YouTube, un ranking di qualità

Il sito di videosharing annuncia di voler cambiare il sistema che analizza le ricerche effettuate dagli utenti. Saranno premiate le clip che incoraggiano alla visione anziché i contenuti "mordi e fuggi"

Roma – Una svolta che intende premiare la qualità piuttosto che la quantità: YouTube annuncia di voler cambiare il proprio ranking dei risultati di ricerca, seguendo una linea che tenda a premiare i video più interessanti per gli utenti.

“Negli ultimi mesi – si legge nella nota ufficiale – abbiamo apportato alcuni cambiamenti per incoraggiare le persone a spendere più tempo nel guardare i video, interagire e condividere con la community”. Per questo motivo, dice il direttore del marketing creativo Eric Meyerson, lo staff tecnico ha effettuato un aggiornamento delle cosiddette “funzioni di scoperta video”, cercando di appurare come i visitatori rintracciano le clip attraverso il tasto di ricerca e di suggerimento . In questo modo, ci si propone di scovare i contenuti che gli utenti guardano realmente anziché quelli che vengono abbandonati subito dopo il click .

Effettivamente, la notizia che riguarda l’aspetto del watch time non giunge del tutto inaspettata. Da qualche mese, infatti, la dirigenza del Tubo è impegnata nella promozione di iniziative che incoraggino gli utenti a trascorrere più tempo sul sito. ( C.S. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Prevedo un grosso FAIL
    Ma grosso grosso, neh!
  • LOL scrive:
    Chi se ne frega...
    Primo: non siamo negli Stati Uniti.Secondo: ipotesi tra un po' di tempo lo fanno anche in Italia, anche se lo dubito, basta una VPN o un Proxy e il problema è risolto.Quindi che i politici facciano quello che vogliono, anche io farò come loro.
    • dontfeed in sciopero scrive:
      Re: Chi se ne frega...
      - Scritto da: LOL
      Primo: non siamo negli Stati Uniti.
      Secondo: ipotesi tra un po' di tempo lo fanno
      anche in Italia, anche se lo dubito, basta una
      VPN o un Proxy e il problema è
      risolto.Il + grosso esperto informatico italiano, un certo Bubble, dice che il proxy non funziona.
  • gianpy1992 scrive:
    megabox
    che facciano cosi che tanto non avranno sucXXXXX visto che deve aprire megabox che da la possibilità agli artisti di rendersi liberi dalle case discografiche e gli utenti potranno scaricare da megabox la musica gratis se installeranno megakey per visualizzare la pubblicità del circuito MEGA oppure pagando normalmente. E poi arriverà il nuovo megaupload che rendera il download protetto cosi le major violerebbereo la privacy se intercettassero i dowmload pirata dal nuovo megaupload.
  • La SIAE scrive:
    Suonano gli allarmi del copyright!
    :@ Tremate piratini, arriva il copyright! :@ :@ [yt]PvdVxr8rMLM[/yt] :@
  • anverone99 scrive:
    meglio prevenire!
    Mah.. appena letta 'sta notizia ho aggiunto altri 200 film sul mulo.. non si sa mai!
  • gio scrive:
    no problem
    Per quello che mi riguarda se un sistema del genere approderà anche in italia e' la volta buona che mollo films,musica e letture digitali.Adesso un bel po' di roba la compro ma a quel punto non comprerò piu' un accidente statene certi...anzi forse e' la volta buona che la smetto di drogarmi a filmcavolata, musicapatacca e gamesperditempo.Mi limiterò a sane letture gratuite in bliblioteca...forse.
    • Joe Tornado scrive:
      Re: no problem

      Mi limiterò a sane letture gratuite in
      bliblioteca...forse.Dai ... non vorrai farci credere che il tuo granaio sia vuoto ;)
    • rockroll scrive:
      Re: no problem
      - Scritto da: gio
      Per quello che mi riguarda se un sistema del
      genere approderà anche in italia e' la volta
      buona che mollo films,musica e letture
      digitali.
      Adesso un bel po' di roba la compro ma a quel
      punto non comprerò piu' un accidente statene
      certi...anzi forse e' la volta buona che la
      smetto di drogarmi a filmcavolata, musicapatacca
      e
      gamesperditempo.

