Stop ai dazi sui circuiti integrati multi-chip

Bush conferma un accordo con Unione Europea, Giappone, Corea del Sud e Taiwan per l'eliminazione dei dazi doganali sui circuiti multi-chip. Un'apertura che potrebbe avere ripercussioni sui prezzi di molti prodotti hi-tech


Kyoto (Giappone) – Il Presidente statunitense George W. Bush ha annunciato che è stato raggiunto un accordo con l’Unione Europea, il Giappone, la Corea del Sud e Taiwan per l’eliminazione dei dazi sui circuiti integrati multi-chip, ovvero la maggior parte delle soluzioni hardware presenti in PC, cellulari e prodotti tecnologici .

Si tratta di un’iniziativa governativa compatibile con le norme del Trade Act of 2002 ( sezione 2103/a/1 ) che, secondo i paesi che hanno raggiunto l’intesa,dovrebbe contribuire a rilanciare l’intero settore hardware.

L’affare più grosso lo fanno in apparenza gli Stati Uniti, che sono i più importanti fornitori di circuiti integrati multi-chip, con il 50% delle vendite mondiali – calcolate in 4,2 miliardi di dollari. Ma è ovvio che economie come quella coreana e taiwanese, fortemente legate a questo settore, hanno tutto da guadagnare in una circolazione meno onerosa di questi prodotti soprattutto verso Europa e Giappone.

La data stabilita per l’inizio dell’era no-tax è il primo gennaio del 2006 . Bush, attualmente in visita in Giappone, ha confermato che a breve le istituzioni locali – che hanno già eliminato i dazi in questo settore – ratificheranno l’accordo con gli Stati Uniti.

In sinergia con questa iniziativa, tutti i più importanti produttori hanno confermato che si impegneranno con l’Organizzazione del Commercio Mondiale ( WTO ) affinché sia possibile coinvolgere altri paesi nell’eliminazione dei dazi.

E’ evidente che nei paesi interessati dall’accordo si potrà riscontrare in futuro un leggero ritocco dei listini per i prodotti dell’elettronica di consumo. In Europa, e ancor di più in Italia, il settore – che in questi anni ha conosciuto ben poche fortune – potrà avvantaggiarsi di una politica dei prezzi più concorrenziale.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Bravi! Iniziativa in italia equivalente?
    Esiste in italia una iniziativa equivalente? Sennò realizziamola!
    • Anonimo scrive:
      Re: Bravi! Iniziativa in italia equivale
      www.alcei.org
      • Anonimo scrive:
        Re: Bravi! Iniziativa in italia equivale
        - Scritto da: Anonimo
        www.alcei.org
        Bene, perche' di denuncie da fare in italia ce ne sono tante. Parlo di denuncie legali, non su un sito internet.Denuncie che portano in tribunale a processi come questi:http://www.eff.org/legal/cases/Purtroppo, non ho ancora trovato una pagina analoga sul sito di Alcei.S.
        • AnyFile scrive:
          Re: Bravi! Iniziativa in italia equivale
          In Italia non si possono fare le azioni legali di massa (class action)ma se in Italia perfino non si puo' neanche scrivere un giornale che ti arrestano (perche' non sei iscritto all'ordine dei giornalisti) ....provate a spiegare una cosa del genere ad un americano .. faticherete parecchio ... non riesce acapire ... per lui la liberta' di stampa e' un diritto costituzionaleah gia' .. anche nella nostra costituzione e' garantita il diritto di stampa ... si ma non vale ... (e' solo un'indicazione, vale solo nel rispetto delle leggi che non si sa perche sono libere di negare questo diritto, ecc.)
          • Alessandrox scrive:
            Re: Bravi! Iniziativa in italia equivale
            - Scritto da: AnyFile
            In Italia non si possono fare le azioni legali di
            massa (class action)
            ma se in Italia perfino non si puo' neanche
            scrivere un giornale che ti arrestano (perche'
            non sei iscritto all'ordine dei giornalisti) ....
            provate a spiegare una cosa del genere ad un
            americano .. faticherete parecchio ... non riesce
            acapire ... per lui la liberta' di stampa e' un
            diritto costituzionale
            ah gia' .. anche nella nostra costituzione e'
            garantita il diritto di stampa ... si ma non vale
            ... (e' solo un'indicazione, vale solo nel
            rispetto delle leggi che non si sa perche sono
            libere di negare questo diritto, ecc.)OK se venisse abolito l' ordine dei giornalisti la stessa sorte poi dovrebbe toccare a tutti gli altri ordini....Ma te l'immagini?
          • Anonimo scrive:
            Re: Bravi! Iniziativa in italia equivale
            - Scritto da: Alessandrox

