Cina, filtri rimandati

Sospeso a tempo indeterminato l'avvento del filtro Green Dam. In attesa di capire se la Grande Muraglia Digitale si alzerà di un altro metro

Roma – Era tutto pronto per Green Dam . Ogni passo era stato calcolato con cura certosina ma il giorno stesso del suo arrivo sui computer cinesi il governo di Pechino ha deciso di posticipare il tutto senza indicare una data precisa. L’agenzia di stampa nazionale Xinhuanet ha riferito che l’installazione sarebbe stata rimandata a causa delle difficoltà incontrate da alcuni produttori nell’equipaggiare i propri computer con il software.

La notizia ha fatto tirare un sospiro di sollievo a centinaia di milioni di utenti cinesi, e non solo , creando invece panico e ansia in chi, dalla ex-Città Proibita, teme sempre di più la potenza Rete, pericoloso veicolo di informazioni sconvenienti per gli oligarchi d’oriente. Alla luce dei fatti iraniani , dove Internet agisce da protagonista nel veicolare il lamento del popolo al di fuori dei confini nazionali, è lecito aspettarsi che uno stato notoriamente incline alla censura voglia cautelarsi contro il pericolo Web.

Internet in Cina rischia ormai di diventare uno specchio tipico delle stanze da interrogatorio viste in innumerevoli film polizeschi: chi è dentro non vede ciò che è fuori, mentre dall’esterno si vede e si sente ogni cosa. Il tutto per tenere sotto controllo i cittadini della rete cinese, mettendo sotto torchio ed imprigionando chi tradisce la rivoluzione, come ad esempio i blogger dissidenti.

Se ne era avuto un assaggio durante le Olimpiadi dello scorso anno, quando decine di giornalisti sportivi, recatisi in Cina per documentare l’evento, avevano protestato a causa delle difficoltà di navigazione causate dall’enorme filtraggio del Web applicato da Pechino. Molti siti non graditi risultavano irraggiungibili e l’eco di questa notizia aveva generato scalpore sufficiente a convincere il governo cinese ad arretrare, almeno temporaneamente.

La tregua olimpica si era esaurita subito dopo la conclusione dell’evento sportivo, riattivando da subito le consuetudini censorie interrotte, fino ad arrivare all’introduzione di Green Dam per tutelare la navigazione dei giovani virgulti cinesi. Secondo alcuni però il nuovo filtro non si sarebbe limitato a nascondere contenuti a luci rosse, celando ai netizen cinesi le fonti di informazioni estere.

Non è chiaro se il ritardo del lancio di Green Dam sia dovuto alle pressioni internazionali o se si tratti invece di una velina diffusa dall’esecutivo per distogliere l’attenzione dei media occidentali dalle questioni interne del paese. Non spiegherebbe come mai la Sony abbia già annunciato di aver equipaggiato con il filtro anti-porno tutti i suoi Vaio destinati al mercato cinese.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Peppe scrive:
    Re: solite ca**te
    Per quanto ne so RIAA & co. l'ha spuntata solo 2 volte finora, per il resto ha solo preso vigorose mazzate, altrimenti perche' ha dovuto sponsorizzare politici per far XXXXXte tipo HADOPI??Il punto non e' "e' legale o illegale scaricare", ma e' "si guadagna di piu' con il prodotto principale (musica) o con quelli collaterali (concerti, mechandising, ecc)??"Se gli illustri dinosauri si rifiutano di capirlo si estingueranno. Tanto piacere, nessuno piagera' la loro scomparsa, anzi!
  • nononloso scrive:
    Re: una nota su usenet e Usenet
    Shhhhhhhht, silenzio USENET non esiste più! Una volta c'erano i gruppi binari ma sono anni che non esistono più. USENET è morta e non c'è più niente da scaricare. RIAA, SIEAE e Mazza è meglio che non perdano tempo con spettri del passato e si concentrino sui siti ueb.
  • Burp scrive:
    Sono contento
    Siti di XXXXX come questi sono quelli che dal momento della loro nascita hanno messo USENET in pericolo.Che crepino.
  • ragaraga scrive:
    si vabbè
    ma a fare titoli così basta qualunque genio...la pubblicità arranca?
  • taccuino corto scrive:
    solite ca**te
    chiudi 1 apri 2
    • MegaJock scrive:
      Re: solite ca**te
      - Scritto da: taccuino corto
      chiudi 1 apri 2Continuare a ripeterlo come un mantra non è che lo faccia accadere.
    • smemobox scrive:
      Re: solite ca**te
      - Scritto da: taccuino corto
      chiudi 1 apri 2E' il precedente che conta, cara la mia lince del Titicaca.
      • Guybrush scrive:
        Re: solite ca**te
        - Scritto da: smemobox
        - Scritto da: taccuino corto

        chiudi 1 apri 2


        E' il precedente che conta, cara la mia lince del
        Titicaca.Be' vedi, il guaio e' che chiudi 1 e rompi i OO a 1.000.000 di potenziali acquirenti che vedono in te quello che gli ha letteralmente chiuso la festa in faccia.Non so te, ma se io sto ad una festa e poi vieni te (in senso metaforico, s'intende) che, ai miei occhi, sei un egregio signor nessuno, e mi butti fuori con la forza dicendomi: da domani se vuoi sentire la musica, vedere un film, leggere qualsiasi cosa devi per forza comprare tutto nel mio negozio......ecco, io eviterei il tuo negozio manco c'havesse la peste bubbonica.Invece nella logica di RIAA e soci, se viene chiuso un sito con 1.000.000 di utenti "che ascoltano a sbafo", questi ultimi si trasferiscono magicamente su siti "legali".Direi che c'e' un piccolissimo errore di fondo.IMHO eh?-- GT
        • smemobox scrive:
          Re: solite ca**te


          Invece nella logica di RIAA e soci, se viene
          chiuso un sito con 1.000.000 di utenti "che
          ascoltano a sbafo", questi ultimi si
          trasferiscono magicamente su siti
          "legali".Io dico che la RIAA, forte di queste particolari vincite in aula (assieme anche ad altre illustri vittorie) cerca solo di fornire le basi giuridiche per chiamare in giudizio i sucXXXXXri o usarli come deterrente per potenziali.
  • z f k scrive:
    Re: una nota su usenet e Usenet
    - Scritto da: fred
    in questo caso Usenet e' la societa' che permette
    l'acXXXXX alla rete usenet, che pero' e' globale
    (usenet) ed supportata da vari provider definitiA parte che dovrebbe essere USENET, tutto maiuscolo...Ma immagino che con l'uso anche questi termini cambiano.CYA
  • anonimo scrive:
    Re: una nota su usenet e Usenet
    - Scritto da: fred
    in questo caso Usenet e' la societa' che permette
    l'acXXXXX alla rete usenet,Infatti la società si chiama Usenet.com, questo ha come nome nella ragione sociale. Non Usenet e basta. Ma per fare il titolo era più bello sicuramente. Così uno legge e pensa che D'Itri dovrà vendere l'elicottoero nero.
    • Sappo Manno scrive:
      Re: una nota su usenet e Usenet

      Così uno legge e pensa che D'Itri
      dovrà vendere l'elicottoero
      nero.LOL
      • Categorico scrive:
        Re: una nota su usenet e Usenet
        - Scritto da: Sappo Manno

        Così uno legge e pensa che D'Itri

        dovrà vendere l'elicottoero

        nero.

        LOL Mia l'ascia di Thorin!!! :-P
  • Nome e cognome scrive:
    Re: una nota su usenet e Usenet

    leggete gli
    articoli in proposito perche' sono realmente
    confusionari.ctrl+c ctrl+v
  • fred scrive:
    una nota su usenet e Usenet
    in questo caso Usenet e' la societa' che permette l'acXXXXX alla rete usenet, che pero' e' globale (usenet) ed supportata da vari provider definiti anche premium server;secondo le discussioni che vedo in rete infatti sembra che venga colpita essenzialmente la societa' Usenet per il suo comportamento ma non l'utilizzo della rete usenet, per cui si suppone che questa resti fuori della causa di cui si parla nell'articolo.fate attenzioni ai due nomi quando leggete gli articoli in proposito perche' sono realmente confusionari.
Chiudi i commenti