VIABUY: è giusto chiamarla carta di credito prepagata?

VIABUY: è giusto chiamarla carta di credito prepagata?

Definire VIABUY una carta di credito prepagata è corretto oppure sbagliato? Entrambi. Chiariamo meglio il concetto in questo articolo.
Definire VIABUY una carta di credito prepagata è corretto oppure sbagliato? Entrambi. Chiariamo meglio il concetto in questo articolo.

Capita sovente che l’uso improprio di alcuni termini possa generare confusioni in chi legge o ascolta, portandolo a credere ciecamente in un concetto fondamentalmente errato. Ad esempio, parlare di VIABUY come carta di credito prepagata è giusto o sbagliato?

La risposta è sì e no. Una carta di credito è una carta di pagamento che prevede l’addebito posticipato dell’importo di una transazione.

Ciò è possibile grazie alla linea di credito (plafond) messa a disposizione dall’istituto emittente che può essere usato entro un certo arco di tempo, di solito un mese.

Questo credito può essere usato per acquistare beni o servizi oppure prelevare denaro contante.

La carta di credito può essere revolving o a saldo. Nel primo caso, l’importo che è stato speso viene poi rateizzato per un determinato numeri di messi applicando un tasso di interesse.

Nel secondo caso, invece, l’addebito di quanto speso avviene in un determinato giorno, che di solito è l’inizio o la metà del mese del mese successivo.

VIABUY: giusto chiamarla carta di credito prepagata?

carta di credito prepagata

Quindi, è giusto definire VIABUY una carta di credito prepagata? Concettualmente no, perché non esiste una carta del genere, ma a livello di terminologia diffusa può anche essere definita in questo modo.

In realtà VIABUY è una carta prepagata con IBAN, quindi funziona anche come conto corrente poiché consente di inviare e ricevere bonifici e di accreditare lo stipendio o la pensione.

Ciò che la accomuna a una carta di credito tradizionale è il fatto di non essere legata a banca specifica.

Invece, ciò che differenzia le due carte di pagamento è il fatto che VIABUY non ha una linea di credito, ma soltanto quello che il titolare ricarica.

In altre parole, se il saldo sulla carta è di 200 euro, può usare soltanto tale somma e niente più. Quindi, per usare nuovamente VIABUY, deve ricaricare tramite bonifico SEPA, Giropay, Sofort, PaySafecard e altro.

Per richiedere VIABUY è semplice: basta accedere QUI, cliccare su APRI ORA IL TUO CONTO e compilare i campi con le informazioni personali. Entro pochi giorni la carta verrà consegnata all’indirizzo inserito.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 9 gen 2023
Link copiato negli appunti