Writely diventa parte di Google

BigG conferma sottovoce ma la comunità di Writely è in fermento: c'è chi applaude, chi immagina futuri grandiosi sviluppi, chi parla delle strategie di Google. Ma c'è anche chi teme per la privacy
BigG conferma sottovoce ma la comunità di Writely è in fermento: c'è chi applaude, chi immagina futuri grandiosi sviluppi, chi parla delle strategie di Google. Ma c'è anche chi teme per la privacy


Roma – Un sistema web dinamico per la condivisione online di documenti è entrato nelle scorse ore nella scuderia di Google : il maggiore dei motori di ricerca ha infatti confermato di essersi assicurato Writely , servizio in rapida ascesa che ha conquistato da tempo l’interesse della blogosfera.

Ad annunciare l’acquisizione sono stati gli stessi curatori del sito sul blog dedicato , in cui spiegano come l’arrivo di Google sia destinato a tradursi in una potente accelerazione del progetto. Per Google le implicazioni sono notevoli, in quanto Writely avvicina ulteriormente bigG al progetto in fieri per dare vita online ad un ambiente di produzione alternativo alle tradizionali applicazioni “da ufficio”.

Sebbene non siano noti i termini finanziari dell’acquisizione di Upstartle, la società che ha realizzato Writely, l’acquisizione può avere ripercussioni positive sul titolo Google in una Borsa sempre golosa di novità ma soprattutto sulla comunità di utenti che utilizza il sistema di produzione, condivisione e archiviazione dei documenti online.

Per ora Writely ha annunciato che ci sarà un periodo di transizione verso gli standard Google durante il quale non sarà possibile attivare nuovi utenti. Per la stessa ragione sono ora limitati nel numero i “collaboratori” che ciascun titolare di account può nominare per l’accesso ed eventuale modifica dei propri documenti. Una mailing list dedicata è stata attivata per chi vuole essere avvertito via email della “riattivazione” delle iscrizioni. Tutte notizie confermate dal blog di Google su cui hanno iniziato a postare i membri del neonato Google Writely Team .

Writely ha conquistato fin dal suo primo apparire un discreto numero di utenti, grazie ad una interfaccia che ricorda da vicino quella di word processor molto diffusi e per il supporto che viene dato a tutti i formati più noti.

Unico possibile problema per il nuovo acquisto di Google è sul fronte della privacy . Ne accennano gli stessi curatori sul blog, spiegando che chi avesse avuto dubbi nel conservare propri documenti sui server di una start-up ora potrà fidarsi di un colosso come Google. Ma va detto che proprio Google ormai da tempo è al centro delle preoccupazioni di molti per il numero sempre crescente di dati personali e informazioni che va gestendo, una questione che BigG affronta giorno per giorno con operazioni tese a rassicurare l’utenza.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

12 03 2006
Link copiato negli appunti