      Mi limiterò a sane letture gratuite in
      bliblioteca...forse.Allora sei una cicala; se fossi stato una formichina, ora avresti la scorta per anni ed anni. PS: io di film ne ho oltre 4000 di cui visti manco 300, di brani musicali ne ho almeno 5000 dei tempi in cui la musica era musica, revival per intenderci, ed altro non mi interessa, di software ho da anni tutto quel che mi serve e non corro certo dietro all'ultimo discutile Winsozz), e giocare non mi è mai interessato e lo lascio a chi ha tempo e voglia.Facciano quel che vogliono, in USA o altrove, io me ne frego, da anni non ho più bisogno di "scaricare" illegalmente , ed oltretutto il mio deposito è stato ottenuto nel tempo in modo assolutamente non perseguibile.
    • Mela avvelenata scrive:
      Re: no problem
      - Scritto da: gio
      Per quello che mi riguarda se un sistema del
      genere approderà anche in italia e' la volta
      buona che mollo films,musica e letture
      digitali.
      Adesso un bel po' di roba la compro ma a quel
      punto non comprerò piu' un accidente statene
      certi...anzi forse e' la volta buona che la
      smetto di drogarmi a filmcavolata, musicapatacca
      e
      gamesperditempo.

      Mi limiterò a sane letture gratuite in
      bliblioteca...forse.Considerando che in alcune biblioteche (anche quelle dei comuni più piccoli, in tempi più recenti) si possono prendere in prestito DVD e CD-audio (in alcune anche videogiochi, quelli allegati ai mensili specializzati), direi che difficilmente si resterà a secco di media...
  • prova123 scrive:
    Se il provider ...
    permette di scaricare il materiale è colpevole tanto quanto chi scarica, in quanto ha tutto l'interesse di fidelizzare i clienti. da queso punto di vista è ladro colui che ruba come quello che regge il sacco... in questo caso il sacco lo fornisce pure.
    • krane scrive:
      Re: Se il provider ...
      - Scritto da: prova123
      permette di scaricare il materiale è colpevole
      tanto quanto chi scarica, in quanto ha tutto
      l'interesse di fidelizzare i clienti. da queso
      punto di vista è ladro colui che ruba come quello
      che regge il sacco... in questo caso il sacco lo
      fornisce pure.E lo stato che permette anzi favorisce la posa delle fibre ottiche e delle linee ? Colpevole anch'esso !
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    La via è l'anticopyright
    Gennaro Francione su Facebook:«E' L'ORA DELLA RESA DEI CONTI. LA VIA E' L'ANTICOPYRIGHT. Assumma lex numero uno della SIAE , riconosce linutilità della battaglia contro la pirateria online. Andare contro la diffusione via internet rischia di essere una fallimentare battaglia di retroguardia, molto più importante è capire e rispettare le ragioni del popolo della rete cercando di eliminare il fenomeno alla radice e tutto è riconducibile ai costi economici. Dalla Sentenza anticopyright del giudice Francione in data 15 febbraio 2001 riportiamo: "La strategia del regalo è uno dei punti centrali nel mondo digitale, tanto che si parla di free economy, economia del gratis appunto, o di gift economy, economia del regalo. "Nell'età dell'acXXXXX si passa da relazioni di proprietà a relazioni di acXXXXX. Quello di proprietà privata è un concetto troppo ingombrante per questa nuova fase storica dominata dall'ipercapitalismo e dal commercio elettronico, nella quale le attività economiche sono talmente rapide che il possesso diventa una realtà ormai superata".»http://www.laleggepertutti.it/16147_assumma-ex-presidente-siae-il-governo-liberalizzi-i-diritti-dautore-inutile-la-lotta-contro-la-pirateria-online#comment-4386
    • prova123 scrive:
      Re: La via è l'anticopyright
      Repetita iuvant:http://guiodic.wordpress.com/2011/06/28/no-censura-internet/
    • ThEnOra scrive:
      Re: La via è l'anticopyright
      A parte che il diritto di acXXXXX non è affatto in discussione, massì togliamo il diritto di proprietà al "mondo digitale" e se poi un giorno uno si sveglia e propone anche di togliere il diritto di proprietà nel "mondo reale" perchè oramai anacronistico, retaggio di un passato consumista-capitalista, non lamentiamoci.
      • Marx Karl scrive:
        Re: La via è l'anticopyright
        - Scritto da: ThEnOra
        A parte che il diritto di acXXXXX non è affatto
        in discussione, massì togliamo il diritto di
        proprietà al "mondo digitale" e se poi un giorno
        uno si sveglia e propone anche di togliere il
        diritto di proprietà nel "mondo reale" perchè
        oramai anacronistico, retaggio di un passato
        consumista-capitalista, non
        lamentiamoci.E chi si lamenta? :)
      • dontfeed in sciopero scrive:
        Re: La via è l'anticopyright
        - Scritto da: ThEnOra
        A parte che il diritto di acXXXXX non è affatto
        in discussione, massì togliamo il diritto di
        proprietà al "mondo digitale"E basta con questo terrorismo psicologico.Nessuno mette in dubbio la proprietà intellettuale in rete o altrove,semmai si mette in dubbio un modello di business che ha fatto il suo tempo.Che piaccia o no. e se poi un giorno
        uno si sveglia e propone anche di togliere il
        diritto di proprietà nel "mondo reale" perchè
        oramai anacronistico, retaggio di un passato
        consumista-capitalista, non
        lamentiamoci.Si e poi addà venì baffone.La stessa propaganda degli anni 50 della DC.
        • ThEnOra scrive:
          Re: La via è l'anticopyright
          - Scritto da: dontfeed in sciopero
          - Scritto da: ThEnOra

