L'inflazione di Bitcoin è nettamente inferiore a quella del dollaro

L'inflazione di Bitcoin è nettamente inferiore a quella del dollaro

Un dato interessante rivela che l'inflazione di Bitcoin è più di 3 volte inferiore a quella del dollaro, definendola così un ottimo investimento.
Un dato interessante rivela che l'inflazione di Bitcoin è più di 3 volte inferiore a quella del dollaro, definendola così un ottimo investimento.

Non ci sono dubbi, Bitcoin, nonostante la sua quotazione non si sposti dai 46 mila dollari circa, continua a essere un’ottima forma di investimento. Notizia recente, secondo alcuni dati, l’inflazione di Bitcoin è decisamente inferiore a quella del dollaro. Infatti, l’inflazione statunitense ha continuato a salire per tutto il 2021 raggiungendo quota 6,8%, il suo massimo storico dal 1982. Al contrario, l’inflazione della regina delle criptovalute ha raggiunto il suo minimo storico posizionandosi a 1,8%. Un’ottima occasione per investire in criptovalute e Coinbase fa proprio al caso tuo. Si tratta di uno dei siti più semplici per acquistare e vendere criptovaluta creando il tuo portafoglio personale.

Bitcoin vince contro il dollaro

È chiaro quindi che Bitcoin vince nettamente, mostrando un tasso di inflazione 3,7 volte inferiore, stando agli ultimi dati di Coin Metrics, se confrontato con il dollaro. Ma come mai la regina delle crypto sta battendo il dollaro resistendo a questa piaga finanziaria?

Una prima motivazione riguarda il fatto che la criptovaluta viene emessa tramite ricompense di blocco che vengono dimezzate. Infatti, stando al Bitcoin Clock, il prossimo appuntamento è stato programmato per il 27 marzo 2024. Così facendo la crypto rivela la sua capacità protettiva dall’inflazione, una piaga che sta colpendo molti Stati come la Turchia.

Inoltre, dobbiamo ricordare che Bitcoin è stato creato come valuta digitale deflazionistica. In pratica, ha una fornitura totale fissata a 21 milioni di BTC. Diversamente, il dollaro, così come tutte le valute fiat, non hanno un’offerta fissa. La Federal Reserve durante tutto il 2021 è dovuta ricorrere alla stampa per finanziare le contromisure in contenimento al Covid-19. Addirittura, tra gennaio 2020 e novembre 2021, anche la Banca Centrale Europea, la Bank of Japan e la Bank of England hanno aumentato i loro programmi di Quantitative Easing per un totale di 9 trilioni di dollari. Per molti, quindi, stampare denaro significa far crescere il valore di Bitcoin.

Infine, Bitcoin è una delle opzioni migliori proprio perché fortemente indipendente rispetto ai molti rischi politici ed economici associati al dollaro USA. Ottima notizia, l’inflazione della regina delle crypto dovrebbe scendere ulteriormente durante tutto il 2022. Ciò vuol dire che ci troviamo in un momento favorevole per investire in questo asset digitale. Ecco l’occasione giusta per aprire il tuo portafoglio digitale su Coinbase e iniziare così a fare trading di criptovalute in tutta sicurezza.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Fonte: Finbold
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 5 gen 2022
Link copiato negli appunti