Adobe sistema Flash

Rilasciato un aggiornamento fuori programma. Per arginare un problema che afflige soprattutto gli utenti Firefox

Per la terza volta nel mese di febbraio sono disponibili aggiornamenti per tutte le piattaforme supportate da Adobe: una nuova versione di Flash è disponibile per OS X, Linux, Windows e anche versione aggiornata del player è stata inglobata in una release aggiornata di Google Chrome.

La procedura d’urgenza si è resa necessaria poiché Adobe ha ricevuto informazioni riguardo le due vulnerabilità identificate come CVE-2013-0643 e CVE-2013-0648: entrambe sarebbero attivamente sfruttate dai malintenzionati per distribuire contenuto Flash infetto, con particolare attenzione agli utenti del browser Firefox di Mozilla . In totale sono tre le vulnerabilità risolte con questo aggiornamento, e tutte e tre sono potenzialmente utilizzabili per mandare in crash i sistemi vittima e consentire all’attaccante di prendere il controllo delle macchine infette.

Le vulnerabilità sono indicate come “critiche” da Adobe, e l’aggiornamento dei sistemi PC e Mac è caldamente consigliato.

Febbraio è stato un mese davvero complicato per la sicurezza . Java è finito al centro di un autentico “caso”, che ha spinto Mozilla e Apple a sospenderne il caricamento automatico sui rispettivi software e ha costretto Oracle a impegnarsi in una massiccia campagna di patch d’emergenza . Adobe dal canto suo ha dovuto far fronte al (solito) problema su Reader . Paradossalmente, ultimamente Flash era stato meno incline a creare allarmi in virtù dell’ introduzione della sandbox per limitarne l’effetto sul sistema in cui è installato.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • benkj scrive:
    numero utenti
    Che c'entra sto servizio col conteggio degli utenti? Io uso attivamente google+ cosi' come facebook, ma non mi sognerei mai di usare facebook connect, tanto meno l'analogo google.
Chiudi i commenti