Adobe MAX 2018: le novità di Creative Cloud

Dal palco dell'evento MAX 2018 organizzato a Los Angeles, tutte le principali novità introdotte da Adobe nella suite Creative Cloud.

In scena in questi giorni a Los Angeles, la conferenza Adobe MAX 2018 ospita alcuni degli annunci più importanti dell’anno per la software house di San Jose. Un appuntamento rivolto a tutti coloro che si affidano agli strumenti della suite Creative Cloud per dal libero sfogo alla propria creatività, in ambito professionale e non. In questo articolo cercheremo di riassumere le novità più importanti.

Adobe MAX 2018

Nella tre giorni californiana (dal 15 al 17 ottobre), cinque se si considerano anche gli eventi preconference (13 e 14 ottobre), Adobe mostra quelle che sono le nuove feature e le nuove soluzioni introdotte al fine di supportare il lavoro dei suoi utenti, studiate sulla base dei feedback recepiti e tenendo in considerazione come sta cambiando il modo di approcciarsi ai tool per la creatività: sempre più attenzione alle potenzialità dei dispositivi mobile e alle modalità di pubblicazione che interessano i social media. Queste le parole di Scott Belsky, Chief Product Oofficer ed Executive Vice President di Creative Cloud.

Oggi abbiamo svelato un portfolio di app creative di nuova generazione che trasformano i flussi di lavoro in progetti creativi a valore. Continuare a portare l’innovazione nelle nostre app di punta, esplorare nuovi segmenti come l’experience design e la creazione di contenuti per i social media e approcciare nuovi strumenti come touch, voce, 3D e AR ha reso Creative Cloud la piattaforma ideale per ogni tipologia di creativo.

Creative Cloud: le novità

Analizzando nel dettaglio le novità per la Creative Cloud, i software interessati sono Photoshop CC, Lightroom CC, Illustrator CC, InDesign CC, Premiere Pro CC e Adobe XD. Annunciato inoltre l’arrivo di Premiere Rush CC, la prima applicazione per l’editing di contenuti destinati specificatamente a social media come YouTube e Instagram. Presentate poi le nuove versioni di Photoshop CC e Project Gemini per iPad, con il primo software ridisegnato in modo da replicare il più possibile l’esperienza desktop con il pannello dei livelli e il supporto nativo all’apertura dei file PSD. Il secondo arriverà invece nel corso del 2019 e sarà dedicato al disegno e alla pittura combinando grafica raster, vettoriale e pennelli dinamici.

Ancora, Photoshop CC beneficia di una feature inedita per il Riempimento Contestuale (molto utile in fase di ritocco), è stata migliorata la gestione del flusso di lavoro dei fotografi in Lightroom (sia CC sia Classic), Illustrator CC si arricchisce di nuovi strumenti per sfumature fotorealistiche Freeform, InDesign CC accoglie l’Adattamento Contestuale, Character Animator compie notevoli passi in avanti per quanto concerne l’animazione di un modello e Dimension CC dispone di un motore di rendering evoluto.

Vi si aggiungono contenuti esclusivi su Adobe Stock (compresa una collezione di clip acquisite da GoPro) e una maggiore integrazione tra le applicazioni. La tecnologia Sayspring (frutto di una recente acquisizione) è ora alla base di nuove feature in Adobe XD, soluzione per la progettazione di siti Web e app mobile, così da rendere le creazioni compatibili con i dispositivi a comando vocale come gli smart speaker e gli smart display.

Premiere Rush CC

Merita un approfondimento il già citato Premiere Rush CC, strumento all-in-one per la creazione dei video online. Un’unica applicazione per acquisire il filmato, sottoporlo a post-produzione, inserire elementi grafici e pubblicarlo senza dover passare da tool esterni. Tra i suoi punti di forza la semplicità: non serve essere esperti per sfruttare tecnologie già alla base di Premiere Pro CC e After Effects CC, accedere ai modelli professionali di Adobe Stock o per normalizzare il flusso audio con l’intelligenza artificiale Sensei.

L’IA di Adobe Sensei

Come accennato, Adobe fa sempre più leva sull’IA di Sensei per il miglioramento dei suoi prodotti. Sono oltre una dozzina le nuove funzionalità introdotte e basate proprio su questa tecnologia, destinate a Creative Cloud, Document Cloud ed Experience Cloud. Tra queste il già citato Riempimento Contestuale di Photoshop CC che offre maggiore precisione e controllo in fase di editing, l’Adattamento Contestuale di InDesign CC che adatta automaticamente l’immagine alla cornice, le nuove sfumature Freeform in Illustrator CC dall’aspetto naturale e lo strumento Characterizer di Character Animator CC per trasformare ogni figura in un personaggio animato unico.

Project Aero

Project Aero è uno strumento di authoring mostrato sul palco di Adobe MAX e destinato ai progetti di realtà aumentata. Lo si era già visto nei mesi scorsi in occasione della WWDC 2018 organizzata da Apple. Il suo funzionamento è ben illustrato dal filmato in streaming di seguito.

Prezzi e disponibilità

Tutte le novità annunciate sono fin da subito disponibili per gli abbonati a Creative Cloud su desktop, mentre per quanto riguarda le applicazioni mobile su Android e iOS gli aggiornamenti vengono distribuiti attraverso gli store di Google e Apple.

Premiere Rush CC è acquistabile al prezzo di 9,99 euro al mese (IVA esclusa) o come parte dei piani All Apps, Studenti e Premiere Pro CC con 100 GB di storage su cloud. Premiere Rush CC Starter Plan è invece gratuito con accesso a tutte le funzionalità, l’utilizzo delle applicazioni desktop e mobile, la possibilità di creare un numero illimitato di progetti e di esportarne gratis fino a un massimo di tre.

Premiere Rush CC

Fonte: Adobe MAX

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti