Un cracker australiano scardinava account eBay

Penetrava negli account degli utenti e poi li usava per mettere all'asta prodotti inesistenti. Intanto l'FBI mette in luce la predominanza degli uomini tra le vittime e i perpetratori delle truffe online

Roma – Non bastassero i trojan che mimano la homepage per fare incetta di dati sensibili, il popolare sito d’aste eBay si scopre ora vittima dell’ennesimo criminale telematico specializzato nelle truffe a danno dei suoi utenti. Dov Tenenboim, 21enne di Sydney, Australia, si è dichiarato colpevole della infiltrazione in decine di account di ebayer , di falsa compravendita per ricavare denaro da oggetti inesistenti e, ciliegina sulla torta, di manomissione di account bancari.

Il ragazzo ha ottenuto l’accesso a non meno di 90 account di venditori su eBay durante lo scorso anno, accesso conseguito principalmente “indovinando” la password necessaria. Tenenboirn spesso riusciva ad ottenere la parola d’ordine semplicemente ricavandola leggendo il nome utente. Ma metodi più invasivi lo hanno spinto a craccare anche gli account email.

Obiettivo prediletto del giovane truffatore erano i venditori con un alto numero di feedback: mascherandosi dietro account floridi e con un alto credito nel sistema di compravendita fiduciario di eBay, Tenenboirn faceva cadere in trappola più facilmente gli acquirenti-vittima. A cui il truffatore vendeva iPod inesistenti incassando quindi un facile guadagno.

Oltre ad eBay, il cyber-truffatore ha preso di mira anche la Commonwealth Bank . In tutto, Tenenboirn ha collezionato due imputazioni per dichiarazioni false a scopo di ottenere denaro, due imputazioni per truffa e quattro addebiti per essersi reso protagonista di utilizzo non autorizzato di sistemi informatici. Ora rischia un massimo di 11 anni di carcere e multe fino a 8mila euro, che a ben guardare rappresentano solo una parte degli oltre 27mila euro trafugati per mezzo delle sue scorribande telematiche.

Pene pecuniarie a parte, il caso è l’ennesima dimostrazione del lasco meccanismo di sicurezza alla base dell’autenticazione su molti siti. Ed eBay, uno dei siti più popolari dell’intera rete, finisce per essere per questo tra i più esposti all’azione dei cyber-criminali. Molto si dovrebbe fare, sostengono alcuni, sulle richieste minime per la validità della password di accesso, a causa delle quali uno user id quale “james34231” potrebbe convivere con una chiave d’accesso “james34”. Un dato che Tenenboirn e personaggi affini possono far proprio con estrema facilità.

Una delle possibili soluzioni al problema è l’identificazione attraverso codici di sicurezza generati dinamicamente: appartiene a tale categoria il servizio aggiuntivo Security Key attualmente fornito come beta da PayPal, il portale di intermediazione finanziaria di proprietà di eBay.

Che le truffe online siano un problema sempre più sentito è provato anche dal rapporto pubblicato dallo FBI Internet Crime Complaint Center , che mette tra l’altro in evidenza la predilezione per la truffa da parte degli uomini rispetto alle donne : la maggioranza dei “carnefici” e, per contrappasso, anche delle vittime è di sesso maschile, di età compresa fra i 30 e i 40 anni e vive in California, Texas, Florida e New York.

