Zoom, trimestre d'oro: boom di entrate e utili

Trimestre da record e senza precedenti per Zoom che ha registrato entrate e utili da record, facendo schizzare il titolo in borsa.
Trimestre da record e senza precedenti per Zoom che ha registrato entrate e utili da record, facendo schizzare il titolo in borsa.
Guarda 21 foto Guarda 21 foto

Per capire quanto il business di Zoom sia letteralmente esploso nell’ultimo periodo, spinto dalla corsa agli strumenti per lo smart working, è sufficiente citare il +25% registrato dal titolo sul mercato azionario dopo la pubblicazione dei risultati finanziari legati al trimestre fiscale concluso il 31 luglio.

Il business di Zoom è letteralmente esploso

Non ci sono bug o falle di sicurezza che tengano: le entrate dell’azienda sono più che quadruplicate in un anno toccando quota 663,5 milioni di dollari (un anno fa erano 145,8 milioni di dollari). Di questi, l’81% è da attribuire ai nuovi iscritti che hanno scelto il servizio per gestire la propria comunicazione da remoto, bloccati a casa durante la crisi sanitaria, per ragioni legate a lavoro o studio. L’utile si è attestato a 186 milioni di dollari. Per capire l’entità dell’impennata, dodici mesi fa era pari a 5,5 milioni di dollari.

Nell’ambito enterprise, oggi Zoom è impiegato da circa 370.000 aziende con oltre 10 dipendenti, il 458% in più rispetto a fine luglio 2019. Tra queste di recente hanno fatto il loro ingresso realtà del calibro di ExxonMobil e Activision Blizzard.

Comprensibilmente entusiasta il commento di Eric S. Yuan, fondatore e CEO che nei mesi scorsi più volte è intervenuto in prima persona per annunciare e commentare le iniziative messe in campo al fine di migliorare quegli aspetti del prodotto divenuti oggetto di critiche per questioni legate soprattutto a privacy e sicurezza, ammettendo quando necessario le proprie responsabilità.

La nostra capacità di mantenere connesse le persone in tutto il mondo, unita alla nostra forza operativa, ha portato nel trimestre a una crescita delle entrate anno-su-anno del 355%.

Ora Zoom dovrà proseguire nel percorso di miglioramento della piattaforma, senza adagiarsi sugli allori, conscia di una concorrenza (Teams di Microsoft e Meet di Google su tutti) per nulla intenzionata a mollare il colpo.

Fonte: Zoom
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti