Twitter, censura a discrezione

La piattaforma si impegna da tempo a rispettare le leggi dei paesi in cui opera, censurando su richiesta delle autorità. Ma si ritaglia spesso un margine di libertà, anche nel definire ciò che è terrorismo

Roma – Twitter, da anni, agisce sui contenuti postati dagli utenti con un sistema di censura selettiva, per cui la collaborazione con le autorità dei diversi paesi del mondo è regolata dalle leggi locali, che stabiliscono cosa sia o meno lecito per i cittadini. La piattaforma però, si riserva il diritto di difendere un proprio margine di discrezionalità: lo farà in Turchia, dimostrando però al tempo stesso come questa discrezionalità, imbracciata altrove in maniera maldestra sull’onda di un clima di terrore dilagante, possa inasprire situazioni già più che tese.

La piattaforma di microblogging era stata sanzionata dall’autorità turca per le telecomunicazioni e l’IT (BTK) nel mese di dicembre: avrebbe mancato di rimuovere certi contenuti ritenuti di “propaganda terroristica”, capaci di scatenare “atti pubblici di odio e violenza”. Nonostante gli attriti che da tempo caratterizzano i rapporti tra Ankara e il servizio, culminati in inibizioni all’accesso e confronti in tribunale, Twitter ha scelto di cercare il muro contro muro: l’entità della multa è irrilevante per un’azienda come Twitter, il corrispettivo di circa 45mila euro, ma è ormai evidente che non verrà pagata .

Anzi: forse forte della recente condanna della Turchia da parte della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo per il blocco imposto su YouTube, Twitter si è rivolta al tribunale di Ankara per chiedere l’annullamento della sanzione, ritenuta non irrogabile ai sensi della legge.

Non è chiaro nel dettaglio quali siano gli aspetti contestati da Twitter. È vero però che la piattaforma, nelle proprie policy volte a scongiurare i “comportamenti offensivi”, afferma di non tollerare “minacce di violenza” “incitazioni alla violenza o al terrorismo”. Certo, le regole di Twitter si allineano con quadri normativi che considerano illegale l’istigazione a delinquere e l’apologia di atti di violenza, ma nell’agire sulla propria piattaforma o nel difendersi nelle aule dei tribunali resta la discrezionalità di Twitter nel tracciare i confini di ciò che siano la “violenza”, il “terrorismo” o la “propaganda terroristica” che le autorità dei diversi stati possono riconoscere nei cinguettii degli utenti che vorrebbero rendere inaccessibili ai propri cittadini.

Nonostante l’ impegno all’equità e alla trasparenza, indispensabili in un contesto di collaborazione sempre più invocata dalle autorità di mezzo mondo , Twitter, da parte sua, non sembra dimostrarsi un arbitro troppo virtuoso: l’account di tale Iyad El-Baghdadi, attivista della Primavera Araba, è stato bloccato per il semplice motivo di essere stato confuso con Abu Bakr al-Baghdadi, sedicente Califfo dello Stato Islamico.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pianeta Ormai Backdoor Palese scrive:
    Beccata anche Fortinet
    Ed anche la concorrenza ha l'utente hardcoded!http://arstechnica.com/security/2016/01/et-tu-fortinet-hard-coded-password-raises-new-backdoor-eavesdropping-fears/
  • bubba scrive:
    yawwwn, che noia
    maru' sempre imperterrito... e' inutile dirlo, ma se potesse guardare cosa ne pensa snowden ,bellovin, thegrugg di "questa[1] backdoor nsa" almeno :o[1]penso proprio alla backdoor... non all'algo weak, che ha tutta un altra storia.
  • nessuno scrive:
    backdoor
    quindi le backdoor non volute sono state rimosse, quelle volute sono ancora li e sono state nascoste meglio.Addio Juniper mai più un acquisto...
    • Abigaille Dei scrive:
      Re: backdoor
      - Scritto da: nessuno
      quindi le backdoor non volute sono state rimosse,
      quelle volute sono ancora li e sono state
      nascoste
      meglio.
      Addio Juniper mai più un acquisto...Non si tratta solo di Juniper, ma di qualsiasi prodotto USA.Come faccio io a comprare un router Cisco, o Juniper, o un altro hardware o software "made in USA" quando so che, per loro politica, inseriscono backdoor e sabotano i sistemi di sicurezza regolarmente?Come faccio a fidarmi delle loro aziende quando queste backdoor possono essere inserite anche poco prima che quel dispositivo mi sia inviato a casa senza che l'azienda stessa nemmeno lo venga mai a sospettare?Come faccio a fidarmi dei loro servizi online (Amazon, OneDrive, ...) anche hostati qui in Europa quando so che basta un capriccio dei loro politici o giudici per obbligare tali aziende a girare i MIEI dati, residenti QUI IN EUROPA, direttamente a loro fregandosene di cose come "confini"?Come faccio a fidarmi di loro quando il loro presidente, dopo lo scandalo delle rivelazioni di Snowden, non ha fatto altro che accusare Snowden di tradimento anziché far rotolare le teste dei responsabili?Come faccio a credere a quello che dicono quando il loro stesso presidente se ne frega e si è solo "lamentato" (ma neanche) delle spiate ai danni dei suoi stessi concittadini ma non ha speso una parola sulle spiate fatte a noi europei che, in teoria, siamo loro alleati?Come faccio a comprare un Windows, un Office, un qualsiasi altro loro software senza dover sospettare che non sia stato impiantato qualche malware o qualche backdoor che magari usa la webcam e il microfono del mio portatile per spiarmi a casa mia quando e come vogliono loro?Juniper è solo la punta dell'iceberg. L'unica cosa che importa ai loro politici è di nascondere le prove di quello che hanno fatto fin'ora e coprire il posteriore dell'NSA. IMO qualsiasi prodotto tecnologico americano va evitato d'ora in poi. Si sono giocati la nostra fiducia e non ha senso continuare a foraggiarli e fare finta di niente.
      • bubba scrive:
        Re: backdoor
        mancano i rettiliani e xenu e poi c'e' tutto. bel post.
      • Come faccio scrive:
        Re: backdoor
        - Scritto da: Abigaille Dei
        Come faccio a fidarmi delle loro aziende Facile scrivo meno "come faccio" non mi fido e cambio il firmware...www.openwrt.org :D
        • bubba scrive:
          Re: backdoor
          - Scritto da: Come faccio
          - Scritto da: Abigaille Dei


          Come faccio a fidarmi delle loro aziende
          Facile scrivo meno "come faccio" non mi fido e
          cambio il
          firmware...
          www.openwrt.org

          :De con i driver/firmware broadcom come fai? guarda che e' una megacorp Usa anche lei :)
  • Pianeta Barzellett a scrive:
    quindi ricapitoliamo
    1) per altri sei mesi continueranno ad essere compatibili con algoritmi che sono equivalenti al cifrario di Cesare2) " e stando a quanto ha sempre sostenuto Juniper si tratta di codice inserito senza autorizzazione da un soggetto esterno alla società "Il "soggetto esterno" ha usato la magia? O la rete di questi signori è un colabrodo? Oppure, ultima possibilità è una rete sicura ma hanno dato le credenziali del XXXXX a qualche omino vestito di nero?1+2= Come non affidare la propria sicurezza a questa gente? (rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • backdroll scrive:
      Re: quindi ricapitoliamo
      No, questi non sono peracottari come i nostri illustri, orgoglionissimi lamerazzi dell' hacked team. Vorrebbero farti credere che sono incompetenti.
      • Pianeta Fa Lo Stesso scrive:
        Re: quindi ricapitoliamo
        - Scritto da: backdroll
        Vorrebbero farti credere che sono
        incompetenti.Dal punto di vista dell'utente non cambia nulla: se sono incompetenti al punto da farsi infilare codice da backdoor nel loro prodotto che gestisce la sicurezza delle comunicazioni, ne sto alla larga esattamente come nel caso in cui siano complici degli spioni assortiti.
Chiudi i commenti