Windows 7 tra upgrade, prezzi e scadenze

Microsoft dirama annunci e riserva una sorpresa agli utenti europei. Svelato anche il termine per il download della release candidate pubblica

Roma – Con l’avvicinarsi del debutto sul mercato di Windows 7, ormai a soli quattro mesi di distanza, Microsoft si appresta a terminare il programma di valutazione pubblico della Release Candidate , avviato all’inizio dello scorso maggio. Nel frattempo sono emersi nuovi dettagli sulle confezioni, le versioni di aggiornamento e i prezzi di Seven.

Come sintetizzato in questo post , il programma di aggiornamento di Windows 7, chiamato Windows Upgrade Option , inizierà oggi 26 giugno e terminerà il 31 dicembre 2009 : in questo arco di tempo chi acquisterà un’edizione Home Premium, Business o Ultimate di Windows Vista, o un PC con una di queste versioni pre-installata, dovrebbe avere diritto a ricevere una versione equivalente di Windows 7 al solo costo delle spese di spedizione/gestione.

“Per chi acquista una scatola sarà sufficiente andare sul sito Microsoft e seguire passo passo le istruzioni. Per chi compra un PC potrà recuperare nella scatola stessa del PC un flyer riportante le istruzioni; qualora non esistesse si può comunque fare riferimento al sito del produttore”, spiega in questo post Lorenza Poletto, Windows Client Consumer di Microsoft Italia. “Ci sarà un piccolo costo per le spese di gestione pratica e spedizione da sostenere, variabile da produttore a produttore”.

Maggiori informazioni sull’aggiornamento a Windows 7 saranno pubblicate in futuro sui siti www.microsoft.it/riceviwindows7 e windows7upgradeoption.com . Update (ore 10,00): questa mattina è stato aggiornato windows7upgradeoption.com . Se si seleziona come paese l’Italia, il servizio avvisa che “Il nostro sito per gli ordini non è ancora disponibile nell’area specificata. Si consiglia di visitare nuovamente il sito il giorno 31-Agosto -2009 per ordinare l’aggiornamento”.

Ieri Microsoft ha anche annunciato che in Europa le versioni aggiornamento di Windows 7 non saranno disponibili : in altre parole, gli utenti potranno acquistare esclusivamente le versioni complete, che come tradizione richiedono un’installazione da zero . BigM ha giustificato questa “anomalia” con il fatto che nei paesi europei il suo nuovo sistema operativo sarà privo di Internet Explorer , e pertanto non potrà essere utilizzato per aggiornare una copia di Windows XP o Vista comprensiva di IE.

La mancata disponibilità di versioni aggiornamento di W7 va ad aggiungersi ad un altro importante effetto collaterale che la controversa versione “E” di Windows 7 (quella senza IE8) sembra destinata a portarsi dietro: la difficoltà, per l’utente, di accedere al Web per scaricare IE o un qualsiasi altro browser.

Nonostante la mancanza di versioni upgrade, il programma di aggiornamento di Microsoft sarà valido anche in Europa : l’unica differenza è che gli utenti riceveranno una copia full del sistema operativo. Oltre a ciò, per non creare disparità con gli utenti di altre zone geografiche, dal 22 ottobre 2009 al 31 dicembre 2009 le versioni full di W7 avranno lo stesso costo di quelle upgrade . Di fatto, dunque, gli utenti europei che si avvarranno della Windows Upgrade Option entreranno in possesso di un prodotto di maggior valore: il rovescio della medaglia, come si è detto, è che non sarà possibile recuperare una precedente installazione di Windows, ma si sarà costretti a re-installare il sistema operativo da zero. A tale proposito, tuttavia, Microsoft ha promesso di fornire ai propri utenti dei tool che possano aiutarli nell’aggiornamento .

“Sono stati migliorati dei tool già esistenti, in particolare lo User State Migration Tool ( USMT ) che con la versione 4.0 consentirà di fare una clean install con mantenimento dei dati e delle impostazioni degli utenti”, ha spiegato a Punto Informatico Renato Francesco Giorgini , evangelist IT pro di Microsoft Italia. “In pratica quello che avviene è questo: invece di formattare il disco, il setup scava intorno ai file e ai documenti dell’utente cancellando tutte le altre cartelle (di sistema, dei programmi ecc.). Poi riempie lo spazio vuoto con i nuovi file di sistema e collega i vecchi file dell’utente al nuovo sistema operativo”.

USMT è parte del Microsoft Deployment Toolkit 2010, software recentemente rilasciato in versione beta . Nella giornata di ieri Microsoft ha rivelato anche i prezzi in dollari di Windows 7 e le offerte promozionali . Nel momento in cui si scrive non sono ancora ufficialmente noti i prezzi europei, sebbene siano già trapelate alcune indiscrezioni.

Per quanto riguarda USA, Canada e Giappone, fino all’11 luglio sarà possibile preordinare le edizioni Upgrade di Home Premium e Professional rispettivamente al prezzo di 49,99 e 99,99 dollari . Dopo tale data, il prezzo salirà rispettivamente a 119,99 e 199,99 dollari. Da sottolineare come il costo della versione Home Premium di W7 sarà significativamente inferiore al prezzo di lancio dell’equivalente versione di Vista, pari a 159,99 dollari.

L’edizione Ultimate Upgrade non beneficerà di alcuna promozione, e costerà fin dall’inizio 219,99 dollari. Così sarà anche per le versioni complete , i cui prezzi saranno i seguenti:
– 199,99 dollari per Windows 7 Home Premium;
– 299,99 dollari per Windows 7 Professional;
– 319,99 dollari per Windows 7 Ultimate.

Come si è detto, nel momento in cui si scrive i prezzi europei non sono ancora stati ufficialmente annunciati, ma secondo Reuters quelli delle versioni Home Premium e Professional saranno rispettivamente di 49 e 99 euro . Naturalmente si tratta di offerte promozionali, limitate nel tempo. Tra l’altro non è ancora chiaro se tali offerte verranno estese anche all’Italia: per il momento sul sito di BigM si fa esclusivamente riferimento a Francia, Germania e Gran Bretagna.

Lo scorso mese erano già state pubblicate le immagini grafiche delle scatole in cui saranno vendute le versioni retail di Windows 7, ma pochi giorni fa il Windows Blog ha mostrato anche la foto di una confezione “in carne e ossa” illustrandone le caratteristiche. Rispetto alle vecchie scatole di vista, quelle di W7 vengono descritte come riciclabili e più leggere. Il 15 agosto 2009 è il termine fissato da Microsoft per il download pubblico delle RC di Windows 7 e Windows Server 2008 R2: dopo questa data, dunque, il grande pubblico non avrà più l’opportunità di provare le due nuove versioni di Windows, almeno non attraverso i canali ufficiali.

Chi ha installato o installerà la RC di W7 o 2008 R2 deve invece tenere a mente due date: il primo marzo 2010 , a partire dal quale il sistema operativo comincerà a riavviarsi ogni due ore, e il primo giugno 2010 , quando cesserà di funzionare definitivamente (non sarà più possibile autenticarsi nel sistema).

Questo è lo stesso “percorso” che porterà all’ imminente scadenza della versione beta : il primo luglio 2009 inizieranno i riavvii programmati, il primo agosto sarà impedito ogni ulteriore logon nel sistema. Naturalmente sarà possibile prolungare il periodo di validità della beta installando, finché disponibile, la RC. A tal proposito si ricorda che Microsoft raccomanda di cancellare la preesistente installazione di W7 prima di installare la RC.

“È importante prepararsi pianificando l’installazione della versione Release Candidate (RC) o di un’altra versione valida di Windows entro il 1° luglio 2009”, si legge in questo post del Blog Team TechNet Italia. “Due settimane prima di tale data riceverai un avviso. Dopo il 1° luglio infatti il computer si spegnerà ogni due ore, e dal 1° agosto 2009 la versione installata sarà inutilizzabile e non consentirà più l’accesso al sistema”. BigM sconsiglia per altro anche l’aggiornamento della RC alla versione finale, raccomandando un’installazione “pulita” di quest’ultima.

Sebbene W7 sarà ufficialmente disponibile sul mercato il prossimo 22 ottobre, gli OEM riceveranno la Release to Manufacturing (RTM) del sistema operativo già a partire dalla seconda metà di luglio: questo darà loro il tempo di prepararsi al lancio autunnale.

Un elenco di tutte le scadenze relative a Windows 7 e Windows Server 2008 R2 è riportato in questo post del Blog Team TechNet Italia , dove viene altresì ricordato che per verificare la scadenza definitiva della propria copia di valutazione di Windows è possibile eseguire il comando slmgr /dlv .

