USA: i libri di Google sono un rischio

Il Dipartimento di Giustizia statunitense chiede alla corte che sta esaminando il caso di bocciare l'accordo tra BigG, Authors Guild e Association of American Publisher

Roma – Per il Dipartimento di Giustizia statunitense l’accordo milionario tra Google e gli editori non proteggerebbe appieno i detentori dei diritti. Il tribunale di New York che sta seguendo il caso dovrebbe quindi rigettarlo nonostante entrambe le parti in causa abbiano dato il loro assenso.

Secondo James Grimmelman, professore dell’ Institute for Information Law and Policy di New York, tra BigG, Authors Guild e Association of American Publisher sarebbero in corso ulteriori trattative dai risvolti poco chiari : l’ azione del Dipartimento sarebbe pertanto ampiamente giustificabile.

Nella sua forma attuale, spiegano le autorità statunitensi, l’accordo garantirebbe a Google di gestire le opere orfane senza peraltro offrire una protezione efficace agli autori stranieri. Dall’altra parte gli editori avrebbero la possibilità di affossare la competizione sul mercato, tagliando fuori altri distributori che operano sullo stesso canale.

Nella risposta di Mountain View, controfirmata dagli editori, si legge che le problematiche sollevate dal Dipartimento di Giustizia saranno oggetto di ulteriore analisi al fine di risolverle e proseguire l’iter giudiziario culminato con l’accordo costato a BigG 125 milioni di dollari.

Dopo la sua esplosione negli Stati Uniti, la querelle tra Google e detentori dei diritti è andata in scena anche dall’altra parte dell’Atlantico. L’Unione Europea aveva espresso dei dubbi circa l’autenticità delle intenzioni della grande G, mentre in Italia e Germania Google Books è finito sotto la lente dei rispettivi organismi antitrust.

Il gruppo di pressione europeo ICOMP ha ora definito “inaccettabili” le condizioni dell’accordo, caldeggiando un intervento deciso da parte della Commissione Europea e aggiungendosi quindi alla schiera di oppositori del patto, sul quale nei prossimi giorni il tribunale statunitense esprimerà il suo parere.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • umberto tirabassi scrive:
    windows 7 x32bit ???
    come si puo scaricare windows 7 x32bit????ho viso che c'è qualche problema!!
  • allanon scrive:
    come gli spacciatori
    regalano le caramelle ai bambini:D
  • Baduel scrive:
    Sapienza avanti
    Per gli studenti di Ingegneria presso la facoltà La Sapienza è possibile scaricare GRATUITAMENTE qualsiasi software Microsoft (esclusi office e goichi) e quindi compreso Windows 7 con durata illimitata. Info: http://tibur.tibur.uniroma1.it/msdnaa/
    • BLah scrive:
      Re: Sapienza avanti
      Sempre attenzione ai virus, ragazzi
    • the_m scrive:
      Re: Sapienza avanti
      beh è una buona iniziativa per gli studenti... a parte che sarà costata qualcosina, seppur poco... così a casa potete provare i vari o.s. e applicativi.è invece molto NEGATIVO che in tante scuole ed università, spesso per fare BAGGIANATE, si paghino licenze a occhi chiusi senza neanche chiedersi se esistano alternative e se sia giusto insegnare _unicamente_ l'utilizzo di prodotti di un certo fornitore, peraltro neanche italiano.a casa uno può usare quello che vuole, a scuola e pagandolo con le MIE tasse è una TRUFFA che si vedano certe cose
    • DeMoN3 scrive:
      Re: Sapienza avanti
      - Scritto da: Baduel
      Per gli studenti di Ingegneria presso la facoltà
      La Sapienza è possibile scaricare GRATUITAMENTE
      qualsiasi software Microsoft (esclusi office e
      goichi) e quindi compreso Windows 7 con durata
      illimitata. Info:
      http://tibur.tibur.uniroma1.it/msdnaa/anche i giochi? o_O ...e che giochi avete disponibili per il download? o_Oil download dei giochi non lo capisco,vada per i software professionali(software che lo studente,per imparare ad usare,dovrebbe crackare o pagare centinaia di ),ma i giochi cosa c'entrano? o_O
      • Anonimo scrive:
        Re: Sapienza avanti
        ti sei perso il "(esclusi office e giochi)"...saluti
        • lroby scrive:
          Re: Sapienza avanti
          - Scritto da: Anonimo
          ti sei perso il "(esclusi office e giochi)"...

