WhatsApp, quale privacy?

L'azienda risponde alle accuse di mancata sicurezza parlando di allarmi ingigantiti. Ma i ricercatori insistono, e nuove falle emergono: WhatsApp tutela gli utenti in maniera adeguata?
L'azienda risponde alle accuse di mancata sicurezza parlando di allarmi ingigantiti. Ma i ricercatori insistono, e nuove falle emergono: WhatsApp tutela gli utenti in maniera adeguata?

Dopo aver fatto sbollire la discussione per qualche giorno, WhatsApp rilascia un comunicato ufficiale in merito alla vulnerabilità crittografica e al possibile “furto” del database delle conversazioni storiche evidenziati da Bas Bosschert : i rischi sarebbero da imputare ai comportamenti degli utenti.

Le notizie in merito alla presunta vulnerabilità del servizio non sono fedeli alla realtà e sono “esagerate”, dice WhatsApp a CNET , perché “in condizioni normali” i dati salvati su schede microSD sono al sicuro da malintenzionati.

Le cose cambiano, continua WhatsApp, se l’utente scarica “malware o virus” sul proprio cellulare mettendo a rischio la sicurezza del dispositivo e quindi anche i log della app di messaggistica. La versione Android di WhatsApp è stata comunque aggiornata per rafforzare la sicurezza, dice la società.

Il succitato aggiornamento è stato in effetti già analizzato da Bosschert , e a quanto pare qualche passo in avanti sul fronte della sicurezza è stato fatto, pur continuando a sussistere i problemi evidenziati nei giorni scorsi. WhatsApp sembra a ogni modo avere l’intenzione di seguire le orme di Apple (nel caso iMessage) e gestire il baco scovato dal ricercatore con una certa calma.

A scuotere però coloro che si occupano della sicurezza di WhatsApp potrebbero però essere nuovi allarmi lanciati dai ricercatori: l’esperto cinese Xuyang Li si è visto assegnare le informazioni di account di una sconosciuta (“Jessica”) dopo aver ereditato il suo vecchio numero di cellulare.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 03 2014
Link copiato negli appunti