Tre quarti delle vittime sono uomini, e tra i paesi più interessati dal fenomeno, oltre agli Stati Uniti, vengono citati Regno Unito, Nigeria, Canada, Romania e Italia. In totale, il denaro perso a causa delle truffe online è salito dai 183 milioni di dollari del 2005 ai quasi 199 del 2006. Non stupisce poi, anche in relazione alla scarsa sicurezza dei meccanismi di identificazione che il caso australiano dimostra, che il 45% delle denuncie di frode pervenute all’organizzazione riguardino proprio le aste telematiche caratteristiche di eBay .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • danieleMM scrive:
    Traduzione sbagliata
    È necessario contrastare simili tentativi, sostiene Stallman, perché "se nessuno vi resiste, tali accordi si diffonderanno, e si faranno beffe della libertà del software gratuito " non ci credo che Stallman abbia detto "gratuito"ha detto sicuramente "free" inteso come libero!il che cambia completamente il senso di quella frase
  • Anonimo scrive:
    Ma chi si crede di essere sto Stallman?
    Non è che uno stipendiato pellegrino che in vita sua ha scritto solo un editor tutto fare, praticamente inutile.Oggi dall'alto della sua FSF crede di poter decidere nelle scelte di chiunque utilizzi o abbia utilizzato la sua virale GPL.FSF, stammi lontano come la peste.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma chi si crede di essere sto Stallm
      - Scritto da:
      Non è che uno stipendiato pellegrino che in vita
      sua ha scritto solo un editor tutto fare,
      praticamente
      inutile.LOL, evidentemente non hai mai usato EMACS
      Oggi dall'alto della sua FSF crede di poter
      decidere nelle scelte di chiunque utilizzi o
      abbia utilizzato la sua virale
      GPL.Dove leggi ciò ?
      FSF, stammi lontano come la peste.La FSF non è Stallman, 'gnurant :) !Informati meglio sulle battaglie che la FSF porta avanti, lo fa anche per il tuo benessere !
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma chi si crede di essere sto Stallm

        Informati meglio sulle battaglie che la FSF porta
        avanti, lo fa anche per il tuo benessere
        !sisi certo
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma chi si crede di essere sto Stallm
      - Scritto da:
      Non è che uno stipendiato pellegrino che in vita
      sua ha scritto solo un editor tutto fare,
      praticamente
      inutile.

      Oggi dall'alto della sua FSF crede di poter
      decidere nelle scelte di chiunque utilizzi o
      abbia utilizzato la sua virale
      GPL.

      FSF, stammi lontano come la peste.Bhe gia' meglio di uno sfigato che scrive nei forum...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma chi si crede di essere sto Stallm
      - Scritto da:
      Non(troll) è che uno stipendiato pelleg(troll4)rino che in vita
      sua ha scritto solo un editor tutto fare,
      praticamente(troll1)
      inut(troll3)ile.

      Oggi dall'alto (troll2)della sua FSF crede di poter(troll3)
      decidere nelle scelte di c(troll1)hiunque utilizzi o
      abbia utilizzato la sua virale
      GPL.

      FSF, stammi lontano come la peste.(troll3)
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Ma chi si crede di essere sto Stallm
      - Scritto da:
      Non è che uno stipendiato pellegrino che in vita
      sua ha scritto solo un editor tutto fare,
      praticamente
      inutile.Veramente ha scritto anche la suite gcc, ovvero il più multipiattaforma dei compilatori, grazie al quale oggi linux c'è persino sulla ps3... E' un uomo che ha dedicato tutta la sua vita al suo ideale e non al supporto di una multinazionale pluricondannata.
      Oggi dall'alto della sua FSF crede di poter
      decidere nelle scelte di chiunque utilizzi o
      abbia utilizzato la sua virale
      GPL.Esattamente come Microsoft decide le scelte di chiunque utilizzi i suoi prodotti.
      FSF, stammi lontano come la peste.E' una tua scelta, ma ormai non si può più ignorare.TAD
    • Santos-Dumont scrive:
      Re: Ma chi si crede di essere sto Stallm
      - Scritto da:
      Non è che uno stipendiato pellegrino che in vita
      sua ha scritto solo un editor tutto fare,
      praticamente
      inutile.

      Oggi dall'alto della sua FSF crede di poter
      decidere nelle scelte di chiunque utilizzi o
      abbia utilizzato la sua virale
      GPL.

