Windows fa i conti con una vecchia falla

Microsoft lavora su una vulnerabilità corretta per la prima volta cinque anni fa ma, come dimostrato da un hacker, ancora sfruttabile per rubare informazioni sensibili

Roma – Una grave vulnerabilità vecchia di cinque anni è tornata ad impensierire gli utenti di Windows. Si tratta di “un errore di progettazione”, come lo hanno definito gli esperti di sicurezza, che potrebbe essere sfruttato dai criminali per rubare password e altri dati sensibili.

Secondo quanto riporta il sito australiano theage.com , l’esistenza della falla è stata dimostrata dall’etical hacker Beau Butler nel corso di una conferenza tenutasi la scorsa settimana in Nuova Zelanda.

Gli ingegneri di Microsoft , che hanno ammesso la pericolosità della falla, starebbero già “lavorando freneticamente” allo sviluppo di una patch in grado di colmare le lacune di quella rilasciata un lustro fa.

Butler ha spiegato che la debolezza interessa tutte le più recenti versioni di Windows, incluso Vista, e potrebbe essere utilizzata da un cracker per dirottare il traffico Internet verso un server e porlo sotto il proprio controllo. Nella sola Nuova Zelanda l’esperto afferma di aver scoperto oltre 160mila computer vulnerabili: nel mondo questa cifra potrebbe ammontare a diverse decine di milioni.

Secondo theinquirer.net , però, sono esclusi dal conteggio i PC su cui gira la versione statunitense di Windows, apparentemente non vulnerabile.

Sul bug non si hanno altri dettagli: le informazioni sono “sotto embargo” fino al rilascio della patch ufficiale.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Martino Sykora scrive:
    Alternative opensource?
    Ciao. Qualcuno conosce delle alternative opensource di questo prodotto?
    • poveri noi scrive:
      Re: Alternative opensource?
      - Scritto da: Martino Sykora
      Ciao. Qualcuno conosce delle alternative
      opensource di questo
      prodotto?per ora è solo un brevetto hardware, l'opensource si occupa di software.Cmq se ti preoccupa che apple diventi l'unica a poter sfruttare il multitouch non ti preoccupare, esistono tech demo reali da anni: http://www.perceptivepixel.com/al limite Apple ed altri possono brevettare la loro implementazione ma non certo il concetto di base.
      • Edo scrive:
        Re: Alternative opensource?
        ..che è la stessa tecnologia (Multi-touch) utilizzata da apple sull' Iphonehttp://cs.nyu.edu/~jhan/ftirtouch/
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Alternative opensource?
        - Scritto da: poveri noi
        Cmq se ti preoccupa che apple diventi l'unica a
        poter sfruttare il multitouch non ti preoccupare,
        esistono tech demo reali da anni:

        http://www.perceptivepixel.com/

        al limite Apple ed altri possono brevettare la
        loro implementazione ma non certo il concetto di
        base.Pant, pant, pant! Che paura. Abituato all'enfasi dei macachi, mi dimentico sempre che ci sono gli altri impegnati a fare le stesse cose (poi Apple è più figa, più ganza, ecc, ecc, tutto quello che volete).Qualcuno aveva scritto che il lavoro di perceptive pixel si basa su linux, ma non trovo conferma di questo in rete.
        • Pel scrive:
          Re: Alternative opensource?


          esistono tech demo reali da anni:



          http://www.perceptivepixel.com/



          al limite Apple ed altri possono brevettare la

          loro implementazione ma non certo il concetto di

          base.

          Pant, pant, pant! Che paura. Abituato all'enfasi
          dei macachi, mi dimentico sempre che ci sono gli
          altri impegnati a fare le stesse cose (poi Apple
          è più figa, più ganza, ecc, ecc, tutto quello che
          volete).Carino il video di Perceptive... mi ha subito ricordato un altro video, girato in Apple nell'ormai lontanissimo 1987 (sì, 20 anni fa). Si intitola "knowledge navigator", e se cercate su YouTube lo trovate di sicuro. In esso si vede come in Apple immaginavano il computer del futuro, a soli tre anni dall'introduzione del Mac: schermo LCD, comunicazioni audiovideo con condivisione di documenti, controllo vocale e touch... Non credo di sbagliare attribuendo queste idee ad Alan Kay, il visionario che insieme al suo gruppo di ricercatori in un certo senso inventò il PC moderno, con un lavoro iniziato allo Xerox Parc e proseguito nei laboratori Apple (il gruppo di persone che creò lo Xerox Star era praticamente lo stesso che poi realizzò Lisa e Mac in Apple... vabbé, ma queste sono storie ormai antiche).
          • alexjenn scrive:
            Re: Alternative opensource?
            Sì, ma questo , per i winari, significa che Apple ha copiato, mentre loro sono orgogliosi di piratare software di Microsoft che, tra l'altro, non innova proprio niente.Sono felici ogni qualvolta gli si aggiorna i loro antivirus...
          • Nome e cognome scrive:
            Re: Alternative opensource?
            - Scritto da: alexjenn
            Sì, ma questo , per i winari, significa che Apple
            ha copiato, mentre loro sono orgogliosi di
            piratare software di Microsoft che, tra l'altro,
            non innova proprio
            niente.

            Sono felici ogni qualvolta gli si aggiorna i loro
            antivirus...Sì, perchè Apple negli ultimi anni innova da bestia. Se c'è qualcuno felice di prenderlo in quel posto, quello è il macaco (l'utente mac fanatico). Il winaro sta con microsfot perchè, tutto sommato, è ancora il male minore. Ma è inutile spiegare certe cose al macaco convinto di vivere nel mondo perfetto.
          • Collagene scrive:
            Re: Alternative opensource?
            - Scritto da: Nome e cognome
            - Scritto da: alexjenn

            Sì, ma questo , per i winari, significa che Apple

            ha copiato, mentre loro sono orgogliosi di

            piratare software di Microsoft che, tra l'altro,

            non innova proprio niente.

            Sono felici ogni qualvolta gli si aggiorna i

            loro antivirus...
            Sì, perchè Apple negli ultimi anni innova da
            bestia. Se c'è qualcuno felice di prenderlo in
            quel posto, quello è il macaco (l'utente mac
            fanatico). Il winaro sta con microsfot perchè,
            tutto sommato, è ancora il male minore. Ma è
            inutile spiegare certe cose al macaco convinto di
            vivere nel mondo perfetto.Gia: sai come si chiama questo concetto ? "Cliente soddisfatto"... Qualcosa che un winaro non sara' mai...
          • gilberto da silva scrive:
            Re: Alternative opensource?
            la verità è che alcuni utenti win sono dei fanatici senza controllogli utenti apple sono obiettivi e sanno criticare la mela quando serve. Gli utenti win invece si mettono supini (non tutti ma molti), si fanno lobotomizzare e dietro il solito detto che gli utenti mac sono una setta di fanatici (un luogo comune) pensano di attrarre consensi.E cosi facendo le quote mac stanno crescendo anno dopo anno.continuate pure cosi win fanatics
      • Matteorri scrive:
        Re: Alternative opensource?

        l'opensource
        si occupa di
        software.
        al limite Apple ed altri possono brevettare la
        loro implementazione ma non certo il concetto di
        base.Infatti Linux sta per preparare le macchine fotocopiatrici...
      • Delian scrive:
        Re: Alternative opensource?

        per ora è solo un brevetto hardware, l'opensource
        si occupa di
        software.Non e' esatto :).. esempio a casa usb-ir-boy ricevitore infrarossi Open, oppure che dire di Oscar la macchina opensource.. ce ne sono tanti ^^
    • PLONK_THIS scrive:
      Re: Alternative opensource?
      google!
    • Insulter scrive:
      Re: Alternative opensource?
      Sei un bot o solo cagapaxxo?
    • lellykelly scrive:
      Re: Alternative opensource?
      ill'opensauce èbbrutto
Chiudi i commenti