili maschere di Guy Fawkes – pronti a sottolineare come i capricci del copyright attentino alla libertà d’espressione su Internet . Polemiche ancora maggiori per la presunta pressione esercitata dal governo statunitense su quello spagnolo. Le grandi major di Hollywood e del disco non avrebbero gradito la presenza di un paese dove il 45 per cento della popolazione fa uso di strumenti per lo streaming o il download delle opere .

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

04 01 2012
Link copiato negli appunti