Twitter sta testando la funzione co-autore

Twitter sta testando la funzione co-autore

Twitter sta testando una nuova funzione che consente a due account di collaborare per la realizzazione di contenuti da pubblicare.
Twitter sta testando una nuova funzione che consente a due account di collaborare per la realizzazione di contenuti da pubblicare.

Il team di Twitter è costantemente al lavoro per cercare di implementare nuove feature grazie alle quali rendere più piacevole ed efficiente l’utilizzo del celebre servizio di social networking da parte degli utenti, questo è un dato di fatto. Evidente dimostrazione della cosa è data dall’aggiornamento delle opzioni per il feed avvenuto nelle scorse settimane, ma anche e soprattutto dall’ancora più recente funzione di co-autore.

Twitter sperimenta la pubblicazione dei post condivisi da due account

Stando infatti a quanto emerso durante gli ultimi giorni, Twitter sta valutando da dicembre scorso la possibilità di abilitare una funzionalità che permetterebbe a due account di pubblicare un post condiviso, in maniera bene o male analoga a come è già possibile fare su Instagram dal 2021.

Stando a ciò che viene riferito, potranno venire invitati ad essere co-autore di un tweet gli account pubblici che seguono l’utente, i quali dovranno poi a loro volta approvare l’invito per poter effettivamente abilitare il tutto.

In seguito alla pubblicazione di un tweet scritto in cooperazione tra più account, il post verrà mostrato sulle bacheche dei follower di entrambi gli autori, con l’immagine del profilo di tutti e due visibile nella parte in alto a sinistra del messaggio.

Per il momento si tratta ancora di una funzione in fase di sviluppo, scovata da Alessandro Paluzzi, mobile developer e reverse engineer che spesso fornisce anteprime sui lavori in corso da parte delle piattaforme social. Non è quindi dato sapere se e quando la feature verrà effettivamente implementata su Twitter, ma di certo qualora dovesse essere ritenuta effettivamente utile non tarderà ad arrivare.

Fonte: The Verge
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 4 apr 2022
Link copiato negli appunti