Di seguito un video dove Brad Brooks, Corporate VP per Windows Consumer, illustra le nuove licenze e modalità di upgrade di Windows 7.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Grande Saggio scrive:
    RS.de o RS.com ?
    Ancora un articolo volutamente (?) ambiguo su rapidshare. Stiamo parlando di rapidshare.de giusto ?No perchè mi risulta che il ben più diffuso Rapidshare.com abbia sede in Svizzera e quindi non di competenza dei giudici tetescki. Un po' di precisione please !!!
  • utente utonto scrive:
    megaupload
    megaupload se ricordo bene stà in cina o in korea, dove se ne sbattano le palle se i diritti d'autore ammerrigani non vengono rispettati. in più è anche un servizio migliore, e ci sono pure un sacco di porni su megavideo :-D
  • luciano crimi scrive:
    alternative possibili
    Morto rapidshare l'utenza dirotterà su altri, ce ne sono a centinaia.
    • fred scrive:
      Re: alternative possibili
      non esistono soluzioni su server destinate a durare; il futuro passa obblgatoriamente per il serverless che per essere bloccato richiede il blocco del traffico a livello tcpip.Persino il protocollo di bittorrent si sta evolvendo: il network DHT funziona senza bisogno di tracker e i magnet links (stringhe ascii simili agli indirizzi ed2k) sostituiscono i file torrent.vuze e azureus erano gli unici a supportare entrambi ma la situazione si evolve.
  • doubleZed scrive:
    Beeeeeeehhh
    "chi governa fa esattamente ciò che il suo popolo gli permette di fare"
    • Uccio scrive:
      Re: Beeeeeeehhh
      - Scritto da: doubleZed
      "chi governa fa esattamente ciò che il suo popolo
      gli permette di
      fare"Beh, in verita, dopo le elezioni, fa esattamente cio` che gli dice la testa...
    • MegaJock scrive:
      Re: Beeeeeeehhh
      - Scritto da: doubleZed
      "chi governa fa esattamente ciò che il suo popolo
      gli permette di
      fare"Sul serio? Hai la possibilità di rimandare il tuo governo a casa? L'altra parte politica sei sicuro che non abbia esattamente lo stesso programma?La scelta è tra Kang e Kodos.
      • doubleZed scrive:
        Re: Beeeeeeehhh
        - Scritto da: MegaJock
        - Scritto da: doubleZed

        "chi governa fa esattamente ciò che il suo
        popolo

        gli permette di

        fare"

        Sul serio? Hai la possibilità di rimandare il tuo
        governo a casa? L'altra parte politica sei sicuro
        che non abbia esattamente lo stesso
        programma?

        La scelta è tra Kang e Kodos.Sorvolo sul fatto che (non so perchè) pensi che la mia sia un'affermazione contro SB... è un errore... parlavo in generale... e sono apolitico... comunque il problema è proprio quello: siamo così pecore da aver loro permesso di concederci solo due alternative: Kang e Kodos... ma questo è un altro discorso...
  • Emilie Rollandin scrive:
    upload con password
    Ma se si fa un upload di un file compresso e protetto da password alla fine come fanno a controllare il contenuto se il nome del file non è esplicito?
    • Ingenuo 2001 scrive:
      Re: upload con password
      L'unica soluzione sarà di eliminare tutto ciò chenon può essere controllato, quindi anche i file criptati.Ma così sarà anche la fine di Rapidshare. :|- Scritto da: Emilie Rollandin
      Ma se si fa un upload di un file compresso e
      protetto da password alla fine come fanno a
      controllare il contenuto se il nome del file non
      è
      esplicito?
  • qualcuno scrive:
    La legge e uguale per tutti
    Se cio vale per rapidshare, dovrebbe valere anche per sharamistifile.com ilpiratashare.pir ....o tutti o nessuno
    • fred scrive:
      Re: La legge e uguale per tutti
      Almeno cerca di non farti riconoscere, tornatene nel tuo videotecheforum.it.
      • qualcuno scrive:
        Re: La legge e uguale per tutti
        ..non hai capito, io non ho detto che sia giusto, anzi e ingiusto imporre cio solo ad un sito. Cio e discriminazione.Idiota
      • algaso scrive:
        Re: La legge e uguale per tutti
        Pure a me stanno sulle pa**e certi "figuri" (che incidentalmente lavorano nei videonoleggi) ma non significa mica che bisogna sparare a zero al minimo accennno di antipirateria (per inciso non mi pare che nel commento di "qualcuno" sia specificata una posizione in merito: ha solo fatto notare la faziosità di questo provvedimento)
        • fred scrive:
          Re: La legge e uguale per tutti
          hanno fatto a pezzi il forum del governo sulla pirateria rendendolo inusabile; hanno rotto i ****** a destra e a manca, hanno offeso, miniacciato, si preparato persino a tirare le uova marce agli svedesi alla biennale; e' ora che gli si imponga delle regole di comportamento dato che nessuno e' andato nel loro forum a rompergli le scatole e ad offenderli.eccoti ad esempio le richieste che fanno nel forum:1. Riduzione delle finestre.2) Riduzione dell'IVA per il videonoleggio.3) Tassa da 100 euro o più su HDD, masterizzatori ed altro.4) Divieto di vendere HDD esterni superiori a 10 GB (?), flashdrive da 1 GB, SD da 1 GB.5) Aumento dell'equo compenso a 3 ⬠a cd e 10 a DVD (50 a Blu-Ray ?).6) Condanna senza proXXXXX e senza prove a chi viene colto a scaricare.7) Filtraggio di tutto il traffico delle 20 milioni di connsessioni a internet.8) Chiusura dei siti pirata stranieri.9) Divieto di usare DNS stranieri10) Divieto di usare VPN.11) Divieto di usare crittografia se non per banche e ministeri.12) Divieto di anonimità in rete (anche per i minori).13) Diffusione di virus, worm e altre porcherie nei computer in rete (realizzazione di malware antip2p).
          • MegaJock scrive:
            Re: La legge e uguale per tutti
            - Scritto da: fred
            1. Riduzione delle finestre.Buona idea. Cominciamo a spaccare le loro.
          • algaso scrive:
            Re: La legge e uguale per tutti
            Seguo anch'io http://antipirateria.governo.it e conosco a menadito le bestialità proposte da certi utenti (evito di fare nomi)Comunque non mi preoccuperei troppo del fatto che stiano "floodando" il forum con post neanche tanto velatamente offensivi, fuori luogo o disinformativi; il fatto che, nonstante la presenza di una moderazione preventiva dei messaggi, questi attivisti del videonoleggio :D riescano a postare comunque fa capire una sola cosa: quel forum governativo sta li per bellezza e non influenzerà minimante le decisioni del comitato contro la pirateria digitale
  • King Size scrive:
    basta...
    Basta che su RS mi lascino i porni, e poi tutto va bene. :p
  • nispa scrive:
    Responsabilità di chi?
    Sarebbe bello se anche Smith & Wesson si prendesse la responsabilità dei crimini compiuti dai suoi clienti.
    • MegaJock scrive:
      Re: Responsabilità di chi?
      - Scritto da: nispa
      Sarebbe bello se anche Smith & Wesson si
      prendesse la responsabilità dei crimini compiuti
      dai suoi
      clienti.Potremmo fare lo stesso con la Fiat: o costruisci un'auto che NON possa investire nessuno, o paghi per ogni incidente.Ci sono solo due strade: assumersi totalmente le responsabilità perciò che si fa ed essere liberi, o affidarsi a qualcun altro e sentirsi "sicuri" con le manette ai polsi.Sfortunatamente stiamo scegliendo la seconda, o semplicemente lasciamo che la scelgano per noi.
    • doubleZed scrive:
      Re: Responsabilità di chi?
      - Scritto da: nispa
      Sarebbe bello se anche Smith & Wesson si
      prendesse la responsabilità dei crimini compiuti
      dai suoi
      clienti.Ma guarda... sei andato proprio nello "specifico" nel senso che Smith & Wesson fabbricano armi e le armi, da che il mondo è mondo, vengono utilizzate per lo più per commettere crimini... personalmente vedrei più azzeccato un paragone del tipo "la Bic deve assicurarsi che i suoi clienti non usino le sue lamette per uccidere la gente"... in ogni caso... è una senteza a dir poco assurda ed inapplicabile
      • MegaJock scrive:
        Re: Responsabilità di chi?
        - Scritto da: doubleZed
        Ma guarda... sei andato proprio nello "specifico"
        nel senso che Smith & Wesson fabbricano armi e le
        armi, da che il mondo è mondo, vengono utilizzate
        per lo più per commettere crimini...Non ne sai molto, vedo.
  • fred scrive:
    fra poco tocca a Google
    In questo caso il proXXXXX e' in italia a causa di quel video di bullismo che ha fatto notizia.Se a Google venisse imposto l'impossibile compito di esaminare i filmati uploadati uno ad uno potremmo ritrovarci nell'impossibilita' di uploadare completamente come e' sucXXXXX con la Corea oppure i nostri filmati rimarrebbero accodati settimane prima della pubblicazione.E ovviamente eventuali episodi di bullismo rimarrebbero nascosti, tuttavia nel nostro paese sta tornando di moda il nascondere le cose brutte; magari fra una censura e l'altra eliminiamo anche pedofilia e corruzione....
    • Sentenza scrive:
      Re: fra poco tocca a Google

