App freemium, indaga l'antitrust

Le autorità italiane hanno avviato un'istruttoria nei confronti di Google, Apple, Amazon e Gameloft: le app di intrattenimento offerte gratuitamente potrebbero nascondere irresistibili inviti all'acquisto

Roma – Promettono intrattenimento gratuito, per poi proporre a pagamento agli utenti tasselli indispensabili per rendere l’attività videoludica davvero divertente: le app freemium sono ora nel mirino anche dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato italiana, che sospetta reggano il proprio business su attività commerciali scorrette.

L’istruttoria è stata avviata nei confronti dei gestori degli store delle applicazioni e nei confronti di sviluppatori di app videoludiche: la nota dell’AGCM chiama in causa due società del gruppo Google, Apple, Amazon e Gameloft. Con il procedimento, si verificherà se le pratiche adottate da questi operatori risultano scorrette nei confronti degli utenti: l’AGCM spiega che “i consumatori potrebbero essere indotti a ritenere, contrariamente al vero, che il gioco sia del tutto gratuito e, comunque, non sarebbero messi in grado di conoscere preventivamente gli effettivi costi dello stesso”.

Gli stessi sospetti sono emersi anche nel contesto europeo, sollecitati dalle segnalazioni di numerose associazioni di consumatori: per questo motivo nel mese di febbraio la Commissione Europea ha aperto un’inchiesta volta ad analizzare quanto il meccanismo delle proposte freemium risulti pericoloso per i consumatori più incauti che si confrontano con un mercato giovane e in promettente crescita .

I dubbi della autorità, antitrust italiano compreso, non si addensano solo sul contesto dell’app scaricata: sotto osservazione sono anche le dinamiche di acquisto agevolate dai marketplace, i cui operatori naturalmente lucrano sugli acquisti trattenendo la loro percentuale. Se Apple, costretta dalla FTC statunitense a rimborsare gli utenti vittime di acquisti accidentali e a rendere più trasparenti le proprie policy di acquisto, ha imposto agli utenti l’inserimento della propria password per ogni spesa in-app, Google non ha adottato una policy univoca e concede agli utenti la libertà di scelta. Se è previsto che su alcuni dispositivi l’inserimento della password sia indispensabile di default per ogni transazione in-app, è altresì possibile che altri dispositivi siano impostati per l’acquisto libero, o prevedano una finestra temporale di 30 minuti entro cui è possibile scialacquare senza dover reinserire la password: sta all’utente informarsi e modificare le impostazioni a seconda delle proprie preferenze. Questa dinamica, che ha tradito famiglie di infanti incapaci di resistere alle lusinghe dei contenuti aggiuntivi per l’intrattenimento mobile, è al centro di un tentativo di class action negli Stati Uniti.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Leguleio scrive:
    Ecco il modulo
    Chi vuole essere cancellato dai risultati di ricerca può farlo qui:https://support.google.com/legal/contact/lr_eudpa?product=websearch
  • Esprit scrive:
    Dal digitale all'analogico...
    Quindi, seguendo il ragionamento, se su una determinata persona un giornale ha pubblicato una notizia in cui veniva menzionata (ad esempio perche' indagata in qualcosa), adesso questa persona può rivolgersi al quotidiano che aveva pubblicato la notizia e:- far rimuovere la notizia dall'archivio consultabile sul web- far cercare tutte le copie cartacee del giornale (esempio quelle che ci sono negli archivi della Biblioteca Nazionale) e far ritagliare e buttare l'articolo in cui veniva menzionato?Curioso.. buon lavoro !
    • Leguleio scrive:
      Re: Dal digitale all'analogico...

      Quindi, seguendo il ragionamento, se su una
      determinata persona un giornale ha pubblicato una
      notizia in cui veniva menzionata (ad esempio
      perche' indagata in qualcosa), adesso questa
      persona può rivolgersi al quotidiano che aveva
      pubblicato la notizia
      e:

      - far rimuovere la notizia dall'archivio
      consultabile sul
      webNo. O almeno, in Spagna non è così. Come è noto il tribunale spagnolo ha delegato la Corte europea a dirimere la questione, e la corte Europa ha stabilito che il compito spetta a Google, e non a <I
      La vanguardia </I
      . Secondo l'AgCom italiana invece spetterebbe ai quotidiani. ma la cosa non è ancora ufficiale.
      - far cercare tutte le copie cartacee del
      giornale (esempio quelle che ci sono negli
      archivi della Biblioteca Nazionale) e far
      ritagliare e buttare l'articolo in cui veniva
      menzionatoNo.Una scena del genere si vede in un film del 1981 con Renato Pozzetto, si tratta di <I
      Nessuno è perfetto </I
      . In quel caso il protagonista va di persona nelle biblioteche e strappare una pagina che rivela che la donna di cui è innamorato era un uomo. Si tratta di un film comico.
      • maddai scrive:
        Re: Dal digitale all'analogico...
        - Scritto da: Leguleio
        Si tratta di un film comico.Beh che c'è di strano è da sempre che certa gente viene presa per i fondelli.ce ne sono di comici! :D[yt]WufSqAmI0SI[/yt]
  • Daniele M scrive:
    Google Gmail
    Nessuno si è accorto del seguente problema Gmail sulla privacy?Gmail chiede insistentemente di mettere la foto profilo anche se si usa solo gmail e non google+ il quale si attiva anche se non lo si vuole, dopo aver messo una foto valida anche per gmail si può solo aggiungerne altre, non è possibile cancellare le vecchie, chi ha voluto questa XXXXXta chiaramente ha preso un grosso premio da google.
    • Leguleio scrive:
      Re: Google Gmail

      Nessuno si è accorto del seguente problema Gmail
      sulla
      privacy?

      Gmail chiede insistentemente di mettere la foto
      profilo anche se si usa solo gmail Esiste ancora la formula di risposta NO. Gmail chiede insistentemente anche il numero di telefono, se è per questo, col pretesto del recupero della password. Bastano due lettere.
      • Sg@bbio scrive:
        Re: Google Gmail
        Vallo a dire agli utenti youtube.
        • Leguleio scrive:
          Re: Google Gmail
          Censura!Divagazioni!Il dito e la luna!La frittata e la rigirata!
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Google Gmail
            Certo, che se discuti in questa maniera...Su youtube sono stati praticamente obbligati ad usare google +.
          • Leguleio scrive:
            Re: Google Gmail
            Aggiustiamo un po' il messaggio:"Certo, che se discuti in questa magnera...Su yutube sono stati pratiamente obligati ad usare gogol +."Ora è in sg@bbiese, è più credibile.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Google Gmail
            - Scritto da: Leguleio
            Aggiustiamo un po' il messaggio:

            "Certo, che se discuti in questa magnera...
            Su yutube sono stati pratiamente obligati ad
            usare gogol
            +."

            Ora è in sg@bbiese, è più credibile. :-o :-o :-oOk, aspetto che la redazione faccia pulizia.
          • Leguleio scrive:
            Re: Google Gmail

            Ok, aspetto che la redazione faccia pulizia.Ma no, sei in tempo per apporre un po' di frasi lapidarie da madre superiora ai commenti altrui. Qualora il dito e la Luna non bastasse più, e la rivoltata di frittata fosse caduta in sospetto, posso suggerire:- Se non è zuppa è pan bagnato.- Una mano lava l'altra e due insieme lavano la faccia.- Si lavora e si fatica per il pane e per la frutta.- Chi non fa non falla.- La morte è il primo volo che fai da te solo, e nessun altro mezzo giova a ritentar la prova. Dai, che ce la fai!(Aggiungi qualche errore di ortografia però).
          • sgabbio scrive:
            Re: Google Gmail
            - Scritto da: Leguleio

            Ok, aspetto che la redazione faccia pulizia.

            Ma no, sei in tempo per apporre un po' di frasi
            lapidarie da madre superiora ai commenti altrui.
            Qualora il dito e la Luna non bastasse più, e la
            rivoltata di frittata fosse caduta in sospetto,
            posso
            suggerire:
            - Se non è zuppa è pan bagnato.
            - Una mano lava l'altra e due insieme lavano la
            faccia.
            - Si lavora e si fatica per il pane e per la
            frutta.
            - Chi non fa non falla.
            - La morte è il primo volo che fai da te solo, e
            nessun altro mezzo giova a ritentar la prova.01/10
          • ... scrive:
            Re: Google Gmail
            - Scritto da: Sg@bbio
            Certo, che se discuti in questa maniera...
            Su youtube sono stati praticamente obbligati ad
            usare google+.ho risolto mandando a fare in XXXX google, youtube e chiudendo i relativi account. Basta avere un po' di palle, tutto qui.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Google Gmail
            Non è una soluzione efficace.
          • Feet on the Ground scrive:
            Re: Google Gmail
            Invece lo è: se lo facessero in tanti Google cambierebbe politica per non intaccare i propri utili. Siccome però a lamentarsi è una trascurabilissima minoranza, questo non avverrà. :)
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Google Gmail
            - Scritto da: Feet on the Ground
            Invece lo è: se lo facessero in tanti Google
            cambierebbe politica per non intaccare i propri
            utili. Siccome però a lamentarsi è una
            trascurabilissima minoranza, questo non avverrà.
            :)Sei troppo poco coerente per fare il troll, fidalo.
          • maddai scrive:
            Re: Google Gmail
            A frittate stiamo messi male!e sopratutto non c'è nel codice nessun "diritto all'oblio". :D
        • obiezione scrive:
          Re: Google Gmail
          io ho un account su yt ma non sono iscritto a g+forse sono un'anomalia
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Google Gmail
            - Scritto da: obiezione
            io ho un account su yt ma non sono iscritto a g+
            forse sono un'anomaliaSenza l'integrazione forzata di google+ ti ritrovi tagliato fuori su molte funzionalità che prima erano disponibili BENE prima dalla integrazione forzata, semplicemente Google ha provato ad utilizzare l'enorme utenza di youtube per trasportarla tutta nel suo social network fallimentare.Tra l'altro l'integrazione è pure irreversibile, se provi a levare poi Google+ dal tuo accunt google, ti afferma che perderai pure il tuo accunt su youtube.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 maggio 2014 14.23-----------------------------------------------------------
          • Feet on the Ground scrive:
            Re: Google Gmail
            È il loro servizio e ci fanno quello che vogliono. Se non ti va bene sei liberissimo di non usarlo.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Google Gmail
            contenuto non disponibile
          • Feet on the Ground scrive:
            Re: Google Gmail
            La protesta concreta c'è: si chiama "smettere di usare un servizio di cui non sei soddisfatto".È troppo difficile da capire? Sono una società privata, fanno esattamente quello che porta loro profitti e vantaggi. L'unica protesta che vale é NON USARE I LORO SERVIZI.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Google Gmail
            contenuto non disponibile
          • Feet on the Ground scrive:
            Re: Google Gmail
            Se la maggioranza degli utenti si trova bene così, chi sei tu per dir loro cosa devono fare? Direi che chi si trova fuori posto sei tu.Non usare il servizio se non ti va bene.
          • panda rossa scrive:
            Re: Google Gmail
            - Scritto da: Feet on the Ground
            Se la maggioranza degli utenti si trova bene
            così, chi sei tu per dir loro cosa devono fare?La maggioranza degli utenti non sa se si trova bene.E' un po' come le sigarette: ci sono voluti anni prima di far capire alla gente che fanno male.E io sono uno che ne sa, e quindi dico la mia.Vuoi ascoltarmi? Bene. Non vuoi farlo? Liberissimo di crepare di cancro ai polmoni: nessuno piangera' la tua scomparsa, anzi...
            Direi che chi si trova fuori posto sei
            tu.Chi sei tu per dire chi e' a posto o fuori posto?
            Non usare il servizio se non ti va bene.Gia' fatto. Grazie.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Google Gmail
            contenuto non disponibile
          • maddai scrive:
            Re: Google Gmail
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Feet on the Ground

            Se non ti va bene sei liberissimo di

            non

            usarlo.

            Invece se non mi va posso anche lamentarmi in
            modo da vedere quante persone la pensano come me
            e vedere se si riesce ad organizzare una protesta
            concreta.E ci mancherebbe pure altro.Per certa gente l'unica cura sarebbe fargli questo qui sotto a ripetizione [yt]kHFhnJAdMRk[/yt]
          • panda rossa scrive:
            Re: Google Gmail
            - Scritto da: Sg@bbio
            - Scritto da: obiezione

            io ho un account su yt ma non sono iscritto a g+

            forse sono un'anomalia

            Senza l'integrazione forzata di google+ ti
            ritrovi tagliato fuori su multe funzionalità che
            prima erano disponibili BENE prima dalla
            integrazione forzata, semplicemente Google ha
            provato ad utilizzare l'enorme utenza di youtube
            per trasportarla tutta nel suo social network
            fallimentare.

