Cina, morto per troppo web?

Il suo decesso viene spiegato così dalle autorità, che forse cercano di farne un monito

Roma – Un utente Internet cinese è morto nelle scorse ore dopo tre giorni di una maratona online in un netcafé di una città della Cina meridionale. Lo riferisce Agence France-Press riportando quanto emerso sui giornali locali.

I dettagli sono scarsissimi. “Secondo i primi rilievi – avrebbe dichiarato il personale medico di Zhongshan, la città dove l’uomo è deceduto – il tempo che ha passato online quest’uomo potrebbe avergli attivato dei problemi cardiaci”. Di lui si sa solo che aveva 30 anni.

Va detto che non è la prima volta che i giornali cinesi riportano notizie tragiche di questo genere: è accaduto ad un giovane di 26 anni che lo scorso febbraio è deceduto pare dopo una lunghissima maratona videoludica in un cybercafé. Notizie che facilitano il lavoro delle autorità cinesi che, come noto, stanno cercando nuovi sistemi per porre fine all’accesso illimitato, in particolare ai videogiochi online.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • nome scrive:
    tua mamma
    vi denuncio!!!!!!!!!
  • Stargazer scrive:
    Ottimo, avanti tutta
    In pratica come per M$ al suo scontro con l'UE c'è anche qui un'organismo di controllo, pagato da ricercatori e aziende produttrici stesse, che vigili sulla innoquità dei nanocosi.e i consumatori bevono le stronzate altruiavanti così che va tutto bene
Chiudi i commenti