      nel nostro paese sta tornando di moda
      il nascondere le cose brutte..e ti sei accorto solo adesso che ti stanno lasciando fare solo quello che "qualcuno" vuole?Difendi "la rete" finché c'è!
      • pippo scrive:
        Re: fra poco tocca a Google


        nel nostro paese sta tornando di moda

        il nascondere le cose brutte

        ..e ti sei accorto solo adesso che ti stanno
        lasciando fare solo quello che "qualcuno"
        vuole?Scusalo, sai, era in vaCCanza in un villa sarda :D
  • Paolo Garbet scrive:
    Fanatismo
    Prima di internet, per anni ho scambiato software per posta, spedendo buste piene di dischetti e cd-rom. Nessuno però aveva proposto di abolire il servizio postale. A quel tempo, peraltro, non c'erano neppure le guerre di religione o le crociate contro la ricerca medica, e chi si faceva una canna non era perseguitato in modo così feroce come avviene oggi. Anche questo accanirsi contro internet dev'essere un segno dei tempi bui che ci aspettano.Cya
    • doubleZed scrive:
      Re: Fanatismo
      - Scritto da: Paolo Garbet
      Prima di internet, per anni ho scambiato software
      per posta, spedendo buste piene di dischetti e
      cd-rom. Nessuno però aveva proposto di abolire il
      servizio postale. A quel tempo, peraltro, non
      c'erano neppure le guerre di religione o le
      crociate contro la ricerca medica, e chi si
      faceva una canna non era perseguitato in modo
      così feroce come avviene oggi.


      Anche questo accanirsi contro internet dev'essere
      un segno dei tempi bui che ci
      aspettano.

      Cya"Ci aspettano"... io già cammino col cane della croce rossa! ;)
    • frk scrive:
      Re: Fanatismo

      Prima di internet, per anni ho scambiato software
      per posta, spedendo buste piene di dischetti e
      cd-rom. Nessuno però aveva proposto di abolire il
      servizio postale. Secondo me il problema non è l'uso ma l'abuso...Parliamoci chiaro, Rapidshare (sono abbonato a pagamento eh, tanto per non dire che parlo di cose che non conosco) e così il P2P è usato PRINCIPALMENTE per scambiarsi roba pirata, il servizio postale no.Google secondo me si salva perchè è usato PRINCIPALMENTE per scopi leciti.Capisco che per noi informatici le cose o sono 1 o sono 0... o sono lecite o sono illecite. Ma l'amministrazione della giustizia nel mondo reale non funziona in modo binario.
      • Uccio scrive:
        Re: Fanatismo
        Non e` vero. E` probabile, ma non puoi farne una regola. Non sappiamo quanta gente si scambia il materiale proibito per posta o per corriere. Potrebbero essere molti, molti di più, ma nessuno si sognerebbe di aprire e controllare ogni singolo plico ed ogni singolo pacchetto. Solo la STASI (la polizia segreta della ex DDR) lo faceva, anche se solo in caso di sospetti, anche infondati.Qui si esagera. Normalmente bisognerebbe punire i responsabili. Normalmente, occorrerebbero indagini per l'identificazione dei responsabili. Siccome non è possibile, si conclude che sono tutti ladri e si obbliga qualcuno a fare qualcosa di umanamente impossibile. O a costi esosi, che renderebbe il servizio troppo caro.Il mondo sta andando alla rovescia e non ce ne stiamo accorgendo. Perchè? Perchè i ricchi siano sempre più ricchi (se fosse uno di noi a sporgere una denuncia perchè ci hanno pubblicato qualcosa) certamente ci riderebbero in faccia...Mah!
    • utente utonto scrive:
      Re: Fanatismo
      e non sottovalutiamo il transfer rate della mia station wagon piena zeppa di dvd nel bagagliaio
  • Undertaker scrive:
    Una soluzione facile facile
    diventare rapidshare.ru
Chiudi i commenti