Speciale Hosting.2/ L'ecomm che costa poco

Per aprire un negozio online non serve spendere molto, anzi. Ecco alcune proposte dedicate alle piccole e medie aziende che intendono offrire i propri prodotti su Internet riducendo al massimo i rischi


Roma – Vendere prodotti sulla Rete significa allargare gli orizzonti del proprio business, offrendo di fatto i beni ad un mercato molto più ampio di quello che si ha normalmente a disposizione.

Un mercato che però non è facile da conquistare: molto spesso si dimentica che un elemento fondamentale rimane la promozione del proprio negozio (virtuale), che non sarà visitato solo per il fatto di essere sulla Rete. Per fortuna gli strumenti per promuoversi su Internet non sono affidati solamente alle campagne pubblicitarie ed è quindi possibile per tutti lanciare un’attività di vendita online.

Ma l’opportunità e-commerce si è sviluppata negli ultimi mesi anche perché sono arrivate alcune proposte interessanti che permettono alle piccole e medie aziende di trarre benefici dalla vendita di prodotti online senza spendere una lira per l’intrapresa di questa nuova attività.

Le proposte di questo speciale sono quindi dedicate agli spazi disponibili sulla Rete per chi vuole impiantare un’attività di e-commerce senza dissipare le proprie risorse nell’acquisto di “tutto quello che serve” per l’organizzazione del sito e dei suoi servizi o per l’acquisto dello spazio su Internet.

Esistono infatti delle offerte che predispongono tutto e offrono una buona base organizzativa di partenza, necessaria alla vendita di prodotti su Internet. Vediamo quali.

Franco Lavarone


Willage
Willage è sviluppato e gestito da Tiscali e non richiede alcun costo di attivazione. Facilmente dal sito di Willage è possibile creare una demo del servizio di e-commerce che si vuole creare, completa di “carrello della spesa” e delle altre funzioni comuni per un negozio online.

Una volta attivato il servizio, sarà possibile ricevere pagamenti con carte di credito, il cui supporto è garantito dal Monte dei Paschi di Siena. I pagamenti con carte di credito vengono anche assicurati per garantire un’ancora maggiore sicurezza.

Ma non finisce qui: oltre a ricevere il pagamento sarà possibile sfruttare la convenzione tra Willage e il corriere espresso SDA che permette di consegnare la merce entro un giorno dall’ordine.

In buona sostanza, per aprire un sito di e-commerce con Willage è sufficiente preparare il catalogo e occuparsi della promozione, in modo da far circolare nuovi clienti sul sito.

L’aggiornamento delle pagine avviene direttamente online e in qualsiasi momento lo si desideri.

Ma Willage non è gratis e, anche se non è richiesto il pagamento di una somma anticipata: infatti percepirà il sei per cento più IVA sul venduto attraverso il sito. Questo sei per cento comprende tutte le spese, incluse le transazioni e la relativa assicurazione, ma non la consegna.

Le operazioni “burocratiche” per l’attivazione del sito si possono compiere nell’arco di pochi giorni. Per ulteriori informazioni, oltre a visitare il sito, è possibile chiamare il numero verde 800.91.00.91 oppure lo 06.434.011.


NetKosmos
“Gratis e-com” è il nome del servizio dedicato a quanti vogliono aprire un piccolo negozio virtuale senza spendere. Permette di creare un catalogo di massimo 20 prodotti da vendere online.

Il servizio, nato nel settembre del 2000, si contraddistingue per la personalizzazione del negozio online che viene realizzata ad hoc direttamente dallo staff di NetKosmos con il materiale dei clienti.

L’offerta comprende numerosi e importanti tool per la gestione del sito: “carrello della spesa”, tre indirizzi di posta elettronica, statistiche di accesso, gestione acquisti con carta di credito o in contrassegno, contatti con lo spedizioniere, assistenza ed altre funzioni utili al completo funzionamento dell’attività di vendita online.

Le transazioni vengono gestite su “server sicuro” con il supporto di Banca Sella, il cui servizio è compreso nel costo dell’offerta Gratis e-com.

Il costo dell’hosting e degli altri servizi viene pagato con una percentuale sul venduto: il 7,5 per cento più IVA su ogni transazione andata a buon fine per vendite fino a 50 milioni al mese. Percentuale che si abbassa al sei per cento più IVA per vendite superiori ai 50 milioni al mese.

