USA, Google conferma l'indagine antitrust

Mountain View prepara la difesa. Mentre c'è chi si schiera dalla sua parte chiedendo alle autorità di lasciar fluire innovazione e sviluppo

Roma – Da Mountain View arrivano le conferme sulle ipotesi di nuove indagini per questioni antitrust delle autorità statunitensi nei confronti di Google. Che si prepara di nuovo a difendersi.

La Federal Trade Commission apre ufficialmente l’indagine nei confronti di Google con una lettera formale: spiega che al centro dei dubbi antitrust vi sono le sue “pratiche commerciali, incluso il motore di ricerca e l’advertising”.

Una prima risposta arriva con un post di Amit Singhal, vertice del team di Google che si occupa della gestione dei ranking dei risultati e che spiega che Google fa tutto il possibile per offrire agli utenti i risultati migliori possibile il più velocemente possibile : ribadisce il funzionamento del motore di ricerca, orientato alle esigenze degli utenti e all’immediatezza e sottolinea che le accuse di FTC sono ancora più che altro vaghe .

Anche per questo, se una parte di operatori del settore tra cui Microsoft, Expedia, Kayak.com e Sabre Holding rappresentati da Fairsearch.org, hanno chiesto all’antitrust di intervenire sulla faccenda, un’altra associazione di categoria, Consumer Electronics Association ( CEA ), ha chiesto a FTC di lasciare in pace Google : nel settore ICT la tecnologia e l’innovazione, si legge nell’intervento del presidente Gary Shapiro, sono fondamentali e spesso sospingono avanti un’azienda rispetto ad un’altra. E per quanto questo possa rappresentare un problema per gli incumbent anche per le dimensioni che le aziende possono assumere soprattutto con il mercato statunitense a disposizione, questo meccanismo e questa fluidità sono anche alla base delle possibilità di successo future del relativo settore nazionale che però, a differenza di quello delle altre nazioni, si trova costantemente a dover affrontare le indagini delle autorità antitrust.

Google, peraltro, ha già avuto modo di confrontarsi con l’antitrust statunitense fin dal 2007, quando l’investigazione conseguente all’annuncio dell’ acquisto di DoubleClick era stata la prima occasione di confronto. L’altra importante indagine ha poi riguardato ancora l’advertising, stavolta nel settore mobile, e un altro acquisto: AdMob , approvato a maggio 2010 da FTC in seguito al parallelo acquisto di Quattro Wireless da parte di Apple.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Ma che titolo
    Che c'entra la citazione di Asimov? :|
  • Sgabbio scrive:
    la vedo brutta
    Già gli sviluppatori facevano idiozie, come relase fatte in fretta e furia, spero che questo non porti a qualcosa di peggiore...Almeno non ha fatto la fine dell'altro fondatore :(
    • gnulinux86 scrive:
      Re: la vedo brutta
      A parte ciò che hai scritto che condivido in pieno, oggi ho installato la nuova versione 11.50, a mio avviso decisamente troppo Chrome Style, però devo ammettere che mi da meno problemi delle versioni precedenti, anche se il mio browser di riferimento rimane Firefox.
      • Certo certo scrive:
        Re: la vedo brutta
        Sì, hanno ulteriormente "chromizzato" anche l'acXXXXX rapido, ma veloce è più veloce, su questo non ci piove.
        • Giacomo scrive:
          Re: la vedo brutta
          non ho capito se sei ironico o meno ma Opera è stata la prima ad introdurre l'acXXXXX rapido. Idem per le tab sopra alla barra degli indirizzi, per non parlare della super search bar e di tante altre cose.E' arrivata per ultimo soltanto sulle estensioni. Peccato perché sono diventate, da subito, una delle ragioni del sucXXXXX degli altri browser.
          • Certo certo scrive:
            Re: la vedo brutta
            Sul serio!? Lo ignoravo. Vedi come è ingiusto il mondo? Credevo fossero "opera" di Chrome. Tanto ormai è consuetudine spacciare per proprie le idee altrui. :(Però, però ... Storicamente Opera è stato tra i primi browser a permettere la navigazione di più siti web contemporaneamente in un'unica finestra del programma mediante MDI. La versione 4.0 di Opera introdusse l'interfaccia a schede (il cosiddetto tabbed browsing) pur essendo una tecnica già adottata fin dal 1994 Opera ne diffuse la notorietà. http://it.wikipedia.org/wiki/Opera_(browser)
Chiudi i commenti