Uber e Tesla insieme per il ride sharing elettrico

Uber e Tesla insieme per il ride sharing elettrico

Grazie all'accordo con Hertz, numerosi autisti Uber statunitensi potranno accompagnare i passeggeri sulle macchine elettriche Tesla.
Grazie all'accordo con Hertz, numerosi autisti Uber statunitensi potranno accompagnare i passeggeri sulle macchine elettriche Tesla.
Guarda 21 foto Guarda 21 foto

Il raggio d’azione dell’iniziativa è al momento limitato esclusivamente agli Stati Uniti, ma merita comunque di essere segnalata. Il progetto messo in campo da Uber per elettrificare la propria flotta di veicoli dedicati al ride sharing entro il 2030 accelera, grazie alla partnership siglata con Hertz. La stretta di mano ha permesso a 15.000 autisti d’oltreoceano di registrarsi per il noleggio di una Tesla.

Ride sharing su auto elettriche: Uber con Tesla

Per poter beneficiare di questa opportunità, i driver devono soddisfare alcuni requisiti. Il primo è il completamento di almeno 150 viaggi. Il secondo riguarda invece il mantenimento di un punteggio pari o superiore da 4,58/5 assegnato dai passeggeri. La spesa settimanale richiesta per il noleggio dell’auto elettrica è pari a 300 dollari. Gli aderenti al programma ricevono inoltre un dollaro extra (fino a un massimo di 4.000 dollari ogni anno) per ogni corsa effettuata. Riportiamo di seguito in forma tradotta le parole di Andrew Macdonald, SVP della divisione Mobilità and Business Ops per Uber.

Il programma rappresenta una vittoria per gli autisti, che esprimono l’orgoglio del far parte di una soluzione per il clima e accolgono con favore maggiori guadagni derivanti dal risparmio sul carburante nonché dagli incentivi sui veicoli elettrici e dalle mance.

Hertz, colosso dell’autonoleggio con sede in Florida, lo scorso anno ha annunciato un maxi-acquisto di 100.000 Tesla. L’accordo ha letteralmente fatto schizzare verso l’alto le quotazioni dell’azienda guidata da Elon Musk. In aprile ha inoltre comprato 65.000 unità di Polestar 2 (qui sotto le immagini).

Queste le città statunitensi al momento coinvolte dall’iniziativa: Atlanta, Austin, Boston, Charlotte, Chicago, Cleveland, Connecticut, Dallas, Denver, Detroit, Houston, Jacksonville, Las Vegas, Los Angeles, Miami, Minneapolis St. Paul, Nashville, New Jersey, New Orleans, NYC Suburbs, Orlando, Philadelphia, Phoenix, Portland, Sacramento, San Antonio, San Diego, San Francisco, Seattle, St Louis, Tampa Bay, Washington D.C.

Il libro “Uber, la storia più pazza della Silicon Valley” di Mike Isaac è disponibile su Amazon.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Fonte: The Verge
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 28 giu 2022
Link copiato negli appunti