          salutia leggere troppo di fretta cosa succede ;)
        • DeMoN3 scrive:
          Re: Sapienza avanti
          - Scritto da: Anonimo
          ti sei perso il "(esclusi office e giochi)"...

          salutiops,hai ragione,avevo letto "inclusi"...mea culpanoi del polimi invece abbiamo anche office ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Sapienza avanti
            in Bicocca abbiamo una cippa lippa, o meglio, tempo fa alcune licenze (xp pro forse? boh, non ricordo), ora dovrei controllare- Scritto da: DeMoN3
            - Scritto da: Anonimo

            ti sei perso il "(esclusi office e giochi)"...



            saluti
            ops,hai ragione,avevo letto "inclusi"...mea culpa

            noi del polimi invece abbiamo anche office ;)
    • the_m scrive:
      Re: Sapienza avanti
      mi piacerebbe sapere dov'è finita la mia risposta che avevo scritto ieri sera esattamente in questa posizione del thread... voglio pensare che ci sia stato qualche problema sul DB e non si tratti di censura
  • Michele Basile scrive:
    Servizio Msdn
    non so come funzionino le altre università ma so che la Federico II di Napoli offre l'opportunità a tutti gli studenti di poter usufruire di alcuni prodotti Microsoft gratuitamente, tra cui anche Windows 7 Pro RTM. Del resto non siamo così rovinati
    • Vault Dweller scrive:
      Re: Servizio Msdn
      - Scritto da: Michele Basile
      non so come funzionino le altre università ma so
      che la Federico II di Napoli offre l'opportunità
      a tutti gli studenti di poter usufruire di alcuni
      prodotti Microsoft gratuitamente, tra cui anche
      Windows 7 Pro RTM. Del resto non siamo così
      rovinatiLe altre università funzionano esattamente come la tua; in quanto il programma MSDNAA è stato istituito da MS per fornire, in seguito al pagamento di un tot per studente, agli studenti di facoltà quali Ingegneria dell'Informazione, Informatica e altre riguardanti l'ambito programmativo-informatico, il proprio software con particolare licenza.Tale licenza consente di installare senza limiti d'installazioni su diverse macchine il software in questione fintanto che si è immatricolati e iscritti ad almeno un corso in tali facoltà.Questo è l'unico motivo per cui uso Vista anziché XP sulla mia macchina win e l'unico motivo per cui proverò Visual Studio, nonché uno dei pochi9 motivi che mi faranno provare Windows 7
  • angros scrive:
    Molto generoso
    Soprattutto se consideriamo che esistono altri sistemi operativi gratuiti, e che prima che mettessero tutte le protezioni in genere gli studenti installavano windows piratato (poi, abituandosi ad usarlo, lo usavano anche sul lavoro, e a quel punto lo pagavano, in versione professionale)Mi chiedo... gli studenti pagheranno, cercheranno comunque di craccare windows o passeranno direttamente a linux?
    • Barabba scrive:
      Re: Molto generoso
      Sono in quinta superiore: solo nella mia classe 5 persone più io utilizzano Linux. E la stessa cosa è simile in altre classi, ma non solo: lo stesso istituto ha installato su tutti i computer Ubuntu.Tra i giovani Linux inizia sempre di più a diffondersi: è gratuito, libero, veloce e ultimamente sta diventando sempre più facile.Presumo che Windows inizierà lentamente a perdere quote. Pian piano gli utenti Linux (ma anche Mac OS) aumenteranno e porteranno ad un effetto simile a quello già visibile nel contrasto IE-Firefox.
      • kaiserxol scrive:
        Re: Molto generoso
