Bitcoin e criptovalute in Austria sono le benvenute

Bitcoin e criptovalute in Austria sono le benvenute

Sembra proprio che l'Austria veda nella tecnologia blockchain un valido alleato ed ecco perché Bitcoin e criptovalute non saranno vincolate.
Sembra proprio che l'Austria veda nella tecnologia blockchain un valido alleato ed ecco perché Bitcoin e criptovalute non saranno vincolate.

Anche l’Austria sta andando nella direzione di Bitcoin e criptovalute. L’idea che questo potenziale possa essere sfruttato dalle aziende senza particolari vincoli sta trovando terreno fertile in questo Paese. Non stupisce quindi che la tecnologia blockchain sia vista come un’opportunità importante e un guadagno da non lasciarsi sfuggire di mano.

Ecco perché l’Austria è così interessata a Bitcoin e criptovalute in generale. Infatti, è già da diverso tempo che sta attuando politiche a favore, ma pur sempre regolamentate. Infatti, proprio in merito alla recente notizia di una nuova apertura, il tutto continua a essere fatto non senza una tassazione sugli asset digitali.

Questo mercato in forte ascesa è capace di portare utili alle casse dello Stato. Perciò, come recita un antico detto popolare, “chi prima arriva meglio alloggia”. Quindi sarà proprio la Camera di Commercio Austriaca ad aiutare le aziende ad avvicinarsi sempre di più al settore crittografico e, quindi, alle criptovalute.

Una notizia del genere non può passare inosservata dagli investitori. Il costante aumento dell’adozione delle criptovalute è un ottimo segno che può far bene alle quotazioni di ogni singolo asset digitale, tra i più diffusi, e ancor più un sostegno al sentiment positivo, importantissimo di questi tempi a causa dei venti di guerra.

Anche tu puoi decidere di investire in Bitcoin o in qualsiasi altra criptovaluta. L’importante è scegliere un exchange crypto sicuro, efficace e immediato che permetta fin da subito di operare in trading. Quello che risponde a queste caratteristiche è Coinbase, uno dei più importanti e famosi al mondo. Non solo offre tantissimi servizi per investire in modo efficace, ma anche dei corsi per rimanere aggiornati o semplicemente conoscere la criptosfera.

L’Austria continua a dire sì a Bitcoin e alle criptovalute

Dall’Austria continuano ad arrivare risposte positive nei confronti di una costante apertura a Bitcoin e alle altre criptovalute. Non solo la Camera di Commercio Austriaca aiuterà le aziende in questo processo di avvicinamento e adozione, ma anche le banche austriache inizieranno a incrementare una sperimentazione in merito all’innovazione fondata sugli asset digitali.

Una spinta necessaria perché dal 1° marzo 2022 Bitcoin e le criptovalute sono soggetti a una tassa importante. Si parla in modo chiaro e preciso del 27,5%. Non è esattamente la percentuale che chi è inserito nel mercato crittografico si aspetterebbe, ma si sa che gli Stati di questi tempi devono fare cassa.

In Francia, ad esempio, la tassazione delle criptovalute è pari al 30%. Valori che potrebbero sembrare alti, ed effettivamente lo sono, ma che se confrontati a una possibile chiusura nei confronti di Bitcoin e altri asset digitali è qualcosa che si può accettare. Infatti, ciò che è importante riguarda l’adozione di questo mercato da parte dell’Austria che non ama ricoprire il ruolo di cacciatore delle streghe.

Una notizia che sta spingendo molti ad approfittare di questo spirito di adozione. Puoi acquistare Bitcoin o altre criptovalute tramite qualsiasi exchange. Il nostro consiglio è quello di aprire un conto gratuito su Coinbase, uno dei migliori disponibili sia per sicurezza, ma anche per servizi offerti che sono davvero unici e vantaggiosi.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 1 apr 2022
Link copiato negli appunti