UE, ancora preoccupazioni sulla privacy di Windows 10

I tutori europei del diritto alla privacy degli utenti formulano l'ennesima richiesta di chiarimenti a Microsoft su Windows 10, un OS che crea apprensione nonostante le modifiche già annunciate

Roma – Il gruppo di lavoro Articolo 29, di cui fanno parte i garanti della privacy europei, ha chiesto a Microsoft di chiarire, per l’ennesima volta, ciò che la corporation intende fare con Windows 10: il sistema operativo “come servizio” è certamente al servizio degli interessi commerciali di Redmond, suggerisce l’organismo comunitario, ma in quanto a riservatezza e rispetto delle esigenze degli utenti la piattaforma offre ben poche certezze.

L’ organismo comunitario , noto per le sue prese di posizione in difesa dei netizen del Vecchio Continente, si è dichiarato ancora “preoccupato” in merito al livello di protezione dei dati degli utenti offerto da Windows 10 .

Microsoft ha già promesso l’implementazione di una nuova schermata di configurazione in concomitanza con la distribuzione del Creators Update, con una serie di controlli pensati per rendere più chiaro l’utilizzo dei dati di telemetria (e non solo) e disabilitare, perlomeno in parte, l’attività di raccolta e invio verso i server della corporation.
Tali modifiche non bastano, accusano ora gli esperti di Articolo 29, perché Microsoft si ostina a non spiegare con sufficiente chiarezza “quale tipo di dati personali vengono processati e per quale scopo.” Senza la conoscenza di queste informazioni, il consenso degli utenti non può definirsi informato e quindi non è valido.

Il gruppo di lavoro Articolo 29 si muove su un piano sovranazionale, ma rammenta a Microsoft che anche a livello dei singoli stati UE – in Francia come altrove, apparentemente – sono in corso indagini sulle sospette pratiche invasive di Windows 10.

La risposta di Microsoft? Prevedibile e poco interessata a un cambio radicale di rotta: Windows 10 è il sistema operativo più sicuro e l’azienda è focalizzata nella difesa della privacy dei suoi clienti, e come nel caso della Francia ci sarebbe la volontà di collaborare con le autorità europee per dissipare i dubbi a riguardo.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iome scrive:
    duckduckgo.com
    usate duckduckgo.com e il problema di google è risolto.
  • Copyrightof ilo scrive:
    Bisogna firmare!
    Bisogna firmare! Questa vergogna che è la pirateria va debellata subito![img]http://cdn.grid.fotosearch.com/CSP/CSP323/k35688930.jpg[/img]
  • crap hunter scrive:
    mavaffanzum
    Promettono di continuare a mettere in atto misure adottate da tempo , mentre nel contempo si rubano brevetti a vicenda, fanno spionaggio industriale, evadono o eludono le tasse, inquinano i paesi poveri, sfruttano la manodopera degli stessi...
    • crop hunger scrive:
      Re: mavaffanzum
      Profilano gli utenti rivendendo i dati al miglior offerente, interferiscono con la politica comprando le leggi e chi le fa, a vantaggio di pochissimi e a svantaggio di tutti, annientano la concorrenza facendo tabula rasa di brevetti e tecnici in gamba, comprano le aziende che potrebbero infastidirli, creando oligopoli nascosti con i pochi "concorrenti" (i cartelli), sempre e comunque a svantaggio delle masse..
  • vvxfbvztb scrive:
    Commenti censurati sul fatto quotidiano
    OT Raggi e Grillo si schierano a favore die tassisti e sui media italiani i commenti sono strettamente controllati, questo non è passato sul FQ glia ltri neanche accettano commenti: Grillo e Raggi si schierano al fianco dei tassisti e il M5S getta la maschera e si rivela il partito delle caste e delle mafie.Finora non ha fatto niente di diverso da quello che ha fatto la lega dopo tangentopoli. Come risposta ad un altro commentatore ho scritto: Perchè? Secondo te Uber rispetta l'obbligo di tornare all'autorimessa tra un cliente e l'altro? Secondo te le auto di Uber senza nessun identificativo del comune rispettano il limite territoriale?Quelle regole sono un favore ad Uber, Uber le può aggirare facilemente, gli autonoleggi no.La burocrazia a favore di mafie e caste aiuta i più forti soffocando concorrenza dei piccoli indipendenti.
    • vvxfbvztb scrive:
      Re: Commenti censurati sul fatto quotidiano
      Altri commenti censurati: A tutti quelli che accusano la riforma di essere neoliberista ricordo di cosa si parla:Sospendere una norma che obbliga autonoleggi e simili a tornare in autorimessa tra un cliente e l'altro.Solo i tassisti possono aspettare nuovi clienti in strada.Sospendere una norma che obbliga autonoleggi e simili a non uscire dal limite comunale. Secondo voi Uber rispetta queste norme? Queste sono norme facilmente aggirabili grazie alla piattaforma online e all'uso autisti privati senza contrassegni riferiti al comune. Queste norme impediscono la concorrenza degli autonleggi, queste norme favoriscono i più forti.Ad uno che faceva notare quanto sono potenti i tassisti ho risposto anzi ho provato a rispondere: Secondo te chi ci guadagna se abbiamo trasporti pubblici scadenti? Secondo te chi ci guadagna se i nostri taxi sono solo un servizio di lusso?Secondo te chi ci guadagna se siamo costretti ad avere tre macchine a famiglia?I tassisti non sono potenti, hanno alleati potenti.
    • ... scrive:
      Re: Commenti censurati sul fatto quotidiano
      - Scritto da: vvxfbvztb
      OT Raggi e Grillo si schierano a favore die
      tassisti e sui media italiani i commenti sono
      strettamente controllati, questo non è passato
      sul FQ glia ltri neanche accettano
      commenti:

      Grillo e Raggi si schierano al fianco dei
      tassisti Ahahahahah... fantastica questa. Adesso quel XXXXXXXX di Panda va in cortocircuito.
  • Claudio Pierantoni scrive:
    Diritto d'autore....
    ...abolirlo per i fini non di lucro sarebbe una semplificazione della vita per i più
    • Il fuddaro scrive:
      Re: Diritto d'autore....
      - Scritto da: Claudio Pierantoni
      ...abolirlo per i fini non di lucro sarebbe una
      semplificazione della vita per i
      piùNon per quei luridi delle Motion Picture Association, per loro è tutta una questione di lucro! @^ @^ @^
Chiudi i commenti