Binance annuncia la carta crittografica per i rifugiati ucraini

Binance annuncia la carta crittografica per i rifugiati ucraini

Binance, il noto exchange crypto, ha annunciato il lancio di Refugee Crypto Card, la nuova carta crittografica dedicata ai rifugiati ucraini.
Binance, il noto exchange crypto, ha annunciato il lancio di Refugee Crypto Card, la nuova carta crittografica dedicata ai rifugiati ucraini.

Martedì 26 aprile 2022 Binance ha annunciato Refugee Crypto Card. Si tratta di una nuova carta crittografica che il famoso exchange crypto ha realizzato per i cittadini ucraini. Questa carta di pagamento, creata in collaborazione con Contis, consentirà ai rifugiati ucraini di effettuare e ricevere pagamenti in criptovalute.

L’esigenza nasce proprio per chi ha dovuto lasciare l’Ucraina a causa dell’invasione russa e ora si ritrova in qualche Paese europeo. Con Refugee Crypto Card potrà così completare i suoi acquisti presso tutti i rivenditori nel SEE che accettano pagamenti con carta.

Questa carta crittografica fa parte del programma Binance Charity, un piano di aiuti più ampio che vede la collaborazione di numerose associazioni senza scopo di lucro. Tra queste la società ha menzionato Rotary e Palianytsia. L’obiettivo è quello di fornire assistenza in contanti tramite criptovalute attraverso Regugee Crypto Card.

In questo modo i parenti o i conoscenti delle vittime di questa guerra potranno inviare criptovalute alle nuove carte crittografiche e ai portafogli Binance. Ciò permetterà a molti di sostenere economicamente i propri cari.

Aprire un conto su Binance è facile, veloce e gratuito. Una volta ricevuto l’accesso alla piattaforma potrai iniziare a sfruttare tutti i servizi in essa contenuta. Acquistare criptovalute, venderle e detenerle in un wallet non è mai stato così semplice e immediato.

Binance inaugura Refugee Crypto Card per gli sfollati ucraini

Binance ha perciò inaugurato la sua prima carta crittografica solidale. Refugee Crypto Card è la soluzione giusta per chi ha dovuto lasciare l’Ucraina a causa della guerra. Grazie a questo nuovo servizio, messo a disposizione dal principale fornitore mondiale di criptovalute e infrastrutture blockchain, tutti potranno ricevere denaro e pagare in criptovalute presso i rivenditori SEE. Ecco cosa ha dichiarato in merito Helen Hai, Head of Binance Charity:

In un momento così difficile per l’Ucraina, è chiaro che le criptovalute sono utili in quanto offrono un modo rapido, economico e sicuro di trasferire fondi per aiutare le persone con i loro bisogni finanziari urgenti.

Chi ha dovuto lasciare tutto per fuggire da questo terribile conflitto ora ha bisogno di aiuto e di supporto. Ecco perché Refugee Crypto Card si dimostrerà una valida alleata per i rifugiati ucraini che si trovano in qualche Paese d’Europa. Kirill Khomyakov, Direttore Generale di Binance in Ucraina, ha spiegato:

Ad oggi, circa quattro milioni di persone hanno già lasciato l’Ucraina. È nostra responsabilità aiutare le persone che hanno sofferto a causa della guerra e sono state costrette a lasciare le loro case. La Binance Refugee Card consentirà agli ucraini di ottenere aiuto da Binance e altre organizzazioni di beneficenza e, se necessario, di ricevere criptovaluta da qualsiasi altro portafoglio.

Refugee Crypto Card non è riservata solo ai già clienti dell’exchange, ma anche a quelli nuovi, che lo diventeranno in seguito. Si tratta quindi di un vantaggio destinato a tutti coloro che ora si trovano in un Paese straniero lontano da casa per colpa dell’invasione russa.

Aprire un conto crittografico è semplice e veloce. Grazie all’exchange crypto di Binance lo si può fare in totale sicurezza. Inoltre, questa decisione dimostra ancora una volta quanto questa società non sia solo attenta ai profitti, ma anche al benessere dei suoi clienti.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Fonte: Binance
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 27 apr 2022
Link copiato negli appunti