BlackBerry schiva gli analisti

Nessuna earning call per dibattere dei risultati finanziari. BlackBerry si prepara a sfornare i numeri della crisi. T-Mobile vuol liberare i propri inventari dai prodotti della canadese. Solo Fairfax mostra fiducia

Roma – BlackBerry non affronterà gli analisti nella tradizionale earning call prevista per il 27 settembre per discutere i risultati finanziari del trimestre: l’azienda canadese, sull’orlo di un buyout da parte della finanziaria connazionale Fairfax Financial Holdings, discuterà della situazione in cui versa non prima della prossima settimana, in parallelo alla pubblicazione ufficiale della trimestrale.

Il comunicato di BlackBerry attribuisce il cambio di programma proprio all’operazione in corso con Fairfax. Ma il momento in cui l’azienda scoprirà le proprie carte non sarà un momento di entusiasmi: l’azienda, nei giorni scorsi, ha ufficializzato un piano di ristrutturazione che prevede il taglio di 4.500 posti di lavoro, un ridimensionamento della linea dei propri prodotti, un cambio di strategia necessario per un’azienda che si prepara ad dichiarare, per il secondo trimestre del 2013, perdite che sfiorano il miliardo di dollari.

Ultimo segnale della situazione in cui versa BlackBerry, l’ annuncio diramato da T-Mobile, quarto operatore mobile statunitense: il carrier smetterà di riempire i propri magazzini con i prodotti BlackBerry, passando ad un modello di business che prevede di contare sulle ordinazioni, così da soddisfare i desideri degli utenti senza sobbarcarsi il carico del potenziale invenduto . “L’utente continuerà a vedere il telefono sugli scaffali – spiega T-Mobile – Se non fosse disponibile nell’inventario, il dispositivo potrà essere ordinato”.

L’ottimismo non sembra dunque regnare sotto i cieli di Waterloo: il titolo scende inesorabilmente, fino a raggiungere sul NASDAQ un valore di 8,01 dollari, praticamente un dollaro in meno rispetto alla valutazione di Fairfax.

Ma è proprio la finanziaria canadese a rinnovare la propria fiducia nell’operazione, e nel suo buon esito. Senza alcuna rinegoziazione dell’accordo: “Abbiamo ragionato a lungo e intensamente prima di offrire 9 dollari ad azione – ha dichiarato il CEO di Fairfax Prem Watsa – e non siamo certo intenzionati ad offrire una quota e a cambiare piano all’ultimo momento”.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iRoby scrive:
    Arginare M$
    Se si toglie a M$ il mercato del PC ludico, le resterà solo il desktop pro. Perché i tablet stanno erodendo il mondo dei PC casalinghi e dei laptop usati solo per fruizione di contenuti.Linux (in tutte le sue incarnazioni) e iOS ormai la stanno spingendo all'angolo...Più le si riduce il mercato minori saranno gli introiti. E se non si ristruttura e spera di mungere ulteriormente i settori dove ha un monopolio inizieremo a vedere numerose campagne come quelle in Trentino e Baviera.Oggi M$ nella memoria collettiva è sinonimo di strumento da lavoro mediocre ma obbligato, e di pratiche fraudolente e anti-concorrenziali.E se già San Paolo considerava il lavoro "uno spiacevole sudore della fronte", doverlo fare con strumenti mediocri, è una doppia dannazione...
  • Phronesis scrive:
    Se fossi fatalista
    Salve.legevo adesso questohttp://www.tomshw.it/cont/news/microsoft-studia-steamos-altro-che-morte-delle-console/49506/1.htmlSe fossi fatalista direi che la steambox sarà un sucXXXXX.;)Ho letto altri commenti in questa pagina sulle differenze hw.Onestamente io credo che non inquadrate bene il piano di valve se considerate la possibilità dei costruttori di fare una steambox.Dubito che la faccia la toshiba o la sony (la acer sarebbe pazza abbastanza) la farà gente come dell (alienware) asus (rog) evga e compagnia, CM magari.se avete letto articoli su le nuove proposte amd... pensate alle api introdotte nelle nuove GPU.Vogliono semplicemente staccarsi da MS o meglio da DX o meglio XBOX la valve gli offre su di un piatto la parte software e specifiche hw.Android/nexusimho
    • collione scrive:
      Re: Se fossi fatalista
      - Scritto da: Phronesis
      Onestamente io credo che non inquadrate bene il
      piano di valve se considerate la possibilità dei
      costruttori di fare una
      steambox.concordoil bello è che basta guardare al passato per scoprire che ms si è imposto nel mondo pc grazie a quel modello, android idem nel mondo mobile, valve vuole fare lo stesso ma con l'hardware e nel mondo dei videogames

      Dubito che la faccia la toshiba o la sony (la
      acer sarebbe pazza abbastanza) la farà gente come
      dell (alienware) asus (rog) evga e compagnia, CM
      magari.considerando che l'hanno considerato e ( alcuni ) c'hanno pure provato, adesso avranno un incentivo in più per non tirarsi indietrose si considera che il pc tradizionale andrà a morire, il gaming resterà una delle poche nicchie ancora sfruttabili

      se avete letto articoli su le nuove proposte
      amd... pensate alle api introdotte nelle nuove
      GPU.
      amd mi sta impressionando ultimamente, a partire dalle partnership per la fornitura dei chip per ps4 e xbox one, a finire con la nuova api hsail e alla fusione tra x86 e arm
      Vogliono semplicemente staccarsi da MS o meglio
      da DX o meglio XBOX la valve gli offre su di un
      piatto la parte software e specifiche
      hw.

      Android/nexus

      imhodirei che l'imho puoi toglierlo, visto quello che sta succedendo in questo periodohttp://www.phoronix.com/scan.php?page=news_item&px=MTQ3MTchttp://www.phoronix.com/scan.php?page=news_item&px=MTQ3MTYhttp://www.phoronix.com/scan.php?page=news_item&px=MTQ3MDUsarà un caso? penso proprio di no
  • nomeecognom e scrive:
    mi ritorna in mente
    Il fatto che l'hardware venga prodotto in diversi formati da diversi produttori mi ricorda un flop del passato: il 3DO
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: mi ritorna in mente
      - Scritto da: nomeecognom e
      Il fatto che l'hardware venga prodotto in diversi
      formati da diversi produttori mi ricorda un flop
      del passato: il
      3DOParli dei primi anni '90. Altro mondo. Non c'era neanche l'Internet a livello consumer che c'è oggi. Il mercato dei videogiochi non era importante come oggi.Devi vederlo invece come una specie di Android.
      • Sg@bbio scrive:
        Re: mi ritorna in mente
        No, aspettate: Il 3do puntata nel diventare uno stantard condiviso per i videogiochi, un pò come succede per i film e musica, che hanno il loro formato fisico stantard, la cosa non andò a buon fine come tutti sappiamo.Valve vuole fare una cosa diversa, poi se fanno console con HW diverso, la cosa mi lascia un tantino perplesso.
    • vuoto scrive:
      Re: mi ritorna in mente
      - Scritto da: nomeecognom e
      Il fatto che l'hardware venga prodotto in diversi
      formati da diversi produttori mi ricorda un flop
      del passato: il
      3DOA me ricorda il PC...
      • Be&O scrive:
        Re: mi ritorna in mente
        ...a me ricorda la scheda 3DO per PC.......CDRom dedicato..... in pratica un 3DO su scheda PCI ! (rotfl)E neppure il 3D0 M2....andò meglio (3DO Mark2)......non uscì neppure dagli scaffali, pur avendolo completato.
  • Onnnnnsssks ksksksksk scrive:
    Origin
    Ma Origin e Desura e Uplay saranno compatibili cos' come Fraps,Mirillis,PlayClaw ecc...?
    • sbrotfl scrive:
      Re: Origin
      - Scritto da: Onnnnnsssks ksksksksk
      Ma Origin e Desura e Uplay saranno compatibili
      cos' come Fraps,Mirillis,PlayClaw
      ecc...?Si certo, vuoi che un OS progettato per Steam non faccia girare i softwware concorrenti?[IRONIA MODE=OFF]
      • Stefano Lavori scrive:
        Re: Origin
        - Scritto da: sbrotfl
        Si certo, vuoi che un OS progettato per Steam non
        faccia girare i softwware
        concorrenti?
        [IRONIA MODE=OFF]I giochi per Origin e UPlay attirano molti clienti e non averli su SteamOS è uno svantaggio per Valve.In ogni caso non dipende tanto da Valve, quanto da EA e Ubisoft la "voglia" di scriversi il loro <s
        DRM </s
        client per Linux
      • Sg@bbio scrive:
        Re: Origin
        Ma ha nominato degli screen recoder.
    • Funz scrive:
      Re: Origin
      - Scritto da: Onnnnnsssks ksksksksk
      Ma Origin e Desura e Uplay saranno compatibili
      cos' come Fraps,Mirillis,PlayClaw
      ecc...?Se EA e compagnia decideranno di fare una versione per Linux dei loro client e dei giochi, si.
  • Capitan Ovvio scrive:
    ...
    "Ma la Steam Box non sarà una sola: ce ne saranno parecchie con diverse caratteristiche e formati, su misura delle esigenze di diverse categorie di utenti,"inb4shitstormValve, XXXXXboia...poi ci lamentiamo quando i titoli più importanti escono prima su console e solo dopo mesi di ritardo, e con l'interfaccia utente e i controlli più o meno castrati, anche su PC.E sì che dovrebbero saperlo, dato che una fetta enorme dei giochi commerciali è distribuita su Steam.
    • nome scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: Capitan Ovvio
      "Ma la Steam Box non sarà una sola: ce ne saranno
      parecchie con diverse caratteristiche e formati,
      su misura delle esigenze di diverse categorie di
      utenti,"

      inb4shitstorm

      Valve, XXXXXboia...poi ci lamentiamo quando i
      titoli più importanti escono prima su console e
      solo dopo mesi di ritardo, e con l'interfaccia
      utente e i controlli più o meno castrati, anche
      su
      PC.

      E sì che dovrebbero saperlo, dato che una fetta
      enorme dei giochi commerciali è distribuita su
      Steam.l'avere specifiche ferree per la costruzione di una steambox dovrebbe risolvere il problema della compaitibilità hardware a cui accenni.Il problema è che la compatibilità hardware è da molto tempo una scusa usata per sfasare le uscite dei videogiochi sulle varie piattaforme; pare infatti che i giochi guadagnino di più se escono in questo modo.I motivi sono 2, innaizitutto un gioco di poco sucXXXXX su console può essere riveduto e corretto su PC oppure abbandonato, in questo modo la casa cerca o di migliorare le vendite o evitare costi di sviluppo.In secondo luogo, anche se sembra incredibile, c'è chi compra uno stesso gioco su più piattaforme!! Complici anche le feature un pochino diverse: DLC, grafica rifatta, modalità di gioco nuove...
      • Capitan Ovvio scrive:
        Re: ...
        - Scritto da: nome
        - Scritto da: Capitan Ovvio

        "Ma la Steam Box non sarà una sola: ce ne
        saranno

        parecchie con diverse caratteristiche e formati,

        su misura delle esigenze di diverse categorie di

        utenti,"



        inb4shitstorm



        Valve, XXXXXboia...poi ci lamentiamo quando i

        titoli più importanti escono prima su console e

        solo dopo mesi di ritardo, e con l'interfaccia

        utente e i controlli più o meno castrati, anche

        su

        PC.



        E sì che dovrebbero saperlo, dato che una fetta

        enorme dei giochi commerciali è distribuita su

        Steam.

        l'avere specifiche ferree per la costruzione di
        una steambox dovrebbe risolvere il problema della
        compaitibilità hardware a cui
        accenni.
        Il problema è che la compatibilità hardware è da
        molto tempo una scusa usata per sfasare le uscite
        dei videogiochi sulle varie piattaforme; pare
        infatti che i giochi guadagnino di più se escono
        in questo
        modo.
        I motivi sono 2, innaizitutto un gioco di poco
        sucXXXXX su console può essere riveduto e
        corretto su PC oppure abbandonato, in questo modo
        la casa cerca o di migliorare le vendite o
        evitare costi di
        sviluppo.
        In secondo luogo, anche se sembra incredibile,
        c'è chi compra uno stesso gioco su più
        piattaforme!! Complici anche le feature un
        pochino diverse: DLC, grafica rifatta, modalità
        di gioco
        nuove...Aggiungerei anche: il supporto ai mod utente.Quello che non mi piace, specifiche ferree o meno, è l'ambiguità del discorso "diverse caratteristiche e formati, su misura delle esigenze di diverse categorie di utenti". Chi compra un prodotto del genere (o chi compra una console, più in generale), di norma, ha una esigenza sola: Installo un gioco -
        pigio un tasto -
        il gioco parte -
        <s
        XXXXXmaiala un giga di patch al primo giorno </s
        il gioco gira bene. Frammentare le specifiche, per quanto rigide, lo vedo come un controsenso, perché si finirebbe in linea di massima per avere sugli stessi scaffali le Steambox-ninja, le PlaySteambox (diciamo, quelle al passo con la generazione corrente di console) e le Steambox-Ouya (chiamiamole così, quelle con prestazioni ridotte che però fanno girare in maniera più che adeguata il catalogo indipendente/casual - che poi oggi è una fetta non indifferente del mercato e di solito hanno anche loro funzionalità aggiuntive da set-top box).Questo approccio non mi piace perché secondo me genera confusione in chi deve scegliere l'accoppiata scatolotto+giochi coi requisiti adatti. E se un cliente è confuso di solito non compra, o compra altro. Tutto qui.
        • Be&O scrive:
          Re: ...
          Giocandosela bene, l'unica differenza starebbe nei frame e nella risoluzione.Steam Box con potenza cellulare HDReady 30fps (99$) (Stereo)Steam Box con potenza Console FullHD 60fps / 30fps 3D (200$) (Dolby)Steam Box Ninja con 4K tutto a 60fps (1000$) (Dolbi Digital ecc...)L'hardware compatibile a livello di codice e si scala la grafica vettoriale, non richiederebbe "Macchine Dedicate" le api si usal'OpenGL con parte dedicata.
  • unaDuraLezione scrive:
    Lo stesso concetto di...
    contenuto non disponibile
    • Stefano Lavori scrive:
      Re: Lo stesso concetto di...
      - Scritto da: unaDuraLezione
      Apple Pippin! :|

      Ma non tiriamola troppo a Valve, i tempi sono
      diversi, e soprattutto si parte da un parco
      titoli che il non solo Pippin, ma nessun prodotto
      nuovo s'è mai sognato di
      avere.Non mi pare che ci siano quei titolini che girano su Linux.
      • Stefano Lavori scrive:
        Re: Lo stesso concetto di...
        - Scritto da: Stefano Lavori
        Non mi pare che ci siano quei <s
        titolini </s
        <b
        Titoloni </b
        che girano
        su
        Linux.(rotfl)
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Lo stesso concetto di...
        contenuto non disponibile
        • sbrotfl scrive:
          Re: Lo stesso concetto di...
          - Scritto da: unaDuraLezione
          - Scritto da: Stefano Lavori


          Non mi pare che ci siano quei titolini che
          girano

          su

          Linux.

          Al 100% Valve ha un cappello magico dentro il
          quale c'è aggeggio per far girare tutti i giuochi
          di Steam su qualsiasi
          SteamBox.
          Diversamente sarebbe fail già in partenza.Si, se non sbaglio aggiungera' dei moduli a wine. Pero' non ho documentazione a supporto (l'avevo letto in uqalche forum). Chi vivrà, vedrà :D
          • nome scrive:
            Re: Lo stesso concetto di...
            - Scritto da: sbrotfl
            - Scritto da: unaDuraLezione

            - Scritto da: Stefano Lavori




            Non mi pare che ci siano quei titolini
            che

            girano


            su


            Linux.



            Al 100% Valve ha un cappello magico dentro il

            quale c'è aggeggio per far girare tutti i
            giuochi

            di Steam su qualsiasi

            SteamBox.

            Diversamente sarebbe fail già in partenza.

            Si, se non sbaglio aggiungera' dei moduli a wine.
            Pero' non ho documentazione a supporto (l'avevo
            letto in uqalche forum). Chi vivrà, vedrà
            :DDovrebbe essere uno streaming dal proprio comuputer verso la steambox. Quindi conterà sempre l'Hardware del PC.
      • bubba scrive:
        Re: Lo stesso concetto di...
        - Scritto da: Stefano Lavori
        - Scritto da: unaDuraLezione

        Apple Pippin! :|



        Ma non tiriamola troppo a Valve, i tempi sono

        diversi, e soprattutto si parte da un parco

        titoli che il non solo Pippin, ma nessun
        prodotto

        nuovo s'è mai sognato di

        avere.
        Non mi pare che ci siano quei titolini che girano
        su
        Linux.l'esistenza di questo http://store.steampowered.com/browse/linux/?snr=1_230_linux__12 e del Steam linux client da febbraio 2013 farebbe pensare diversamente.Poi io gioco solo col mame o uae ... :P (quindi non me ne intendo)
        • Capitan Ovvio scrive:
          Re: Lo stesso concetto di...
          - Scritto da: bubba
          - Scritto da: Stefano Lavori

          - Scritto da: unaDuraLezione


          Apple Pippin! :|





          Ma non tiriamola troppo a Valve, i tempi
          sono


          diversi, e soprattutto si parte da un parco


          titoli che il non solo Pippin, ma nessun

          prodotto


          nuovo s'è mai sognato di


          avere.

          Non mi pare che ci siano quei titolini che
          girano

          su

          Linux.
          l'esistenza di questo
          http://store.steampowered.com/browse/linux/?snr=1_Dai, adesso guardiamoci in faccia, se non avesse il merito indiscutibile di aver fatto da collettore di tutto il sottobosco di giochi indipendenti, che altrimenti uno si dovrebbe andare a cercare e installare a manuccia, Steam per Linux ha un catalogo ancora più desolante di quello per OS X.
          • Avenger scrive:
            Re: Lo stesso concetto di...
            - Scritto da: Capitan Ovvio

            Dai, adesso guardiamoci in faccia, se non avesse
            il merito indiscutibile di aver fatto da
            collettore di tutto il sottobosco di giochi
            indipendenti, che altrimenti uno si dovrebbe
            andare a cercare e installare a manuccia, Steam
            per Linux ha un catalogo ancora più desolante di
            quello per OS
            X.Con la sottile differenza che Steam non produce OSX, non produce Windows, mentre produrrà Steam Machine. Aggiungi il fatto che il catalogo a disposizione delle Steam Machine sarà quello completo di TUTTI i giochi in catalogo, dato che i titoli non nativi saranno comunque disponibili in streaming.
          • Capitan Ovvio scrive:
            Re: Lo stesso concetto di...
            - Scritto da: Avenger
            Aggiungi il fatto che il catalogo a
            disposizione delle Steam Machine sarà quello
            completo di TUTTI i giochi in catalogo, dato che
            i titoli non nativi saranno comunque disponibili
            in
            streaming.Questa per esempio può essere una novità interessante; confermata o sono ancora voci di corridoio?
          • Capitan Ovvio scrive:
            Re: Lo stesso concetto di...
            - Scritto da: Capitan Ovvio
            - Scritto da: Avenger

            Aggiungi il fatto che il catalogo a

            disposizione delle Steam Machine sarà quello

            completo di TUTTI i giochi in catalogo, dato
            che

            i titoli non nativi saranno comunque
            disponibili

            in

            streaming.

            Questa per esempio può essere una novità
            interessante; confermata o sono ancora voci di
            corridoio?Mi rispondo da solo, pare sia un annuncio ufficiale. L'idea in sé è davvero interessante, sono curioso di vedere come verrà implementata perché nonostante tutto continuo ad avere i seguenti dubbi:- per godere appieno del catalogo di Steambox quindi servirà anche un PC adeguato E una connettività LAN adeguata?- i giochi in streaming saranno versioni con i controlli semplificati, o richiederanno, tipicamente, tastiera e mouse per essere giocati al meglio?- i tempi di risposta saranno accettabili? FPS a parte ci sono un sacco di altri giochi per i quali servono coordinazione e riflessi decenti.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Lo stesso concetto di...
            contenuto non disponibile
          • panda rossa scrive:
            Re: Lo stesso concetto di...
            - Scritto da: unaDuraLezione
            Io rimango purista di mouse e tastiera, ma prima
            o poi quelli come me si
            estingueranno.Io la mia parte l'ho fatta.Ho tramandato l'uso di mouse e tastiera ai miei figli e proprio l'altra sera mia figlia ha completato un livello che io non ero mai riuscito a finire.L'estinzione di mouse e tastiera e' stata tramandata ad una nuova generazione. L'estinzione non la vedremo ancora.
            praticamente tutti i giochi, anche i più stupidi
            sono basati sul
            tempismo.No, dai... ci sono gli strategici a turni.
          • Stefano Lavori scrive:
            Re: Lo stesso concetto di...
            - Scritto da: unaDuraLezione
            a meno che non facciano miracoli, sì: tieni il Pc
            in sgabuzzino (vabbè in studio, se no non lo usi
            per altro) e il resto (joypad + apperecchietto
            con steambox client) dove c'è il
            televisore.Quindi si andrebbero a spendere tanti soldi per una Steam Machine praticamente inutile
          • nome e cognome scrive:
            Re: Lo stesso concetto di...

            i titoli non nativi saranno comunque disponibili
            in
            streaming.Caspita, giocare in streaming ad un eventuale GTA V deve essere una veraXXXXXta.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Lo stesso concetto di...
            contenuto non disponibile
          • nome e cognome scrive:
            Re: Lo stesso concetto di...

            dipende da com'è fatto:
            qui c'è un video di streaming fra console fissa e
            console portatile e, per quel poco che si può
            vedere, non sembra da
            buttare:Mi sembra una cosa un po' diversa, il gioco gira sulla console e il video viene mandato in streaming. Una cosa un po' diversa dal dire "il gioco non sarà disponibile nativo ma lo sarà in streaming".E comunque il tizio dice che la risoluzione della TV "non è alta come dovrebbe essere ma ok".
    • Be&O scrive:
      Re: Lo stesso concetto di...
      Pippin aveva il nome che per noi occidentali non gustava molto (rotfl)
Chiudi i commenti