Il CEO di Coinbase vende parte delle sue azioni: cosa c'è dietro?

Il CEO di Coinbase vende parte delle sue azioni: cosa c'è dietro?

Notizia delle ultime 24 ore il CEO di Coinbase, Brian Armstrong, ha annunciato di aver venduto parte delle sue azioni: scopriamo il motivo.
Notizia delle ultime 24 ore il CEO di Coinbase, Brian Armstrong, ha annunciato di aver venduto parte delle sue azioni: scopriamo il motivo.

A molti è iniziato a battere il cuore velocemente quando hanno appreso che il CEO di Coinbase ha deciso di vendere parte delle sue azioni. Nelle ultime 24 ore sembra essere successo il finimondo. Forse la sua intenzione è quella di abbandonare pian piano la guida dell’exchange?

In pieno inverno crittografico la risposta a questa domanda è più fondamentale di quanto si possa immaginare. Ogni notizia potrebbe creare scompiglio nel mercato della criptosfera, soprattutto se stiamo parlando dello scambio crypto più importante e diffuso al mondo e che conta milioni di utenti attivi. In un tweet pubblicato il 15 ottobre, Armstrong ha rivelato:

Sono appassionato nell’accelerare la scienza e la tecnologia per aiutare a risolvere alcune delle più grandi sfide del mondo. Per favorire questo, ho intenzione di vendere circa il 2% delle mie partecipazioni in Coinbase il prossimo anno per finanziare la ricerca scientifica e società come NewLimit e ResearchHub.

Cosa c’è dietro la decisione di Brian Armstrong nel vendere il 2% delle sue azioni di Coinbase? La motivazione tranquillizzerà tutti, mettendo pace nei sentimenti accesi e preoccupati di molti in vista di un possibile nuovo futuro per la piattaforma. Scopriamo quindi qual è la motivazione a questa scelta che sembra essere un fulmine a ciel sereno.

Coinbase: cosa c’è dietro la scelta di Brian Armstrong

Ora è arrivato il momento di rivelare cosa c’è dietro la decisione di Brian Armstrong nel vendere parte delle sue azioni di Coinbase del quale è CEO. Iniziamo col rassicurare tutti che si tratta del 2% della sua partecipazione e che continuerà quindi a detenere un 16%. Ecco cosa ha dichiarato Armstrong in risposta alle preoccupazioni nate dalla sua scelta:

Per evitare malintesi, dirò che ho intenzione di continuare a essere il CEO di Coinbase per molto tempo e rimanere ottimista sul futuro del settore. Sono completamente dedito alla crescita del business e al progresso della nostra missione, ma sono anche felice di contribuire in altri modi.

Pur continuando a controllare il 59,5% del potere di voto nei processi decisionali della società, Armstrong ha deciso di investire parte delle sue azioni in altri progetti che attualmente ritiene più urgenti. In altre parole finanzierà la ricerca scientifica di società come NewLimit e ResearchHub, da lui fondate.

L’idea di diversificare gli investimenti anche di Coinbase stesso fornisce una tranquillità maggiore agli utenti che hanno un conto aperto sulla piattaforma. Dato che la recessione del mercato – secondo Armstrong – non finirà presto, soluzioni di questo tipo permetteranno boccate di ossigeno.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 17 ott 2022
Link copiato negli appunti