Toblòg/ Hacker Hacker 2003

di Vittorio Bertola - Cos'è stato l'Hackmeeting di Torino? Chi c'era e perché? Cosa significa essere hacker? Tutto questo nel racconto di uno dei partecipanti all'evento di Torino che si è appena concluso


Roma – E così, adesso sono ufficialmente un hacker, non solo per i miei ex capi e colleghi marchettari di…., per molti dei quali chiunque sapesse installare Windows era un hacker, ma anche per il resto del mondo, avendo tenuto un seminario all’ Hackmeeting 2003 , ed essendo stato addirittura fotografato dai media in fiera posa davanti al manifesto.

Questa era per me la prima partecipazione all’Hackmeeting, nata un po’ per caso dopo aver scoperto, a margine della conferenza di Stallman , che quest’anno si teneva a Torino. Non conoscevo praticamente nessuno, a parte un po’ di linuxari torinesi incontrati sul posto e curiosi quanto me; nè ho alcun merito nell’organizzazione dell’evento.

Il meeting si è tenuto presso El Barrio , ossia in una deliziosa scuola elementare di inizio secolo situata di fronte alla Falchera. Immaginate un edificio devastato dall’abbandono, con i muri scrostati; ora immaginate di tirarci dentro un dedalo di cavi di rete viola, piazzare avventurosamente apparecchiature di rete recuperate in vario modo per creare un’unica LAN, e poi permettere alla gente di portare dentro i propri PC e attaccarsi per condividere materiale. All’inventore della legge 626 saranno fischiate le orecchie, ma il risultato era un grosso LAN party con costante scambio di roba buona (immagino che sulla rete ci fosse ogni genere di materiale interessante, ma mi sono vergognato di esibire il mio portatile con Win2K, per cui non posso saperlo).

In parallelo, si sono tenuti un bel po’ di seminari interessanti; i più fortunati nella palestra, ampia, respirabile e dotata di sedie, gli altri pigiati all’inverosimile in un paio di anguste stanzette. Il mio seminario, venerdì pomeriggio, era centrato sul governo di Internet , e oltre a raccontare un po’ di retroscena già apparsi in questo blog , ho lanciato il sasso sull’importanza che il mondo open source italiano partecipi di più alle faccende dell’Internet governance nazionale, in modo da ottenere regole migliori per la nostra rete. I retroscena, però, fanno molto Matrix e sono stati prontamente ripresi dai giornalisti presenti, con tanto di inviti a scrivere un libro (se i giorni avessero 48 ore…).

Sfortunatamente avevo già impegni preesistenti per buona parte del weekend, ma ho fatto in tempo ad assistere, tra le altre cose, all’affollato seminario sulla EUCD tenuto da Alceste di Assoli, alla presentazione dell’interessante progetto DNA per un DNS a radice distribuita, e alla presentazione del Chaos Communications Camp 2003 , che promette di essere il maggior raduno europeo di hacker degli ultimi anni (interessanti anche i commenti del relatore, Tim Pritlove , alla sua visita a Torino). E poi… ho mancato l’assemblea finale, ma arrivederci a Genova nella primavera 2004.

Ma prima di finire, permettetemi di trarre qualche conclusione sul significato che un evento di questo tipo, che deriva originariamente dalle radici anarchiche degli hacker dei centri sociali, ma che ormai raccoglie anche tante persone dei LUG e del mondo professionale che sono arrivate da altri percorsi e altre culture, può avere per il mondo esterno, per quello che, leggendo gli articoli di certa cattiva o interessata stampa, crede che l’ hacker sia un tizio vestito di nero che di giorno sfonda le vetrine delle banche e di sera scrive virus per rovesciare il capitalismo. (E sì, è vero che all’ hackmeeting quasi tutti erano vestiti di nero, ma questo non c’entra!!)

Insomma, cosa significa essere hacker in Italia nel 2003?

Beh, innanzi tutto io non ho il quarantadue in mano, quindi al massimo posso dirvi cosa significa essere hacker per me stamattina. Dunque, se essere hacker significa credere di avere una risposta pronta per tutto, difendere orgogliosamente una purezza di “alternativo”, accumulare conoscenza allo scopo di disprezzare quelli che non ce l’ hanno e di usarla per danneggiare quelli che non la pensano come me, allora non sono un hacker e non lo sarò mai (ma gente così, al meeting, non ne ho conosciuta – al massimo un paio su qualche mailing list).

Ma se significa vivere con curiosità e con dubbio, voler sempre capire cosa c’è dietro alle questioni tecniche così come a quelle economiche e politiche, rifiutare i piatti pronti che mi passano dall’alto per inventare liberamente i miei, e pretendere il seimiliardesimo di potere sul mondo (niente di più, niente di meno) che mi spetta di diritto, allora lo sono, lo sono sempre stato, e sono orgoglioso di esserlo.

E sono anche assolutamente sicuro che solo se un pizzico dell’approccio hacker al mondo contagerà ognuno di noi – anche quelli che il PC lo usano soltanto per Word in ufficio, e a cui Linux pare il nome di un detersivo – sarà possibile conservare, in un’era di comunicazioni globali, la nostra libertà personale.

Vittorio Bertola
Toblòg

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mauz scrive:
    Re: dove sono le flat DIALUP????
    qualcuno mi spiega perché in Spagna Wanadoo riesce ancora a offrire una flat a 19.90 euro al mese con connessioni di 17 ore (dalle 15:00 alle 8:00) e 24 ore nei fine settimana e festivi (addirittura migliore della prima libero@sogno)??p.s.: vedi http://www.wanadoo.es/accesos/tarifaplana/
  • Anonimo scrive:
    Re: era ora !
    - Scritto da: atari
    era ora !!!!! Sono mesi che prego per un
    intervento dell'Antitrust !!!

    Speriamo che Telecom venga eliminata una
    volta per tutte, e che d'ora in poi tutti i
    provider Internet e Telefonici partano da
    posizioni paritarie.

    Sono stufo di pagare un canone così alto per
    un semplice cavetto di rame che ho in casa
    da più di 30 anni !!

    E non parliamo di Internet !
    Telecom ha i prezzi bassi ? E' vero !! E
    sono talmente bassi che può farli solo lei
    (li fa per accaparrarsi gli utenti ADSL e
    rinforzare il suo monopolio...)!!!! Per
    questo è giusto che venga condannata o
    meglio eliminata.

    L'eliminazione di telecom è fondamentale
    perchè si sviluppi un mercato libero e
    giusto nel settore Internet e Telefonico.Va bene, allora facciamoci staccare tutti quel vecchio cavetto, distruggiamo le centrali e aspettiamo che i privati raggiungano anche il più sperduto paese di montagna con i loro nuovi cavetti. Certo però poi non ci chiedano un canone per fare manutenzione.
    • Anonimo scrive:
      Re: era ora !
      Nò, è molto più conveniente che dividiamo telecom in 2.Una si occupa delle linee e prende i canoni (e forse è meglio che sia pubblica ), l'altra vende l'ADSL, le telefonate e i servizi.Ciao,Andrea
  • Anonimo scrive:
    Re: Telecom, SIP e altre storie
    Secondo me hai fatto un pochino di confusione con la SIP (Società Idroelettrica Piemontese). La SIP è arrivata molto dopo la guerra. Quì da noi c'era la STIPEL (Società Telefonica Italiana per Emilia e Lombardia)
    • pippo75 scrive:
      Re: Telecom, SIP e altre storie
      - Scritto da: Anonimo
      Secondo me hai fatto un pochino di
      confusione con la SIP (Società Idroelettrica
      Piemontese). La SIP è arrivata molto dopo la
      guerra. Quì da noi c'era la STIPEL (Società
      Telefonica Italiana per Emilia e Lombardia)Sbaglio o prima era solo Società Idrica Piemontese (SIP) senza elettricaciao
  • Anonimo scrive:
    Re: dove sono le flat DIALUP????

    sì per colpa dei vampiri come me eh?anche

    non sarà forse per l'avidità di telecom nel
    non voler rinunciare alla propria tariffa a
    tempo per internet?aggratis non da niente nessuno

    o forse sono queste nanosocietà che offrono
    flat, solitamente società apri e scappa (e
    spesso con il malloppo) che si oppongono a
    qualsiasi entrata di telecom nel settore (ma
    siamo proprio sicuri che questa nicchia di
    mercato sia da difendere e non da spianare?)e chi lo dice?

    Beh, è chiaro che non è un bisogno primario
    e sopravviverò anche quando verrà il giorno
    della scadenza della mia flat (che non
    intendo rinnovare per più di 60 euro mese)
    ma, certe abitudini sono dure a morire, e
    quando accendo il computer mi connetto ad
    internet, indipendentemente che lo usi o
    meno.contento te
  • Anonimo scrive:
    Re: dove sono le flat DIALUP????
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Considerando che pago anche il canone TI,
    25

    euro mi sembrerebbero più che sufficienti

    per potermi collegare quanto e quando

    voglio.



    Con un 56 kb non vai molto lontano con il

    file sharing quindi escludo di utilizzarlo

    24/24 ma anche se fosse...
    ecco perchè sono sparite le flatsì per colpa dei vampiri come me eh?non sarà forse per l'avidità di telecom nel non voler rinunciare alla propria tariffa a tempo per internet?o forse sono queste nanosocietà che offrono flat, solitamente società apri e scappa (e spesso con il malloppo) che si oppongono a qualsiasi entrata di telecom nel settore (ma siamo proprio sicuri che questa nicchia di mercato sia da difendere e non da spianare?)Beh, è chiaro che non è un bisogno primario e sopravviverò anche quando verrà il giorno della scadenza della mia flat (che non intendo rinnovare per più di 60 euro mese) ma, certe abitudini sono dure a morire, e quando accendo il computer mi connetto ad internet, indipendentemente che lo usi o meno.
  • Anonimo scrive:
    [OT] Telecom e Microsoft
    OT: Fa un po' ridere (ma ci sarebbe da piangere) che molti che danno contro Telecom magari usano ed amano sistemi Microsoft...
  • Anonimo scrive:
    Re: dove sono le flat DIALUP????
    - Scritto da: Anonimo
    Considerando che pago anche il canone TI, 25
    euro mi sembrerebbero più che sufficienti
    per potermi collegare quanto e quando
    voglio.

    Con un 56 kb non vai molto lontano con il
    file sharing quindi escludo di utilizzarlo
    24/24 ma anche se fosse...ecco perchè sono sparite le flat
  • Anonimo scrive:
    come mi dispiace!
    Sono molto addolorato anche se sono convinto chele concorrenti al posto di telecom avrebbero fatto lo stesso.
  • Anonimo scrive:
    Re: dove sono le flat DIALUP????
    Considerando che pago anche il canone TI, 25 euro mi sembrerebbero più che sufficienti per potermi collegare quanto e quando voglio.Con un 56 kb non vai molto lontano con il file sharing quindi escludo di utilizzarlo 24/24 ma anche se fosse...
  • atari scrive:
    era ora !
    era ora !!!!! Sono mesi che prego per un intervento dell'Antitrust !!! Speriamo che Telecom venga eliminata una volta per tutte, e che d'ora in poi tutti i provider Internet e Telefonici partano da posizioni paritarie.Sono stufo di pagare un canone così alto per un semplice cavetto di rame che ho in casa da più di 30 anni !!E non parliamo di Internet ! Telecom ha i prezzi bassi ? E' vero !! E sono talmente bassi che può farli solo lei (li fa per accaparrarsi gli utenti ADSL e rinforzare il suo monopolio...)!!!! Per questo è giusto che venga condannata o meglio eliminata.L'eliminazione di telecom è fondamentale perchè si sviluppi un mercato libero e giusto nel settore Internet e Telefonico.
  • Anonimo scrive:
    Re: dove sono le flat DIALUP????

    eh eh eh... MAGARI!

    il canone di Alice Sat non comprende *alcun
    traffico telefonico*, quindi per usarla o ti
    sveni con le tariffe a tempo Telecom o ti
    fai una bella flat.

    Il mercato delle flat è disastrato. Nessuno
    riesce a proporre un offerta "presentabile"
    a chi, costretto al modem, vede la
    profusione di offerte ADSL e Fastweb a
    prezzi sempre più bassi e perlopiù
    foraggiati da incentivi statali.

    C'è stata un po' di vivacità questo inverno,
    io questo inverno sono riuscito a
    sottoscrivere Futuraflat, una always on ad
    una 60 di euro al mese (di certo non un
    regalo!) ma... hanno sospeso l'offerta...
    non ce la fanno, è antieconomico... le
    tariffe Telecom non lo permettono.

    Quello che non digerisco di telecom non è
    tanto il fatto che non mi porta l'ADSL nella
    mia zona rurale (ho letto schede tecniche
    che analizzano quelli che sarebbero i costi
    per la copertura totale, cifre da capogiro)
    ma quanto si dimostra sorda alla richiesta
    di un servizio alternativo all'ADSL ma che
    offra connettività continua a costi
    paragonabili (se non minori) a quelli
    dell'ADSL.

    (troll) ...saluti!attualmente con TL si paga 60 cents/ora secondoquale sarebbe una cifra ragionevole?
  • Anonimo scrive:
    Re: dove sono le flat DIALUP????
    - Scritto da: Alex¸tg
    - Scritto da: Anonimo

    prova qua:



    http://patchworks.cheapnet.it/

    65 al mese?
    Per quella cifra c'e` anche Alice Sat.
    Con tutti gli svantaggi del satellite
    (upload ancora via modem al prezzo di
    chiamata urbana, quando piove e/o tira vento
    t'immagini...) pero` almeno va a 640 KBps
    ovvero una cinquantina di kilobyte al
    secondo nei periodi, immagino, piu` fluidi.eh eh eh... MAGARI!il canone di Alice Sat non comprende *alcun traffico telefonico*, quindi per usarla o ti sveni con le tariffe a tempo Telecom o ti fai una bella flat.Il mercato delle flat è disastrato. Nessuno riesce a proporre un offerta "presentabile" a chi, costretto al modem, vede la profusione di offerte ADSL e Fastweb a prezzi sempre più bassi e perlopiù foraggiati da incentivi statali.C'è stata un po' di vivacità questo inverno, io questo inverno sono riuscito a sottoscrivere Futuraflat, una always on ad una 60 di euro al mese (di certo non un regalo!) ma... hanno sospeso l'offerta... non ce la fanno, è antieconomico... le tariffe Telecom non lo permettono.Quello che non digerisco di telecom non è tanto il fatto che non mi porta l'ADSL nella mia zona rurale (ho letto schede tecniche che analizzano quelli che sarebbero i costi per la copertura totale, cifre da capogiro) ma quanto si dimostra sorda alla richiesta di un servizio alternativo all'ADSL ma che offra connettività continua a costi paragonabili (se non minori) a quelli dell'ADSL.(troll) ...saluti!
  • Anonimo scrive:
    Re: I prezzi piu' bassi?!?


    Non posso parlare per le altre nazioni, ma
    qui in Germania, oltre ad avere migliaia di
    offerte per la connettivita' Internet a
    prezzi minori di quelli italiani (per il
    semplice motivo che qui esistono i "numeri
    blu", ossia quei sistemi tali per cui pago
    la connessione al minuto o al Kilobyte e
    basta!), telefono a prezzi che arrivano ad
    essere UN SESTO di quelli italiani...Vabbe' anche qui paghiamo la connessione a minuto ma non posso comparare perche' non conosco i vostri prezzi.

    Giusto per dirne una: quando io telefono a
    mia madre pago 4 Cent/Minuto, con un
    abbonamento Deutsche Telekom con AktivPlus
    (qui, oltre ad esserci VERA concorrenza, le
    varie ditte di telecomunicazioni offrono
    anche differenti pacchetti per diverse
    esigenze!).
    Mia madre (prima di acquistare una di quelle
    schede prepagate che si trovano adesso)
    pagava, ovviamente per lo stesso tratto ma
    nella direzione inversa, 25 Cent/Minuto!!!Io con tele2 chiamo Milano di sera e spendo 2 centesimi al minuto ma esistono tariffe ancora piu' basse.


    Ciao a tutti!
    Luca BertoncelloCiaoThe Heir
  • Anonimo scrive:
    Re: dove sono le flat DIALUP????
    Ciao,perche' non provi un gprs flat ? ..... saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: dove sono le flat DIALUP????
      - Scritto da: Anonimo
      Ciao,

      perche' non provi un gprs flat ? .....

      salutiCome faccio a verificare però la copertura GPRS?Ho paura che non sia una cosa così scontata che la mia zona sia servita.Fortuanatamente mi sono tenuto lontano dal desiderio di cambiare il telefononino ad ogni nuovo delirio del mercato e quindi dispongo solo di un economico gsm da battaglia...Quanto costa "l'attrezzatura?", esistono antenne da esterno? (ho idea che un cellulare acceso per ore in casa non sia proprio salutare).
      • Anonimo scrive:
        Re: dove sono le flat DIALUP????
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Ciao,



        perche' non provi un gprs flat ? .....



        saluti

        Come faccio a verificare però la copertura
        GPRS?
        Ho paura che non sia una cosa così scontata
        che la mia zona sia servita.

        Fortuanatamente mi sono tenuto lontano dal
        desiderio di cambiare il telefononino ad
        ogni nuovo delirio del mercato e quindi
        dispongo solo di un economico gsm da
        battaglia...

        Quanto costa "l'attrezzatura?", esistono
        antenne da esterno? (ho idea che un
        cellulare acceso per ore in casa non sia
        proprio salutare).Aruba ne offre una, con l'ausilio di wind. Il servizio funziona in tutte le aree coperte dalla rete gsm wind (ma devi avere un cell gprs)Il sito mi pare sia gprs.aruba.itpieggi
  • Alessandrox scrive:
    Re: Non capisco una Cosa
    - Scritto da: Anonimo
    Se la Telecom effettua tariffe basse allora
    ci guadagna l'utente (ma non crea
    concorrenza, ma serve la concorrenza se ci
    guadagna l'utente?).Nel breve termine e' un vantaggio economico per l' utenza ma nel lungo periodo il rischio e' che morti i competitori e rimasto un' unico fornitore il prezzo torni a salire; inoltre e' uno SVANTAGGIO anche nel medio periodo perche' sebbene garantisca bassi costi per l'utenza sfavorisce la concorrenza sulla qualita' del servizio, pochi competitori, poco attrezzati non hanno la possibilita' di investire come Telecom e quindi di garantire un buon servizio; telecom per contro, forte della su posizione (NON MERITATA MA EREDITATA DALLA EX SIP STATALE), puo' permettersi di fare prezzi bassi ma anche di NOn garantire unservizio di qualita'.Alla fine dei conti, per l' utente, e' piu' lo svantaggio che il vantaggio.
    Se non fa così ci sono
    tariffe più alte non a livello di quelle
    offerte della telecom e criticate e quindi
    l'utente paga di più. Pensate alle
    assicurazioni della auto, sono tutte uguali
    se una compagnia faceva tariffe basse
    sarebbe stata accusata come la telecom?Il caso e' profondamente diverso: le assicurazioni forniscono un servizio che e' solo di copertura economica/legale e su questo guadagnano. E' difficile pensare ad una situazione di monopolio in questo caso, piu' facile pensare ad un cartello ma e' un'altra storia.Telecom comemrcializza servizi basati su una infrastruttura FISICA sulla quale detiene il MONOPOLIO.Gli altri commercializzano gli stessi servizi basati su un' infrastruttuta che sono COSTRETTI ad AFFITTARE da Telecom.E non possono fare altrimenti perche' immaginate quante risorse, quanto tempo e quanti lavori per raggiungere un livello infrastrutturale paragonabile a quallo che la EX SIP ha raggiunto in 50? 60? Anni.... Ovviamente con le tasse dei contribuenti. IMPOSSIBILE, inoltre si avrebbe una struttura parallela e duplicata... Possono farlo l' ENEL, le Ferrovie, le Autostrade perche' hanno gia' una struttura base molto capillare estesa su tutto il territorio Italiano, basterebbe adeguarla: le Ferrovie credo che abbiano gia' un cablaggio lungo le loro linee ferroviarie, l' enel ha pure qualcosa di simile senza contare che i dati possono essere spediti attraverso la cablatura elettrica (esiste gia' la tecnologia)...Una parziale soluzione potrebbe essere qualla di scoprorare la societa' Telecom in una che rivenda un servizio ed una che mantenga la proprieta' delle infrastrutture e che venda SOLO affitti su questa cosi' tutti sarebbero trattati alla pari, senza nessun privilegio.
  • Anonimo scrive:
    Re: I prezzi piu' bassi?!?
    - Scritto da: Anonimo
    Giusto per dirne una: quando io telefono a
    mia madre pago 4 Cent/Minuto, con un
    abbonamento Deutsche Telekom con AktivPlus
    (qui, oltre ad esserci VERA concorrenza, le
    varie ditte di telecomunicazioni offrono
    anche differenti pacchetti per diverse
    esigenze!).
    Mia madre (prima di acquistare una di quelle
    schede prepagate che si trovano adesso)
    pagava, ovviamente per lo stesso tratto ma
    nella direzione inversa, 25 Cent/Minuto!!!

    Non riesco proprio a capire come mai si
    permetta a Telecom Italia di fare queste
    affermazioni TOTALMENTE inventate...
    Sara' che mi sono gia' troppo abituato bene
    con la Krante Cermania...La Deutshland non e` fondamentalmente un paese latino.Non e` quindi comparabile con Italia, Spagna et similia... :)
    • Anonimo scrive:
      Re: I prezzi piu' bassi?!?
      - Scritto da: Alex¸tg

      La Deutshland non e` fondamentalmente un
      paese latino.
      Non e` quindi comparabile con Italia, Spagna
      et similia... :)Mi pare che la Telecom abbia dichiarato di praticare tariffe piu' basse in Europa, senza specificare se soli paesi latini o meno.E fino a prova contraria la Germania fa parte dell'Europa, quindi questa considerazione di paesi latini che c'azzecca, per dirla alla Di Pietro?
  • Anonimo scrive:
    Re: E basta
    Vero. Il fatto e` che molti competitor proprio soldi non ne hanno. Non c'e` sufficiente richiesta, mi sa, c'e` poco mercato, la gente telefona parecchio ma non degna internet quel granche`.
  • Anonimo scrive:
    Re: dove sono le flat DIALUP????
    Banner angolo superiore sinistro della pagina: 3 ore al giorno poi ti puo` staccare (e in genere ti stacca). Nessun particolare vantaggio in termini di lag e velocita` in confronto alle normalissime dialup gratis. 40 euro al mese nella forma di pagamento bimestrale. Convenienza: dipende da quanto ci stai, ti conviene se ci stai piu` di un'ora e mezzo al giorno. Fatti due conti, e` una presa per il collo, ma la situazione e` questa, collega disgraziato senza banda quasi-non-stretta (ADSL).
    • Anonimo scrive:
      Re: dove sono le flat DIALUP????
      - Scritto da: Alex¸tg
      Banner angolo superiore sinistrovolevo dire destro, ma l'ho sempre confuse ste direzioni.Anche politicamente parlando.
  • Anonimo scrive:
    Re: dove sono le flat DIALUP????
    prova qua: http://patchworks.cheapnet.it/
    • Anonimo scrive:
      Re: dove sono le flat DIALUP????
      di certo non ti regalano proprio niente... :-
    • Anonimo scrive:
      Re: dove sono le flat DIALUP????
      - Scritto da: Anonimo
      prova qua:

      http://patchworks.cheapnet.it/65 al mese?Per quella cifra c'e` anche Alice Sat.Con tutti gli svantaggi del satellite (upload ancora via modem al prezzo di chiamata urbana, quando piove e/o tira vento t'immagini...) pero` almeno va a 640 KBps ovvero una cinquantina di kilobyte al secondo nei periodi, immagino, piu` fluidi.
  • Anonimo scrive:
    Re: dove sono le flat DIALUP????
    Guarda che esistono! Cioe'.. sono flat parziali... ma un famoso operatore sardo le offre...
  • Anonimo scrive:
    ce n'eravamo accorti che son monopolisti
    ancora e tuttavia, sempre monopolisti, hai voglia a dire il contrario :(:(...è perfettamente inutile stabilire delle regole e poi lasciare che loro le applichino in buona fede... tanto si sa benissimo come va a finire, ce ne accorgiamo ogni giorno che passa...forse si doveva fare come negli usa, dividendo di fatto la compagnia in parti più piccole...che schifo... :/:/:/Max
  • Anonimo scrive:
    I prezzi piu' bassi?!?
    .... In una nota diffusa ieri Telecom ha anche voluto sottolineare che "il proprio listino di interconnessione è il più ricco di servizi a livello europeo con prezzi che nella maggior parti dei casi sono tra i più bassi d'Europa, come riconosciuto recentemente dalla stessa UE".Sinceramente non riesco proprio a capire come faccia Telecom Italia ad affermare di avere il listino di interconnessione piu' ricco di servizi e i costi piu' bassi d'Europa...Non posso parlare per le altre nazioni, ma qui in Germania, oltre ad avere migliaia di offerte per la connettivita' Internet a prezzi minori di quelli italiani (per il semplice motivo che qui esistono i "numeri blu", ossia quei sistemi tali per cui pago la connessione al minuto o al Kilobyte e basta!), telefono a prezzi che arrivano ad essere UN SESTO di quelli italiani...Giusto per dirne una: quando io telefono a mia madre pago 4 Cent/Minuto, con un abbonamento Deutsche Telekom con AktivPlus (qui, oltre ad esserci VERA concorrenza, le varie ditte di telecomunicazioni offrono anche differenti pacchetti per diverse esigenze!).Mia madre (prima di acquistare una di quelle schede prepagate che si trovano adesso) pagava, ovviamente per lo stesso tratto ma nella direzione inversa, 25 Cent/Minuto!!!Non riesco proprio a capire come mai si permetta a Telecom Italia di fare queste affermazioni TOTALMENTE inventate...Sara' che mi sono gia' troppo abituato bene con la Krante Cermania...Ciao a tutti!Luca Bertoncello
  • Anonimo scrive:
    Regressione!
    Partendo dal presupposto che trovo assurda la situazione in Italia dove la Telecom è sia un fornitore di telefonia che quello che gestisce tutte le infrastrutture (ultimo miglio). Dovrebbero fare quello che hanno implementato nelle ferrovie o meglio dividere la Telecom in due società totalmente indipendenti; una gestisce l'infrastruttura e l'altra fa il normale fornitore di telefonia, come Infostrada e altri operatori privati.Detto questo, trovo altrettanto assurdo che ogni iniziativa che fa Telecom venga sempre bocciata a priori da tutte le altre società telefoniche solo perché sono degli inetti nel fornire tecnologie all'avanguardia.Prendiamo il wi-fi per esempio, Telecom porta una grossa novità positiva sul mercato, dove già siamo in ritardo con il resto dell'Europa e subito interviene il garante sotto esposti degli altri gestori telefonici e quindi questa tecnologia viene ritardata di un anno per tutti noi.Questa è una situazione che deve finire! Dividete la Telecom in due e poi basta con il garante e le altre società telefoniche che gridano "al lupo al lupo" ogni qual volta che cerchiamo di metterci alla pari anche in Italia.
  • Vaira scrive:
    Re: I competitors soffocano sotto TI

    TI andrebbe divisa almeno in 3 aziende
    distinte e separate per garantire una sana e
    reale competizione.Da far dirigere rispettivamente a:Mortadella, Cicogna e Ranocchio=)Sono ironico e pure spiritoso =)
  • Anonimo scrive:
    Solo una soluzione ... e semplice ...
    ....bisogna dividere la Telecom, bisogna creare un'azienda che si occupi delle sole infrastrutture e non dei servizi. Tutti comprano da questo unico fornitore di linee, trovandosi al medesimo punto di partenza e senza timore di concorrenza sleale. Più semplice di così ..... ma qualcuno non vuole ...... allora andiamo avanti a dibattere del sesso degli angeli e di un garante che proclama e non agisce (per carità, non è certo solo colpa sua)!!!!!!!!!Carlo
  • Akiro scrive:
    Re: Non capisco una Cosa
    dimentichi un piccolo particolare.. che la telecom non fa SEMPRE tariffe basse...le tariffe mega-iper-scontate servono ad attirare la clientela per poi colpire su larga scala.ps. e ad esser sinceri non ho mai visto tariffe basse.
  • Akiro scrive:
    Re: E basta
    "E avrebbe potuto farlo perché i suoi competitor sono anche i suoi clienti, che devono acquistare da Telecom Italia l'uso delle infrastrutture telefoniche gestite da Telecom."
  • Anonimo scrive:
    Re: mi viene un dubbio...
    - Scritto da: Anonimo
    ma l'antitrust a proposito di mediaset e del
    nostro PdC non ha proprio niente da
    aggiungere?ecco, questo commento proprio mancava....
    • Anonimo scrive:
      Re: mi viene un dubbio...
      Era solo una curiosità, insomma, mi interrogavo sulla funzione di questo organo di controllo,l'Antitrust; benemerito direi.Penso però che il mercato televisivo non goda di ottima salute in quanto a libera concorrenza.Lo so, ci pensa Gasparri a dettare e fare rispettare le regole. Vedremo.Ma qualcuno ha forse visto il "Premio Giorgio Almirante" andato in onda qualche sera fà su RaiDue? (troll) saluti!
      • Anonimo scrive:
        Re: mi viene un dubbio...
        - Scritto da: Anonimo
        Era solo una curiosità, insomma, mi
        interrogavo sulla funzione di questo organo
        di controllo,l'Antitrust; benemerito direi.ma benemerito di che cosa? E' tutta politica come sempre....
        Penso però che il mercato televisivo non
        goda di ottima salute in quanto a libera
        concorrenza.Tutti i mercati europei soffrono di questo, visto che la libera concorrenza è per le aziende (nel lungo periodo) un gioco al massacro. In Italia vogliamo parlare di mercato dell'auto? Vogliamo parlare di monopolio dell'assistenza fiscale? vogliamo parlare di monopolio dell'accesso all'informazione?Vogliamo parlare del monopolio attribuito ai sindacati che non si sono mai uniformati ai dettami costituzionali?....e qui, caro il mio bel comunistello, non è una questione di destra e sinistra. Entrambe le parti devono coltivare le proprie clientele alla ricerca del consenso.
        Lo so, ci pensa Gasparri a dettare e fare
        rispettare le regole. Vedremo.Quello che dici è quantomeno risibile
        Ma qualcuno ha forse visto il "Premio
        Giorgio Almirante" andato in onda qualche
        sera fà su RaiDue? non l'ho visto, ma in 50 anni di RAI almirante non si era mai visto, si vedevano solo il papa, andreotti, i partigiani, i noglobal e i sindacati.Finalmente un po' di pluralismo, per criticare è almeno necessario conoscere.Senza conoscere, criticare è, in generale, da imbecilli
        (troll) saluti!un saluto cordialetristemente_famoso
  • Anonimo scrive:
    Re: E basta
    sai... mettere giu cavi in tutte le città costa parecchio.cosi' tanto che nemmeno la telecom si e' accollata il costo esorbitante: abbiamo pagato noi. la telecom era sip, ed era pubblica :) quindi i debiti le spese e tutto il resto le hanno finanziate lo Stato. e lo stato e' chi ...?ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: E basta
      - Scritto da: Anonimo
      sai... mettere giu cavi in tutte le città
      costa parecchio.
      cosi' tanto che nemmeno la telecom si e'
      accollata il costo esorbitante: abbiamo
      pagato noi. la telecom era sip, ed era
      pubblica :) quindi i debiti le spese e tutto
      il resto le hanno finanziate lo Stato. e lo
      stato e' chi ...?

      ciaoQuindi il tuo consiglio è rigirare i nostri soldi ai privati.Bene basta saperlo.Io invece rivoglio una società di telefonia pubblica controllata, e che non faccia ai propri dipendenti contratti di lavoro interinale a termine.
      • Anonimo scrive:
        Re: E basta
        - Scritto da: Anonimo
        Quindi il tuo consiglio è rigirare i nostri
        soldi ai privati.
        Bene basta saperlo.
        Io invece rivoglio una società di telefonia
        pubblica controllata, e che non faccia ai
        propri dipendenti contratti di lavoro
        interinale a termine.Mi associo al 100%.Certo purche` la liberta` di mettere su provider privati rimanga.Tipo Fastweb, ma per ora sarebbe meglio avere almeno un cosino a finanziamenti pubblici che ti faccia entrare.
      • Anonimo scrive:
        Re: E basta
        - Scritto da: Anonimo
        Io invece rivoglio una società di telefonia
        pubblica controllata, e che non faccia ai
        propri dipendenti contratti di lavoro
        interinale a termine.E bravo, cosi' poi invece di tanti interinali nullafacenti, avrebbe tanti dipendenti nullafacenti che le costano il doppio, non puo' licenziarli e ve li fa pagare a voi con canone e scatto alla risposta.
  • Macs scrive:
    In realta' non vogliono risolvere..
    ...il problema.Servo delle leggi apposite per bloccare la concorrenza scorretta.Sei un fornitore di infrastruttuture e al contempo un concorrente?Beh se fai dei prezzi all'utenza finale inferiori ai costiai fornitori di servizi. Beh una volta provato il comportamentoquesi prezzi divengono il nuovo listino ufficiale in automatico.Ovviamente l'ho detto in maniera semplicistaica, bisognaconsiderare un certo margine per i gestori, che devonoanche guadagnarci ovviamente.
  • Anonimo scrive:
    Re: mi viene un dubbio...
    - Scritto da: Anonimo
    ma l'antitrust a proposito di mediaset e del
    nostro PdC non ha proprio niente da
    aggiungere?Shhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh!!!!!!!!Sovversivoooooooooooooooooooooo!!!Lascialo lavorare.....-)))
  • Anonimo scrive:
    mi viene un dubbio...
    ma l'antitrust a proposito di mediaset e del nostro PdC non ha proprio niente da aggiungere?
  • Anonimo scrive:
    Re: Non capisco una Cosa

    Telecom adotta questa politica con lo scopo
    di eliminare i
    concorrenti (farli fallire) cosi quando
    tornera ad essere
    la sola sul mercato i prezzi andranno alle
    stelle.

    E il cliente finira per perderci.

    Ciaoquindi deve alzare i prezzi affinchè successivamentei prezzi non si alzino :-)
  • Anonimo scrive:
    dove sono le flat DIALUP????
    sarà, ma io sto cercando una flat per DIAL-UP e non la fottuta solita ADSL che da me non arriva ...oh ... NESSUNO!!!!!!!!!!!!!! :-(
  • Anonimo scrive:
    E basta
    Perche' gli altri "competitor" non si prendono in carico l'ultimo miglio? Costi? ma allora cosa vogliono?
  • Anonimo scrive:
    Re: Non capisco una Cosa
    - Scritto da: Anonimo
    Se la Telecom effettua tariffe basse allora
    ci guadagna l'utente (ma non crea
    concorrenza, ma serve la concorrenza se ci
    guadagna l'utente?). Se non fa così ci sono
    tariffe più alte non a livello di quelle
    offerte della telecom e criticate e quindi
    l'utente paga di più. Pensate alle
    assicurazioni della auto, sono tutte uguali
    se una compagnia faceva tariffe basse
    sarebbe stata accusata come la telecom?

    Ciao a TuttiTelecom adotta questa politica con lo scopo di eliminare iconcorrenti (farli fallire) cosi quando tornera ad essere la sola sul mercato i prezzi andranno alle stelle.E il cliente finira per perderci.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: I competitors soffocano sotto TI
    - Scritto da: Mariobusy
    Inutile negarlo:
    Telecom sta soffocando tutti gli altri
    gestori suoi concorrenti/clienti.

    Quanti gestori medio piccoli sono rimasti in
    campo di fonia e dati?

    Tutti noi ricorderemo l'annientamento prima
    della cagliaritana Italia On Line e poi
    della perugina Edi&Sons.

    TI andrebbe divisa almeno in 3 aziende
    distinte e separate per garantire una sana e
    reale competizione.TI sara' quel che sara' ma solo in Italia puo'accadere che un RIVENDITORE si lamenti che il suo FORNITORE fa prezzi piu' bassi dei suoi! Praticamente TI dovrebbe solo fornire linee agli altri o fare artificialmente prezzi piu' alti per non danneggiarli, loro che la vorrebbero vedere eliminata dalla faccia della terra, andiamo bene. Questa e'una tipica situazione all'italiana, in cui tutti volevano guadagnare ma nessuno aveva la forza o l'interesse di crearsi infrastrutture proprie degne di questo nome, a parte qualche limitato caso...poi pero' ci si lamenta! Proprio da ridere...Ciao FC
    • Anonimo scrive:
      Re: I competitors soffocano sotto TI
      ma nessuno di voi ricorda Galakitache è fallita proprio per colpa di Telecomquando ha visto che guadagnava ha modificato il prezzo di affitto delle linee e con contratti già sipulati con gli utenti (noi) e non potendoli alzare come puo fare Telecom è fallitacon ENORME DANNO per gli utentiquesto è un monopolio!!!!!! non il libero mercato!!!
      • Mariobusy scrive:
        Re: I competitors soffocano sotto TI
        - Scritto da: Anonimo
        ma nessuno di voi ricorda Galakita
        che è fallita proprio per colpa di Telecom

        quando ha visto che guadagnava ha modificato
        il prezzo di affitto delle linee e con
        contratti già sipulati con gli utenti (noi)
        e non potendoli alzare come puo fare Telecom
        è fallita
        con ENORME DANNO per gli utenti

        questo è un monopolio!!!!!! non il libero
        mercato!!!Quando per pigrizia o per paura ci si affida a Telecom anzichè investire in proprio è questo ciò che accade!Ci sono i fondi europei per creare le infrastrutture, basta volerlo e saltano fuori anche i finanziamenti a fondo perduto,ma in Italia si vogliono le cose già belle e pronte o lo stato assistenzialista che intervenga!Se stiamo in queste condizioni è anche colpa nostra.
    • Anonimo scrive:
      Re: I competitors soffocano sotto TI
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Mariobusy

      Inutile negarlo:

      Telecom sta soffocando tutti gli altri

      gestori suoi concorrenti/clienti.



      Quanti gestori medio piccoli sono rimasti
      in

      campo di fonia e dati?



      Tutti noi ricorderemo l'annientamento
      prima

      della cagliaritana Italia On Line e poi

      della perugina Edi&Sons.



      TI andrebbe divisa almeno in 3 aziende

      distinte e separate per garantire una
      sana e

      reale competizione.

      TI sara' quel che sara' ma solo in Italia
      puo'accadere che un RIVENDITORE si lamenti
      che il suo FORNITORE fa prezzi piu' bassi
      dei suoi! Praticamente TI dovrebbe solo
      fornire linee agli altri o fare
      artificialmente prezzi piu' alti per non
      danneggiarli, Gli unici prezzi artificiali sono quelli gonfiati ad arte che TI pratica alla concorrenza su di una infrastruttura ampiamente ammortizzata e pagata dai soldi degli italiani in regime di monopolio e pure con contributi statali.Questa e'una tipica situazione
      all'italiana, in cui tutti volevano
      guadagnare ma nessuno aveva la forza o
      l'interesse di crearsi infrastrutture
      proprie degne di questo nome, a parte
      qualche limitato caso...poi pero' ci si
      lamenta! Proprio da ridere...Bella forza farsi infrastrutture coi soldi di tutti... anche con i tuoi tanto per essere chiari.ciao

      Ciao FC
      • max scrive:
        Re: I competitors soffocano sotto TI

        Gli unici prezzi artificiali sono quelli
        gonfiati ad arte che TI pratica alla
        concorrenza su di una infrastruttura
        ampiamente ammortizzata e pagata dai soldi
        degli italiani in regime di monopolio e pure
        con contributi statali.che sia ammortizzata sono d'accordo, ma i sig.ri che hanno comprato TI dallo stato hanno versato dei un po' soldi allo stato(==tutti noi ora si puo' discutere sul fatto che non andava venduta tutta assieme, che stato non sempre è == tutti noi, che magari si poteva chiedere 100 ed è stato chiesto 70 a questi sig.ri. ma una volta venduta una cosa non puoi più dire che non è giusto che il compratore non la usi come meglio crede.E' male per noi :'(, ma è giusto che sia cosi'.peace
        • Mariobusy scrive:
          Re: I competitors soffocano sotto TI
          - Scritto da: max
          ora si puo' discutere sul fatto che non
          andava venduta tutta assieme, che stato non
          sempre è == tutti noi, che magari si poteva
          chiedere 100 ed è stato chiesto 70 a questi
          sig.ri. ma una volta venduta una cosa non
          puoi più dire che non è giusto che il
          compratore non la usi come meglio crede.
          E' male per noi :'(, ma è giusto che sia
          cosi'.

