VR in tribunale: Oculus colpevole ma non troppo

Si è chiuso il processo sulla presunte violazioni di proprietà intellettuale a opera di Oculus: la giuria ha sentenziato a favore di ZeniMax ma la corporation acquisita da Facebook canta vittoria per la caduta del capo di imputazione più grave

Roma – Si è chiusa in tempi brevi la causa intentata da ZeniMax contro Oculus, con quest’ultima azienda impegnata a difendersi dalle accuse di aver violato la proprietà intellettuale del colosso videoludico durante la progettazione e la realizzazione del caschetto per la realtà virtuale Rift.

La giuria incaricata di dirimere la contesa legale ha sentenziato a sfavore di Oculus , nondimeno la condanna appare salomonica: la startup della VR su PC è il relativo management sono stati condannati al pagamento di 500 milioni di dollari , mentre ZeniMax era alla ricerca di una compensazione da 4 miliardi di dollari.

Dei sette capi di imputazione esposti dai legali del publisher statunitense, cade quello più grave – appropriazione indebita di segreti industriali – mentre vengono confermati la violazione dell’accordo di non divulgazione tra le due aziende mentre erano al lavoro su un prototipo di Rift, la violazione di copyright e del marchio nell’uso di una parte del codice e del logo di ZeniMax.

Dei presunti responsabili chiamati alla sbarra a testimoniare, John Carmack se la cava nel migliore dei modi: il CTO di Oculus, già geniale programmatore di id Software – di proprietà di ZeniMax – e co-creatore di Wolfenstein 3D, Doom e altri classici, è risultato del tutto innocente agli occhi dei giurati.

Commentando la sentenza, Oculus si è detta soddisfatta riguardo la mancata violazione del segreto industriale di ZeniMax – il “cuore” della vicenda secondo la corporation – ma ha altresì promesso battaglia all’appello per trionfare anche sulle altre accuse.

ZeniMax, per il momento, non ha commentato, e in realtà in queste ore il publisher fa notizia per un altro motivo: l’azienda ha acquisito per una somma non meglio precisata Escalation Studios, sviluppatore dell’editor di mappe per Doom SnapMap e altre applicazioni per console, mobile e VR. Oculus Rift a parte, è chiaro che per ZeniMax la realtà virtuale rappresenta un investimento a lungo termine.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gelande sport scrive:
    fidelizzazione
    Chi vuole vivere alla grande l'esperienza della realtà virtuale, oltre ad un PC potente, necessita di un ottimo paio di occhiali VR e di un portafogli a fisarmonica.Necessita anche di una buona attitudine a stare bene in prigione, visto che poi, per non buttare l'investimento, sarà costretto a comperare nuovi gadget nonché nuovi software, per stare al passo.La chiamano 'fidelizzazione del cliente'.Sono proprio oculati gli oculisti.
Chiudi i commenti