      FSF, stammi lontano come la peste.Se poi avessi la compiacenza di spiegarci cosa c'entri la (peraltro rispettabile) carriera di programmatore di Stallman col suo impegno politico/sociale... ;)Ti sfugge il non trascurabile dettaglio che FSF RMS. Stallman puó essere stato, e ancora é, un formidabile catalizzatore nel promuovere il free software; ma c'è molta gente che condivide e porta avanti la sua concezione in quanto la ritiene più equa e vantaggiosa, e quando scrivo "gente" non mi riferisco ai tanto vituperati "nerds" (degni pure loro di considerazione al pari di qualsiasi altra persona) ma a fior di governi e istituzioni che hanno giá abbracciato, o lo faranno, la filosofia free. Questi di sicuro non hanno deciso in base alla moda o sull'onda dell'emozione o per l'affascinante personalitá del santone barbuto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma chi si crede di essere sto Stallm
      - Scritto da:
      Non è che uno stipendiato pellegrino che in vita
      sua ha scritto solo un editor tutto fare,
      praticamente
      inutile.

      Oggi dall'alto della sua FSF crede di poter
      decidere nelle scelte di chiunque utilizzi o
      abbia utilizzato la sua virale
      GPL.

      FSF, stammi lontano come la peste.Sei solo un poveraccio da microsoft-office. Uno da 4 soldi menato per il naso da tutti.
  • Anonimo scrive:
    Software gratuito?
    "se nessuno vi resiste, tali accordi si diffonderanno, e si faranno beffe della libertà del software gratuito"Mi sa che avete tradotto male, probabilmente non intendeva Free in quel senso.
    • Anonimo scrive:
      Re: Software gratuito?
      O stavolta stallman ha proprio inteso gratuito altrimenti i giornalisti si sarebbero domandati: "ma che caxxo dice questo ? oh lapo, lapo elkan... un'intervista!" come fanno a striscia
      • Anonimo scrive:
        Re: Software gratuito?
        :D :D(rotfl)
      • danieleMM scrive:
        Re: Software gratuito?

        O stavolta stallman ha proprio inteso gratuito
        altrimenti i giornalisti si sarebbero domandati:
        "ma che caxxo dice questo ? oh lapo, lapo
        elkan... un'intervista!" come fanno a
        strisciasi..e che parole ha usato in inglese?gratis?fonti?ma perpiacere (troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)
    • Anonimo scrive:
      Re: Software gratuito?
      - Scritto da:
      "se nessuno vi resiste, tali accordi si
      diffonderanno, e si faranno beffe della libertà
      del software
      gratuito"

      Mi sa che avete tradotto male, probabilmente non
      intendeva Free in quel
      senso.tanto è uguale, un software libero è anche gratis, solo un pollo pagherebbe per un software gplma a stallman questo non importa, lui è stipendiato statale
      • levm scrive:
        Re: Software gratuito?
        ecco la capacita' astrattiva di un babbuino- Scritto da:

        - Scritto da:

        "se nessuno vi resiste, tali accordi si

        diffonderanno, e si faranno beffe della libertà

        del software

        gratuito"



        Mi sa che avete tradotto male, probabilmente non

        intendeva Free in quel

        senso.

        tanto è uguale, un software libero è anche
        gratis, solo un pollo pagherebbe per un software
        gpl

        ma a stallman questo non importa, lui è
        stipendiato
        statale
      • danieleMM scrive:
        Re: Software gratuito?
        complimenti per l'acume!software libero non vuol dire per forza GPLe guarda caso ci sono persone che PAGANO di loro spontanea volontà, finanziano progetti GPL
    • danieleMM scrive:
      Re: Software gratuito?
      ops.. ho fatto un commento duplicato..on avevo visto
  • Anonimo scrive:
    A furia di gettare acqua sul fuoco.....
    Novell annegherà!Ed è quello che si merita per aver fatto un accordo col famigerato DRAGA di Redmond.Non c'è altro da aggiungere.
    • Anonimo scrive:
      Re: A furia di gettare acqua sul fuoco..
      - Scritto da:
      Novell annegherà!
      Ed è quello che si merita per aver fatto un
      accordo col famigerato DRAGA di
      Redmond.
      Non c'è altro da aggiungere.Veramente da quanto ha fatto l'accordo con il draga le sue vendite sono salite alle stelle a scapito dei sudditi di stallman, legati a strane ideologie anti-business.
      • Anonimo scrive:
        Re: A furia di gettare acqua sul fuoco..
        - Scritto da:
        Veramente da quanto ha fatto l'accordo con il
        draga le sue vendite sono salite alle stelle a
        scapito dei sudditi di stallman, legati a strane
        ideologie
        anti-business.link ?
        • Anonimo scrive:
          Re: A furia di gettare acqua sul fuoco..
          Tieni scansafatiche disoccupatohttp://finance.yahoo.com/q?s=novl
          • Anonimo scrive:
            Re: A furia di gettare acqua sul fuoco..
            - Scritto da:
            Tieni scansafatiche disoccupato