          peaceLo stato ha svenduto la Sip perchè aveva bisogno di liquidità per sanare i bilanci, ma chi vuole realizzare un'ottima vendita, pensa subito a smembrare una grande società quale era la Sip, per rivenderne poi separatamente i vari rami ad un prezzo complessivo ben +alto!
          • max scrive:
            Re: I competitors soffocano sotto TI
            d'accordo, ma è stato un errore allora. è inutile lamentarci ora.speriamo solo che l'antitrust in un qualche modo possa porre rimedio, ma ho grossi dubbi che si riesca ad uscirne.peace
    • Anonimo scrive:
      Re: I competitors soffocano sotto TI
      Mi sembrano considerazioni un po' qualunquistiche. Se partissero tutti da zero è un conto, ma se si devono inserire dei concorrenti in un settore dopo 50 anni di monopolio, qualche correttivo il governo dovrà pure attuarlo.Le infrastrutture alternative ci sono, anche se per ora servono solo per servizi di alto costo (linee dedicate, fibra spenta), lavoro con un Internet provider e per i POP nessuna CDN è stata affittata da Telecom, certo che quando arrivi in casa ad un cliente la situazione cambia in modo drammatico.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non capisco una Cosa
    non centra niente.Pensala come una piramide gerarchica:1) Telecom Italia2) Nessun altroEcco il motivo... la telecom ha tutte le infrastrutture... cioè ha tutti i cavi e li possiede FISICAMENTE!Sono suoi e non li vende mica, quindi non potrà mai esistere qualcosa di diverso da telecom perchè TUTTI i servizi, tranne fastweb e pochi altri, si affidano a telecom e telecom stabilisce vita morte e miracoli!Che vuol dire?Che se la telecom vende la connessione a 25euro al mese per connetterti su tutti gli hotspot italiani 24su24 e poi fa un listino prezzi maggiorato del 10-20% per i rivenditori, questi ultimi non potranno mai concorrere... e quindi non esiste concorrenza, non esistono prezzi più bassi, non esiste scelta, non esiste la libera in se' !Pensa ad esempio a tele 2, infostrada-wind, tiscali etc, che sono operatori telefonici che possono competere con telecom come costi per le telefonate perchè l'operatore affitta, per quel che so, la linea dell'utente aprendone una secondaria e parallela a telecom e affronta i prezzi della telecom.Vedi tele2 che ha prezzi molto bassi rispetto agli altri operatori, lo può fare perchè in questo settore c'è stata una liberalizzazione +/- funzionale.La vera libertà verrà quando l'utente sceglierà il suo operatore di fiducia, come tu scegli il tuo macellaio di fiducia, e telefoni con il prezzo di esso, non paghi il canone e ottieni un vero guadagno.Come diceva una notizia di ieri, questi hotspot con wi-fi saranno un fallimento, chi ha un portatile con wireless ?Meno di un utente su 20!A chi interessa realmente il servizio?A chi viaggia, alle piccole e medie aziende e chi deve essere in contatto con il mondo.Di certo non ad un ragazzino di 16anni che va in aereoporto per connettersi wireless a 2 mbps!!Penso che assisteremo ad un inizio coinvolgente ed entusiasmante ed a una fine simile perchè c'è poca gente intensionate ad usare questo servizio.Sarebbe, invece, stato molto utile usuffruire del wireless ovunque, così da avere una copertura totale sul territorio e non dipendere da connessioni Telecom-Satellitari iper lente e costosissime.Sperando in un futuro migliore e senza telecom,Un abbraccio,Ciao
  • Anonimo scrive:
    Non capisco una Cosa
    Se la Telecom effettua tariffe basse allora ci guadagna l'utente (ma non crea concorrenza, ma serve la concorrenza se ci guadagna l'utente?). Se non fa così ci sono tariffe più alte non a livello di quelle offerte della telecom e criticate e quindi l'utente paga di più. Pensate alle assicurazioni della auto, sono tutte uguali se una compagnia faceva tariffe basse sarebbe stata accusata come la telecom?Ciao a Tutti
  • Anonimo scrive:
    Re: I competitors soffocano sotto TI
    - Scritto da: Mariobusy
    Inutile negarlo:
    Telecom sta soffocando tutti gli altri
    gestori suoi concorrenti/clienti.

    Quanti gestori medio piccoli sono rimasti in
    campo di fonia e dati?

    Tutti noi ricorderemo l'annientamento prima
    della cagliaritana Italia On Line e poi
    della perugina Edi&Sons.

    TI andrebbe divisa almeno in 3 aziende
    distinte e separate per garantire una sana e
    reale competizione.si sana e reale, non sono concorrenti sono rivenditori
    • Anonimo scrive:
      Re: I competitors soffocano sotto TI
      - Scritto da: Anonimo

      della cagliaritana Italia On Line e poi

      della perugina Edi&Sons.Non è che ti confondi con Video On Line?
      • Mariobusy scrive:
        Re: I competitors soffocano sotto TI
        - Scritto da: Anonimo


        della cagliaritana Italia On Line e poi


        della perugina Edi&Sons.

        Non è che ti confondi con Video On Line?Si, scusa, l'ho scritto a tarda notte, ma in effetti m'era venuto il dubbio... grazie per la correzione.
  • Mariobusy scrive:
    I competitors soffocano sotto TI
    Inutile negarlo:Telecom sta soffocando tutti gli altri gestori suoi concorrenti/clienti.Quanti gestori medio piccoli sono rimasti in campo di fonia e dati?Tutti noi ricorderemo l'annientamento prima della cagliaritana Italia On Line e poi della perugina Edi&Sons.TI andrebbe divisa almeno in 3 aziende distinte e separate per garantire una sana e reale competizione.
  • Anonimo scrive:
    Alla fine l'utente che ci guadagna?
    Alla fine, l'utente, che l'antitrust piazzi un'altra multa alla telecom, cosa ci guadagna?La telecom è da anni che continua a far finta di abbassare la bolletta (troppo salata, visto poi i riscontri). Quello che ci vorrebbe adesso, sarebbe la reintroduzione delle FLAT. Quella sì che sarebbe cosa che andrebbe a beneficio degli utenti, senza dover pagare inutili surplus, solo perchè qualche dirigente vuole vedere i soldi traboccare dalle proprie tasche e basta.
Chiudi i commenti