          A parte che il diritto di acXXXXX non è
          affatto

          in discussione, massì togliamo il diritto di

          proprietà al "mondo digitale"

          E basta con questo terrorismo psicologico.Ora esprimersi significa fare "terrorismo psicologico"?
          Nessuno mette in dubbio la proprietà
          intellettuale in rete o
          altrove,Come nooooo...!
          semmai si mette in dubbio un modello di business
          che ha fatto il suo
          tempo.
          Che piaccia o no.


          e se poi un giorno

          uno si sveglia e propone anche di togliere il

          diritto di proprietà nel "mondo reale" perchè

          oramai anacronistico, retaggio di un passato

          consumista-capitalista, non

          lamentiamoci.

          Si e poi addà venì baffone.

          La stessa propaganda degli anni 50 della DC.Non ero ancora nato.
          • Sgabbio scrive:
            Re: La via è l'anticopyright
            hai ragione, c'è un complotto ipsscorzapedosatanicogiudaicogoogle contro il copirait
          • dontfeed in sciopero scrive:
            Re: La via è l'anticopyright
            - Scritto da: ThEnOra
            - Scritto da: dontfeed in sciopero

            - Scritto da: ThEnOra


            A parte che il diritto di acXXXXX non è

            affatto


            in discussione, massì togliamo il
            diritto
            di


            proprietà al "mondo digitale"



            E basta con questo terrorismo psicologico.

            Ora esprimersi significa fare "terrorismo
            psicologico"?"Esprimersi" in generale no.Esprimersi veicolando paure ancestrali e vaticinando il crollo del mondo occidentale, sì.


            Nessuno mette in dubbio la proprietà

            intellettuale in rete o

            altrove,

            Come nooooo...!No.


            semmai si mette in dubbio un modello di
            business

            che ha fatto il suo

            tempo.

            Che piaccia o no.





            e se poi un giorno


            uno si sveglia e propone anche di
            togliere
            il


            diritto di proprietà nel "mondo reale"
            perchè


            oramai anacronistico, retaggio di un
            passato


            consumista-capitalista, non


            lamentiamoci.



            Si e poi addà venì baffone.



            La stessa propaganda degli anni 50 della DC.

