YouTube in Germania è di nuovo alla sbarra

Al centro sempre la questione delle responsabilità degli intermediari. E ora la società che gestisce le royalty dei detentori dei diritti potrà provare a incrinare la direttiva sul commercio elettronico

Roma – GEMA, il corrispettivo tedesco della SIAE, ha portato davanti alla Corte la questione della responsabilità preventiva di YouTube sui video caricati : mentre una procedura di urgenza che cercava di imporre un divieto di accesso nei confronti degli utenti tedeschi ad alcuni video è stata respinta dal giudice Heiner Steeeneck, egli ha affermato che con le procedure standard vi è la possibilità di ascoltare le ragioni della società che raccoglie i compensi derivanti dai diritti d’autore degli artisti da essa rappresentati.

“Ci sono buone ragioni – ha dichiarato il giudice che si è occupato del caso – per ritenere che YouTube abbia qualche responsabilità nell’individuare eventuali upload illegali”.

La dibattuta questione della responsabilità degli fornitori di servizio torna dunque d’attualità, anche se non sembrano essere cambiate le regole d’ingaggio né il campo di battaglia: ancora in vigore la direttiva europea 2000/31/CE sul commercio elettronico, così come negli Stati Uniti l’ interpretazione del Digtal Millenium Copyright Act che ha permesso a YouTube di uscire vincitrice dalla battaglia legale scatenata da Viacom.

E se anche nel frattempo YouTube ha esteso l’utilizzo del suo sistema di Content ID (siglando accordo bilaterali con singoli detentori dei diritti o loro rappresentanti ), continuano gli stessi detentori dei diritti a caricare contenuti sul Tubo, rendendo molto difficile il compito di distinguere tra legittimi e non.

Il precedente più duro resta ancora il caso italiano Vividown , che ha visto Google Video condannato per violazione di privacy per un filmato caricato da un utente e che tenta di mettere in discussione il principio della non responsabilità dell’intermediario.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Malik scrive:
    ....
    Bel titolo!
  • rb1205 scrive:
    OT: Tamburino e i Titoli
    India, BlackBerry RIMarrà altri 60 giorniInfineon, Intel l'acquista senza secondi filiFacebook ci mette anche la facciaLexmark ha scelto la cartuccia da sparareL'onda lunga di Google WaveLe ferie hanno portato allegria?
  • Sgabbio scrive:
    Calare le braghe per avere più soldi.
    Come da titolo :(
    • abcb scrive:
      Re: Calare le braghe per avere più soldi.
      Questo sarebbe un giusto caso per fare un cartello. Voglio vedere l'India senza blackberry,nokia,gmail,skype,ecc...ecc...Se le grandi aziende stabilissero una strategia non ci sarebbe bisogno di calare le braghe... ma se lo fa uno lo devono fare tutti...
      • abcb scrive:
        Re: Calare le braghe per avere più soldi.
        anche perchè con che faccia poi dici di no al governo americano o a qualsiasi altro governo?
Chiudi i commenti