Twitter, debuttano i nuovi filtri fotografici

Dopo il divorzio da Instagram ecco già le nuove funzioni. App aggiornate sia per Android che per iOS. E nuova interfaccia dei profili personali per tutti

Roma – Sono bastate poche ore perché Twitter attivasse tutte le funzioni capaci di sostituire in modo efficiente i servizi offerti da Instragram: dopo la rottura totale delle relazioni di business tra le due parti, la piattaforma cinguettante ha già messo a disposizione dei propri utenti una palette di filtri fotografici presente sui dispositivi Android e iOS.

<DIV ALIGN"center"


La selezione di filtri ed effetti grafici è stata realizzata dall’azienda che si occupa di foto editing Aviary , partner di Twitter e di altri brand come Flickr, Imgur e Yahoo. Gli utenti potranno dunque cimentarsi con otto tipologie di filtri , che variano dal bianco-nero ai toni vintage, utili a donare un aspetto diverso alle immagini che accompagnano i tweet. Altre funzionalità riguardano la possibilità di ritagliare le foto e di visualizzare un’anteprima del filtro selezionato.

Se l’applicazione per Android è effettivamente disponibile, gli utenti di iOS dovranno attendere prima di poter utilizzare il nuovo servizio di manipolazione grafica poiché, al momento, il prodotto risulta non scaricabile da App Store .

Twitter, inoltre, ha annunciato di aver reso disponibile per tutti gli utenti i nuovi profili caratterizzati dalla presenza di un’immagine più ampia e centrata rispetto alla pagina. Un’innovazione che, secondo diversi osservatori , assomiglia alle novità grafiche introdotte da Facebook grazie alla timeline.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • panda rossa scrive:
    Sacrosanto il principio.
    E' ripugnante la situazione che riguarda il traffico di minori, ma il principio e' scarosanto: la non responsabilita' di terze parti.Se vale in questa situazione schifosa, a maggior ragione vale nel libero scambio di informazioni, conoscenza e cultura.
    • ThEnOra scrive:
      Re: Sacrosanto il principio.
      - Scritto da: panda rossa
      E' ripugnante la situazione che riguarda il
      traffico di minori, ma il principio e'
      scarosanto: la non responsabilita' di terze
      parti.Nel merito: la non responsabilità è garantita per legge. L'articolo dice questo.
      Se vale in questa situazione schifosa, a maggior
      ragione vale nel libero scambio di informazioni,
      conoscenza e
      cultura.Se l'intermediario è estraneo ai fatti, concordo. Se in concorso, no. Concordi?
      • krane scrive:
        Re: Sacrosanto il principio.
        - Scritto da: ThEnOra
        - Scritto da: panda rossa

        E' ripugnante la situazione che riguarda il

        traffico di minori, ma il principio e'

        scarosanto: la non responsabilita' di terze

        parti.

        Nel merito: la non responsabilità è garantita per
        legge. L'articolo dice
        questo.


        Se vale in questa situazione schifosa, a
        maggior

        ragione vale nel libero scambio di
        informazioni,

        conoscenza e

        cultura.

        Se l'intermediario è estraneo ai fatti, concordo.
        Se in concorso, no.
        Concordi?Ad esempio la societa' autostrade non puo' perquisire le auto, altrimenti violerebbe la privacy delle persone. Quindi esattamente come per i provider non puo' essere complice.
        • ThEnOra scrive:
          Re: Sacrosanto il principio.
          - Scritto da: krane

          Ad esempio la societa' autostrade non puo'
          perquisire le auto, altrimenti violerebbe la
          privacy delle persone. Quindi esattamente come
          per i provider non puo' essere
          complice.Avrei fatto un paragone diverso, ma il senso si capisce, che del resto è ciò che sto dicendo, seppure manchi la parte del "concorso".
      • panda rossa scrive:
        Re: Sacrosanto il principio.
        - Scritto da: ThEnOra
        - Scritto da: panda rossa

        E' ripugnante la situazione che riguarda il

        traffico di minori, ma il principio e'

        scarosanto: la non responsabilita' di terze

        parti.

        Nel merito: la non responsabilità è garantita per
        legge. L'articolo dice
        questo.


        Se vale in questa situazione schifosa, a
        maggior

        ragione vale nel libero scambio di
        informazioni,

        conoscenza e

        cultura.

        Se l'intermediario è estraneo ai fatti, concordo.
        Se in concorso, no.
        Concordi?Certo che concordo.Infatti si chiama "intermediario" e non "partner".
        • ThEnOra scrive:
          Re: Sacrosanto il principio.
          - Scritto da: panda rossa
          Certo che concordo.
          Infatti si chiama "intermediario" e non "partner".Che sia partner o no non influisce sulla sua natura di "intermendiario". Ti parrà impossibile crederlo ma in Italia l'art. 17 D.L.vo 70/03, nella prestazione dei servizi di cui agli articoli 14, 15 e 16 (mere conduit, chaching e hosting), stabilisce che il prestatore non è assoggettato ad un obbligo generale di sorveglianza sulle informazioni che trasmette o memorizza.
          • panda rossa scrive:
            Re: Sacrosanto il principio.
            - Scritto da: ThEnOra
            - Scritto da: panda rossa


            Certo che concordo.

            Infatti si chiama "intermediario" e non
            "partner".

            Che sia partner o no non influisce sulla sua
            natura di "intermendiario".


            Ti parrà impossibile crederlo ma in Italia l'art.
            17 D.L.vo 70/03, nella prestazione dei servizi di
            cui agli articoli 14, 15 e 16 (mere conduit,
            chaching e hosting), stabilisce che il prestatore
            non è assoggettato ad un obbligo generale di
            sorveglianza sulle informazioni che trasmette o
            memorizza.E allora perche' continuare a prendersela col dito invece di provare a prendere la luna?
          • ThEnOra scrive:
            Re: Sacrosanto il principio.
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ThEnOra

            - Scritto da: panda rossa




            Certo che concordo.


            Infatti si chiama "intermediario" e non

            "partner".



            Che sia partner o no non influisce sulla sua

            natura di "intermendiario".





            Ti parrà impossibile crederlo ma in Italia
            l'art.

            17 D.L.vo 70/03, nella prestazione dei
            servizi
            di

            cui agli articoli 14, 15 e 16 (mere conduit,

            chaching e hosting), stabilisce che il
            prestatore

            non è assoggettato ad un obbligo generale di

            sorveglianza sulle informazioni che
            trasmette
            o

            memorizza.

            E allora perche' continuare a prendersela col
            dito invece di provare a prendere la
            luna?Semplice. Dipende dal dito: se è l'indice, niente da ridire. Se è il medio, beh, non mi faccio prendere per il c... :D
          • krane scrive:
            Re: Sacrosanto il principio.
            - Scritto da: ThEnOra
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: ThEnOra


            - Scritto da: panda rossa






            Certo che concordo.



            Infatti si chiama "intermediario"
            e
            non


            "partner".





            Che sia partner o no non influisce
            sulla
            sua


            natura di "intermendiario".








            Ti parrà impossibile crederlo ma in
            Italia

            l'art.


            17 D.L.vo 70/03, nella prestazione dei

            servizi

            di


            cui agli articoli 14, 15 e 16 (mere
            conduit,


            chaching e hosting), stabilisce che il

            prestatore


            non è assoggettato ad un obbligo
            generale
            di


            sorveglianza sulle informazioni che

            trasmette

            o


            memorizza.



            E allora perche' continuare a prendersela col

            dito invece di provare a prendere la

            luna?

            Semplice. Dipende dal dito: se è l'indice, niente
            da ridire. Se è il medio, beh, non mi faccio
            prendere per il c...
            :DVedi, stai proprio dimostrando di essere piu' unteressato a guardare il dito.
          • ThEnOra scrive:
            Re: Sacrosanto il principio.
            - Scritto da: krane



            Semplice. Dipende dal dito: se è l'indice,
            niente

            da ridire. Se è il medio, beh, non mi faccio

            prendere per il c...

            :D

            Vedi, stai proprio dimostrando di essere piu'
            unteressato a guardare il
            dito.In verità sono interessato ad entrambi. Procedo per step, prima il dito, poi, se riesco, arrivo alla luna.
          • panda rossa scrive:
            Re: Sacrosanto il principio.
            - Scritto da: ThEnOra
            - Scritto da: krane





            Semplice. Dipende dal dito: se è
            l'indice,

            niente


            da ridire. Se è il medio, beh, non mi
            faccio


            prendere per il c...


            :D



            Vedi, stai proprio dimostrando di essere piu'

            unteressato a guardare il

            dito.

            In verità sono interessato ad entrambi. Procedo
            per step, prima il dito, poi, se riesco, arrivo
            alla
            luna.Se parti dal dito, non arriverai mai alla luna.Ruppolo insegna.
          • collione scrive:
            Re: Sacrosanto il principio.
            una legge sensata in Italia? allora siamo proprio alla fine del mondo :D
          • ThEnOra scrive:
            Re: Sacrosanto il principio.
            E' un dlgs che recepisce la direttiva e-commerce EU.Ovviamente nella declinazione italiana ci hanno aggiunto una parolina che, nei fatti, solleva in toto (ovviamente esagero) le responsabilità degli intermediari ISP.
Chiudi i commenti