        Ma scusate...che ve frega a voi? Se siete contenti di Ubuntu usatelo...qual'è il problema? Vi obbligano ad usare Windows? Vi puntano una pistola? Formattone e mettete quello che volete, ma non stressate chi non vuole usare Linux. Io ho in dual boot Ubuntu e Windows 7...mi uccidono? Mi picchia qualcuno la notte? Per certe cose preferisco Ubuntu, per altre 7. A breve mi comprerò anche un portatile Mac.Sicuramente se l'offerta fosse anche qui la farei al volo.@ BarabbaFinchè Linux non permetterà di far girare applicazioni professionali, software grafici come AutoCad ecc ecc quello che tu speri non potrà mai avverarsi, e soprattutto fin quando un aggiornamento di un pacchetto rischia di mandare a quel paese la mia distro Linux rendendomi impossibile lavorare finchè la comunità non riesce ad aiutarmi...Sono 3 cose diverse:Windows: tutto subito, funziona tutto e gira tuttoLinux: più complicato e se lo vuoi free ti devi affidare alle comunitàMacOSX: sistema tutto compreso con hw/sw già pronto all'uso.Notare che anche altre aziende come Novell fanno pagare i propri prodotti e ricordate sempre che un O.S. è gratuito finchè ha dei costi di gestione bassi, ma facciamo finta che Ubuntu sostituisca Windows nei pc e che milioni di persone lo utilizzino...come fa un gruppo di persone a mantenere tutto in piedi?? Ci avete mai pensato?In più non trovo PER NIENTE giusto che ci sia gente che lavora gratis sperando nelle donazioni (che già in passato han fatto vedere i loro limiti), se mi serve un telefono non me lo danno gratis perchè dovrebbero darmi gratis qualcosa in cui sono stati utilizzati soldi, risorse e tempo?Viva la possibilità di scegliere e ad ognuno il suo!! ;-)
        • gnulinux86 scrive:
          Re: Molto generoso
          Il settore desktop è vittima del preinstallato, allo stato attuale esiste un monopolio chiamato Windows, in queste condizioni i sistemi concorrenti come Ubuntu non hann vita facile, ma si va comunque avanti, anche se a piccoli passi, ma con risultati soddisfacenti.Linux per poter usufruire di applicazioni proprietarie professionali, deve aumentare ulteriormente la propria quota di diffusione, ma nella situazione attuale che ti ho illustrato prima è dura.Ubuntu per desktop è gratis, ma i programmatori sono pagati dalla Canonical mica lavorano gratis, un conto è la comunità un altro sono i dipendenti Canonical. Ubuntu offre supporto anche a pagamento sopratutto in ambito aziendale, ed è l'unica distro Linux, a fare markenting, che stringe accordi per il preinstallato vedi DELL, mosse necessarie per farsi spazio nel settore desktop.
          • shevathas scrive:
            Re: Molto generoso

            concorrenti come Ubuntu non hann vita facile, ma
            si va comunque avanti, anche se a piccoli passi,
            ma con risultati
            soddisfacenti.
            Non solo per questo. Linux è diventato usabile da semiutonti da poco tempo rispetto ai sistemi windows.
            Linux per poter usufruire di applicazioni
            proprietarie professionali, deve aumentare
            ulteriormente la propria quota di diffusione, ma
            nella situazione attuale che ti ho illustrato
            prima è
            dura.
            Ma per aumentare la quota deve rassegnarsi alla standardizzazione stretta. Il che vuol dire tenere il più possibile desktop simili con le stesse disposizioni dei menù etc. etc.
            Ubuntu per desktop è gratis, ma i programmatori
            sono pagati dalla Canonical mica lavorano gratis,
            un conto è la comunità un altro sono i dipendenti
            Canonical. Ubuntu offre supporto anche a
            pagamento sopratutto in ambito aziendale, ed è
            l'unica distro Linux, a fare markenting, che
            stringe accordi per il preinstallato vedi DELL,
            mosse necessarie per farsi spazio nel settore
            desktop.o che ha interesse ad inseguire il settore desktop. Rispetto a quello server hai molte, ma molte, più rogne.
          • ruppolo scrive:
            Re: Molto generoso
            - Scritto da: shevathas
            Ma per aumentare la quota deve rassegnarsi alla
            standardizzazione stretta.

            Il che vuol dire tenere il più possibile desktop
            simili con le stesse disposizioni dei menù etc.
            etc.È proprio questo l'errore: perché dovrei cambiare sistema operativo se poi mi trovo come prima? Io voglio passare in meglio.
        • the_m scrive:
          Re: Molto generoso
          - Scritto da: kaiserxol
          Ma scusate...che ve frega a voi? Se siete
          contenti di Ubuntu usatelo...qual'è il problema?
          Vi obbligano ad usare Windows? Vi puntano una
          pistola? Formattone e mettete quello che volete,
          ma non stressate chi non vuole usare Linux. come dici sotto, il supporto hardware e software c'è solo per windows, quindi questo s.o. è in pratica un OBBLIGO anche per chi non lo vorrebbe ma deve usare certi software o dispositivi hardware o aprire certi documenti o a navigare su certi siti ecc.ci sono tanti motivi per cui è nato questo monopolio, tra cui anche poca concorrenza e tante pratiche disoneste, ma ora le alternative ci sarebbero (notare il condizionale) se non ci fossero per motivi di mercato MILIONI di aziende e professionisti in tutto il mondo che lavorano, considerano e producono nel settore IT come se esistesse solo m$.quindi si spera che PRIMA o POI la quantità di utenti linux raggiungerà la massa critica necessaria a convincere i produttori hw/sw che informatica != m$
          Sono 3 cose diverse:
          Windows: tutto subito, funziona tutto e gira tuttocerto (finchè funziona), ma sai il motivo? solo perchè MILIONI di produttori e softwaristi (non dipendenti m$) si fanno un c*lo della XXXXXXX a fare driver, installer, interfacce super semplici e super veloci per vendere i loro prodotti, e lo fanno solo per win.window$ di suo supporta pochissimo hw, non ha alcun software a corredo, appena installato non ci fai niente, a parte andare in giro sul web a prendere dei virus con internet explorer
          gestione bassi, ma facciamo finta che Ubuntu
          sostituisca Windows nei pc e che milioni di
          persone lo utilizzino...come fa un gruppo di
          persone a mantenere tutto in piedi?? Ci avete mai
          pensato?ubuntu è nato e viene sviluppato da canonical ltd che è un'azienda come le altre, con i suoi dipendenti, bilanci, ecc.
          In più non trovo PER NIENTE giusto che ci sia
          gente che lavora gratis sperando nelle donazioni
          (che già in passato han fatto vedere i loro
          limiti), volendo uno può sempre farsi pagare la consulenza per installare, configurare, modificare, aggiornare il sw che ha prodotto... ma mica tutti i sw devono essere aggratis ci mancherebbe!
          se mi serve un telefono non me lo danno
          gratis perchè dovrebbero darmi gratis qualcosa in
          cui sono stati utilizzati soldi, risorse e
          tempo?perchè nel mondo i sistemi operativi sono stati ammortizzati da decenni, come pure le suite da ufficio.. m$ ha speso 10 per fare office e ci ha guadagnato 10.000, è normale che qualcuno si svegli e la smetta di regalarle dei soldi (mi riferisco a chi spende molto in licenze, ad es. la p.a. italiana che è sui 500 milioni di euro all'anno a m$ se non ricordo male - in un solo anno ci risviluppo tutto office con questa cifra).
          Viva la possibilità di scegliere e ad ognuno il
          suo!! ;-)parole sante.. ci fosse davvero la possibilità di scegliere!!!
          • asd scrive:
            Re: Molto generoso
            - Scritto da: the_m
            - Scritto da: kaiserxol

            Ma scusate...che ve frega a voi? Se siete

            contenti di Ubuntu usatelo...qual'è il problema?

            Vi obbligano ad usare Windows? Vi puntano una

            pistola? Formattone e mettete quello che volete,

            ma non stressate chi non vuole usare Linux.

            come dici sotto, il supporto hardware e software
            c'è solo per windows, quindi questo s.o. è in
            pratica un OBBLIGO anche per chi non lo vorrebbe
            ma deve usare certi software o dispositivi
            hardware o aprire certi documenti o a navigare su
            certi siti
            ecc.

            ci sono tanti motivi per cui è nato questo
            monopolio, tra cui anche poca concorrenza e tante
            pratiche disoneste, ma ora le alternative ci
            sarebbero (notare il condizionale) se non ci
            fossero per motivi di mercato MILIONI di aziende
            e professionisti in tutto il mondo che lavorano,
            considerano e producono nel settore IT come se
            esistesse solo
            m$.

            quindi si spera che PRIMA o POI la quantità di
            utenti linux raggiungerà la massa critica
            necessaria a convincere i produttori hw/sw che
            informatica !=
            m$


            Sono 3 cose diverse:

            Windows: tutto subito, funziona tutto e gira
            tutto

            certo (finchè funziona), ma sai il motivo? solo
            perchè MILIONI di produttori e softwaristi (non
            dipendenti m$) si fanno un c*lo della XXXXXXX a
            fare driver, installer, interfacce super semplici
            e super veloci per vendere i loro prodotti, e lo
            fanno solo per
            win.

            window$ di suo supporta pochissimo hw, non ha
            alcun software a corredo, appena installato non
            ci fai niente, a parte andare in giro sul web a
            prendere dei virus con internet
            explorer
            XXXXXXX LA XXXXXXXTA DEL SECOLO!Sara un anno che ci sono driver per schede ati per linux(e va anche alla ca**o di cane)
          • p4bl0 scrive:
            Re: Molto generoso


            window$ di suo supporta pochissimo hw, non ha

            alcun software a corredo, appena installato non

            ci fai niente, a parte andare in giro sul web a

            prendere dei virus con internet

            explorer




            XXXXXXX LA XXXXXXXTA DEL SECOLO!Sara un anno che
            ci sono driver per schede ati per linux(e va
            anche alla ca**o di
            cane)mi hai tolto le parole di bocca
          • the_m scrive:
            Re: Molto generoso
            - Scritto da: p4bl0
            mi hai tolto le parole di boccama almeno avete capito quello che ho scritto o postate così tanto per trollare?WINDOWS DI SUO (cioè *senza* driver di terze parti da installare a parte) non supporta neanche un DECIMO dell'hardware di linux... adesso è più chiaro?ATI senza i suoi driver si e no che la riconosce windows e parte in 640x480 o in vesa con zero accelerazione grafica
          • the_m scrive:
            Re: Molto generoso
            non ho capito cosa intendi, a parte che NON è vero che i driver ati per linux ci sono da un anno ma da ben più tempo.Se è vero che vanno alla ca**o di cane, confermi quindi quello che ho scritto, cioè che tutti investono risorse solo su windows e se ne fregano di linux... infatti con la mia geforce su linux ci gioco anche a doom III, giusto per sottolineare che è un problema di driver, non di linux.
          • ruppolo scrive:
            Re: Molto generoso
            - Scritto da: asd
            XXXXXXX LA XXXXXXXTA DEL SECOLO!Sara un anno che
            ci sono driver per schede ati per linux(e va
            anche alla ca**o di
            cane)E con quei driver quanti euro all'anno posso guadagnare?
        • angros scrive:
          Re: Molto generoso

          In più non trovo PER NIENTE giusto che ci sia
          gente che lavora gratis sperando nelle donazioni
          (che già in passato han fatto vedere i loro
          limiti), se mi serve un telefono non me lo danno
          gratis perchè dovrebbero darmi gratis qualcosa in
          cui sono stati utilizzati soldi, risorse e
          tempo?Questo discorso NON HA SENSO. Quando io compro un bene fisico (una birra, una macchina, un panino) il venditore se ne priva, non ce l' ha più; quindi è ovvio che, se può venderne solo un numero limitato, qualcuno dei potenziali clienti dovrà rinunciare, e il venditore dovrà vendere a chi desidera di più il suo prodotto (e che, quindi, pagherà di più).Per un software, il produttore ti dà una copia, e non rinuncia all' originale: può distribuirne anche un miliardo, e questo non gli impedirà di proseguire; tutti gli utenti possono quindi averne una copia, e che utilità può avere limitare questa possibilità? Gli utenti che non sono disposti a pagare, probabilmente non la acquisterebbero comunque, e se non possono avere una copia gratis ne fanno a meno; il punto è: cosa ci guadagna lo sviluppatore ad impedire agli utenti di usare il suo prodotto? NULLA. ZERO. NADA. NIET. Se invece autorizza tutti a prenderne una copia, gente che magari non avrebbe mai pagato il prezzo pieno accetta di fare una donazione di magari un decimo, ma sono comunque soldi che altrimenti lo sviluppatore non vedrebbe mai, e anche chi non paga, magari fa conoscere il prodotto ad altri, e contribuisce a farlo diventare lo standard. Limitare l' uso dei propri prodotti non è una cosa apprezzata, e alcuni cominciano a rendersene conto.
        • Funz scrive:
          Re: Molto generoso
          - Scritto da: kaiserxol
          Ma scusate...che ve frega a voi? Se siete
          contenti di Ubuntu usatelo...qual'è il problema?
          Vi obbligano ad usare Windows? Vi puntano una
          pistola? Formattone e mettete quello che volete,Allora quando compro il prossimo PC me la paghi tu la licenza di Windows, che non posso rifiutarmi di comprare?
          • krane scrive:
            Re: Molto generoso
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: kaiserxol

            Ma scusate...che ve frega a voi? Se siete

            contenti di Ubuntu usatelo...qual'è il problema?

            Vi obbligano ad usare Windows? Vi puntano una

            pistola? Formattone e mettete quello che volete,
            Allora quando compro il prossimo PC me la paghi
            tu la licenza di Windows, che non posso
            rifiutarmi di comprare?Fai che comprarla anche a me, sto per cambiare pc e non mi interessa la licenza.
        • idahofhdos scrive:
          Re: Molto generoso
          E dai con Autocad...come se lo usassero tutti a questo mondo!In azienda abbiamo oltre 400 tra pc e notebook e una ventina di server. I pc cono quasi tutti Windows XP, tranne quelli del personale IT che, ovviamente, preferiscono Linux (magari con virtualbox e Windows 7 virtualizzato...) e i grafici, che ovviamente usano MacOSX. I server sono invece quasi tutti Linux o AS400; i Win2003/2008 sono giusto 3 (e sono gli unici a dare sempre problemi...). I programmi cosiddetti professionali girano spesso sui server Linux (vedi GIS, Oracle, DB2 o tutta l'infrastruttura di rete); qui dipende da qual'è il significato che dai alla parola professionale: SAP è professionale (qui gira su as400), Power Point o Visio invece sono XXXXXXXte, tant'è che li usano solo gli XXXXXXX (li abbiamo sostuiti con prodotti Open Source). Ah, abbiamo anche Autocad e sono 3 installazioni di numero.Fai te.
Chiudi i commenti