Beats vuole dire addio ad HTC

Le indiscrezioni si fanno insistenti e l'azienda non smentisce. In ballo c'è il 25 per cento delle azioni. E un futuro diverso da quello che a Taiwan sono in grado di offrire

Roma – Beats, produttrice di dispositivi audio di fascia alta e partecipata da HTC, vuole liberarsi del suo socio in affari: dopo aver riacquisito la metà del capitale azionario in mano al partner taiwanese, l’azienda californiana sarebbe pronta ad accettare l’aiuto di un nuovo investitore per liquidare le quote altrui e provvedere a ristrutturare il debito.

HTC d’altronde naviga in acque agitate: questo trimestre potrebbe essere estremamente negativo, stando a quanto anticipato dalla stessa azienda, e Beats che invece è in ascesa vive con malessere la coabitazione con quello che nel 2011 doveva essere un socio strategico. Per HTC la collaborazione avrebbe dovuto significare maggiore presa sul pubblico statunitense , per Beats un’occasione per allargare il proprio giro d’affari infilando le proprie cuffie e le proprie tecnologie in un prodotto di elettronica di largo consumo in ascesa come lo smartphone.

Qualcosa non ha funzionato: Beats ha fatto registrare una decisa crescita, HTC ha progressivamente rallentato. La sinergia sperata non si è concretizzata. L’azienda californiana si è già riappropriata della metà delle azioni cedute a Taipei, e ora punta a riacquistarne il resto per tornare a essere indipendente e pianificare al meglio le proprie strategie che vanno oltre cuffie da non meno di 100 dollari a confezione. Il Wall Street Journal dipinge un quadro molto complesso, fatto di ristrutturazione del debito e dell’entrata di un nuovo socio di minoranza, con l’obiettivo di allargarsi a nuovi settori e acquisire nuove partnership.

Per HTC l’uscita da Beats potrebbe non essere una cattiva idea: qualche milione da mettere sulla casella delle entrate non guasterebbe (anche se quasi certamente ci sarà da registrare una perdita sull’investimento complessivo, non fosse altro per la mancata rivalutazione del capitale in questi anni). Gli analisti concordano che non è questa la strada giusta per il produttore taiwanese, che più che concentrarsi nel marketing ha un estremo bisogno di rivedere il proprio canale di distribuzione e la catena di fornitura per ottimizzare i costi e rendersi più competitiva sul mercato. Anche in settori, come la fascia bassa del mercato, dove la sua ammiraglia One non può arrivare.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • monica tewi scrive:
    disegnatore
    devo stampare disegni .cat
  • girovago scrive:
    Ancora ...
    L'ennesimo convertitore. Free Make Video Converter fa questo e altro. E non chiede registrazione alcuna.
  • Osvy scrive:
    Se è free, perché mi chiede la e-mail?
    Traduco: che fine fa la mia e-mail? La possono maneggiare come pare a loro (tipo cederla ai siti di spam), come succede con l'Enel quando nel contratto di voltura c'era il "riquadro" (per fortuna evidenziato a parte, correttamente) dove mi chiedevano di firmare per essere autorizzati ad inviare e/o girare e far inviare da altri "offerte commerciali"?(o come succede con i programmi di certe riviste, dove il programma è "gratuito con procedura di registrazione e-mail con cui viene inviato il codice di sblocco")Io per principio eviterei questo tipo di programmi, poi ovviamente della propria e-mail uno fa quel che vuole..
  • qualcuno scrive:
    nome già usato
    Il programma non è altro che uno dei tanti.Neanche il nome è originale, Kate è da anni l'editor di testo avanzato di KDE.
Chiudi i commenti