Windows Mobile 6.5 si ridimensiona

Nonostante Microsoft abbia introdotto delle modifiche alla user interface per renderla più confortevole al tatto, la versione 6.5 sembra non poter competere contro i rivali di Google e Apple. Almeno fin quando non maturerà la versione 7.0
Nonostante Microsoft abbia introdotto delle modifiche alla user interface per renderla più confortevole al tatto, la versione 6.5 sembra non poter competere contro i rivali di Google e Apple. Almeno fin quando non maturerà la versione 7.0

Roma – A poco più di un mese di distanza dalla prima, ( quasi ) blindatissima comparsa in pubblico della versione 6.5 di Windows Mobile, Microsoft ha deciso di introdurre alcune modifiche alla user interface: tale decisione è scaturita dal feedback ottenuto dagli utenti che hanno avuto la possibilità di testare in anteprima il sistema operativo, previsto sul mercato entro la fine del 2009. A fare le spese dell’inatteso restyling è stata soprattutto l’interfaccia a nido d’ape, eliminata senza alcun apparente rimpianto.

La rivelazione è stata fatta da parte di Loke Uei, project manager di WM 6.5 durante il MIX 09 , evento annuale tenutosi come di consuetudine a Las Vegas: secondo quanto dichiarato da Microsoft, sono stati gli stessi dipendenti dell’azienda a definire il dispositivo come ben lontano dall’essere finger friendly . Contrariamente alle aspettative, i vertici dell’azienda hanno deciso di dare ascolto ai suggerimenti e al feedback di chi ha già testato il nuovo OS, richiamando gli sviluppatori a correggere quella che rimane tutt’ora una versione beta. Da ciò scaturisce l’abbandono della tanto discussa schermata fatta di esagoni, comunemente detta “a nido d’ape” che aveva generato malcontento tra esperti del settore e appassionati. Nella nuova configurazione il menù non sembra discostarsi poi molto dalle versioni precedenti, eccezion fatta per l’ allineamento delle icone e per la loro grandezza , che è stata aumentata.

Un’ulteriore modifica, oltre al rinnovato cursore di attesa visualizzato nel caricare pagine web e applicazioni, è stata apportata al sistema di scroll delle schermate: in precedenza con un semplice movimento del dito si arrivava a fine o a inizio schermata. Un dettaglio scomodo, secondo chi ha testato il dispositivo, che è stato corretto rendendo il meccanismo più calibrato e preciso: una volta sollevato il dito dal display tattile la “spinta” tende ad esaurirsi in un brevissimo arco di tempo

Nonostante ciò, la vera pecca del sistema sembrerebbe data dai lunghi tempi necessari a vedere sul mercato consumer dispositivi dotati di Windows Mobile 6.5: come più volte ribadito da Microsoft, i primi device arriveranno non prima del secondo semestre dell’anno. Ciò potrebbe avvantaggiare i competitor di Redmond: passando da Android, in forte crescita ed in rapida espansione in questo 2009, per poi arrivare alla nuova versione di OSX Mobile, quasi sicuramente accompagnata da un nuovo iPhone, il rischio secondo qualcuno è che Windows Mobile risulti già datato al momento dell’arrivo sul mercato.

Inoltre, se da una parte Engadget stronca definitivamente il dispositivo, concludendo che non porta alcuna apparente innovazione, anche all’interno di Microsoft stessa sembrerebbe non esserci molta soddisfazione rispetto al neonato OS: a dichiararlo sarebbe stato Ballmer in persona che ha in qualche modo lasciato intendere come le vere aspettative di Microsoft siano orientate verso il successore della versione in via di rilascio, ovvero Windows Mobile 7 .

“Quest’anno abbiamo in programma una release significativa. Non si tratta di quello che ci aspettavamo per quest’anno, ma si tratta pur sempre di un qualcosa di significativo poiché quest’anno arriveranno sul mercato dispositivi equipaggiati con la versione 6.5 di WM” ha dichiarato il CEO dell’azienda di Redmond durante una conferenza. “Per il momento non siamo in grado di portare sui nostri dispositivi ciò che la gente vuole su dispositivi di ultima generazione. Funzionalità del genere – continua – arriveranno l’anno prossimo con l’avvento di Windows Mobile 7”.

Vincenzo Gentile

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

23 03 2009
Link copiato negli appunti