Cina, filtri rimandati

Sospeso a tempo indeterminato l'avvento del filtro Green Dam. In attesa di capire se la Grande Muraglia Digitale si alzerà di un altro metro
Sospeso a tempo indeterminato l'avvento del filtro Green Dam. In attesa di capire se la Grande Muraglia Digitale si alzerà di un altro metro

Era tutto pronto per Green Dam . Ogni passo era stato calcolato con cura certosina ma il giorno stesso del suo arrivo sui computer cinesi il governo di Pechino ha deciso di posticipare il tutto senza indicare una data precisa. L’agenzia di stampa nazionale Xinhuanet ha riferito che l’installazione sarebbe stata rimandata a causa delle difficoltà incontrate da alcuni produttori nell’equipaggiare i propri computer con il software.

La notizia ha fatto tirare un sospiro di sollievo a centinaia di milioni di utenti cinesi, e non solo , creando invece panico e ansia in chi, dalla ex-Città Proibita, teme sempre di più la potenza Rete, pericoloso veicolo di informazioni sconvenienti per gli oligarchi d’oriente. Alla luce dei fatti iraniani , dove Internet agisce da protagonista nel veicolare il lamento del popolo al di fuori dei confini nazionali, è lecito aspettarsi che uno stato notoriamente incline alla censura voglia cautelarsi contro il pericolo Web.

Internet in Cina rischia ormai di diventare uno specchio tipico delle stanze da interrogatorio viste in innumerevoli film polizeschi: chi è dentro non vede ciò che è fuori, mentre dall’esterno si vede e si sente ogni cosa. Il tutto per tenere sotto controllo i cittadini della rete cinese, mettendo sotto torchio ed imprigionando chi tradisce la rivoluzione, come ad esempio i blogger dissidenti.

Se ne era avuto un assaggio durante le Olimpiadi dello scorso anno, quando decine di giornalisti sportivi, recatisi in Cina per documentare l’evento, avevano protestato a causa delle difficoltà di navigazione causate dall’enorme filtraggio del Web applicato da Pechino. Molti siti non graditi risultavano irraggiungibili e l’eco di questa notizia aveva generato scalpore sufficiente a convincere il governo cinese ad arretrare, almeno temporaneamente.

La tregua olimpica si era esaurita subito dopo la conclusione dell’evento sportivo, riattivando da subito le consuetudini censorie interrotte, fino ad arrivare all’introduzione di Green Dam per tutelare la navigazione dei giovani virgulti cinesi. Secondo alcuni però il nuovo filtro non si sarebbe limitato a nascondere contenuti a luci rosse, celando ai netizen cinesi le fonti di informazioni estere.

Non è chiaro se il ritardo del lancio di Green Dam sia dovuto alle pressioni internazionali o se si tratti invece di una velina diffusa dall’esecutivo per distogliere l’attenzione dei media occidentali dalle questioni interne del paese. Non spiegherebbe come mai la Sony abbia già annunciato di aver equipaggiato con il filtro anti-porno tutti i suoi Vaio destinati al mercato cinese.

Giorgio Pontico

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

01 07 2009
Link copiato negli appunti