            Non ero ancora nato.A maggior ragione mi pare fuori luogo.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: La via è l'anticopyright
        Il diritto di proprietà nel mondo digitale non è mai esistito, non si tratta di toglierlo, ma di smettere di fingere che esista.E comunque, se sei d'accordo che il diritto d'acXXXXX non va messo in discussione, il copyright non ha più senso, perchè cosa riguarderebbe?Ti contraddici da solo.
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Bene così!!
    Altri $oldi buttati nel ce$$o dalla MAFIAA, quindi più vicino il fallimento.
  • alvaro scrive:
    niente piu' apple sigh
    cos'e' mamma apple vi ha detto di rimuovere tutti i post su apple dato l'alto numero di commenti negativi?Nokia 808 e Galaxy S III migliori delle fotocamere di 5 anni fa, nessuna menzione su apple
    • prova123 scrive:
      Re: niente piu' apple sigh
      dopo essere arrivati alla versione 5, con un navigatore Clementoni ed una fotocamera Chicco stanno facendo la cosa giusta, tacere. Quando un dispositivo costa tra i 700/900 euro non sono concepibili figure da mercatino dei cinesi del sabato.
  • Alberto Bianchi scrive:
    Qui in Italia..
    .. un sistema simile e' assolutamente irrealizzabile, per varie motivazioni, sia politiche che normative. Gia' tempo addietro consolidata giurisprudenza ha affermato che il diritto d'autore deve tassativamente cedere il passo alla privacy (ricordate Telecom vs FAPAV, o il caso Peppermint?), e comunque l'esempio catastrofico e fallimentare dei tre colpi francesi (sul serio, una multa - che verra' contestata e annullata - in anni di "attivita'"? Ma non fatemi ridere) ha fatto capire come le frigne e i piagnistei dell'industria dei contenuti, se ascoltati, non portino ad altro che un pugno di mosche (e sprechi inutili per i contribuenti).Chi non si rassegna davanti all'evidenza sempre piu' nitida di come un certo tipo di lavoro sia ormai inutile, non richiesto dal mercato e retaggio di un passato che non esiste piu' e' solo un povero illuso e folle.Ciao carletto :) Buona chiusura :)
  • Inizia nuova discussion e scrive:
    sono contento
    Decisioni del genere dimostrano la disperazione in cui versa "l'industria" del copyright. Ovviamente sarà un buco nell'acqua e ogni limitazione e censura non farà altro che accelerare il collasso di questo mercato della fuffa.
  • uno qualsiasi scrive:
    Filtri e bot
    Un filtro antispam per cestinare automaticamente le notifiche, un bot per riempire il questionario automaticamente con le risposte che vogliono sentirsi dire, ed ecco che il sistema viene neutralizzato.
    • krane scrive:
      Re: Filtri e bot
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Un filtro antispam per cestinare automaticamente
      le notifiche, un bot per riempire il questionario
      automaticamente con le risposte che vogliono
      sentirsi dire, ed ecco che il sistema viene
      neutralizzato.E' sempre meglio partire dalla base: p2p criptato e via...
  • Enjoy with Us scrive:
    fatemi capire bene...
    Questi colpirebbero quindi chi usa rapid share o simili e non chi usa il mulo? No perchè con il mulo mica ti colleghi ad una pagina web... mah!
    • rockroll scrive:
      Re: fatemi capire bene...
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Questi colpirebbero quindi chi usa rapid share o
      simili e non chi usa il mulo? No perchè con il
      mulo mica ti colleghi ad una pagina web...
      mah!Così parrebbe dalla notizia; ma se l'ISP vuole, o meglio se è costretto a farlo, può bloccare il tuo traffico individuale selettivamente, indipendentemente dalla fatica ovvero dal costo dell'operazione o del sistema da gestire con tali orpelli. Il tutto quindi si può ribaltare ad un discorso economico, ragion per cui ci sarà da farsi quattro risate quando la mafia legalizzata capirà che è inutile dissanguarsi in una battaglia persa a priori contro i mulini a vento di Cervantesca memoria.
Chiudi i commenti