Telecom, bilancio con sospeso

La Borsa accoglie bene i numeri del 2009 nonostante la performance negativa rispetto al 2008. Intanto Sparkle annuncia azioni contro l'ex AD. Prosegue l'indagine sui libri contabili

Roma – Telecom Italia ha presentato il bilancio per il 2009 che, malgrado la questione Sparkle in sospeso e il calo rispetto al 2008, ha superato le aspettative della Borsa che ha così ben accolto la performance della telco.

Avendo dovuto rinunciare a oltre 500 milioni di euro accantonati a fondo rischio per la controllata Sparkle , l’unità sotto inchiesta per frode fiscale e motivo per cui il rendiconto era stato rimandato, a registrare le maggiori perdite è la sezione italiana dell’azienda, che costituisce peraltro il core business.

Per il resto la questione Sparkle avrà, secondo quanto dichiarato dell’AD Bernabè, un impatto limitato sul bilancio 2009 (di circa 10 milioni), mentre è il 2010 l’anno in cui si vedrà l’effettivo influsso economico sull’azienda. Sulla vicenda l’AD telecom ha peraltro confermato che il CdA di Sparkle ha intenzione di inserire nell’ordine del giorno della prossima assemblea l’ azione di responsabilità contro l’ex ad Stefano Mazzitelli.

Complessivamente Telecom ha registrato un utile di 1,59 miliardi, in calo rispetto ai 2,178 nel 2008, e l’AD ha annunciato un dividendo di 5 centesimi di euro per azioni ordinarie e 6,1 per le risparmio. Le entrate pari a 27 miliardi rappresentano un meno 6,3 per cento rispetto al 2008 , che arriva a meno 27 se si prende esclusivamente in considerazione il mercato italiano su cui pesa la vicenda Sparkle.

A mettere sotto pressione la telco è la maggiore competizione e il peso dei debiti, per cui l’amministrazione si sta concentrando sul taglio dei costi. Dopo la vendita di Hansenet, Telecom Italia si starebbe inoltre preparando alla cessione della controllata Telecom Argentina : Secondo quanto dichiarato dall’Ad del gruppo l’operazione di dismissione dovrebbe avvenire “abbastanza presto”.

Per il nuovo anno Bernabè ha inoltre promesso un ulteriore riduzione del debito con conseguente aumento dei dividenti (dello 0,05 per cento): “L’efficace gestione del capitale di esercizio e degli oneri finanziari e l’andamento del free cash flow – ha spiegato – consentirà di ridurre il debito di 5 miliardi. Debito che al 2012 sarà inferiore a 28 miliardi”.

Tuttavia le previsioni aziendali per il periodo 2010-2012 sono in ribasso rispetto alle precedenti, attendendo adesso l’1 per cento. Sempre per il 2010 per le vendite è atteso un calo tra il 2 e il 3 per cento .

Nonostante queste previsioni i risultati sono stati superiori alle aspettative , tanto che la Borsa di Milano ha premiato il titolo che ha chiuso a più 1,19 per cento.

Per il futuro, oltre alla riduzione delle spese, si punta forte sul mercato italiano (dove si possono recuperare quote di mercato) e su quello brasiliano dove si intende continuare la crescita. “Ridurre i costi operativi e migliorare i servizi ai nostri clienti – ha spiegato Bernabè – e i risultati arriveranno, anche se per invertire la tendenza dei ricavi dobbiamo espandere la base dei clienti”

La presentazione del bilancio è coincisa con alcune novità anche per quanto riguarda l’indagine che vede coinvolto Carlo Buora , in qualità di ex legale rappresentante di Telecom e firmatario delle dichiarazioni dei redditi e dell’Iva nel 2003-2006, e il tuttora responsabile fiscale dell’azienda telefonica Roberto Moro : in due distinti “avvisi di chiusura indagini e deposito degli atti” si vedono contestare l’ipotesi di frode fiscale per “avere indicato, allo scopo di evadere le imposte, elementi passivi fittizi che comportavano evasione dei redditi” per un miliardo e 67 milioni di euro nel 2003, e per 535 milioni di euro sia nel 2004 sia nel 2006, ma anche per evasione dell’Iva per 12 milioni di euro nel 2003 e 11 milioni nel 2005.

In tali procedimenti, tuttavia , Telecom Italia non è coinvolta in quanto, si legge in un comunicato aziendale, “tali ipotesi di reato non implicano la responsabilità amministrativa della società”.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mario lazzaro scrive:
    messenger per lavorare è sicuro?
    Salve a tutti.Non so se questa mia domanda è un po' OT ma ho provato a chiedere ai Microsoft vangelist e pure a voi! Nella mia azienda - 23 dipendenti - per lavoro usiamo messenger sia per la LAN che per l'esterno. C'è un prodotto di sicurezza Microsoft adatto per proteggere queste comunicaazioni? Ci sono dati privati che viaggiano in internet e non mi piacerebbe se finissero in mani sbalgiate!E per crittografarle queste conversazioni? Voi usate MSN per lavoro? Vi proteggete? Mi dite come?Grazie per i suggerimenti che potete darmimario lazzaro
    • msevangelist scrive:
      Re: messenger per lavorare è sicuro?
      Ciao Mario,trovi la risposta nel box dedicato.Dovresti usare Office Communications Server (magari tramite BPOS) per poter avere maggior controllo (e sicurezza) sulle comunicazioni IM che usate in Azienda.Windows Live Messenger è pensato per l'utilizzo in ambito consumer.Renato
    • krane scrive:
      Re: messenger per lavorare è sicuro?
      - Scritto da: mario lazzaro
      Salve a tutti.
      Non so se questa mia domanda è un po' OT ma ho
      provato a chiedere ai Microsoft vangelist e pure
      a voi!
      Nella mia azienda - 23 dipendenti - per lavoro
      usiamo messenger sia per la LAN che per
      l'esterno.
      C'è un prodotto di sicurezza Microsoft adatto per
      proteggere queste comunicaazioni? Ci sono dati
      privati che viaggiano in internet e non mi
      piacerebbe se finissero in mani
      sbalgiate!
      E per crittografarle queste conversazioni?
      Voi usate MSN per lavoro? Vi proteggete? Mi dite
      come?
      Grazie per i suggerimenti che potete darmi
      mario lazzaroPidgin + OTRwww.pidgin.im/ http://www.cypherpunks.ca/otr/-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 aprile 2010 11.59-----------------------------------------------------------
      • mario lazzaro scrive:
        Re: messenger per lavorare è sicuro?
        Grazie @Krane per il suggerimento!e grazie pure @microsoft vangelist giorgino per la risposta che metto qui per tutti:La versione "aziendale" dell'infrastruttura di Instant Messaging Microsoft, quella basata su Office Communicator e Office Communications Server 2007 R2 consente la cifratura di tutto il traffico IM: http://technet.microsoft.com/en-us/library/dd572886(office.13).aspx Naturalmente dovresti installarti l'infrastruttura di OCS, oppure appoggiarti ad una offerta come quella di BPOS, che ha anche la parte di Istant Messaging acquistabile come servizio: http://www.microsoft.com/online/office-communications-online.mspxProdotti poi come Forefront Protection for OCS consentono di effettuare anche la scansione del traffico IM per rimuovere eventuali virus/contenuti pericolosi o non autorizzati. Per quanto riguarda Live Messenger, come avviene per altri client/servizi IM non c'è al momento una funzionalità di cifratura del traffico rilasciata ufficialmente, ma esistono dei plugin aggiuntivi che consentono di cifrare comunque il traffico IM. Per chi vuole usare messenger quindi ci sono plugin unofficial come Pidgin + OTR consigliato da krane:www.pidgin.imhttp://www.cypherpunks.ca/otrgrazie ancora a tutti e due! :)
  • sampaolo scrive:
    vpn quarantena
    Ciao,qualcuno di voi saprebbe dirmi esattamente cosa sono le vpn "quarantena"?E a cosa servono, quali vantaggi hanno rispetto alle vpn classiche.grazie. Intanto ho chiesto anche agli esperti, vediamo se mi rispondono.
    • msevangelist scrive:
      Re: vpn quarantena
      Ho risposto alla tua domanda nel box Chiedi all'esperto.Giorgio
      • sampaolo scrive:
        Re: vpn quarantena
        Grazie infinite Giorgio posto qui la tua risposta se serve a qualcuno la trova ;-)
        Per VPN di quarantena (o reti di quarantena) si intende normalmente una rete appositamente creata su cui vengono indirizzati i client che si connettono via VPN durante la fase di verifica della configurazione (verifica di compliance alle policy aziendali) o in caso la configurazione non soddisfi le policy aziendali. Queste reti sono separate per mezzo di firewall dalla "normale" rete aziendale e possono contenere risorse per aiutare gli utenti a rendere conformi i propri computer alle policy aziendali (server per download di patch, firme di antivirus, ecc). Cordiali saluti PierGiorgio Malusardi
  • applocker scrive:
    AppLocker
    Ciao, ho letto di AppLocker e vorrei avviarlo su Windows 7.Come faccio? Help me please!
    • msevangelist scrive:
      Re: AppLocker
      Fai la domanda agli esperti così la risposta è più facilmente visibile da tutti e quindi può essere più utile.Giorgio
      • appsolver scrive:
        Re: AppLocker
        @applockerIo lo uso in Windows 7. Prova a fare così: Apri "Start -
        Esegui" e digita "services.msc". Il servizio identità applicazione dovrà funzionare nella modalità automatico. Nella lista che ti compare scegli "Proprietà" e poi scegli "Automatico" in Tipo di Avvio. Premi "OK" per salvare e ricordati di riavviare. Spero di esserti stato utile, non so se era questo che volevi fare!
        • applocker scrive:
          Re: AppLocker
          Grazie appsolver, provo e ti dicoSi volevo fare proprio questo ;-)grazie ancora (hai fatto prima degli evangelist!)
        • applocker scrive:
          Re: AppLocker
          Ragazzi, il gentilissimo evangelist Renato Giorgini ha risposto esaurientemente alla mia domanda nell'area delle domande tecniche.Credo possa essere uitli a molti quindi riposto qui la sua risposta:***La funzionalità di AppLocker è composta da più componenti. Il Servizio AppIDSvc (Application Identity - Identità Applicazione) è quello che si prende cura di verificare l'identità delle applicazioni. Dopo aver avviato il servizio e impostato il suo avvio in modalità automatica, è necessario poi configurare le policy di sistema per determinare quali applicazioni abilitare e quali no. Dal menù start, avvia gpedit.msc, e vai sotto Local Computer Policy
          Computer Configuration
          Windows Settings
          Security Settings
          Application Control Policies
          App Locker. Lì trovi tre differenti tipologie di regole: quelle per gli eseguibili, quelle per gli script, quelle dei package Windows Installer. Un consiglio importante: prima di abilitare regole e servizio Application Identity abilita le "Default Rules" in tutti e tre i rami delle policy (Exe, Installer, Script), altrimenti rischi di ESSERE BLOCCATO FUORI DAL TUO PC, visto che senza le Default Rules vengono bloccati anche gli eseguibili Microsoft (e quindi gli eseguibili stessi del sistema operativo!). Puoi anche utilizzare la funzionalità di "Automatically Generate Rules" per creare delle regole che abilitano tutte le applicazioni che hai già installato sulla tua macchina. Ti suggerisco di vedere il video http://www.microsoft.com/italy/beit/TechNet.aspx?video=b300011a-42e5-421a-adba-1810e43ba4baper approfondire l'argomento. Dimenticavo: la funzionalità di AppLocker è presente nelle versioni Enterprise ed Ultimate di Windows 7. ***
      • applocker scrive:
        Re: AppLocker
        fatto, grazie :-)
    • msevangelist scrive:
      Re: AppLocker
      Ciao,ti ho risposto nell'area Chiedi all'Esperto, fammi sapere se le informazioni sono sufficienti.Renato
      • applocker scrive:
        Re: AppLocker
        Grazie mille Renato!A dirti il vero non ci ero riuscito ancora, è proprio con la tua risposta che ho capito tutto e ora ho risolto.Grazie anche delle altre preziose info :)PS - Dovreste passare un po' più spesso da queste parti!!!A molti di noi sareste davvero utilissimi.Complimenti e grazie ancora.
        • msevangelist scrive:
          Re: AppLocker
          Sono contento che le informazioni ti sono state utili.Quando possibile passiamo molto volentieri da queste parti :), in ogni caso anche voi quando avete problemi o qualche domanda particolare fate una visita al nostro blog http://blogs.technet.com/italy e contattateci senza problemi! Renato
  • macuser scrive:
    client nap
    Qualcuno di voi conosce un client NAP (possibilmente gratuito) per MAC OSX? Garadito consiglio e confronto caratteristiche,grazie 1k!
    • sampaolo scrive:
      Re: client nap
      @macuser Leggendo tra le risposte ho visto che Malusardi ha risposto anche a te!Te la riposto qui,così se non l'hai vista ce l'hai e ce l'hanno tutti ;-)ciao SMP
      Il supporto NAP per client non Microsoft è fornito da terze parti e a questo linkhttp://www.microsoft.com/windowsserver2008/en/us/nap-partners.aspxè possibile trovare tutti i partner che hanno soluzioni compatibili con NAC tra cui client per Linux e Mac. Francamente non ho mai provato queste soluzioni e quindi non posso suggerirne una specifica. Cordiali saluti PierGiorgio Malusardi
  • villa cask scrive:
    Group Policy, Un aiuto please
    Ho un dominio su Windows Server (admin) e ho impostato le Group Policy con Active Directory. Ho impostato i siti attendibili in IE. Ma così ho tolto agli utenti non admin di IE la possibilità di inserire anche loro i siti attendibili! Mi dareste una mano per lasciare liberi anche i non admin di inserire i loro siti attendibili? Come si fa? Villa/CaskPS - Ho chiesto anche agli esperti Microsoft ho visto che si può nella barretta laterale sono giorni che sbatto la testa con questa cosa :-(
    • Joe Mark 12 scrive:
      Re: Group Policy, Un aiuto please
      Ciao, hai fatto bene a chiedere agli esperti, nell'approfondimento della scorsa settimana hanno risposto a numerose domande, attendiamo l'esito della risposta con la speranza che ti possa essere di aito, ciao e a presto
    • villa cask scrive:
      Re: Group Policy, Un aiuto please
      Per chi fosse interessato, mi ha risposto direttamente un evangelist:

      Può configurare il mapping tra siti e zone in un computer, e poi utilizzare le Group Policy Preferences (o degli script di logon) per impostare i valori delle chiavi di Registry corrispondenti ai setting scelti su tutti i client. Utilizzando le Group Policy Preferences gli utenti potranno poi modificare liberamente la configurazione. Beh, problema spostato ;)Ora ci provo e vi dico...
  • quality_lif e scrive:
    BitLocker Drive Encryption o PGP?
    Scusate, leggo qui che con BitLocker Drive Encryption posso crittografare tutto quello che voglio in tutta sicurezza. Vorrei che voi esperti mi spiegaste una cosa: ma se BDE fa tutto e io ho già Windows, perchè dovrei installare PGP per fare crittografia?Ma PGP è meglio in qualcosa?E un'altra cosa: sono in vendite decine di software commerciale per fare crittografia, mi spieghereste a che servono se PGP è gratuito?O non è gratuito?Sono grato a chiunque mi voglia aiutare. Avrete capito che ho bisogno di crittografare un po' di roba ;-)
    • glider scrive:
      Re: BitLocker Drive Encryption o PGP?
      Gli esperti (quelli veri) hacker sanno bene che PGP è stato sempre un colabrodo. Da sempre! Guarda qui: http://www.di.unito.it/~colavecc/pgp/E poi ora PGP (versione completa) non è più free. è a pagamento!Stanne alla larga!Se proprio vuoi usare un software pgp-like, usa GNU Privacy Guard (o GPG).è opensource e risolve tutti i problemi di licensing di PGP.
      • 7hack3r scrive:
        Re: BitLocker Drive Encryption o PGP?
        Visto ke vedo vi interessa eccovi un trukkettino ke ho usato per far fungere bitlocker sul mio PC senza avere la richiesta TPM ;-)Fate cosi:Start
        gpedit.msc
        Configurazione utente
        Admin models
        Componenti Windows
        Bitlocker
        System Drive
        Require addition authentication start
        Allow BitLocker without a compatible TPM
        Il gioco è fatto ;-)Attenti! Non so se è una procedura sicura ma ho visto ke qui girano gli evangelist Microsoft, loro sapranno dirvi meglio eh eh :-)
        • plinio il vecchio scrive:
          Re: BitLocker Drive Encryption o PGP?
          - Scritto da: 7hack3r
          Visto ke vedo vi interessa eccovi un trukkettino
          ke ho usato per far fungere bitlocker sul mio PC
          senza avere la richiesta TPM
          ;-)

          Fate cosi:

          Start

          gpedit.msc

          Configurazione utente

          Admin models

          Componenti Windows

          Bitlocker

          System Drive

          Require addition authentication start

          Allow BitLocker without a compatible TPM


          Il gioco è fatto ;-)

          Attenti! Non so se è una procedura sicura ma ho
          visto ke qui girano gli evangelist Microsoft,
          loro sapranno dirvi meglio eh eh
          :-)io invece vedo ke qui girano troppi piskelli
Chiudi i commenti