TikTok senza grandi hit, Universal Music ritira il catalogo

TikTok senza grandi hit, Universal Music ritira il catalogo

Universal Music ritirerà la sua musica da TikTok poiché non ha trovato un accordo con ByteDance, per quanto riguarda le royalties.
TikTok senza grandi hit, Universal Music ritira il catalogo
Universal Music ritirerà la sua musica da TikTok poiché non ha trovato un accordo con ByteDance, per quanto riguarda le royalties.

Universal Music Group (UMG), la major discografica che rappresenta star come Taylor Swift, Billie Eilish e Ariana Grande, ha annunciato che dalla mezzanotte di domani ritirerà il proprio catalogo musicale da TikTok.

La decisione arriva dopo il fallimento delle trattative con ByteDance, società proprietaria di TikTok, per il rinnovo dell’accordo sulle royalty in scadenza il 31 gennaio. UMG ha fatto sapere che non cercherà di prolungare la partnership attuale e che cesserà di concedere licenze per l’utilizzo dei contenuti sia su TikTok che su TikTok Music, il servizio musicale collegato. Un duro colpo per la popolare piattaforma social, che d’ora in avanti non potrà più contare sui diritti di utilizzo del ricco catalogo Universal e delle hit dei suoi artisti di punta.

UMG ha accusato TikTok di voler costruire un “business basato sulla musica senza pagare il giusto valore per la musica” e di offrire un tasso “irrisorio” rispetto ad altre piattaforme social. TikTok ha respinto le accuse, definendo UMG “avido” e “egoista“.

UMG rompe il contratto per una disputa sui diritti musicali

Secondo il comunicato stampa di UMG, TikTok – che nel 2023 ha registrato quasi 20 miliardi di dollari di entrate pubblicitarie – ha proposto di pagare gli artisti e gli autori di canzoni di UMG a un tasso che è una frazione di quello che pagano le principali piattaforme social con una posizione simile. UMG ha affermato che TikTok rappresenta solo l’1% circa dei suoi ricavi totali, nonostante la sua base di utenti massiccia e in crescita, i ricavi pubblicitari in rapido aumento e la crescente dipendenza dai contenuti musicali.

UMG ha inoltre sostenuto che TikTok non era d’accordo sui pagamenti per le registrazioni generate dall’intelligenza artificiale utilizzando le proprietà di UMG e che non stava prendendo le misure appropriate per rimuovere rapidamente i contenuti che violavano il diritto d’autore dell’etichetta.

TikTok non ha risposto immediatamente, ma in seguito ha inviato una dichiarazione via e-mail in cui ha espresso la sua delusione per la decisione di UMG. Ha negato la falsa narrativa e la retorica di UMG e ha dichiarato di essere stata in grado di raggiungere accordi “artist-first” con ogni altra etichetta ed editore. Ha accusato UMG di anteporre la propria avidità agli interessi dei propri artisti e autori.

Le conseguenze della rottura

La rottura con UMG arriva in un momento in cui TikTok si sta dedicando maggiormente alla creazione e alla cura della musica. La piattaforma sta posizionando TikTok Music, lanciato l’anno scorso in alcuni Paesi, come un serio rivale di Spotify e Apple Music. Nel frattempo, sta sperimentando una funzione “AI Song” che utilizza l’intelligenza artificiale per creare canzoni in base alle richieste inserite dagli utenti. La rottura con UMG potrebbe compromettere la disponibilità di musica di qualità su TikTok, dato che UMG è una delle più grandi etichette discografiche al mondo e vanta un catalogo che comprende artisti come Bad Bunny, SZA, Drake, Kendrick Lamar, Harry Styles, Justin Bieber, Adele, U2 ed Elton John.

Anche se TikTok ha provato a raggiungere accordi vantaggiosi con alcune etichette discografiche, come Warner, Sony e Universal, non ha esitato ad usare il suo potere quando lo riteneva opportuno. Per esempio a febbraio ha rimosso la musica delle major discografiche in Australia, per testare l’impatto sugli utenti. La rottura con Universal Music potrebbe essere il segnale di una crescente tensione tra TikTok e l’industria musicale. Questo potrebbe portare a conseguenze legali e danni alla reputazione.

TikTok punta su nuovi talenti

Negli ultimi tempi TikTok ha provato a stringere accordi in esclusiva con diversi artisti, attraverso SoundOn, il servizio di distribuzione musicale della società proprietaria ByteDance. L’obiettivo è quello di assicurarsi contenuti da veicolare direttamente su TikTok e sulle principali piattaforme di streaming. Inoltre, con il programma Elevate, la piattaforma punta a identificare e promuovere la prossima ondata di talenti emergenti nel panorama musicale.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 31 gen 2024
Link copiato negli appunti