Stazione Spaziale Internazionale operativa fino al 2030

Stazione Spaziale Internazionale operativa fino al 2030

L'amministrazione Biden-Harris ha confermato la continuità operativa della Stazione Spaziale Internazionale almeno fino al 2030.
L'amministrazione Biden-Harris ha confermato la continuità operativa della Stazione Spaziale Internazionale almeno fino al 2030.

L'amministrazione Biden-Harris ha comunicato che la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) rimarrà operativa almeno fino al 2030. Gli Stati Uniti continueranno quindi a finanziare le missioni che verranno pianificate insieme ai partner. La NASA ha pubblicato su YouTube un video che elenca le missioni previste per il 2022, tra cui quelle che riguardano la ISS.

ISS operativa fino al 2030

La Stazione Spaziale Internazionale, operativa da oltre 23 anni, rappresenta un esempio di collaborazione tra diverse agenzie spaziali: NASA (Stati Uniti), CSA (Canada), ESA, JAXA (Giappone) e Roscosmos (Russia). Gli astronauti hanno raggiunto la stazione con Shuttle e Soyuz fino al 2011. In seguito alla chiusura del programma Space Shuttle sono state utilizzate esclusivamente le navicelle Soyuz fino a novembre 2020, quando è stata lanciata la prima Crew Dragon di SpaceX. I rifornimenti sono stati effettuati con vari veicoli, tra cui Progress, Cygnus e Cargo Dragon.

Negli ultimi 20 anni c'è sempre stata una presenza umana sulla ISS. Gli astronauti hanno eseguito oltre 3.000 esperimenti scientifici. La continuità operativa verrà garantita almeno fino al 2030. Nel frattempo (a partire dal 2024) è prevista la costruzione della Axion Space Station. Inizialmente i moduli verranno fissati alla ISS e successivamente diventeranno la prima stazione spaziale commerciale. È prevista la costruzione di altre stazioni spaziali private, come la Orbital Reef di Blue Origin.

Il video pubblicato su YouTube dalla NASA mostra le missioni pianificate per il 2022, tra cui quelle che porteranno altri astronauti sulla ISS con le Crew Dragon di SpaceX (inclusa la missione Ax-1 con tre turisti spaziali). Entro il primo semestre dovrebbe essere effettuato anche il test della navicella Starliner di Boeing (senza equipaggio).

Per il mese di marzo è invece previsto il lancio del razzo SLS (missione Artemis I). Altre quattro missioni consentiranno di studiare la Terra. La NASA continuerà ovviamente a seguire il viaggio del James Webb Space Telescope.

Fonte: NASA
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 01 2022
Link copiato negli appunti