Green Pass rafforzato: tirata d'orecchi dal Garante

Green Pass rafforzato: tirata d'orecchi dal Garante

Illegittimo chiedere il Green Pass rafforzato (o Super Green Pass) all'ingresso dei luoghi per i quali è sufficiente la versione base del certificato.
Illegittimo chiedere il Green Pass rafforzato (o Super Green Pass) all'ingresso dei luoghi per i quali è sufficiente la versione base del certificato.

Le norme che regolano l'impiego del Green Pass sono chiare: alcuni luoghi e attività risultano accessibili esclusivamente a chi è in possesso di quello rafforzato, ottenuto in seguito alla somministrazione del vaccino o alla guarigione da COVID-19, mentre in altre occasioni è sufficiente disporre della versione base del documento, quella rilasciata con i tamponi. Eppure, c'è chi fa di testa sua, tanto da richiedere un intervento dell'autorità.

Green Pass e VerificaC19: evitare abusi illegittimi

A portare alla luce il problema è stato il Garante Privacy, dando voce alle segnalazioni giunte dai cittadini che lamentano un uso improprio dell'applicazione VerificaC19 da parte di chi gestisce le strutture ricettive o l'accesso ai luoghi di lavoro.

Sono pervenute al Garante segnalazioni di cittadini che lamentano l'uso da parte di albergatori o datori di lavoro dell’app per il green pass rafforzato invece che la versione base. In questo modo chi ha effettuato un tampone e può quindi legittimamente accedere all'albergo o al luogo di lavoro, si vede precluso l'ingresso perché la sua certificazione verde risulterà non valida.

Il Green Pass rafforzato (o Super Green Pass) non è necessario per lavorare, se non per specifiche categorie di professionisti, così come non lo è per l'accesso agli alberghi.

L'uso della app per il Super Green Pass per queste categorie di soggetti è dunque illegittimo.

L'autorità ha suggerito al Ministero della Salute gli accorgimenti da adottare al fine di evitare abusi e garantire così il legittimo accesso ai luoghi previsti da parte di chi, pur non essendo immunizzato, sceglie di sottoporsi ai tamponi.

Restando in tema, è di oggi la notizia che anche i bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni che possono ora ricevere la somministrazione del vaccino avranno il Green Pass, ma non sarà loro chiesto se non al rientro in Italia dall'estero.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti