Teams e il cloud di Microsoft Azure per CES 2021

La prossima edizione del Consumer Electronics Show andrà in scena esclusivamente in forma digitale, facendo leva sulle cloud tecnologie di Microsoft.
La prossima edizione del Consumer Electronics Show andrà in scena esclusivamente in forma digitale, facendo leva sulle cloud tecnologie di Microsoft.

Il Consumer Electronics Show di Las Vegas è stato l’ultimo grande evento del mondo tecnologico andato in scena in questo 2020, all’inizio dell’anno, prima che la crisi sanitaria globale costringesse a cancellare gli altri appuntamenti a partire dal Mobile World Congress. Per ovvi motivi la sua prossima edizione, CES 2021, verrà organizzata in un formato esclusivamente digitale, facendo leva sui sistemi messi a disposizione da Microsoft.

CES 2021, un evento sulla nuvola di Microsoft

L’appuntamento è fissato per i giorni dall’11 al 14 gennaio. Conferenze, presentazioni e meeting saranno resi possibili grazie al cloud di Azure e a strumenti come Teams per la comunicazione da remoto. È quanto prevede l’accordo siglato tra la società e Consumer Technology Association, realtà che da sempre si occupa di allestire la kermesse. Riportiamo di seguito in forma tradotta quanto si legge sul blog ufficiale del gruppo di Redmond in un post firmato da Bob Bejan (CVP, Global events, Production Studios and Marketing Community).

È un grande onore per Microsoft essere stata scelta come partner di CTA per il CES, l’evento sulla tecnologia più influente al mondo. Non vi sorprenderà sapere che stiamo mettendo a disposizione le nostre soluzioni cloud, incluse Azure, Teams e Power Platform, insieme a quelle dei partner, creando la piattaforma tecnologica per un evento esclusivamente digitale in grado di unire l’intera comunità tech globale e di offrire l’esperienza del CES 2021.

Complice il protrarsi dell’emergenza, il mondo degli eventi si sta vedendo costretto a reinventare se stesso, adottando nuove modalità di interazione nel momento in cui oltre a non poterci più stringere la mano di persona iniziamo a domandarci se realmente abbiamo ancora bisogno di farlo. In questo 2020 che difficilmente dimenticheremo, in cui tutti noi abbiamo dovuto in modo un po’ forzato prendere confidenza con il concetto di smart working, l’annuncio relativo al Consumer Electronics Show non sorprende. Anzi, ci avrebbe stupiti il contrario.

Fonte: Microsoft
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti