Xbox 360, si chiede la class action

Secondo l'accusa Microsoft avrebbe minimizzato problemi più gravi di quanto abbia ammesso
Secondo l'accusa Microsoft avrebbe minimizzato problemi più gravi di quanto abbia ammesso

l'anello Roma – Torna d’attualità un problema noto con Xbox 360 e che si riteneva ormai un ricordo del passato: DailyGames riferisce di una denuncia dei consumatori della California, vogliono che Microsoft riconosca che moltissime delle sue Xbox 360 si siano guastate.

Il riferimento esplicito è al caso dell'”anello rosso della morte”, il “red ring of death” (RROD per i più consumati), il segnale di guasto definitivo che è stato reso noto ormai da tempo da numerosi utenti e blogger, che ne hanno iniziato a parlarne, un problema che ha interessato la prima generazione di Xbox 360 e che, nonostante certe chiacchiere , Microsoft riteneva superato.

Secondo la denuncia, più del 50 per cento delle Xbox 360 della prima “ondata” dopo il lancio sarebbero state difettate. Inoltre, l’accusa cita una quantità di segnalazioni e articoli apparsi in rete da quel momento in poi, affermando che Microsoft doveva sapere del problema fin dal novembre 2005.

Al momento Microsoft non ha rilasciato commenti ma i suoi legali stanno studiando la denuncia alla quale i promotori chiedono venga riconosciuto lo status di class action. Questo consentirebbe a tutti i consumatori californiani colpiti da RROD di aggregarsi alla causa.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 10 2008
Link copiato negli appunti