USA, gli attacchi arrivano anche tramite VPN

USA, gli attacchi arrivano anche tramite VPN

Agenzie USA sotto attacco sfruttando le vulnerabilità di note soluzioni VPN: così l'oriente minaccia i dati e le attività istituzionali occidentali.
Agenzie USA sotto attacco sfruttando le vulnerabilità di note soluzioni VPN: così l'oriente minaccia i dati e le attività istituzionali occidentali.

Utilizzare un servizio (ad esempio una VPN) per garantire la sicurezza della propria azienda non significa mettere al sicuro i dati, ma significa esternalizzarne il controllo. Ecco perché è fondamentale affidarsi a servizi di qualità ed a policy restrittive, ed ecco perché ciò risulta a maggior ragione verso se si ha a che fare con agenzie governative e dati estremamente sensibili. Quanto successo negli Stati Uniti è la riprova di questo concetto, in quanto per l’ennesima volta negli ultimi mesi alcune agenzie governative si sono trovate sotto scacco a seguito di sofisticati attacchi remoti, con ogni probabilità profusi da cracker supportati da investimenti di Paesi stranieri.

Il dito è puntato verso oriente, pur senza dover fare espliciti riferimenti.

L’attacco passa tramite la VPN

L’ultimo caso è relativo alla VPN Pulse Connect Secure, soluzione nota e diffusa che nel 2020 ha palesato però alcune preoccupanti vulnerabilità. Come scegliere una VPN non è certo semplice, ma in questo caso il problema è ancor più complesso. Il fatto che decine di agenzie facessero uso della medesima soluzione, infatti, ha reso quest’ultima particolarmente esposta e tale per cui potesse rendersi proficua la ricerca di nuovi canali di accesso per bucarne la sicurezza.

Vedi le migliori VPN 2021

Secondo quanto rivelato da Reuters, il problema ha molto a che fare con sofisticate iniziative di spionaggio governativo, sfruttando le debolezze di una soluzione esterna agli apparati istituzionali, ma colpendo perifericamente le difese approntate per poter mettere a rischio dati e attività. Le VPN in particolare possono diventare un veicolo importante, poiché rappresentano il “tunnel” entro il quale i dati passano sotto crittografia e diventano offuscati ad un occhio esterno. Poterne prendere il controllo significa avere sotto scacco apparati particolarmente delicati, potendone gestire le informazioni da remoto e spesso in modo silente.

La cyberguerra tra oriente e occidente passa proprio per dettagli di questo tipo per le gli Stati Uniti è ormai questa una priorità assoluta che anche l’Europa ha recentemente imparato a gestire in modo più attento.

Fonte: Reuters
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

30 04 2021
Link copiato negli appunti