            Tra l'altro l'integrazione è pure irreversibile,
            se provi a levare poi Google+ dal tuo accunt
            google, ti afferma che perderai pure il tuo
            accunt su
            youtube.La soluzione e' creare due account, uno per gmail e uno per youtube.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Google Gmail
            contenuto non disponibile
          • panda rossa scrive:
            Re: Google Gmail
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: panda rossa


            La soluzione e' creare due account, uno per
            gmail

            e uno per

            youtube.


            Ni.
            Io avevo l'account su Youtube da prima che fosse
            comprato da Google (e da prima che esistesse
            Gmail) ma mi sono comunque trovato nella
            situazione in cui mi è impossibile commentare i
            video usando il mio account di youtube (mi
            obbligano ad usare quello di
            G+).E allora due account, uno per la mail e uno per G+ da usare solo per yt.Io ho risolto smettendo di commentare su yt, cosi' come ho smesso di commentare in un sacco di altri posti dove hanno introdotto criteri di verifica esterni al sito.Si puo' benissimo vivere senza commentare.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Google Gmail
            contenuto non disponibile
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Google Gmail
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: panda rossa


            Io ho risolto smettendo di commentare su yt

            Chiaramente è la stessa cosa che ho fatto io.
            Poi vabbè, il mio account G+ ha lo stesso 'nome
            reale' di quello YT (un nickname) quindi potrei
            anche usarlo, ma non ho voglia di pigiare tutte
            le volte sul tasto
            'switch'.Il problema è che ciclicamente tentano di farti cancellare l'accunt di youtube "classico" per usare solo quello di G+ per youtube.Lasciando perdere le persone che dicono "basta che non usi il servizio", per me è un giramento di palle, usare un servizio che non volevo usare (google +) che è facoltativo per tutti i servizi di google, tra per youtube.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Google Gmail
            contenuto non disponibile
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Google Gmail
            E' chiaro come il sole che hanno voluto sfruttare l'utenza di youtube per far numero con google +, ma questa sua decisione non è piaciuta quasi a nessuno, tranne a 3 o 4 (in proporzione) che ribattevano alle critiche con argomenti del tipo: "sputata sul piatto dove mangiate" o "tanto non vi fanno parare (illuso), quindi non vi dovete lamentare".
          • ... scrive:
            Re: Google Gmail
            - Scritto da: panda rossa
            Si puo' benissimo vivere senza commentare.questa e' la frase piu' assennata contenuta in questa pagina.
          • maddai scrive:
            Re: Google Gmail
            - Scritto da: panda rossa
            Si puo' benissimo vivere senza commentare.Confermo godo di ottima salute e non commento yt.
          • ... scrive:
            Re: Google Gmail
            - Scritto da: Sg@bbio
            - Scritto da: obiezione

            io ho un account su yt ma non sono iscritto a g+

            forse sono un'anomalia

            Senza l'integrazione forzata di google+ ti
            ritrovi tagliato fuori su molte funzionalità che
            prima erano disponibili BENE prima dalla
            integrazione forzata, semplicemente Google ha
            provato ad utilizzare l'enorme utenza di youtube
            per trasportarla tutta nel suo social network
            fallimentare.

            Tra l'altro l'integrazione è pure irreversibile,
            se provi a levare poi Google+ dal tuo accunt
            google, ti afferma che perderai pure il tuo
            accunt su youtube.la gente crede di avere bisogno di google, ma e' il contrario.ho chiuso gli accout e sto bene uguale: non posso rispondere alle XXXXXXXte che leggo postate sotto i video di youtube? tutto sommato, e' un vantaggio.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Google Gmail
            benaltrismo.
    • Puffo inventore scrive:
      Re: Google Gmail
      - Scritto da: Daniele M
      Nessuno si è accorto del seguente problema Gmail
      sulla
      privacy?
      Google e privacy sono in antitesi come l'acqua e il fuoco, il buio e la luce, la guerra e la pace, il male e il bene.
    • panda rossa scrive:
      Re: Google Gmail
      - Scritto da: Daniele M
      Nessuno si è accorto del seguente problema Gmail
      sulla
      privacy?

      Gmail chiede insistentemente di mettere la foto
      profilo anche se si usa solo gmail e non google+Basta rispondere insistentemente "non mi rompere +" e il problema non c'e'.
      il quale si attiva anche se non lo si vuole, dopo
      aver messo una foto valida anche per gmail si può
      solo aggiungerne altre, non è possibile
      cancellare le vecchie, chi ha voluto questa
      XXXXXta chiaramente ha preso un grosso premio da
      google.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Google Gmail
        contenuto non disponibile
        • panda rossa scrive:
          Re: Google Gmail
          - Scritto da: unaDuraLezione
          - Scritto da: panda rossa


          Basta rispondere insistentemente "non mi
          rompere

          +" e il problema non

          c'e'.

          Tra l'altro, io misi uno dei miei avatar di anime
          giapponesi e il sistema mi disse "sembra che la
          foto non ritragga una persona reale, sei sicuro
          BLA BLA
          BLA?"

          Quindi abbiamo la certezza che la foto viene
          analizzata per ricavare dati
          biometrici.Non avevamo dubbi.Arriveremo ad eliminare completamente la webmail e usare gmail solo via imap, e buonanotte.
  • ... scrive:
    mmmmmmm
    Leguleio ma tu dove abiti? hai sempre detto di stare all'estero ma non hai mai specificato... azzarderei liechtenstein, ci ho preso?
  • panda rossa scrive:
    La soluzione e' il diritto di cronaca
    C'e' un modo molto semplice per uscire dall'impasse che si sta venendo a creare: il diritto di cronaca.Grazie al diritto di cronaca oggi tutto il mondo sa che qualche anno fa il sig. Gonzales versava in cattive acque, ed e' stato lui fare da amplificatore.Con lo stesso sistema, la cronaca dovrebbe occuparsi di questi signori e farci sapere chi sono questo politico che in precedenza ha rubato, quel tizio condannato per pedofilia, e pure quel medico che e' stato mal recensito.Costoro hanno il sacrosanto diritto di chiedere che le informazioni del passato vengano rimosse, e noi abbiamo il sacrosanto diritto di sapere chi e' la gente che vuole avvalersi di questo diritto e perche'.Del resto la sentenza spagnola ha specificato che il diritto di cronaca e' prevalente nei tempi piu' brevi.
    • Leguleio scrive:
      Re: La soluzione e' il diritto di cronaca

      C'e' un modo molto semplice per uscire
      dall'impasse che si sta venendo a creare: il
      diritto di
      cronaca.

      Grazie al diritto di cronaca oggi tutto il mondo
      sa che qualche anno fa il sig. Gonzales versava
      in cattive acque, ed e' stato lui fare da
      amplificatore.In questo momento in effetti non si parla d'altro, in Europa, e se ho ben capito anche su alcuni quotidiani Usa.Ma è una fase inevitabile e passeggera. Io ricordo ancora di aver discusso qui su PI della notizia di un signore in Australia che ha chiesto, e ottenuto, che il suo nome non venisse più associato da Google a un gangster locale: l'associazione in quel caso non c'era affatto, era stato vittima anni prima di una sparatoria in un ristorante per mano di ignoti. Trovare la notizia con Google ora è piuttosto laborioso. Ci si riesce, sì, ma solo sapendo il cognome di quel signore. E credo che scrivendo il suo nome e cognome il gangster a cui era associato non venga più fuori.
      Del resto la sentenza spagnola ha specificato che
      il diritto di cronaca e' prevalente nei tempi
      piu'
      brevi.Ora aspettiamo che una direttiva europea chiarisca cosa si intenda per diritto all'oblio e quanti anni devono passare. Fino ad ora le varie corti che si sono accupate della faccenda hanno navigato a vista.
    • Sg@bbio scrive:
      Re: La soluzione e' il diritto di cronaca
      Come era prevedibile, in questi giorni, google è sommersa di richieste di rimozione per il diritto all'oblio, pure in italia, almeno quanto dice (sigh) Repubblica.it.Tale sentenza sarà usata per far sparire info scomode, temo...Comunque per il diritto di cronaca va bene quando fa comodo, visto che molti giornalisti lo usavano per giustificare l'uso improprio di robe altrui spacciandole per farine del loro sacco, oppure venire ignorata in altri luoghi quando si alzava la scure del copyright contro persone comuni....
Chiudi i commenti