            http://finance.yahoo.com/q?s=novlHmmm certo che insultare il prossimi ti fa credere di essere superiore?
          • Anonimo scrive:
            Re: A furia di gettare acqua sul fuoco..
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Tieni scansafatiche disoccupato



            http://finance.yahoo.com/q?s=novl


            Hmmm certo che insultare il prossimi ti fa
            credere di essere
            superiore?E che t'ha detto?Connetti il cervello prima di spararle... Succede questo quando si parla a capocchia!
      • Anonimo scrive:
        Re: A furia di gettare acqua sul fuoco..
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Novell annegherà!

        Ed è quello che si merita per aver fatto un

        accordo col famigerato DRAGA di

        Redmond.

        Non c'è altro da aggiungere.

        Veramente da quanto ha fatto l'accordo con il
        draga le sue vendite sono salite alle stelle a
        scapito dei sudditi di stallman, legati a strane
        ideologie
        anti-business.Ride bene chi ride ultimo.
  • Anonimo scrive:
    Il giorno che grazie a novell...
    ...troveremo hardware e software ufficialmente compatibile con linux, Stallman farà meglio a cercarsi un eremo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Il giorno che grazie a novell...
      Software compatiblie con Linux? Ma cosa intendi? Io lo uso linux e ne ho tonnellate di software "compatibile" novell o no.Se poi intendi il software microsoft allora ti rispondo che non mi serve affatto esistono soluzioni per linux/unix ugualmente valide ed affidabili, beh forse hanno un pò meno bug..........
      • Anonimo scrive:
        Re: Il giorno che grazie a novell...
        Intendo software che devo usare nel mondo del lavoro per produrre.Se voglio fare grafica NON POSSO USARE INKSCAPE E GIMP e non riduco la qualità del mio lavoro per far piacere ad un barbone ma DEVO USARE PHOTOSHOP ED ILLUSTRATOR.Codesti programmi (la base in uno studio di grafica) li trovo SOLO su win e mac.Io voglio sta roba su linux non tanti blablabla
        • Sgabbio scrive:
          Re: Il giorno che grazie a novell...
          - Scritto da:
          Intendo software che devo usare nel mondo del
          lavoro per
          produrre.
          Se voglio fare grafica NON POSSO USARE INKSCAPE E
          GIMP e non riduco la qualità del mio lavoro per
          far piacere ad un barbone ma DEVO USARE PHOTOSHOP
          ED
          ILLUSTRATOR.
          Codesti programmi (la base in uno studio di
          grafica) li trovo SOLO su win e
          mac.
          Io voglio sta roba su linux non tanti blablablaBhe ci sono software professionali pure su linux, certo quei 2 che hai citato non ci sono purtroppo
        • Anonimo scrive:
          Re: Il giorno che grazie a novell...
          il motivo principale per cui uno dovrebbe usare linux sono i risvolti etici...gnu linux va usato perchè è free software...se ci metti sopra software proprietario si perde un pò il senso di usare linux
          • Anonimo scrive:
            Re: Il giorno che grazie a novell...
            Il motivo per il quale uno dovrebbe abbandonare winz e mac è perchè esistono dei sistemi operativi migliori che permettono di lavorare meglio ed essere più produttivi.I sistemi operativi sono dei mezzi, i computer sono degli strumenti e come tali non vanno usati per spirito etico
          • Anonimo scrive:
            Re: Il giorno che grazie a novell...
            si ma un ragazzino brufoloso senza ragazza deve pur investire il tempo in qualche modo :)
Chiudi i commenti