In caso di transazioni con carta di credito, le percentuali comprendono anche le commissioni richieste da Banca Sella mentre ai pagamenti in contrassegno o con bonifico bancario viene applicata unicamente una provvigione fissa del tre per cento più IVA.

Le operazioni per l’attivazione del sito prevedono diversi step e possono durare fino a 120 giorni. Tuttavia NetKosmos ci ha assicurato che i tempi di attivazione sono generalmente ristretti a quattro settimane.

Per ulteriori informazioni, oltre a visitare il sito, è possibile chiamare lo 082.428.418.


Bpath
“E-Store” è l’offerta che permette di costruire un negozio virtuale per vendere prodotti online. Il servizio è pensato per piccole attività commerciali e offre i più importanti tool per rendere semplice e veloce la costruzione del sito con le relative funzioni principali: procedura online per la costruzione delle pagine Web, “carrello della spesa”, scambio di banner per la promozione ecc.

Il servizio di hosting del sito viene fornito gratuitamente solo per i primi 30 giorni; successivamente, se si decide di mantenere in vita il sito, bisogna pagare 59,99 dollari al mese. L’utilizzo dei sistemi di controllo dei pagamenti con carta di credito è disponibile solo con ulteriori addebiti, dai 100 dollari in su per l’attivazione. Lo spazio su disco a disposizione per la costruzione del sito è di 10 MB. I server sono residenti in California (USA) e sono soggetti alle leggi del luogo.

Biz Hosting
Questo servizio, interamente in inglese, offre l’ hosting completo per la creazione e la gestione di un negozio online, con la possibilità di accettare ordini via posta o telefono. L’utilizzo di procedure per l’utilizzo delle carte di credito è a pagamento ed è riservata ai soli clienti residenti negli Stati Uniti. Il servizio si sta sviluppando e, assicurano all’azienda, presto verranno accettate transazioni con merchant diversi da quelli proposti e compresi quindi anche quelli non-USA.

I servizi offerti sono i classici per un negozio online: carrello della spesa, gestione delle vendite, costruzione del sito e via dicendo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    BERLUSCONI ROVINA DELL'ITALIA
    BERLUSCONI SEI LA ROVINA DELL'ITALIA CHE CAZZO CREDI DA FA PENSI SOLO A MAGNA VEDI DE ANDATTELA A PIJA NDER CULO PROVA A QUERELAMME SE CI RIESCI PRIMA BEKKAMI L'IP HUAUHAUHAUHBERLUSCONI AIUTARE KI E' RIMASTO INDIETROALLORA COMINCIA DAR MILANUHAUHAUHAMERDONE PUZZONE PELATO DENUNCZIA STO CAZZO
  • Anonimo scrive:
    Era meglio prima..
    Mi collego alla rete dal lontano 1997, a quei tempi se parlavi di internet ti rispondevano che non usavano quel tipo di detersivo, c'erano veramente 4 gatti, parlo di gente italiana, ma le cose funzionavano meglio, senza virus e schifezze in giro, poca gente ma buona, adesso con i grandi numeri vogliono guadagnare tutti, dai piccoli provider a quello che vende le medagline di padre pio..Se avessi la bacchetta magica riporterei le cose come un tempo, ma purtruppo non si può, il futuro è anche questo, che bel futuro...
    • Anonimo scrive:
      Re: Era meglio prima..
      Sono assolutamente daccordo...Io ci sono dal 1996...E poi vorrei segnalare che con i modem di allora a 33.6 si andava PIU' VELOCI che oggi a 56k.Troppi flash che se non ottimizzati diventano immensi e sopprattutto trovvi provider free che hanno una velocita' schifosissima.Troppa gente che cerca di mungere la New Economy...selidorihttp://www.bloopers.itErrori nei film
    • Anonimo scrive:
      Re: Era meglio prima..
      - Scritto da: adrian
      Mi collego alla rete dal lontano 1997,
      Se avessi la bacchetta magica riporterei le
      cose come un tempo...Io uso l'Internet da Luglio 1995: mi sembra un'eternita'!Allora parlavi di Internet e ti guardavano tutti come se fossi un extra-terrestre :-)Sottoscrivo anch'io in pieno le tue parole :((
    • Anonimo scrive:
      Re: Era meglio prima..
      - Scritto da: adrian

