Apple: con Universal parliamo

La Mela spiega che le trattative sono in corso e tutt'altro che concluse

Roma – Apple ha fatto sapere che le trattative con Universal sulla disponibilità dei brani dell’etichetta su iTunes sono in corso e che dunque nulla ancora è deciso. “Stiamo ancora negoziando con Universal” – ha dichiarato un portavoce al San Francisco Chronicle ripreso da Apple Insider .

Il portavoce ha spiegato che “la loro musica è ancora su iTunes e la voce secondo cui non rinnoveranno il contratto è falsa”.

Come noto quei rumors erano riportati dal New York Times , secondo cui Universal sta cercando di cambiare i termini del rapporto con Apple per non farsi sfuggire l’assoluto controllo sul proprio catalogo e le sue modalità di commercializzazione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bt scrive:
    È dannosa?!
    Dall'articolo: «una normativa a tutela della net neutrality potrebbe artificialmente limitare la tendenza alla concorrenza» Cioè, una norma che tutela l'equo accesso ed uso di internet, consentendo a chiunque di fare concorrenza, sarebbe un limitatore della concorrenza?!Ma sono solo io che sono pazzo, o lo sono loro?!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 luglio 2007 17.49-----------------------------------------------------------
  • logiq scrive:
    Bellissimo articolo
    che bello stile!
  • Aldo Smer scrive:
    La rete NON è solo mercato!
    Doveva passare sotto il controllo delle nazioni unite. E invece ora rischia di diventare un ipermercato mondiale di proprietà delle solite 4 multinazionali del c***o.
    • logiq scrive:
      Re: La rete NON è solo mercato!
      sono d'accordissimo con te.. c'e' questa idea che internet sia sempre e solo un luogo dove si possono fare piu' soldi in maniere originali.. e si dimentica quello che dovrebbe essere il suo aspetto preponderante, l'accesso libero e distribuito alla conoscenza..non e' detto che le due cose debbano essere mutualmente esclusive, ma ci sono casi in cui gli interessi di chi ha un approccio materialistico/capitalista sono in aperto conflitto con quella che a me sembra la visione primigenia di internet (att.ne, non parlo di arpanet), quella alimentata dal mondo hacker delle universita' americane..bisogna iniziare a pensare che ci sono forze titaniche che spingono per una rete diversa, concettualmente diversa, e che rete globale non e' necessariamente sinonimo di liberta' o di maggiori possibilita' di comunicazione.. possono benissimo mutilarla..lrnz
      • borg_troll scrive:
        Re: La rete NON è solo mercato!
        - Scritto da: logiq
        si dimentica quello che dovrebbe essere il suo
        aspetto preponderante, l'accesso libero e
        distribuito alla
        conoscenza..
        Perchè? Dove sta scritto? C'è qualche articolo di legge che definisce cosa Internet "deve" o "non deve" essere?
        sono in aperto
        conflitto con quella che a me sembra la visione
        primigenia di internet (att.ne, non parlo di
        arpanet), quella alimentata dal mondo hacker
        delle universita'
        americane..
        Quello era il passato. Come puoi pretendere che un simile potenziale economico rimanga nelle mane di quattro sfigati che disquisiscono su Guerre Stellari?
        bisogna iniziare a pensare che ci sono forze
        titaniche che spingono per una rete diversa,
        concettualmente diversa, e che rete globale non
        e' necessariamente sinonimo di liberta' o di
        maggiori possibilita' di comunicazione.. possono
        benissimo
        mutilarla..Questo bisognava pensarlo da un bel pezzo. Piaccia o non piaccia il Mercato comanda, e comanda con forza. Le cose cambiano, e ormai non siamo più noi a cambiarle. Non ne abbiamo il potere.Il destino della Rete è stato segnato da tempo - commercializzazione totale o morte - dal momento in cui è diventato accessibile a tutti. La ragione del più ricco, come sempre, prevarrà.
    • borg_troll scrive:
      Re: La rete NON è solo mercato!
      - Scritto da: Aldo Smer
      Doveva passare sotto il controllo delle nazioni
      unite.E questo cosa avrebbe cambiato? Cosa gestisce l'ONU tanto bene dal renderlo l'organismo adatto a gestire Internet?E poi, con quale criterio? Internet richiede investimenti, e nessuno è tanto stupido da investire in qualcosa controllato dall'ONU.Sicuro poi che sarebbe la soluzione migliore? Cosa faresti quando il Consiglio di Sicurezza decidesse all'unanimità che certi contenuti proprio non li devi vedere?
      E invece ora rischia di diventare un
      ipermercato mondiale di proprietà delle solite 4
      multinazionali del
      c***o.Certo. Apparterrà a chi offrirà di più. Come tutto.
      • nifft scrive:
        Re: La rete NON è solo mercato!
        Da quanto ho capito, internet sin dagli inizi e' stata pensata (da quei famosi 4 hacker sfigati appassionati di Guerre Stellari come sono stati qui definiti) in senso di totale apertura e neutralita'. In quei tempi esistevano sulla carta altre architetture possibili per le reti informatiche di tipo centralizzato. La scelta, se si vuole, tra le diverse alternative non era solo tecnica, ma seguiva anche una certa filosofia dei proponenti. C'erano ovviamente anche aspetti economici. Ad esempio molti colossi del settore declinarono l'idea di lavorare per implementare una rete di tipo aperto proprio perche' non ne valutavano un profitto soddisfacente.La storia sembra pero' aver dimostrato che un'architettura di tipo aperto (se vuoi di tipo anarchico) e' stata di fatto la scelta migliore che ha fatto esplodere esponenzialmente internet. Internet e' stato un successo clamoroso per motivi che trascendono una semplice analisi di tipo economico. Che adesso ci sia un nuovo tentativo di centralizzare la rete la reputo un'involuzione ed un colpo di coda da chi, per questione economiche, non ha mai digerito una gestione di tipo libero della rete.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 luglio 2007 19.10-----------------------------------------------------------
  • Italiota scrive:
    Tremendo
    Se lo fanno anche da noi finirà tutto in mano a Telecom e Google
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Tremendo
      - Scritto da: Italiota
      Se lo fanno anche da noi finirà tutto in mano a
      Telecom e
      GoogleGoogle no di certo perché ha solo da perderci, infatti è una di quelle aziende che si sta battendo per la neutralità della rete.
      • Aldo Smer scrive:
        Re: Tremendo
        - Scritto da: Nome e cognome
        - Scritto da: Italiota

        Se lo fanno anche da noi finirà tutto in mano a

        Telecom e

        Google

        Google no di certo perché ha solo da perderci,
        infatti è una di quelle aziende che si sta
        battendo per la neutralità della
        rete.Si, come no! Tanto hanno più soldi del draga, possono permettersi di mangiarsi la fettona di torta!
        • medioman scrive:
          Re: Tremendo
          - Scritto da: Aldo Smer
          - Scritto da: Nome e cognome

          - Scritto da: Italiota


          Se lo fanno anche da noi finirà tutto in mano
          a


          Telecom e


          Google



          Google no di certo perché ha solo da perderci,

          infatti è una di quelle aziende che si sta

          battendo per la neutralità della

          rete.

          Si, come no! Tanto hanno più soldi del draga,
          possono permettersi di mangiarsi la fettona di
          torta!Possono mutare come business, ma oggi come oggi per loro una internet a due velocita sarebbe una catastrofe.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Tremendo
            Non solo per google, ma di chiunque farebbe un sito con le attuali teconolgie web
Chiudi i commenti