Windows brilla nella trimestrale Microsoft

Ottimi risultati dalla divisione software alla fine dello scorso dicembre. La distribuzione di oltre 60 milioni di licenze Windows 8 ha trascinato la performance finanziaria di BigM. In calo le console Xbox e Office. Mistero sui tablet

Roma – Con un fatturato record di quasi 21,5 miliardi di dollari, Microsoft ha chiuso il suo secondo trimestre di attività finanziaria alla fine dello scorso dicembre. Merito della divisione Windows – dopo l’addio alla dicitura Windows Live con i relativi servizi integrati nella piattaforma VoIP Skype – che ha fatto registrare un incremento del 24 per cento (un introito complessivo di 5,88 miliardi di dollari) rispetto allo stesso periodo nell’anno precedente.

Confermando la distribuzione globale di oltre 60 milioni di licenze relative al nuovo OS Windows 8 , il gigante di Redmond ha registrato un aumento del 14 per cento (a quota 3,29 miliardi di dollari) negli utili operativi della sua divisione software. Un risultato che, di fatto, ha trainato la nuova performance finanziaria di BigM.

“La nostra grande ambizione di reimmaginare Windows e lanciare Surface e Windows Phone 8 ha suscitato un entusiasmo crescente tra i clienti, offrendo un’opportunità senza precedenti per tutti i nostri partner e sviluppatori – ha spiegato il CEO Steve Ballmer al rilascio degli ultimi risultati trimestrali di Microsoft – Con i nuovi prodotti Windows, tra cui Surface Pro, e il nuovo Office all’orizzonte, continueremo a supportare l’entusiasmo per l’ecosistema Windows, offrendo il nostro software tramite dispositivi e servizi amati dagli utenti e necessari alle imprese”.

Nonostante l’aumento nel fatturato complessivo, l’azienda di Redmond ha registrato una discesa negli utili operativi – dai quasi 8 miliardi di dollari nel 2011 agli attuali 7,77 – e in quelli netti, passati da 6,62 a 6,38 miliardi di dollari alla fine dello scorso dicembre . L’utile netto per azione si è ora assestato sulla cifra di 0,76 dollari, due centesimi in meno rispetto al valore EPS nello stesso periodo nell’anno precedente. Il titolo della Grande M è stato così penalizzato nelle contrattazioni after-hours perdendo quasi il 2 per cento.

Ai sorprendenti risultati della divisione Windows si oppongono le deboli performance nella divisione Entertainment and Devices , con un fatturato calato dell’11 per cento a 3,77 miliardi di dollari al 31 dicembre 2012. Decisivo il volume ridotto delle console Xbox vendute in tutto il mondo, che ha portato il fatturato in discesa del 29 per cento a 1,1 miliardi di dollari . BigM ha dichiarato la distribuzione globale di quasi 6 milioni di Xbox 360 nel secondo trimestre, un netto calo rispetto agli 8,2 milioni di unità vendute nell’anno precedente.

Mentre cresce progressivamente l’utilizzo di Skype – in particolare dopo l’integrazione dell’ormai defunto Live Messenger – Microsoft ha dichiarato che la vendita dei dispositivi Windows Phone è aumentata di quattro volte rispetto al 2011 , evitando di svelare dati più precisi. Stesso discorso per l’attuale livello di distribuzione del tablet Surface RT – l’azienda si è limitata a parlare della futura espansione del suo franchise a tavoletta – in arrivo per gli utenti italiani nel prossimo giorno di San Valentino.

In discesa anche il fatturato della divisione business che ha fatto registrare un -10 per cento per un totale di quasi 5,70 miliardi di dollari . Evidenziando i risultati positivi delle soluzioni a livello server – da SharePoint a Exchange – BigM ha sottolineato come i dati relativi al nuovo pacchetto Office debbano tener conto delle prevendite e dell’Upgrade Officer della stessa suite di produttività. In questo caso, la divisione avrebbe fatto registrare un aumento del 3 per cento nel fatturato alla fine del secondo trimestre, ma questi introiti saranno calcolati nel consuntivo del terzo trimestre fiscale.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti