Novità su Teams: cambio device al volo e sondaggi

Possibilità di cambiare dispositivo senza abbandonare la riunione, integrazione dei sondaggi e altre novità in arrivo per Microsoft Teams.
Possibilità di cambiare dispositivo senza abbandonare la riunione, integrazione dei sondaggi e altre novità in arrivo per Microsoft Teams.
Guarda 11 foto Guarda 11 foto

Prosegue senza soluzione di continuità il lavoro di Microsoft su Teams con l’obiettivo dichiarato di rendere il servizio sempre più funzionale e versatile, soprattutto ora che il nuovo inasprirsi della crisi sanitaria a livello globale sta costringendo sempre più persone nel mondo ad abbracciare la formula dello smart working.

Teams: switch tra dispositivi, sondaggi e altre novità

Qui segnaliamo le ultime novità introdotte, in fase di rollout oppure in arrivo entro breve. La prima è già accessibile ed è quella che permette agli utenti di cambiare dispositivo durante un meeting senza che come accaduto fino a ora si debba interrompere la propria partecipazione alla riunione. Torna utile soprattutto a coloro che sono soliti lavorare in modalità multitasking, passando ad esempio di continuo dal computer desktop al laptop oppure a dispositivi mobile come smartphone e tablet. Ovviamente, su tutti i device in questione è necessario aver precedentemente eseguito il login all’account utilizzato.

Il trasferimento dei meeting di Teams da un dispositivo all'altro

Farà invece il suo debutto entro il mese prossimo su Teams l’integrazione dei sondaggi, una feature studiata in modo da migliorare e ampliare le modalità di interazione offrendo uno strumento in più per raccogliere feedback o pareri sugli argomenti trattati negli incontri da remoto. Sarà basata su Microsoft Forms, tool realizzato dal gruppo di Redmond proprio a tale scopo e da pochi giorni gratis per tutti senza alcuna forma di limitazione.

In arrivo poi nelle prossime settimane la possibilità di disabilitare la visualizzazione automatica delle anteprime dei messaggi ricevuti all’interno delle notifiche (innalzando così il livello di tutela della privacy) così come la cancellazione automatica del rumore che andrà a migliorare la componente audio delle videochiamate oltre alla condivisione dello schermo su macOS tramite il browser Safari.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti