HTC è una e trina

Sotto il marchio One verrà riunificata l'offerta. E per cominciare ci sono tre dispositivi. Con l'X a fare da capofila e da ammiraglia

Roma – Ogni promessa è un debito: e così HTC, dopo averlo annunciato, dà corpo al buon proposito di semplificare la propria offerta di smartphone. La nuova linea One sarà l’equivalente del marchio Galaxy per Samsung: un cappello sotto il quale collocare una serie di smartphone con capacità diverse e crescenti, in grado (ovviamente nelle speranze dell’azienda taiwanese) di coprire il mercato dalla fascia di primo prezzo fino alle fuoriserie, facendo chiarezza su quale telefono sarà adatto a fare cosa.

Il più dotato della compagnia è il One X : il cuore dello smartphone è un SoC Tegra 3 quad-core da 1,5GHz (ma solo se si opta per la versione non-LTE: in quel caso occorre ripiegare su un dual-core Snapdragon S4, unica strada per garantire la compatibilità con il chipset LTE prodotto da Qualcomm), 1GB di RAM, schermo da 4,7 pollici con risoluzione 720p, memoria d’archiviazione da 32GB, fotocamera 8 megapixel con ottica luminosa (f/2), NFC e audio Beats. Un vero e proprio mostriciattolo con a bordo Android 4.0 Ice Cream Sandwich, che HTC dichiara avere tempi di reazione da primato: meno di 1 secondo per avviare la fotocamera, tanto per fare un esempio, ma ci sono anche altre chicche come la capacità di scattare foto mentre si fanno le riprese video, 25GB gratis per 1 anno su Dropbox (nel caso si esaurisse lo spazio locale). Insomma, non fosse per la mancanza di slot microSD e di batteria sostituibile, si potrebbe tranquillamente conferire al One X la qualifica di limousine degli smartphone.

HTC si è anche concessa la possibilità di sperimentare con il suo One X: oltre al software migliorato ( l’integrazione dell’audio Beats in tutto il telefono, la sincronizzazione wireless con iTunes), ci sono anche nuovi materiali e tecniche costruttive impiegate per rendere il telefono più appagante sotto il profilo estetico e della ergonomia (anche se lo spessore non è da primato assoluto: 134,8×69,9×9,3mm). Il terminale sarà disponibile entro 60 giorni sul mercato, a un prezzo che fino a questo punto resta un interrogativo.

Per quanto riguarda l’HTC One S , si tratta di uno smartphone di tutto rispetto: il processore è lo stesso Snapdragon S4 della versione LTE del fratello maggiore, ma la memoria a disposizione è di soli 16GB. Anche lo schermo è un po’ più piccolo, 4,3 pollici con risoluzione 960×540, mentre la fotocamera posteriore dovrebbe essere identica a quella precedente (dunque luminosa e con sensore retroilluminato). Le dimensioni del device sono leggermente inferiori al caso precedente (130,9×65,0x7,95/8,9mm), la batteria pressoché identica. Anche qui, prezzo ancora da definire e finestra di sbarco fissata entro 60 giorni.

Infine, tocca all’ HTC One V : non molto da dire, in questo caso, visto che il design riprende quello dell’ HTC Legend ( ovvero il G1 di T-Mobile, annata 2008 ), lo schermo è un più comune 3,7 pollici con risoluzione 800×480, e la CPU viaggia solo a 1GHz accoppiata a 512MB di RAM (praticamente il minimo sindacale di questi tempi). La fotocamera è una 5MPx, e con X e S dovrebbe condividere la tecnologia di elaborazione immagini. Lo chassis è in metallo, in ogni caso, così da garantire un aspetto e una sensazione adeguata: questo device arriverà sul mercato nel secondo trimestre di quest’anno, ma non ci sono ancora indicazioni ufficiali su partner commerciali o prezzo di lancio.

Parallalemente alla nascita della linea One, HTC ha mostrato la nuova versione dell’interfaccia personalizzata Sense (giunta anch’essa alla versione 4 come Android): le migliorie apportate riguardano principalmente la gestione dello storage (con l’integrazione di Dropbox), dell’audio (con la tecnologia Beats) e della fotografia (HDR e scatto di foto durante le riprese video). Miglioramenti sono stati apportati anche alla gestione del terminale durante la guida, con un’interfaccia semplificata per passare dalle mappe con navigazione GPS alla lista dei contatti, o alla libreria musicale, con il minor numero di tocchi possibile.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Bario 23 scrive:
    un'armata di hacker
    le forze armate cinesi impiegano 30000 hacker inquadrati in strutture militari per combattere i dissidenti e gli altri governi, i servizi segreti russi sono tornati dai pc alle macchine da scrivere vista la crescente e inesorabile minaccia posta dai cittadini coscenziosi e onesti armati di pc. La quarta guerra mondiale è iniziata se gli hacker più capaci agissero in base a coscenza e non al denaro i governi e le banche e le major sarebbero soverchiati e cancellati dalla faccia della terra in pochi giorni con nessuna perdita.
  • greco scrive:
    stratford
    lancia moniti, stica**i che lanci moniti, intanto t'hanno messo a chiappe all'aria manco fossi ruppolo in un applestore
  • johnny il fenomeno scrive:
    Avete....
    Avete sottovalutato il concetto di sicurezza informatica, ed ora ne pagate le conseguenze.
    • Hackroom scrive:
      Re: Avete....
      - Scritto da: johnny il fenomeno
      Avete sottovalutato il concetto di sicurezza
      informatica, ed ora ne pagate le
      conseguenze.La sicurezza informatica non è mai esistita perchè internet non è stato concepito per essere "sicuro". E questo per ovvii motivi.
      • ninjaverde scrive:
        Re: Avete....

        La sicurezza informatica non è mai esistita
        perchè internet non è stato concepito per essere
        "sicuro". E questo per ovvii
        motivi.Inernet che sia sicuro o meno non lo so con esattezza, ma una cosa è certa le mail private vanno (andrebbero) crittografate, ma ben pochi usano questi mezzi, che oltretutto non vengono divulgati al pubblico e quindi tutti si fidano dei messaggi aperti... Questo anche grazie al fatto che "qualcuno" ci vol mettere il naso con facilità. E adesso quel "qualcuno" stà soffrendo.... :s
      • johnny il fenomeno scrive:
        Re: Avete....
        - Scritto da: Hackroom
        La sicurezza informatica non è mai esistita
        perchè internet non è stato concepito per essere
        "sicuro". E questo per ovvii
        motivi.In gran parte ti ha gia' risposto ninjaverde.Hai ragione se sostieni che la sicurezza in internet e' un concetto relativo, pero' il livello di rilassatezza che questi personaggi hanno trascende, abbondantemente, la stupidita'. Nessun criptaggio dei documenti o delle partizioni, nessun monitoraggio dei sever o controllo incrociato con la clientela, nessun filtro sui proxy-sever. Non e' un caso se il 95% di anonymous e' formato da script-kiddie
        • Hackroom scrive:
          Re: Avete....
          Non mi riferivo soltanto alle mail, ma ad internet in generale. Poi sulla composizione di anonymous credo sia così, ma il 95% mi sembra troppo.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Avete....
            - Scritto da: Hackroom
            Non mi riferivo soltanto alle mail, ma ad
            internet in generale. Poi sulla composizione di
            anonymous credo sia così, ma il 95% mi sembra
            troppo.Anche perchè alcuni han tirato fuori cose, da posti molto più tosti.
          • johnny il fenomeno scrive:
            Re: Avete....
            - Scritto da: Hackroom
            Non mi riferivo soltanto alle mail, ma ad
            internet in generale. Poi sulla composizione di
            anonymous credo sia così, ma il 95% mi sembra
            troppo.La quasi totalita' delle azioni di anonimous consiste nel defacciamento delle homepage, nella perforazione dei sever-mail oppure di account facebook e myspace, e anche, come vediamo, nello sfruttare la stupidita' dei bersagli.Mi rendo conto che queste cose impressionano gli operatori dei media, ma rimangono, comunque, le tipiche operazioni da palloni-gonfiati. Non nego che vi siano degli esperti abilissimi, pero' la gran massa sono patetici utilizzatori di root-kit.
  • Sgabbio scrive:
    wikileaks
    "eh ma wikileaks prende cose che sanno giò tutti"Ho anticipato i troll :D
    • Joe Tutti scrive:
      Re: wikileaks
      - Scritto da: Sgabbio
      "eh ma wikileaks prende cose che sanno giò tutti"
      Ho anticipato i troll :D[img]http://www.whiteeyebrows.com/wp-content/uploads/2009/12/fake-smile.jpg[/img]
Chiudi i commenti