I chip di Intel a 7 nm arriveranno nel 2021

Pubblicata la roadmap dei chip Intel in arrivo nel corso dei prossimi anni: la produzione di quelli a 7 nm non prenderà il via prima del 2021.

È l’incontro dei vertici Intel con gli investitori a svelare la roadmap del gruppo per i prossimi anni. Nonostante le difficoltà fin qui incontrate nell’avvio della produzione dei chip a 10 nm, il chipmaker mette nero su bianco l’intenzione di accelerare e di accorciare i tempi, anche per rispondere alle mosse di una concorrenza che di certo non sta a guardare, accogliendo inoltre nuovi player.

La roadmap dei chip Intel

Sul palco dell’evento anche il nuovo CEO Bob Swan. La produzione in scala delle componenti a 10 nm prenderà il via quest’anno, con i primi hardware disponibili in commercio entro la fine del 2019. Toccherà poi alla tecnologia 10+ nel 2020, per arrivare successivamente nel 2021 a compiere un nuovo salto generazionale coerente con quanto previsto dalla legge di Moore, questa volta verso i 7 nm (basandosi sulla litografia Extreme Ultraviolet) che saranno affiancati dal processo produttivo a 10++. Più sul lungo periodo anche l’introduzione di 7+ e 7++, replicando gli step di un percorso già visto negli anni scorsi con i 14 nm.

La roadmap di Intel per i chip, da qui al 2023

Sotto la nuova guida di Swan, il chipmaker sembra aver cambiato almeno parzialmente approccio e visione. Sebbene continueremo a vedere PC e prodotti accompagnati dall’etichetta “Intel Inside”, l’azienda pare aver acquisito la consapevolezza dell’esigenza di guardare a un mercato più ampio e di rafforzare la propria posizione in segmenti dove oggi è meno presente o del tutto assente. Insomma, andrà progressivamente investendo sempre più competenze e risorse non solo sulle CPU, ma anche su GPU (già confermata per il 2020 la prima scheda video dedicata), dispositivi FPGA e (forse) modem per i network 5G.

I 10 nm di Intel

In merito a quest’ultima tipologia di prodotti, Intel ha già confermato l’intenzione di non produrre componenti per il 5G da integrare in smartphone o altri dispositivi mobile, rimanendo però (almeno ufficialmente) concentrata sul valutare le opportunità legate a quelli da destinare a PC e apparecchiature per la Internet of Things.

Dall’incontro arriva inoltre la conferma che l’azienda non metterà sul piatto ulteriori investimenti finalizzati allo sviluppo memorie NAND, preferendo percorrere la strada delle partnership come già fatto in passato con Micron Technology per la realizzazione dei chip 3D XPoint che ha portato al debutto delle unità Optane.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Fonte: Intel
Chiudi i commenti