            OK se venisse abolito l' ordine dei giornalisti
            la stessa sorte poi dovrebbe toccare a tutti gli
            altri ordini....
            Ma te l'immagini?Stanotte l'ho immaginato, ed ho dormito serneo come un bambino. Non mi pare che gli ordini professionali siano una reale garanzia per difendere i consumatori dalle malefatte dei professionisti di vario genere.La stampa pero' e' un caso apparte, visto che se ne occupa direttamente la costituzione.Dare la patente di giornalista solo a chi abbia superato il vaglio di un sistema che e' vincolato bene o male alla politica, non mi sembra molto rispettoso del dettame costituzionale. Va detto che se si vuole diffondere la propria opinione oggi la rete da enormi possibilita' anche a chi giornalista non e', i blog ad esempio esulano dalla normativa sulla stampa.
          • mda scrive:
            Re: Bravi! Iniziativa in italia equivale
            - Scritto da: Alessandrox
            - Scritto da: AnyFile

            In Italia non si possono fare le azioni legali
            di

            massa (class action)


            ma se in Italia perfino non si puo' neanche

            scrivere un giornale che ti arrestano (perche'

            non sei iscritto all'ordine dei giornalisti)
            ....

            OK se venisse abolito l' ordine dei giornalisti
            la stessa sorte poi dovrebbe toccare a tutti gli
            altri ordini....
            Ma te l'immagini?In realtà prima in Italia si poteva (bastava specificare che non era giornalista o che la distribuzione non era giornale) per ben 50anni in Italia , poi visto che non riuscivano ad controllare i non giornalisti ... :@
          • AnyFile scrive:
            Re: Bravi! Iniziativa in italia equivale
            - Scritto da: Alessandrox
            - Scritto da: AnyFile
            OK se venisse abolito l' ordine dei giornalisti
            la stessa sorte poi dovrebbe toccare a tutti gli
            altri ordini....
            Ma te l'immagini?Sarebbe solo un passo in avanti ... visto che ora funzionano solo a creare vantaggi per i consociati e svantaggi per gli altri.Mi pare che anche l'anitrust si sia espressa in questo senso, opchi giorni fae non parlo solo degli ordini professionali, che dire dei cartelli fatte da banche ed assicurazioni, agenzie pubblicitarie, ecc?
          • Anonimo scrive:
            Re: Bravi! Iniziativa in italia equivale
            - Scritto da: AnyFile
            In Italia non si possono fare le azioni legali di
            massa (class action)
            E quindi ?Guarda il link della eff postato sopra, io non ho trovato alcuna 'class action' nella lista.Quante ingiustizie sono rimaste, rimangono e rimarranno ancora impunite da queste parti ?S.
          • AnyFile scrive:
            Re: Bravi! Iniziativa in italia equivale
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: AnyFile

            In Italia non si possono fare le azioni legali
            di

            massa (class action)



            E quindi ?
            Guarda il link della eff postato sopra, io non ho
            trovato alcuna 'class action' nella lista.
            Perche' si vuole creare un precednte per poi fare una class actionQui ogni tanto in Italia qualcuno vince una causa, ma tutto finisce li', gli vengono rimborsati 10 o 100 euro e tutto finisce li'. Che ci sono altri milioni di persone che vengono "frodate" di 10 o 100 euro tutti i mesi .. chissenefrega ...
Chiudi i commenti