      Mi collego alla rete dal lontano 1997,lontano?che, in effetti, guarndando la media degli internauti.....
      quei tempi se parlavi di internet ti
      rispondevano che non usavano quel tipo di
      detersivo,esagerato!!!!!!!!!!!Nel 1997 Internet era la grande promessa...
      senza virus e schifezze in giro,senza virus?????io ho beccato il primo (801, fank.. se riesco + a ritrovarlo) nel 1991Nel 1996 Junkie furoreggiava
      poca gente ma buona,Questo è abbastanza vero
      Se avessi la bacchetta magica riporterei le
      cose come un tempo, Io no. Anche se molte sono le cose che rimpiango.
      ma purtruppo non si può,
      il futuro è anche questo, che bel futuro...
    • Anonimo scrive:
      Re: Era meglio prima..
      Dal tuo modo di esprimerti credo che tu non abbia capito lo spirito di Internet.Il suo utilizzo e' per aumentare la capacita' di comunicazione, per il lavoro innanzitutto.Che grande comodita' avere un interlocutore con e-mail.E se la comunicazione e' strozzinata da un monopolista ma£!0so e ba$/@rdo ci rimettiamo tutti."Viva la liberta di comunicazione"PS.I numerosi virus non sono a causa di Internet ma della Microsoft.Io ho cominciato ad usare Internet a casa nel 93 e non dall'universita'Per tornare indietro vanno di moda gli agriturismi, ma normalmente per 15gg l'anno.- Scritto da: adrian

      Mi collego alla rete dal lontano 1997, a
      quei tempi se parlavi di internet ti
      rispondevano che non usavano quel tipo di
      detersivo, c'erano veramente 4 gatti, parlo
      di gente italiana, ma le cose funzionavano
      meglio, senza virus e schifezze in giro,
      poca gente ma buona, adesso con i grandi
      numeri vogliono guadagnare tutti, dai
      piccoli provider a quello che vende le
      medagline di padre pio..

      Se avessi la bacchetta magica riporterei le
      cose come un tempo, ma purtruppo non si può,
      il futuro è anche questo, che bel futuro...
    • Anonimo scrive:
      Re: Era meglio prima..
      - Scritto da: adrian

      Mi collego alla rete dal lontano 1997, a
      quei tempi se parlavi di internet ti
      rispondevano che non usavano quel tipo di
      detersivo,la storia è sempre la stessa...si stava meglio quando si stava peggio....il fatto è che si tende sempre a guardare indietro e non a puntare ad un miglioramento. c'erano veramente 4 gatti, parlo
      di gente italiana, ma le cose funzionavano
      meglio, senza virus e schifezze in giro,
      poca gente ma buona,se adesso uno è in grado di selezionare tra roba buona e cattiva ha + vantaggi rispeto al 97Inoltre non avrei mai pagato 300 mila £ per un abbonamento,quindi preferisco andare più lento(a me 4.5 kb/s in media non mi sembrano pochini per un 56k)e se ho bisogno di velocità mi prendo una linea adsl o simili,anche se purtroppo la telecom sta facendo quello che tutti sappiamo.byebye Marco 82
      • Anonimo scrive:
        Re: Era meglio prima..
        non cominciamo con le solite cxxate, era meglio prima quando sarebbe il tuo prima il 97?Miglioramenti ce se sono stati eccome, considerat che si pagavavano bollette stratosferiche per scaricare files di testo dalle le bbs a 4,8 baud senza contare i rischi che si correvano col videotel quando si cicucciavano le linee altrui o si usavano quelle di abbonati inesistenti, beh almeno adesso si naviga... ovviamenete si sarebbe potuto fare molto meglio (vedi Usa, Japan, nord EU) ma ricordiamoci che siamo in Italia e che piu della meta' sono quel che sono (specialmente quelli che erano ai posti di comando in quel periodo). - Scritto da: Marco82


        - Scritto da: adrian



        Mi collego alla rete dal lontano 1997, a

        quei tempi se parlavi di internet ti

        rispondevano che non usavano quel tipo di

        detersivo,

        la storia è sempre la stessa...si stava
        meglio quando si stava peggio....il fatto è
        che si tende sempre a guardare indietro e
        non a puntare ad un miglioramento.

        c'erano veramente 4 gatti, parlo

        di gente italiana, ma le cose funzionavano

        meglio, senza virus e schifezze in giro,

        poca gente ma buona,

        se adesso uno è in grado di selezionare tra
        roba buona e cattiva ha + vantaggi rispeto
        al 97

        Inoltre non avrei mai pagato 300 mila £ per
        un abbonamento,quindi preferisco andare più
        lento(a me 4.5 kb/s in media non mi sembrano
        pochini per un 56k)e se ho bisogno di
        velocità mi prendo una linea adsl o
        simili,anche se purtroppo la telecom sta
        facendo quello che tutti sappiamo.

        byebye

        Marco 82
  • Anonimo scrive:
    forse è la volta buona
    Berlusconi è un'imprenditore.Internet è fonte di guadagno.Più la rete funziona e meno si spende.Meno si spende per ottenere un servizio e più si ottiene un guadagno.Il nuovo governo ha una base solida (non è frammentato come quello scorso) e può decidere in fretta.Forse è la volta buona che riusciamo a far funzionare le cose.Aspettiamo e vediamo.
  • Anonimo scrive:
    Un Crogiuolo di Tessere....
    telecom italia è stata ed è ancora un parking privilegiato dei dirigenti DS, con stipendi da favola, benefits da urlo e tanto potere..........Perche ci meravigliamo ancora che il monopolista (non de jure ma DE FACTO) non consenta lo sviluppo di piccole imprese operanti nelle telco?? Le piccole aziende sono depoliticizzate , non ci si puo piazzare la "cognateria" DS, vale la capacità imprenditoriale e non la tessera...cioe, guardiamo cosa succede con le grandi aziende: sindacati garanti dei lazzaroni in cambio di tangenti legalizzate (iscrizione d'ufficio e trattenute da buste paga), potere da tessera, ricatti e personalismi da terzo mondo. Fassino dicci quanto hai puppato con Telecom Serbia dai, siamo tutti curiosi!
  • Anonimo scrive:
    mi consenta
    verranno scaraventati nel nulla, come tutti noi.Sono anni che non riusciamo ad ottenere nulla.Le leggi non esistono, la forza popolare non esiste, la forza dei lavoratori non esiste.La volontà di risolvere i problemi è annacquata dall'indifferenza e dalla mancanza di principi.Infatti se queste parole vi sembrano un predicozzo, significa che il valore che preferite è sentire qualcosa di più "trendy", meno "vecchi e solidi valori"...Tenetevi il trendy
  • Anonimo scrive:
    L'antitrust dov'e'?
    E' possibile secondo voi che una ditta possa contemporaneamente vendere cdn ai provider perche' forniscano accessi internet e allo stesso tempo distribuireaccessi gratuiti alla rete?
    • Anonimo scrive:
      Re: L'antitrust dov'e'?
      - Scritto da: ###
      E' possibile secondo voi che una ditta
      possa contemporaneamente vendere cdn
      ai provider perche' forniscano accessi
      internet e allo stesso tempo distribuire
      accessi gratuiti alla rete?E' possibile che uno che ha e fa i portali possa fare le leggi per "e-government"?Non è l'antitrust....la giustizia *NON* esiste. Esiste solo opportunismo ed opportunità.
      • Anonimo scrive:
        Re: L'antitrust dov'e'?
        E' possibile, è possibile....nella Casa dell'Ulivo è stato possibile, vedremo se questi riescono a combinare di peggio,ma almeno non si atteggiano a sostenitori dei deboli, anzi...- Scritto da: coccige_non_venitemi_a_prendere


        - Scritto da: ###

        E' possibile secondo voi che una ditta

        possa contemporaneamente vendere cdn

        ai provider perche' forniscano accessi

        internet e allo stesso tempo distribuire

        accessi gratuiti alla rete?

        E' possibile che uno che ha e fa i portali
        possa fare le leggi per "e-government"?

        Non è l'antitrust....la giustizia *NON*
        esiste. Esiste solo opportunismo ed
        opportunità.
  • Anonimo scrive:
    Peggio di Baffetto non potra' fare
    Anche volendolo... :)
Chiudi i commenti